Messaggi e commenti per Paolo Mieli - pagina 2

Messaggi presenti: 358

Lascia un messaggio, un suggerimento o un commento per Paolo Mieli.
Utilizza il pulsante, oppure i commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Leggi anche:
Frasi di Paolo Mieli

Nota bene
Biografieonline non ha contatti diretti con Paolo Mieli. Tuttavia pubblicando il messaggio come commento al testo biografico, c'è la possibilità che giunga a destinazione, magari riportato da qualche persona dello staff di Paolo Mieli.

Mercoledì 12 gennaio 2022 13:55:53

Pronuncia del nome Pinochet


Gent. dott. Paolo Mieli, mi chiedo come è possibile sentire pronunciare il nome Pinochet come fosse un nome francese (Pinoscé) da storici e autori dei servizi,
Stefano Corsi

Mercoledì 12 gennaio 2022 10:21:35

Maschera di Agamennone


Gentilissimo,
oggi durante la trasmissione su radio 24 ha parlato della maschera di Agamennone che ho sempre dato per scontato come autentica.
Ho effettuato una ricerca ma dell'informazione su un possibile falso ne ho trovate poche e vecchie.
Da dove ha desunto le informazioni?
Cordiali saluti, Luca

Giovedì 6 gennaio 2022 13:33:28

Passato e presente puntata del 05/01/2022


Buongiorno, ieri ho seguito la puntata riferita alla America degli anni 20. In particolare durante il video che ricordava il periodo del jazz, mi ha particolarmente colpito una canzone che si sente durante la visione delle immagini. Potete per cortesia dirmi il nome dell' autore ed il titolo della canzone. Grazie Milella

Lunedì 27 dicembre 2021 15:03:14

Storia Sesta Divisione del Sud Africa


Gentilissimo dott. Mieli,
Vista la puntata dedicata al contributo dato dai Brasiliani per la liberazione dell’Appennino Bolognese, sono a richiedere di valutare la possibilità di dedicare un ulteriore puntata alle attività della Sesta Armata del Sud Africa nei Comuni di Castiglione dei Pepoli, Grizzana Morandi, Marzabotto- Monte Sole
rimanendo a disposizione per la fornitura della documentazione disponibile in zona, cordiali saluti Cesare Calisti

Lunedì 27 dicembre 2021 14:56:08

I partiti in cerca di rivincita


Buongiorno, dr Mieli. Ho appena finito di leggere il suo odierno articolo di cui all’oggetto. Sii cortese: non crede che l’attuale Presidente del consiglio, non essendo stati raggiunti i noti obiettivi assegnategli nello scorso febbraio (come, ad esempio, la sconfitta della pandemia che, non certo per sua colpa, continua ad affliggerci) avrebbe dovuto dire forte e chiaro di non potersi “ trasferire “ al Quirinale ? Sarebbe stato, questo si, un vero segnale di trovarci di fronte a uomo responsabile e non, come a me appare, solo di fronte a una persona con una gran voglia di andare in fuga verso un incarico più tranquillo e prestigioso. Il Paese pensa di salvarlo dal Quirinale ? Se così fosse credo proprio che non ci abbia capito nulla !!!. Avrei piacere di conoscere il suo pensiero. Grazie

Sabato 25 dicembre 2021 18:55:23

Ill. mo dott. Paolo Mieli,

io sono laureato in Storia, e con e mio padre La seguo ininterrottamente da tanti anni, e Le siamo grati per la cultura, scevra da ogni faziosita', di cui ci arricchisce ogni giorno.

Dottore, sono compreso di stupore nel vedere che i mezzi di informazione e di divulgazione non fanno rifulgere due grandi figli della Sardegna e dell' Italia: Giovanni Antonio Porcheddu, imprenditore, ingegnere civile, elettrotecnico e minerario, e lo scrittore e inventore Augusto Bissiri.

Il primo fa raffiorare alla mente un grande milanese di cui avete fatto un bellissimo servizio, Edoardo Bianchi, anch'egli rimasto orfano in tenera eta', ambedue nati negli anni sessanta del XIX secolo, a distanza di cinque anni, ed entrambi definiti " re ", del " cemento armato " l'isolano, delle " biciclette " il lombardo.

L'ing. Porcheddu ha portato per la prima volta in Italia il conglomerato cementizio armato grazie al collega francese Francois Hennebique, e tra il 1895 ed il 1933 realizzo' piu' di 2. 600 opere, cambiando il volto dell' Italia settentrionale in Liguria, Piemonte, Veneto e Lombardia, invero, fece erigere numerosi viadotti ed impianti industriali, diede vita ad importanti opere di ristrutturazione e di ricostruzione, una delle quali afferente al campanile della Basilica di San Marco di Venezia, e come possiamo dimenticare le due opere immani di Torino, il Fiat Lingotto e lo Stadium?

