Messaggi e commenti per Corrado Augias - pagina 12

Messaggi presenti: 659

Lascia un messaggio, un suggerimento o un commento per Corrado Augias.
Utilizza il pulsante, oppure i commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Leggi anche:
Frasi di Corrado Augias

Nota bene
Biografieonline non ha contatti diretti con Corrado Augias. Tuttavia pubblicando il messaggio come commento al testo biografico, c'è la possibilità che giunga a destinazione, magari riportato da qualche persona dello staff di Corrado Augias.

Lunedì 19 aprile 2021 12:46:13

Città segrete: molto altro potrebbe scoprire su Napoli se avesse occhi neutri e mente aperta


Caro Augias,

ho seguito tutte le puntate su città segrete, dalle quali emergono spaccati della realtà e della Storia di quelle città.

Ho trovato quella su Napoli troppo e marcatamente sbilanciata su alcuni degli stereotipi sulla città cui lei ha voluto dare risalto (ad es. Cutolo e Maradona), mentre ha limitato a pochi secondi elementi della cultura come quelli da lei selezionati.

Se Luciano De Crescenzo ed il suo Prof. Bellavista di Lassù avessero visto la sua versione di Napoli, si sarebbero "rivoltati" nella tomba.

Sia chiaro che tutti i fatti e personaggi sono reali, appartenuti alla storia passata o recente di quella travagliata città.

La mia critica è sullo spazio dedicato nella trasmissione alle tante vicende di cui Napoli e l'Italia possono andare fieri rispetto ad eventi o personaggi di cui andare meno fieri.

Ma forse lei è stato l'ennesima vittima degli stereotipi cui i napoletani sono, loro malgrado, abituati.

Se in futuro le dovesse interessare riparlare di Napoli, e se volesse approfondire l'influenza della Cultura napoletana, approfondisca le fonti della Napoli Greco -Romana; del Ducato di Napoli; della Napoli normanna; della Napoli sveva; della Napoli angioina; della Napoli aragonese; del '700 borbonico; del decennio napoleonico; del ritorno borbonico fino alla Napoli del dopo Unità d'Italia.

Questo excursus le rivelerebbe e la sbalordirebbero i tanti primati Culturali di Napoli che hanno influenzato la Cultura italiana ed occidentale.

Scoprirebbe così che Napoli è la città con più teatri in Italia (ben 32) tra antichi e moderni. Teatri tra i quali primeggia per Storia e la Cultura del Teatro di S. Carlo, il più antico teatro d'Europa (cui nella sua trasmissione ha dedicato pochi colpevoli secondi).

Si sorprenderebbe a scoprire che Napoli vanta il centro storico più grande d'Europa, cui l'UNESCO ha dato queste motivazioni:

“Considerando che il sito è di eccezionale valore. Si tratta di una delle più antiche città d'Europa, il cui tessuto urbano contemporaneo conserva gli elementi della sua storia ricca di avvenimenti. I tracciati delle sue strade, la ricchezza dei suoi edifici storici caratterizzanti epoche diverse conferiscono al sito un valore universale senza uguali, che ha esercitato una profonda influenza su gran parte dell'Europa e al di là dei confini di questa. ”

Rimarrebbe certamente sorpreso dallo scoprire che nell'Università di Napoli, prima Università Pubblica, 1224, nel 1754 è stata istituita la prima cattedra di Economia Politica al mondo, per premiare il genio innovativo di Antonio Genovesi.

Scoprirebbe, tra l'altro che ancora oggi si naviga seguendo le norme dettate dal Codice Marittimo napoletano.
Per passare al trasporto ferroviario con la prima ferrovia italiana, la Napoli Portici.

Scoprirebbe con stupore che un Illustre napoletano, Gaetano Filangieri, influenzò la Costituzione americana, suggerendo, a B. Franklin, che gli aveva inviato la bozza di quella che sarebbe divenuta la Costituzione USA, di aggiungere al Diritto alla Vita e alla Libertà anche il Diritto alla perseguimento della Felicità (Valore nel DNA del Popolo napoletano).

Scoprirebbe l'influenza culturale di Benedetto Croce (cui lei ha fatto un riferimento di pochi secondi) e di altri Illustri letterati Napoletani da lei ignorati.

Scoprirebbe che esiste il conservatorio di S. Pietro a Majella e come è nato e quali musicisti ha visto o ha influenzato; solo per fare qualche nome: Domenico Cimarosa, Giovanni Paisiello, Giuseppe Scarlatti, Giovanni Battista Pergolesi.

Caro Augias, molto altro potrebbe scoprire se avesse occhi neutri e mente aperta.

Mentre lei ha dedicato molto della sua trasmissione a camorristi ed idoli del calcio i quali, pur facendo parte della storia di Napoli avrebbero meritato lo spazio giusto; non certo quello che lei ha deciso di dedicargli. Si vede che di Napoli è quello che ha capito. Peccato.

Poteva essere il primo o tra i primi a far scoprire Napoli a tanti italiani e stranieri che la seguono. oppure accodarsi ai tanti che di Napoli hanno capito solo gli stereotipi ed i luoghi comuni.
Peccato che un buon professionista come lei abbia scelto questa seconda via, certamente più facile.
Giancarlo Civita

Lunedì 19 aprile 2021 10:28:00

Napoli: non sono d'accordo con i miei concittadini che si dicono offesi


Gentile Augias,
io napoletano doc, nato in un palazzo di via Caracciolo e per tre volte consigliere comunale, le esprimo la mia solidarietà rispetto alle critiche ricevute in primis dalla nostra Amministrazione Comunale che si dice offesa dal suo racconto della città. Napoli è come Lei la ha descritta! Chi si offende denota un provincalismo non degno di cittadini di una grande città. Forse si può discernere sull'eccessivo tempo dedicato a Cutolo e Maradona ma nel complesso la fotografia è stata onesta e reale. Napoli va amata com'è, con i suoi pregi e con i difetti che l'hanno sempre caratterizzata. E' una città dalle molteplici facce dalla quale tanti napoletani sono fuggiti e per fortuna, molto spesso ritorrnati. Napule è mille culure! !
Carmine Attanasio

Lunedì 19 aprile 2021 08:23:59

Documentario su Napoli


Buongiorno Corrado Augias, grazie per il documentario su Napoli da lei presentato su Rai 2. Quanto dolore, quanta sofferenza sia politica che sociale. I napoletani sono veramente un popolo eroico. Mi è piaciuto il suo ripercorrere la storia di Napoli, dalla ribellione contro le monarchie allé 5 giornate alla proclamazione della Repubblica. C'è in loro una forza, un coraggio e un senso della libertà al di là di ogni limite. Da questo insieme nasce quella creatività che è tutta napoletana. Lei oltre a presentare, ha partecipato, ha mostrato empatia che mi è arrivata fino a farmi scendere le lacrime. Grazie ancora.
Sono una campana che vive all'estero da 40 anni.

Lunedì 19 aprile 2021 01:52:10

Napoli segreta: un confronto in famiglia


Illustre Corrado Augias,

Noi napoletani siamo abituati a vedere e sentire stereotipi su Napoli e su di noi cittadini, di conseguenza al termine della Sua illustrazione, si è aperto in famiglia un confronto su ciò che, a nostro avviso, andava detto e invece è mancato.

Non ha toccato, ad esempio, quello che è stato il periodo di splendore della città sotto gli Angioini con le sue chiese gotiche, poca storia comunque di un regno, non ha citato le figure come Vico, Croce, non una citazione di Ghoete o altri viaggiatori e pittori che l’hanno dipinta nella sua splendida natura. Si è mosso secondo un cliché conosciuto, ha puntato sull’arcano, la irregolarità, il popolo, gli eccessi (Maradona... la camorra...), la figura popolare di Moscati...

Positiva è stata la narrazione della Repubblica napoletana del 1799 e la rivolta contro i tedeschi durante le 4 giornate ma sempre congruente con quello che è l’idea di popolo e quindi nel bene e nel male l’affinità con Masaniello.

Questo in sintesi il nostro confronto in famiglia.

Tuttavia io credo che “l’arcano, l’irregolarità, il popolo e gli eccessi“ sono peculiarità descritte anche da molti viaggiatori stranieri, letterati e non, dei secoli scorsi. E queste caratteristiche sono presenti in noi allora come oggi.
Napoli è stata la capitale di un Regno e ne conserva concrete testimonianze nei palazzi e Musei ma è anche evidente che non lo è più da molto tempo.

Credo di aver compreso che Il “filo di Arianna” della presentazione di Napoli segreta è stata pertanto l’impronta di ciò che quel tempo passato ha lasciato sulla città odierna, nel suo tessuto sociale anche attraverso l’idolatria un po’ pagana verso San Gennaro come verso Maradona.

È una città, la nostra, che per conoscerla -senza pregiudizi- occorre una curiosità intelligente che la guardi non solo per giudicarla. E mi sembra che Lei, illustre Augias, nel breve tempo della trasmissione, si sia posto di fronte a Napoli con questo spirito.

Volendo in conclusione rispondere alla domanda se mi è piaciuta la Sua trasmissione su Napoli segreta, rispondo che in fondo mi è piaciuta nonostante le mancanze perché ritengo che l’abbia presentata in modo “onesto”.

Giuliana Buonaiuto

Domenica 18 aprile 2021 23:07:26

Bellissima trasmissione. Complimenti Augias


Bella trasmissione che ha affrontato con chiarezza e linearità le bellezze e le contraddizioni di Napoli.
Non si può parlare solo di Napoli come sole, ‘o mare e a fantasia. Occorre, come lei ha fatto, per il bene di Napoli e dei napoletani, guardare in faccia alle contraddizioni nella speranza che i napoletani stessi si decidano, una buona volta, ad essere consapevoli di quanto lavoro c’è fare su se stessi per costruire una coscienza civile alta evitando di piangersi addosso e di fare vittimismo.
Lo dico da napoletana che ha amore verso la propria città. E l’amore vero non nasconde.
Grazie Augias

Domenica 18 aprile 2021 22:23:10

Leopardi - Citta segrete Napoli


Gent. mo Dott. Augias
Ho grande stima di Lei e non le nascondo che nella mia libreria ci sono, con mio grande piacere, più di un libro a sua firma. La scrivo a proposito della puntata da Lei condotta sui Segreti di Napoli andata in onda sabato 17 scorso. Non voglio intervenire in merito agli argomenti e alle immagini mandate in onda, di questo, Lei come massimo responsabile del programma, criticabile o meno, ne aveva pieno diritto e facoltà, ma su uno di questi in particolare, ci sono stati alcuni svarioni, chiamiamoli refusi per essere più indulgenti, no so se indotti dal suo staff o per la sua mancata conoscenza dell'argomento, che ha creato grande dispiacere, a me e a tantissime persone che come me, condividono l'amore per un luogo leopardiano di grande bellezza, Villa delle Ginestre a Torre del Greco. Lei ha introdotto l'argomento "Leopardi a Napoli" con i prime versi de "la Ginestra", ebbene caro dott. Augias, La Ginestra, per dirla alla napoletana, non ci azzecca nulla con Napoli, dove viveva il poeta a Napoli, non c'erano ne ginestre e tantomeno si scorgeva " Qui su l’arida schiena del formidabil monte sterminator Vesevo". Come è universalmente risaputo, il poeta recanatese scrisse questi versi nel 1836 durante il suo soggiorno a Villa Ferrigni a Torre del Greco, da Lei mai citata nell'esporre la vita a Napoli del poeta, villa di proprietà del senatore del regno Giuseppe Ferrigni, cognato di Antonio Ranieri, sodale di Giacomo Leopardi, villa chiamata poi all'inizio del secolo scorso dai Carafa d'Andria, gli ultimi proprietari prima che diventasse bene dello Stato nel 1962, Villa delle Ginestre. Con l'amico Antonio Ranieri e la sorella Paolina, il poeta ha soggiornato due lunghi periodi tra il 1836 e il 1837 nella "Casa di Campagna" di Torre del Greco, messa a disposizione dal Ferrigni. Qui il poeta, oltre a godere di un'aria salubre e dei buoni prodotti della generosa campagna, veniva servito e riverito nei migliori dei modi, dalla servitù, dal cuoco, dai coloni e dal cocchiere con carrozza messo a disposizione dalla famiglia Ferrigni-Ranieri, e qui doveva ritornare per la terza volta, per sfuggire al colera che incombeva su Napoli, all'indomani del 13 giugno del 1937, ma come tutti sappiamo, il poeta nel corso della notte tra il 13 e il 14 entrò in uno stato comatoso, probabilmente dovuto anche all'eccessivo consumo dei confettini di Sulmona (più di un chilo) come era in uso a Napoli consumarli il giorno di Sant'Antonio (13 giugno). Qui a Villa Ferrigni, Leopardi scrisse anche il Tramonto della Luna, considerato il suo testamento letterario.
Dott. Augias, colgo anche l'occasione per invitarla a fare una visita a Villa delle Ginestre, con la Pro Loco di Torre del Greco, di cui mi onoro di presiedere, con la Fondazione Ente Ville Vesuviane che ha la gestione del sito, condividiamo il piacevole e responsabile compito da far visitare questo luogo meraviglioso. Sarà nostro ospite, qui troverà ancora la stanza del poeta con i pochi mobili (il letto, la scrivania, cassettone. .) e qualche suppellettile, troverà ancora tra la lava del Vesuvio, l'odorata ginestra e nella campagna intorno, il pozzo rurale ad uso per i coloni (" o se nel cupo del domestico pozzo ode mai l’acqua fervendo gorgogliar, desta i figliuoli, desta la moglie in fretta, e via, con quanto di lor cose rapir posson, fuggendo.. "), e magari, perché no, assaggiare anche qualche piatto dalla famosa lista delle famose 49 pietanze preferite dal poeta, una lista stesa di suo pugno (il manoscritto è conservato alla Biblioteca Nazionale di Napoli) che sta ad indicare senza dubbio, piatti a lui particolarmente graditi a cui il cuoco di casa Ferrigni, Pasquale Ignarra di Torre del Greco, si atteneva per soddisfare i non sempre facili desideri dell'illustre ospite.
Con Ossequi
Angelo Di Ruocco
Presidente Pro Loco Torre del Greco

Domenica 18 aprile 2021 19:30:52

Napoli ovvia e solitamente misera e stracciona


Carissimo Dott. Augias,
la stimavo, purtroppo mi sono dovuto ricredere.
Come è possibile che per parlare di Napoli, illustrare la vita, la cultura, le arti, le bellezze, gli uomini illustri di una città cada nei soliti luoghi comuni. Presentando uno spaccato sociale che fa apparire miserabile e lazzarona una città che ha 3000 anni di storia e che contro il Suo pensiero e quello di tanti come Lei è ancora viva e vitale. Una città che in così tanti anni di storia ha avuto ed ha delle difficoltà, magari ancora oggi. (Dovute alla visione eurocentrica che si porta avanti dall'Unità di Italia, Napoli ha vocazione Mediterranea. Venti minuti dedicati a Maradona cosa significano, eppure sono stato appassionato calciatore ed amo Maradona. Poi ancora il solito Cimitero delle Fontanelle. Ma a Cutolo non avrei dedicato neppure un attimo. Quale uomo "Geniale"! Un sanguinario che non ci rappresenta. E la sua evocazione offende la memoria di quanti sono caduti a causa sua. I romani e Lei me lo insegna erano soliti condannare queste persone alla damnatio memoriae specie in un tempo cosi vicino alla sua fine. E' come se Lei parlando delle bellezze di Milano si dilungasse sull'operato di tanti da Fontana, Formigoni, Bossi. O sulla tragica epopea del Collettivo Politico Metropolitano di Curcio Morelli e delle BR che portarono alla strage di piazza Fontana. Quelli non furono come dice lei "GENIALI" Dando voce armata alla Sinistra exProletaria dei quartieri popolari di Milano (in particolare il Lorenteggio, Quarto Oggiaro e il Giambellino). Licio Gelli un altro GENIO. O se parliamo di Roma segreta parliamo delle ruberie di Roma Capitale? E di Venezia con lo scandalo del Moses e di Galan. Ha trovato Napoli più pulita bene, ma non deve meravigliarsene e non siamo una misura di paragone per la monnezza. Napoli e Lei lo sa bene è tante altre cose e personaggi. Anche Masaniello, ed io sono mezzosangue Amalfitano non è un segreto. Segreti a tanti sono i molti artsti: musicisti pittori filosofi ecc che hanno fatto grande questa città essendoci nati o vissuti soprattutto nel 600/700. Solimena De Rosa Luca Giordano, Cimarosa, Scarlatti, Rossini, Pitloo, Filangieri Cuoco e mi fermo Se vuole quando viene a Napoli Le faccio conoscere i veri segreti di questa città. Mi chiami sono a sua disposizione. La prego non proponga più le solite cose trite e ritrite. Certo che non mi risponderà la saluto.

Domenica 18 aprile 2021 16:57:45

Quelli della Cultura (gruppo di oltre 250 di donne ed uomini di buona volontà che vorrebbe incitarla anche in web


Gentilissimo ieri è stato un gran successo la puntata che Lei ha dedicato alla nostra amata e martoriata Città.
Mi chiamo Paolo Liguoro ed insieme ad altre persone di buona volontà abbiamo un gruppo di intellettuali napoletani dal 2015 “quelli della Cultura “ intendiamo partendo dal basso divulgare l’idea concreta di perseguire il Bene comune.
All’inizio del 2015 apparivo a me stesso quasi un soggetto poco lucido ma poi le adesioni sempre maggiori di uomini e donne di tutta la società civile ci ha portato oggi a considerare che forse le cose a mezzo il proprio essere stanno e possono cambiare.
Le accludo i link dell’ultimo evento che con il dott Eduardo Savarese (magistrato napoletano) abbiamo organizzato con la Fondazione Ravello il cui commissario è presente in quelli della Cultura.
Ecco il link cui collegarsi per tutto il
Mese di aprile con il dott Savarese che guiderà all’ascolto delle ultime parole di cristo sulla croce.
htt ps: //vime o. com/530 281876
Il secondo link http s: //rave llofestival. live/exh ibitions/le-ultime- sette-parole- di-cristo-sulla-croce/
Sulla scorta della sua produzione letteraria di ieri in tv e di cui intendiamo ringraziarLa desideriamo invitarla ad un webinar se lei è concorde su cui poter dialogare con un uomo di cultura come Lei e perché no poterle porre anche dei quesiti dialettici per la crescita della nostra amata Città.
Certo Lei o chi per Lei che legge questo scritto appena letto potrebbe essere indotto a cestinarlo; però se ci ritiene meritevole di un riscontro le saremmo come lo siamo grati in ogni caso.
I miei contatti 339-------. 081/-------
Quelli della Cultura/ Napoli

Domenica 18 aprile 2021 15:04:16

Lettera al presidente Draghi


Gentile Presidente,
mi permetto di condividere con lei qualche idea in ordine sparso:

- la ripresa, con ogni probabilita', vedra' un non cosi' malcelato incremento dei prezzi al dettaglio. Riterrei importante un'azione del governo nel monitorare un aumento indiscrimato dei prezzi, memore anche di quanto subito dai cittadini in occasione dell'avvento dell'euro;

- Lavoro: occorrera' ripensare il concetto del lavoro a tempo indeterminato e garantito; su questo non vi è dubbio, forse pero' andra' riformulato anche il concetto del lavoro inteso come strutturalmente ancorato allo svolgimento della prestazione lavorativa settimanale per favorire l'innesto di nuova forza lavoro. È in tale ambito che andrebbe ragionato e favorito anche lo svecchiamento della forza lavoro che vanta un minimo requisito di quiescenza. Ad ogni buon conto, qualora l'uscita anticipata dovesse cagionare una perdita economica, parrebbe utile ipotizzare benefit incentivanti quali, ad esempio, parziale/oculata esenzione delle imposte, disponibilita' buoni spesa, ecc...

Concorsi: le cito a titolo di esempio i recenti bandi di concorso pubblico per Cancellieri Esperti e Commissari PS. Di fatto, i bandi di concorso pubblico sembrano orientati piu' a sanare situazioni di lavoro pregresse anziche' favorire l'ingresso dei giovani. Prova ne sia l'elenco dei requisiti aggiuntivi richiesti: vero e proprio sbarramento per i candidati esterni. Non ultima, in ordine di importanza, appare l'ulteriore ricerca di personale super qualificato. La laurea non è piu' sufficiente, in aggiunta a questa è sempre richiesta una specifica esperienza pregressa di tot. anni, ovvero, master universitari, ecc... Talvolta, ad esempio, chi ha una laurea magistrale in economia o in giurisprudenza, magari conseguita con una votazione lusinghiera, vive una vera e propria frustrazione all'atto della candidatura ad un concorso pubblico. Cosi' facendo, mi consenta la battuta, ai giovani ingegneri aeronautici, in aggiunta alla laurea magistrale, sara' magari richiesto di aver svolto la mansione di astronauta per almeno cinque anni.

Nel ringraziarla per la cortese attenzione desidero esternarle il mio grande apprezzamento per il lavoro che sta svolgendo. Grazie Sig. Presidente.

Domenica 18 aprile 2021 14:57:18

Come diceva Pino Daniele
Napule è mille culture
Napule è mille paure
Napule è nu sole amaro
Napule è addore e' mare
Napule è na' carta sporca
E nisciuno se ne importa
E ognuno aspetta a' sciorta
I suoi detrattori si aspettavano forse che lei fosse un nuovo Masaniello? Cosa hanno fatto loro per la loro bellissima città? Dove ognuno aspetta a' sciorta

Commenti Facebook