Biografie

Commenti per Diego Della Valle

Messaggi presenti: 193

Lascia un messaggio o un commento per Diego Della Valle utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Commenta

Giovedì 8 maggio 2014 00:17:17

salve sig.diego della valle sono un cittadino italiano all estero da 35 anni vivo in Germania,58anni e 9 figlie. vorrei ristrutturare la mia casa,per fare 8 appartamenti ma con l`eta che o e dificile avere un finanziamento mi puo aiutare lei...sono napoletano ma una persona onesta.lo so e poco ma si faccia sentire cosi posso dire che diego della valle mia scritto.
d.s.michele barbaro

Sabato 19 aprile 2014 15:46:45

Dopo varie volte che visito Casette Dete outlet devo segnalare il problema dei Gabinetti.
Non si puo' attirare migliaia di persone e mettere a disposizione un solo bagno presso il bar.
Saluti

Sabato 22 marzo 2014 18:48:30

B.sera dott. Valle sono un ex dirigente di imprese di costruzioni generali attualmente inoccupato . Purtroppo oltre ai gravi problemi familiari dovuti ad un tumore contratto dalla mia consorte mi vedo a 60 anni oziare senza possibilita' di dimostrare la mia valenza Ho costituito a maggio una piccola societa' edile ma putroppo sappiamo che il settore e' in piena crisi . So che ha investito parte del suo patrimonio per ristrutturare il colosseo, sono solo a chiedere la possibilita' di dimostrare in campo la determinazione come direzione tecnica e il rispetto dei Budget di commessa. Posso lavorare per tre mesi anche senza stipendio .

D.Saluti
Daniele Pinotti

Domenica 23 febbraio 2014 17:19:32

Non voglio dilungarmi troppo, ma voglio spiegare bene un pò la mia storia seppur in poche righe.

Sono un ragazzi di 25 anni diplomato come perito commerciale e programmatore, col la patente per l'utlizzo del pc in ambito europeo e con una forte passione per l'amibito informatico e tecnologico.

Questo è l'inizio perfetto per affermare che in, ormai, 5 anni in cui lavoro non ho mai avuto la possibilità di poter fare un lavoro inerente a questi ambiti, se non il promoter a chiamata (trovando anche qualche "bell'elemento" che dopo l'attività lavorativa non mi ha più pagato).

Ho fatto ogni tipo di lavoro, perché, aimé, il periodo non consente altra possibilità se non questa...

Cameriere, inventarista, aiuto panettiere, aiuto idraulico...decine di lavori occasionali insomma.
Poi, l'agente immobiliare, agente commerciale, venditore porta a porta, venditore rivolto soltanto alle aziende, promoter (come già antecedentemente detto), impiegato amministrativo nel settore ospedaliero.

Ecco, mi vorrei soffermare su quest'ultimo lavoro per far capire che, non solo sono un ragazzo molto volenteroso, ma mi impegno al massimo in ogni cosa che faccio.

Ho iniziato a lavorare in questa Azienda Ospedaliera nei primi mesi del 2010 vincendo una borsa di studio (con uno stipendo ovviamente ridotto rispetto ai miei colleghi col contratto da dipendenti) della durata di un anno, durante la quale sono stato amato (non trovo altra parola se non questa per far capire al meglio cosa ho lasciato nelle persone che ho conosciuto) ed apprezzato a livello lavorativo da chiunque mi abbia potuto conoscere.

Al termine della borsa di studio sono stato richiamato per un secondo anno.
Grazie, ancora una volta, ad un concorso pubblico per n.1 posto a tempo indeterminato, nel quale sfortunatamente sono arrivato in seconda posizione nella classifica (della durata di 2 anni) redatta per lo stesso.

Ho continuato a lavorare sino alla fine del 2012, precisamente la fine settembre, dopo un piccolo prolungamento contrattuale derivante dalla necessità dell'Azienda stessa che Vi fosse personale per la copertura del periodo delle ferie estive.

Da quuesto momento in, poi, sinceramente mi sono sentito cadere il mondo addosso...

Prima il termine obbligato di un lavoro che poteva essere la mia "rampa di lancio" (avevo già pensato che se avessi avuto un contratto a tempo indeterminato mi sarei potuto iscrivere in università, senza dover pesare sul bilancio familiare)

Visto che la sfortune non vengono mai sole, nel mese di novembre dello stesso anno (2012), dopo un malore, mio padre si è visto diagnosticare due tumori cerebrali (glioblastomi, i peggiori esistenti...).

Inutile dirle che vivere in questa situazione, nella quale mi trovo io ormai da più di un anno, è la peggior cosa che possa capitare ad un ragazzo della mia età...

Sto vedendo mio padre andarsene via da me giorno dopo giorno, prima la sofferenza per i due interventi che ha dovuto subire, poi la perdita della vista, la disperazione ed il dolore che ho dovuto vedere negli occhi di mia madre e di mio fratello minore, la partenza del mio migliore amico nello scorso novembre per provare a cercare un pò di fortuna dall'altra parte del mondo (in Australia)...

