Messaggi e commenti per Paolo Mieli

Messaggi presenti: 3

Lascia un messaggio o un commento per Paolo Mieli utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Lunedì 2 aprile 2018 17:37:18

Alla c.a. Professor Paolo Mieli

Gentile Professore,
da quanto ho scoperto le trasmissioni Il giorno e La storia e La storia del tempo il piacere di dormire il mattino è finito: devo assolutamente vedere questi programmi assai interessanti. Mi auguro che continuiate direi per l'infinito. Molti miei amici sono del mio stesso parere.
Naturalmente non sempre rimango soddisfatto: per poter udire le voci devo aumentare al massimo il volume della TV ma i brani musicali introdotti tra i due programmi diventano assai fastidiosi, quasi insopportabili. Spesso anche la musica di sottofondo del parlato soffoca parecchio, diventa difficile decifrare il messaggio.
Problemi anche con i nomi, se li perdo all'annuncio sono rovinato. Consiglierei di ripeterli anche più volte in basso, soprattutto se trattasi di cose o persone ignote ai più.
Sono un ex combattente del 1956 naturalizzato in Italia (con un nonno di origine friulana), mi piacerebbe che ne parlaste con impegno. Sono rimasto deluso il 15 marzo, pensavo che Petõfi e la rivoluzione del 1848 meritasse una puntata, se non altro, perché le altre sono state di seguito, direi incoraggiate (come nel 1956). Anche Trianon meriterebbe una puntata, ancora aperte le ferite per la perdita del 72 % della Grande Ungheria. Nel 1456 Hunyady fermò per 70 anni l'avanzata dei turchi in Europa, anche il papa ordinò di suonare la campana a ricordo a mezzogiorno e non per manducare. I comunisti italiani hanno descritto l'ammiraglio Horthy come una bestia invece costui è considerato il terzo rifondatore dell'Ungheria (István e Béla IV) per aver risollevato il paese dalle ingiuste perdite della cosiddetta Pace di Versailles (si sa come considerato anche da francesi illuminati) e per aver salvato duecentomila ebrei rifugiati in Ungheria. Vennero molti dai paesi tormentati dai nazisti e solo quando questi l'hanno reso incapace di agire che anche li le deportazioni incominciarono. Non so se può rientrare nelle Vostre tematiche anche Nibiru, lo strano pianeta che ritorna ogni tanto. Descritto dai sumeri, in qualche modo parenti dei magiari (Lei è d'accordo?) sarebbe il mancante del Sistema Solare. Avrei altro, ma solo se un contatto si stabilsce.

Nella seppur vaga speranza di ricevere un Suo Cenno, Auguro a Lei e ai bravissimi cvollaboratori tutto il successo anche futuro e sempre più lettori.
Dr. Ivan Plivelic
Ferrara
Mobil. 348———
gradirei un indirizzo email

Domenica 11 giugno 2017 11:46:35

Gentile prof. Mieli le sarei grata se potesse spendere una parola in difesa degli Archivi e delle Biblioteche di Stato. Sicuramente lei,come storico, avrà frequentato tali Istituti ed io, come Archivista di Stato oramai in pensione ancora mi danno per l'incuria in cui versano, i nostri politici parlano di "memoria storica" ma dette da loro queste parole diventano prive di significato. Pochi sanno che la storia nasce dai documenti che gli Archivi si onorano di conservare e che avrebbero bisogno di più rispetto. Tanti soldi vengono dati ad istituti che a loro volta introitanto danaro ma purtroppo Archivi e Biblioteche non hanno questo potere e quindi sono le cenerentole del Ministero retto da Franceschini. Mi dispiace di avera importunata ma mi auguro di avere una risposta a questo mio accorato appello.

Giovedì 21 marzo 2019 12:59:38

Egr. dott. Mieli, mi rivolgo a Lei che considero uno storico a tutto campo per conoscere il Suo pensiero sul fatto che l'attacco dei giapponesi a Pearl Harbor possa essere stato un errore, considerato che gli americani prima di tale evento non volevano entrare in guerra in quanto neutrali. Infatti con l'entrata in guerra degli USA i tedeschi e i giapponesi hanno perso la guerra. Invece se l'America, senza l'attacco di Pearl Harbor, fosse rimasta neutrale, la Germania ed il Giappone (non cito l'Italia per amor di Patria) avrebbero potuto prevalere sull'Asia e l'Europa e dopo, forse, avrebbero potuto pensare all'America. Cordiali saluti

Commenti Facebook