Messaggi e commenti per Maurizio Landini - pagina 9

Messaggi presenti: 227

Lascia un messaggio o un commento per Maurizio Landini utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Lunedì 4 maggio 2020 12:14:19

Al sig. Segretario Generale della CGIL
M. Landini

Gentilissimo, tra tutte le categorie di lavoratori che hanno subito interruzione totale interruzione del lavoro senza alcun sostegno economico, segnalo una categoria di persone, generalmente giovani, completamente mancante di tutele. Mi riferisco a coloro che svolgono attività lavorativa con “contratti a chiamata”, in particolare del settore della ristorazione, che pur avendo un’attività subordinata e soggetta a versamento dei contributi previdenziali, sono stati i primi ad essere tenuti a casa con totale mancanza di quelle tutele che i loro compagni di lavoro, dipendenti delle stesse aziende, hanno avuto e continueranno ad avere (cassa integrazione, benefit e contributi previsti dai diversi Decreti emanati da questo Governo) e saranno gli ultimi che, forse, potranno essere riammessi. Uso il “ forse” dato che le giuste misure di protezione personale degli avventori e degli operatori stessi, porterà ad una drastica riduzione del fabbisogno di questa categoria di lavoratori in questo settore, per cui saranno richiamati i lavoratori dipendenti e lasciati a casa quelli a chiamata.
On gli ultimi provvedimenti mi sembra si espandano le categorie di persone che beneficiano di benfit straordinari, saranno aumentate anche le somme corrisposte a categorie già precedentemente privilegiate come le partite IVA, i sanitari, ecc, mentre i lavoratori a chiamata vengono totalmente ignorati.
Un esempio, mia figlia, ragazza di 27 anni, laureata, che vive per conto proprio, che non ha trovato altra attività lavorativa, se non quella di cameriera in un ristorante in centro commerciale, a tempo pressochè pieno, ma con salario e diritti decisamente minoritari rispetto ai pari, non ha avuto e non avrà diritto a nulla…salvo finire i risparmi e regali fatti per poi tornare ad essere sostenuta da noi genitori in pensione.
Per questo chiedo di sostenere questa categoria, come immagino altre analoghe, prevedendo anche per questi lavoratori un doveroso ed adeguato sostegno economico, sia per il periodo fin qui subito che per quello che si prevede, di mancanza di lavoro.
Certo dell’attenzione e risonanza che si vorrà dare a questa categorie di persone, ringrazio sentitamente.

Gardellini Luigi
Treviso

Domenica 3 maggio 2020 11:15:12

Buongiorno Segretario Landini,

mi chiamo Alessandra, sono una dipendente della Cooplat che lavora o meglio lavorava nelle mense scolastiche delle scuole materne di Livorno e dal 5 marzo mi trova a casa a causa del Covid-19..

Le faccio notare che ad oggi non abbiamo ricevuto un euro del F. I. S. di marzo (quello che Conte aveva promesso che sarebbe arrivato entro il 15 aprile),

Le faccio notare comunque che il personale ATA continua a percepire lo stipendio da statale pur non lavorando.

Ritengo questa diseguaglianza profondamente discriminatoria, ritengo che anche per gli "statali" debba esserci la cassa integrazione, oppure anche per noi che lavoriamo insieme nelle scuole sia garantito uno stipendio.
Non è accettabile che esista una classe di "privilegiati" e una classe di "nuovi poveri".
Saluti
Alessandra

Domenica 3 maggio 2020 08:50:39

Ho capito che la CGIL ha intenzione di affrontare le situazione di lavoro precario in particolare dei giovanni. Mi permetto di segnalare i famosi stage, validi all'interno della formazione nel rapporto fra istitut idi formazione e aziende ma che diventano una vergogna quando utilizzati dopo la fine della frmazione. Purtroppo le aziende le usano con il famoso 6 mesi + 6 mesi e così per un anno sfruttano post studenti spremendoli come limoni, promettendoli l'assunzione alla fine dello stage e molte volte lasciandoli per strada dopo un anno. Con questa forma di lavoro sfruttamento sono inesistenti, non sono lavoratori risìconsciuti, percepiscono un "rimborso spese" e non uno stipendio e quindi sono trasparenti. Non hanno diritto alla disoccupazione e ora con l'emergenza coronavirus non hanno nemmeno diritto ai famosi 600 €. E' uno scandalo. Qesto tipo di "contratti" dovrebbero essere un esclusività del periodo formativo e oltre dovrebbero essere vietati. Spero che la CGIL avrà riguard su questo aspetto del lavoro "non lavoro". Grazie

