Biografie

José Ortega y Gasset

José Ortega y Gasset
José Ortega y Gasset nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia La repubblica dei migliori

Filosofo, insegnante di metafisica, saggista dalla scrittura chiara ed elegante, José Ortega y Gasset nasce il 9 maggio 1883 a Madrid, in un ambiente ricco di stimoli intellettuali. Per dare un'idea dello straordinario clima intellettuale che si respirava in casa Gasset, basti dire che il padre era un giornalista, il nonno materno fondatore e proprietario del più importante giornale liberale dell'epoca ("El Imparcial"), e quello paterno fondatore di numerose riviste, oltre che opinionista su diversi giornali spagnoli. Infine, lo zio materno fu nientemeno che ministro e deputato della repubblica spagnola.

Dopo solidi studi classici, si laurea, a soli diciannove anni in Lettere e Filosofia a Madrid e, nello stesso anno, pubblica il suo primo articolo. Di eccezionale bravura ed intelligenza, dopo aver vinto una borsa di studio, si trasferisce all'Università di Lipsia e poi in quella di Berlino. Trovatosi dunque nel cuore della tradizione metafisica europea, questi sono anni di fondamentale importanza per la sua formazione filosofica, in cui matura anche il suo convincimento dell'importanza decisiva che la cultura in senso stretto, e la scienza, esercitano sulla buona riuscita della politica e della convivenza sociale. Un argomento questo su cui mediterà a lungo e che lo porteranno alla conclusione che è proprio la mancanza di questi due elementi che generano l'arretratezza della Spagna di allora. Superato questo "punto dolens", per Ortega y Gasset il paese iberico potrebbe veleggiare tranquillamente verso orizzonti più rosei.

Nel 1910 si sposa con una giovane di buona famiglia di ascendenze genovesi e, nello stesso anno vince, attraverso concorso, la cattedra di Metafisica a Madrid. Da questo momento in poi il filosofo terrà numerose conferenze, sempre incentrate sulla questione ispanica che, a parere dello studioso, avrebbe dovuto "europeizzarsi" sempre di più.

Non a caso, nel 1914, alla conferenza "Vecchia e nuova politica", non solo presenta il manifesto della "Lega di educazione politica", ma si presenta come portavoce di una nuova generazione di intellettuali, la generazione europeista del '14, impegnati nella riforma culturale, morale e politica della patria. L'intento è quello insomma è quello di organizzare e coaugulare intorno ad un unico progetto quelle minoranze colte, quelle elite culturali in grado di provvedere ad una più ampia educazione politica delle masse. In questo, già si delinea quello che scriverà in seguito, più compiutamente, nel saggio "La Spagna invertebrata" e, con gli stessi contenuti ma su un piano più internazionale ne "La ribellione delle masse". Dalla lettura di questi scritti emerge che secondo il pensatore è la parte "migliore", la cosiddetta "minoranza scelta", della società che deve guidare la massa.

In seguito, dopo aver già fondato la rivista "El Sol", nel 1923 fonda la "Revista de Occidente", divulgazione scientifico-culturale attraverso cui Ortega pubblica in lingua castigliana le principali opere letterarie e filosofiche europee. Sul foglio diretto dal filosofo appaiono quindi nomi come Husserl, Freud, Spengler, Jung e così via.

Scrittore appassionato e dalla forte inclinazione, subirà una grossa delusione con l'avvento di Franco e del suo regime dittatoriale. Amareggiato, si allontana così dalla vita politica per dedicarsi a studi e letture, nonché alla stesura di altri importanti libri. In apparenza, dunque, la sua incisiva azione politica sembra spenta, lo scrittore non sembra più in grado di offrire alcun contributo. Invece, nel 1930, sull'onda del grave malcontento che il governo dittatoriale stava provocando nella popolazione, crea la "Agrupación al servicio de la República", allo scopo di promuovere la vittoria della Repubblica nelle elezioni indette per l'aprile del 1931. Eletto come deputato alle Cortes Constituyentes, dopo la breve e deludente esperienza della Seconda Repubblica e lo scoppio della guerra civile, si ritira, stavolta in maniera definitiva, dalla vita pubblica e addirittura abbandona il Paese, diventando di fatto un esule. Il suo nome e il suo enorme prestigio sono accolti ovunque con benevolenza, e questo gli permette di intervenire a favore del suo Paese e contro la dittatura, con conferenze e quant'altro, nelle sedi appropriate sperse un po' in tutto il mondo.