A Roma si e' distinto per la costruzione del Ponte del Risorgimento, ed a Bari per un grande cavalcavia..

Dott, Mieli, mi chiedo come faccia la televisione a non lumeggiare colui al quale deve la sua esistenza: Augusto Bissiri.
Tre anni fa il Censis ha dimostrato che solo in Italia vi sono 43 milioni di apparecchi televisivi, e quindi, mi sembra doveroso rendere edotti gli italiani riguardo a questa grande figura.
E' d'upo non tralasciare altri brevetti, come quello acquiisito dalla " Societa' Statunitense Westinghouse Electric Company " nel 1900, che ha salvato migliaia e migliaia di vite umane, facendo evitare dei sinistri ferroviari in tutto il mondo, il fax fotografico, la Lettera-disco, ed altri ancora.

Dottore, senza pretendere nulla, La prego di profondere il massimo impegno per onorare la memoria di questi due illustri italiani, nella speranza che io possa essere messo al corrente sulla possibilita' di farli conoscere al Suo pubblico di RAI STORIA.

Porgo a Lei i miei sinceri ringraziamenti e Le auguro un felice Natale.

Giampiero Sogus.

Rec. telefonico: 320-------.
Indirizzo di posta elettronica: -------

Giovedì 23 dicembre 2021 14:17:43

Buongiorno Direttore.
Mi piacerebbe molto vedere una puntata sulla storia del celibato nella Chiesa, dagli albori ai giorni nostri, di alti e bassi prelati, se reputa l'argomento interessante.
Cordiali saluti e buon Natale e sereno anno nuovo, anche a famiglia e collaboratori
Mauro Pepe

Lunedì 20 dicembre 2021 14:32:21

Prof Fiamma Lussana


È stata ospite della trasmissione andata in onda oggi 20 dicembre. Sono un parente della professoressa Lussana di cui ho perso le tracce da una cinquantina di anni.
Le lascio il mio numero di cellulare 320------- nel caso la professoressa volesse contattarmi.
Grazie

Lunedì 20 dicembre 2021 13:38:51

Titanic


Una delle maggiori cause della velocità di affondamento è risultato un problema tecnico: usati ottimi materiali di costruzione, hanno però risparmiato sui chiodi. I chiodi erano di pessima qualità e al forte impatto con l' iceberg saltarono subito, favorendone l' affondamento rapidissimo. Buon lavoro

Venerdì 10 dicembre 2021 16:26:57

Puntata del programma Passato e Presente su Marconi


Buongiorno, sono un fedele spettatore della trasmissione Passato e Presente.
C'è chi ritiene che Tesla esibisse un comportamento compatibile con la sindrome di Asperger, mentre lei nelle conclusioni della puntata di oggi lo ha descritto come uno mero spirito bislacco. Ma pur ammettendo che Testa fosse invece effettivamente sano e solo un po' bislacco, questo sarebbe comunque compatibile con un comportamento poco attento nel tutelare la sua proprietà intellettuale, cioè le sue descrizioni sulle apparecchiature per radiotrasmissioni su distanze di circa 50 chilometri avvenute alcuni anni prima degli esperimenti iniziali di Marconi. Descrizioni che Tesla rendeva pubbliche prima di brevettarne il contenuto. Al riguardo, è alquanto strano che Marconi, nel rispondere ai rilievi sul suo deposito di brevetto del 1900, dichiarò di non essere a conoscenza delle pubblicazioni fatte da Tesla (anche in diverse lingue).
Il messaggio (che non condivido) che è passato dalla puntata di oggi è che Marconi sia uno scienziato straordinario, e che in fondo la Corte suprema USA abbia voluto seguire un'idea controcorrente e un po' bislacca, com'era Tesla, nell'attribuire a questi la paternità della radio.
Stavolta credo che alla trasmissione sia mancato lo spirito critico che invece brilla di solito nelle altre puntate, cioè cercare di rispondere alla domanda se il potere economico e la furbizia di Marconi e della sua famiglia non siano stati determinanti nell'esaltare le sue qualità (rispetto a quelle di Tesla) come inventore della radio. Sullo sviluppo di quell'idea non c'è invece alcun dubbio, ma anche lì la potenza di fuoco della famiglia Marconi fu quello che fece la differenza. Non sarebbe piuttosto il caso di fare una puntata su Tesla che è indubbiamente un gigante? Cordialmente, Roberto Cesario

Commenti Facebook