Sabato 2 maggio 2020 15:01:42

Salve Segretario LAndini
Ad oggi mio marito. che ha lavorato in un complesso turistico nella scorsa stagione estiva come plongista in cucina x 6 mesi ed attualmente ha anche finito la naspi. non ha ancora ricevuto il famoso bonus 600 euro di marzo x stagionali. Questo. io penso. perche' il contratto e' stato fatto con una societa' che ha codice ateco diverso da alberghi e ristoranti mentre nei mesi precedenti era assunto a tempo determinato con azienda con codice ateco ristoranti e alberghi
ma io dico. anche ai tempi del coronavirus. si mettono questi paletti assurdi e si impedisce ad un lavoratore precario che paga le tasse regolarmente di poter avere qualcosa in questi mesi dove il turismo e' fermo. Mi scusi l'arrabbiatura. anche io sono stata messa subito in cig dalla mia azienda.
ma mi viene lecito dire xche i diritti non sono uguali per tutti? Perche si e' dato priorita 'a partite iva e professionisti che si sa sono i primi evasori. E non si e' pensato ad aiutare le fasce piu deboli e i precari.
concludo :dove erano i sindacati quandi il governo emanava questi provvedimenti? Perche' non si pensa di piu anche ai lavoratori invece di pensare solo alle imprese e alle lobby.

Sabato 2 maggio 2020 14:21:44

Buongiorno sig Landini, non so' se mai leggerà queste brevi righe, ma disperatamente, ci provo!
Abbiamo assistito in emergenza covid all'emersione di nero legalizzato nel settore sportivo, un settore che per anni, troppo, è stato fonte di arricchimento per innumerevoli società, e persone, ai danni della nostra schiena.
Ora temo che dopo il clamore iniziale, personaggi che fino ad oggi hanno speculato sul collaboratore sportivo, stiano rimettendo tutto sotto la superficie, per permettersi ancora gli ingenti guadagni che lo stesso mercato offre.
Noi chiediamo come comitato dei collaboratori sportivi, la parola la visibilità, fino ad ora lasciata solo alle società complici di tutto questo nero legalizzato, chiediamo che qualcuno ci porti in parlamento, che qualcuno ci aiuti, anche noi e siamo centinaia di migliaia di persone, vogliamo un cambiamento delle condizioni lavorative ad oggi con nessuna tutela di previdenza.
Confido in una risposta, a nome del comitato collaboratori sportivi.
Grazie per l'attenzione!!!

Sabato 2 maggio 2020 13:24:46

Salve, sono un collaboratore sportivo e le scrivo per chiederle gentilmente un suo parere sulla bozza della riforma lavorativa per lo sport che è stata proposta ora. Ho scritto al ministro dello sport Spadafora che gentilmente mi ha risposto e si sta impegnando sul tema. Lei sul diritto dei lavoratori penso sia il massimo esponente e merita rispetto e considerazione. Potrebbe dare pubblicamente la sua opinione a riguardo? Grazie Nicola

Sabato 2 maggio 2020 12:03:04

Bon giorno, sono un ex perito meccanico, tuta blu, con 34 di contributi. Sono nato il27/8/1958 ho lavorato come turnista per 12 anni alle macchine utensili, lavorazione stampi fonderia. Questo nella fase finale, prima di diventare un esodato. Ora, cosa ne sarà di quelli come me, dopo la pandemia se tutto ci andrà bene ?
Grazie della cortese attenzione. Distinti Saluti ELIO.

Sabato 2 maggio 2020 11:58:10

Buongiorno sig Landini
Mi permetta un suggerimento, quando ha un pochino di tempo provi a vedere cosa sta combinando l' SLC in TIM, vada a vedere cosa hanno firmato negli anni. Penso che la troverà una lettura interessante ed edificante su come non si dovrebbe comportare un sindacato.
Saluti da un dipendente TIM una volta e per diversi anni, iscritto alla CGIL ora passato allo SNATER.

Sabato 2 maggio 2020 10:36:50

Buona giorno sig. Landini
Non voglio farLe perdere tempo e vado al dunque. Sono un genitore è scrivo quanto successo a mio figlio

- L’azienda In cui lavora chiede la cassa integrazione dal 01. 04. 2020 e si lavora 3 gg. alla settimana
- mio figlio ha fatto uno stage di 6 mesi e successivamente

- L’azienda gli ha fatto un contratto a termine di 1 anno scaduto il 30/04/2020
- L’azienda lo voleva assumere ma con i nuovi decreti NON È POSSIBILE!
L’azienda gli ha detto di aver cercato ogni escamotage ma nulla si può fare in merito.
E’ INCREDIBILE davvero. È disoccupato per una normativa che non permette la sua ASSUNZIONE!
Si può fare qualche cosa? La prego si interessi grazie
Cittadina incredula!

Sabato 2 maggio 2020 09:11:54

Caro Maurizio, ti scrivo questa mail x ribadirti stima e amicizia ci siamo parlati 2 volte personalmente.. brescia corteo Iveco.. centro... albino bg con mio amico Paolo delegato Fiom.. dove Ti dissi che non ti avrebbero fatto segretario CGIL... per fortuna sbagliai... ora sei a capo di 5. 500. 000 inscritti... Sei la persona più in gamba e onesta d'Italia, per questo sto martellando su fb... LANDINI PRESIDENTE... quando Mattarella scenderà dal colle... preparati... a questo incarico... non cambiare mai.. stimatissimo un saluto sincero da Marino Valota... spero tu legga sta mail... Travaglio mi ha risposto... Grazie ciao

Commenti Facebook