Nel 1946 il governo franchista gli permette di tornare in patria. Ortega accetta, anche se ormai le sue condizioni di salute sono molto gravi. Dopo un intervento chirurgico non riuscito, muore a Madrid il 18 ottobre 1955.

Frasi di José Ortega y Gasset

3 fotografie

Foto e immagini di José Ortega y Gasset

Loading...

Commenti

Dopo aver letto la biografia di José Ortega y Gasset ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

José Ortega y Gasset nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

8 biografie

Nati lo stesso giorno di José Ortega y Gasset

Alfred Binet

Alfred Binet

Psicologo e pedagogo francese
α 8 luglio 1857
ω 18 ottobre 1911
Alfredo Oriani

Alfredo Oriani

Scrittore italiano
α 22 agosto 1852
ω 18 ottobre 1909
Andrea Zanzotto

Andrea Zanzotto

Poeta italiano
α 10 ottobre 1921
ω 18 ottobre 2011
Antonio Meucci

Antonio Meucci

Inventore italiano del telefono
α 13 aprile 1808
ω 18 ottobre 1889
Charles Babbage

Charles Babbage

Matematico inglese
α 26 dicembre 1791
ω 18 ottobre 1871
Thomas Alva Edison

Thomas Alva Edison

Industriale statunitense, inventore della lampadina
α 11 febbraio 1847
ω 18 ottobre 1931
Anna Johnson Pell Wheeler

Anna Johnson Pell Wheeler

Matematica statunitense
α 5 maggio 1883
ω 26 marzo 1966
Benito Mussolini

Benito Mussolini

Dittatore italiano
α 29 luglio 1883
ω 28 aprile 1945
Coco Chanel

Coco Chanel

Stilista francese
α 19 agosto 1883
ω 10 gennaio 1971
Franz Kafka

Franz Kafka

Scrittore ceco
α 3 luglio 1883
ω 3 giugno 1924
John Maynard Keynes

John Maynard Keynes

Economista inglese
α 5 giugno 1883
ω 21 aprile 1946
Joseph Pilates

Joseph Pilates

Insegnante e imprenditore tedesco naturalizzato statunitense
α 9 dicembre 1883
ω 9 ottobre 1967
Kahlil Gibran

Kahlil Gibran

Scrittore, poeta e filosofo libanese
α 6 gennaio 1883
ω 10 aprile 1931
Umberto Saba

Umberto Saba

Poeta e scrittore italiano
α 9 marzo 1883
ω 25 agosto 1957
William Garbutt

William Garbutt

Allenatore inglese di calcio
α 9 gennaio 1883
ω 24 febbraio 1964
Albert Einstein

Albert Einstein

Fisico tedesco, premio Nobel
α 14 marzo 1879
ω 18 aprile 1955
Alexander Fleming

Alexander Fleming

Scienziato scozzese, premio Nobel
α 6 agosto 1881
ω 11 marzo 1955
Anselmo Bucci

Anselmo Bucci

Incisore e pittore italiano
α 25 maggio 1887
ω 19 novembre 1955
Charlie Parker

Charlie Parker

Sassofonista e jazzista statunitense
α 29 agosto 1920
ω 12 marzo 1955
James Dean

James Dean

Attore statunitense
α 8 febbraio 1931
ω 30 settembre 1955
Paul Claudel

Paul Claudel

Poeta, drammaturgo e diplomatico francese
α 6 agosto 1868
ω 23 febbraio 1955
Thomas Mann

Thomas Mann

Scrittore tedesco, Premio Nobel
α 6 giugno 1875
ω 12 agosto 1955