Sinceramente, non so neanche a quanto serva scrivere tutto ciò, però ormai cerco di andare avanti e cerco una soluzione che possa cambiare la mia vita.

Non c'é sensazione peggiore di quella di immaginare mio padre in una bara senza che lui non abbia nemmeno potuto vedere "sistemato" almeno il suo primo genito.

Spero in qualcosa...qualsiasi cosa...

Giovedì 20 febbraio 2014 17:05:18

Salve a Tutti : Mi chiamo Maurizio , E devo dire che Sinceramente Parlando , non capisco a che cosa Serva , Mettere sù questi Blob tutti questi annunci di Richiesta di Aiuto ecc...! Bisogna mettersi in Testa che Diego della valle ; Come tanti Bravi Imprenditori , non Possono e non potranno mai Fare nulla per tutti noi .
Nè tanto meno prestarci dei Soldi per le nostre Attività ecc...!
Secondo il mio punto di Vista , è io sono uno come voi che a perso ogni speranza di vita Migliore ; oltre che di Futuro , in quanto a 53 anni non sò proprio più come potrebbero ancora tentare di Inquadrarmi nel mondo Lavorativo ! per qui vi dico l'unica Cosa da fare , nel Concreto non è Fare comizzi nelle Piazze ; ho Rompere e spaccare Vetrine nelle Città ecc..! Ma è semplicemente quella di Ritornare anche solo per un medio e lungo periodo , alle nostre Origini .
Intendo Dire che fin tanto che ci continueremo a Lamentarci di quello e di Questo Partito ; Politico ; e quant?altro , ma non siamo disposti comunque sia a rinunciare a nulla ; Come Pagare le troppe tasse ; Come Pagare il Canone TV ; Come non vedere l'ora di andare a fare la settimana Bianca ; ho le Ferie Anticipate ; Andare a Votare Quel o Questo Partito ecc..! non sè nè Verrà mai Fuori .
In quanto Il Ricco sè ne frega dei Nostri Problemi ; le istituzioni Pure .
Per qui non serve uno come Grillo che ci Venga a dire cosa Fare per migliorare la Nostra Italia ; lo sappiamo benissimo da noi sono che siamo ancora Troppo legati a quella cosa che si chiama Benessere .
Sinceri Saluti a Tutti da A. Maurizio

Mercoledì 19 febbraio 2014 10:48:53

Caro Dott.Diego Della Valle,sono la moglie di un piccolo commerciante che come tanti soffre per la crisi che stiamo vivendo. Ci siamo rivolti a diversi istituti di credito per un piccolo finanziamento ma tutti ce l'hanno negato non per inaffidabilità creditizia ma per il momento contingente. E' la prima volta che scrivo ad una persona in vista per chiedere aiuto, perché ho visto in lei in diverse interviste un uomo di potere ma anche vicino alle persone comuni.Per questo le chiedo se può aiutarci con l'impegno di restituirle ciò che con gran cuore potrà prestarci.
La saluto cordialmente,sperando quantomeno in una sua risposta.

Martedì 18 febbraio 2014 18:39:50

Dott.Diego buonasera, finalmente il signorino Fiat ha trovato pane per i suoi denti,una sola risposta,un solo aggettivo che pero' racchiude molti significati.In passato sono venuto molte volte alla Stadio di Firenze, perchè simpatizzo per la Viola, ma adesso purtroppo ho perso il lavoro e non mi posso piu' permettere alcuna trasferta. Spero un giorno di ritornarci e magari fare la sua conoscenza dal vivo.

con stima e simpatia
cordialmente la saluto

Lunedì 17 febbraio 2014 16:44:25

buonasera, forse non sono ben documentata ma se e' vero che la Fiat ha preso per anni sovvenzioni statali, lo stato dovrebbe richiedere indietro tutti i soldi e' gia' che c'e' fare una legge per fare in modo che tutte queste aziende che ricevono contributi siano legate da una garanzia al territorio dove li investono, pena la restituzione; solo cosi' uno stato mantiene la sua dignita' e i lavoratori sono un po' piu' tutelati.

Lunedì 17 febbraio 2014 14:55:02

Della Valle ha perfettamente ragione.Occorre indire un referendum per verificare se gli Italiani voglion tenersi ancora Elkan.
Per Della Valle non occorre.È scontato che gli
Italiani,all'unanimità,se ne vogliono liberare.

Domenica 16 febbraio 2014 19:45:30

complimenti per la sua risposta al signorino della fiat. lo vorrei vedere io lui, come me a 36 anni senza lavoro. vergogna!

Lascia un messaggio o un commento per Diego Della Valle utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, qui sopra.

Commenta

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Diego Della Valle ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook