Messaggi e commenti per Gianluigi Paragone

Messaggi presenti: 372

Lascia un messaggio o un commento per Gianluigi Paragone utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Giovedì 19 novembre 2020 08:54:41

Arcuri diede all'inizio carriera Conte tanti soldi a pioggia per la zona Foggia. Anche a fondo perduto.
Credo che ricatti Conte perché non è possibile altrimenti
La Finanza dovrebbe indagare

Mercoledì 18 novembre 2020 14:24:16

Signor Paragone, la seguo da quando è stato espulso dal movimento 5Stelle, sono troppo vecchio per credere ai sogni ovvero alle semplificazioni, mi rendo conto di quanto sia difficile smontare la montagna di menzogne che sorregge l'intero sistema economico e sociale mondiale, per cui non mi aspetto che il suo tentativo di mettere insieme le persone che dovevano essere rappresentate dal grande traditore, "GRILLO" possa approdare ad un ravvedimento del popolo disabituato a ragionare.
Ho scritto un libro "LO STATO DELL'IPOCRISIA E L'IPOCRISIA DI STATO", e gestisco un Blog "Human Politics World", una politica umana per il mondo, la mia convinzione è che allo stato delle cose, nessun partito politico potrà mai risolvere i gravi problemi che ci attanaglio, se prima la politica non si affranca dai ricatti della finanza globale. Lei sa meglio di me che un governo che non controlla l'emissione del denaro, non ha nessuna capacità di realizzare progetti e soprattutto di garantire la democrazia.
Se il suo progetto avrà un seguito e se lo riterrà utile, mi consideri a sua disposizione.
Cordialità Alessandro Marini
Recapiti: telefono 329-------
Blog: https: //human politicsworld. org/

Domenica 15 novembre 2020 23:42:27

Buonasera caro Seratore Paragone, sto seguendo NON È L'ARENA IN DIRETTA, che si sta parlando della Calabria per lo scandalo ASL, cmq si nota benissimo che Nicola MORRA vorrebbe esprimersi diversamente ma nn può altrimenti Conte e Di Maio lo facciano via, capisco che per salvare l'Italia ci vorrebbe parlando seriamente da uno che ne ha visto in tutti questi ultimi anni " una rivoluzione " mi dispiace dire questa parola grossa ma purtroppo nn ce ne possiamo uscire più, anke perché il Covid serve a queste persone attacchati alle poltrone come sostegno.
Mi può chiamare in qualsiasi momento anch'io sn residente in una cittadinana malata molto malata che si chiama Castelvetrano prov. di Trapani, città molto discussa per il latitante e tutti i suoi amici e parenti e che fra l'altro il Comune è gestito dei 5 stelle e che stanno finendo di distruggerla. Vediamo di fare qualcosa prima Ke sia troppo tardi.
Buona serata e buona trasmissione televisiva.
Infine anke se in passato avevo inviato una mail io sn un Sottufficiale della Polizia di Stato da alcuni mesi in quescienza e che ha combattuto la Mafia per diversi anni in queste zone ad alta densità Mafiosa e appunto per questo vorrei fare parte del suo movimento creandomi uno a Castelvetrano come simbolo veramente di Antimafia. Buona serata

Domenica 15 novembre 2020 11:13:26

Buongiorno, da molti anni la seguo e anche se spesso nom ho condiviso il suo pensiero la ho sempre ammirata per la sua coerenza.
Le scrivo per comprendere in modo più approfondito il suo programma Italexit sia da Ue che da Euro. Al di là delle ragioni di principio (sovranità monetaria e quindi stampa della moneta, politiche economiche più coerenti e favorevoli alle esigenze nazionali) il mio punto di domanda è come gestire il debito che l'Italia ha verso gli altri paesi e che deve restituire nella moneta in cui ha contratto il debito. Non credo che si risolva con un vaffa come spesso leggo e se anche si immagina un fallimento dello Stato chi farà più credito al paese o immagina una economia che non ha bisogno di ricorrere al credito?
La ringrazio se mi vorrà fare luce sugli step operativi che una Italexit comporta.

Un caro saluto
R Sachs

Lunedì 9 novembre 2020 10:26:55

Buongiorno!
Mi chiamo Erika Aimetti e sono titolare con mio papà di una fabbrica artigiana di coppe, trofei, medaglie per premiazioni sportive (AIKA COPPE) che si trova a Besozzo, provincia di Varese ZONA ROSSA.
Causa Covid il nostro fatturato si è ridotto di quasi il 90% dal mese di marzo ad oggi. Visto che tutte le manifestazioni sportive sono state annullate...
Con il nuovo DPCM del 3 novembre, possiamo rimanere aperti e quindi non abbiamo diritto ad alcun tipo di aiuto/ sovvenzione...
Ma qualcuno mi sa dire per chi rimaniamo aperti??? Non ci sono gare, manifestazioni... lo sport è bloccato.
Nulla contro la ristorazione, il turismo... e gli altri settori in difficoltà ma almeno loro quando hanno potuto, adottando tutte le precauzioni del caso e seguendo le direttive, hanno lavorato ed adesso possono fare asporto e consegne a domicilio, NOI NO.
Il nostro è un settore di nicchia ma comunque esiste e noi abbiamo sempre vissuto grazie alle premiazioni sportive.

Vorremmo far sentire la nostra voce, far presente che esistiamo e che magari qualche aiuto sarebbe utile... senza siamo destinati a chiudere. E le nostre famiglie???

Mi auguro che il mio sfogo venga ascoltato almeno da lei...
Grazie

Erika Aimetti

Domenica 1 novembre 2020 18:04:05

Salve sig Paragone. Non sono un assiduo seguitore di politica. Ma approvo la sua causa di volerci portare fuori dall'Europa. Sono un cittadino italiano molto scettico e la contatto per condividere con lei un video che ho pubblicato come pensiero sul nostro governo italiano. Possa lei condividerlo ovunque perché esprime la mia come penso per tutti una grande indignazione verso chi ci governa.

https: //youtu. be/EBbOLXa1qPs

Un saluto.

Domenica 1 novembre 2020 00:09:16

In questo strano anno, dove tutti parlano quasi esclusivamente di pandemia, io vado contro corrente. Ho l’impressione che la massa sia giustamente distratta dall’importante e catastrofica crisi sanitaria mondiale, non vedendo alcuni fattori a mio avviso gravissimi ma, la cosa che mi lascia sconcertato è che forse tanta gente le veda benissimo ma, per paura di perdere la “apparente” libertà che ha, faccia finta di non vederle.
Noto che il divario tra ricchezza e povertà, si stia ampliando in modo sconsiderato e questo, a mio avviso è dovuto dal fatto che pian piano ci stanno togliendo le certezze e le sicurezze per le quali abbiamo, e hanno i nostri predecessori, lavorato tanto per ottenere. Oggi i mezzi tecnologici composti dai motori di ricerca, dai social e dal modo “virtuale” di fare economia, sono entrati nelle nostre vite, rendendoci dipendenti da loro, dipendenti proprio come una droga; ci plasmano e ci modellano la mente secondo uno schema da cui sarà poi impossibile uscirne; ma i rapporti umani, dove andranno a finire? Mi spaventa il fatto di vedere le future generazioni vivere la socialità in modo virtuale e asettico. Triste anche notare che mentre noi oggi, a causa della pandemia stiamo rallentando e condizionando il nostro modo di lavorare, di socializzare e di acquistare, al contrario questi mezzi, stanno incrementando in modo esponenziale le proprie attività e i propri utili sfruttando appieno questa situazione; quando la pandemia sarà terminata, per tanti non ci sarà più lo spazio che avevano e la vita di prima, per tanti, haimè sarà un felice e malinconico ricordo.

I motori di ricerca con gli stessi social, sono diventati parte integrante di noi stessi ma la domanda viene spontanea; potremmo farne a meno? Sicuramente no, ormai siamo diventati dipendenti da questo mondo. Quando la maggior parte delle persone non può fare a meno di uno strumento, questo assume un’importanza commerciale notevole, direi infinita e lì capitano cose inaspettate. Ad esempio ci si presentano suggerimenti di amicizie di persone che non vedi da una vita che forse le hai ancora per sbaglio memorizzate sul telefono; ma chi ha accesso alla mia rubbrica personale? Chi guarda dentro nelle mie cose e chi gli ha dato il permesso di farlo? Vai su un motore di ricerca perché interessato ad un oggetto e poi, non riesci più a scrollarti di dosso le pubblicità che ti propongono quella determinata cosa, fino e anche dopo che tu non l’abbia acquistata. L’algoritmo che ci analizza, ottimizza il nostro profilo analizzando le nostre ricerche, i nostri interessi, i nostri pareri, i nostri “like” e quant’altro per poi poterlo vendere. E’ vero che noi sempre digitiamo su “accetta” o “consenti” ma per poter arrivare al nostro risultato di ricerca non abbiamo scelta e da lì, diamo il consenso di utilizzare i nostri dati e il nostro profilo come a loro pare e piace. Alla faccia della privacy, ottenuta facendo leva sulla nostra dipendenza del mezzo.
Fantastico sapere anche come si socializza in questi tempi; noi eravamo abituati ad andare all’oratorio oppure a fare le “innocenti monellate” che ancora oggi ricordiamo con affetto ma oggi invece i “like” e i commenti sui social determinano il benessere mentale o la depressione totale; bello sentire dire: “Ho 1000 amici sul social, ma di questi 1000 non ho mai visto nessuno”. Bella la prospettiva di una società che necessiterà obbligatoriamente o quasi di un supporto psicologico per scongiurare drammi più seri. Consiglio in tal proposito di vedere il documentario “The Social Dilemma” che trovate su Netfix, che spiega molto bene questo aspetto della società che ancora in pochi oggi riescono a notare.
L’evoluzione inciampa, a discapito dei rapporti umani…

Invece, a livello economico sembra che le regole che i governi ci impongano, valgano solamente per tutti i cittadini ma non per queste organizzazioni che pian piano si stanno impossessando del mondo; con questi presupposti diventa facile distruggere le nostre economie, un tempo preziose e ricercate, a vantaggio del “Grande Fratello” come citava il lungimirante George Orwel poco meno di un secolo fa. Avete fatto caso che si tende a fare economia virtuale e, la più grande e ricca azienda del globo che opera in tal senso paga nel nostro paese una ridicola percentuale di tasse (stimato 2, 7% dei ricavi) ; questo fattore crea effetti devastanti in più direzioni; innanzitutto rispetto al nostro modo di fare impresa e commercio, leva introiti fiscali al governo del nostro paese che vede il debito pubblico diventare sempre più insanabile e, se prima della pandemia questo operare era considerata “concorrenza sleale” a svantaggio dei nostri esercenti, oggi, con la pandemia vede quest’ultimi economicamente in stallo e vede i primi incrementare i propri utili prendendosi le fette di mercato che noi con recupereremo mai più. Con la pandemia hanno fatto numeri pazzeschi, mai visti. Ma perché se noi effettuiamo errori nel pagare le tasse lo stato ci sancisce in modo pesante mentre l’azienda più ricca del mondo si impossessa della nostra economia pagando una cifra ridicola? Ma la legge non doveva esser “uguale per tutti”? Nessuno fa nulla per arginare questa piaga. Qualcuno potrebbe spiegarmi perchè succede questo?

Se si volesse fare un paragone con la fine della guerra e la fine della pandemia, mi viene da dire che, nel rispetto di ogni singola situazione sia passata che presente, alla fine della guerra c’era l’entusiasmo di ricostruire un paese cosa che oggi non si percepisce, non per mancanza di volontà ma per mancanza di mezzi.

Concludo citando una frase di Aldous Huxley:
La dittatura perfetta avrà sembianza di democrazia. Una Prigione senza muri nella quale i prigionieri non sogneranno di fuggire. Un sistema di schiavitù dove, grazie al consumo e al divertimento, gli schiavi ameranno la loro schiavitù”.
Sergio

Mercoledì 21 ottobre 2020 08:59:52

Vorrei sapere perche' PD RENZI E FORZA ITALIA SONO COSI OSTINATI AD ATTIVARE IL MES QUANDO L'ART. 136 DEL TRATTATO EUROPEO NEL MOMENTO CHE è STATO DEFINITO IL MES si è chiarito in modo esplicito che coloro che l'useranno saranno sottoposti a rigoroso controllo (ribadito nell'art. 12 dello stesso) e che negli 32-33-34-35- del trattato si configura una vera setta? Cosa c'è sotto ?

Domenica 18 ottobre 2020 18:41:49

Salve, è ormai evidente che nonostante il distanziamento, la lavata spesso delle mani e la famosa mascherina, il covid lo si becca comunque. Accertato che decade con l'alta temperatura e non attecchisce significativamente all'aria aperta, il veicolo maggiore di diffusione è dato dagli ambienti chiusi (privati e pubblici). Ci si deve concentrare principalmente sulla sanificazione degli ambienti interni e, oggi, comincia ad esserci la tecnologia disponibile. Noi della Seven MHF siamo già introducendo il nostro dispositivo attualmente unico in Italia ed Europa. Non per farci pubblicità diretta, ma altri presto seguiranno... questa è la strada da intraprendere. Dopo varie richieste e progetti, siamo riusciti a creare il prodotto perfetto: Zefero AS 300, assemblato con tutti i componenti di aziende Italiane.
Siamo riusciti a depositare un brevetto anche a livello europeo, essendo gli unici a possedere la tecnologia ICR - Ionizzazione Catalitica Radiante, e doppia ionizzazione al plasma.
La macchina è la prima al mondo ad avere 6 tecnologie in una:
1. Cella PCO - Perossido d'Idrogeno
2. Ionizzatore
3. Ozonizzatore
4. Filtro ai carboni attivi, capace di eliminare tutti gli odori chimici
5. Plasma
6. Lampada UVC a 254 nm, che come da ultime dichiarazioni da parte del ministero della salute, è l'unica lampada a disgregare le membrane del virus.
Inoltre siamo gli unici ad associare, all'installazione di ogni macchinario (ideale per ogni tipo di ambiente), la presenza di un esperto biologo, che analizzi l'aria e spieghi il corretto funzionamento del macchinario per il locale di riferimento rilasciando, infine, una certificazione - CB CERT.
Online, si possono trovare singolarmente alcune di queste tecnologie ma a prezzi molto elevati per averle.

Venerdì 16 ottobre 2020 12:56:45

Ciao Paragone sono un tuo accerrimo sostenitore mi chiamo Massimiliano e volevo denunciare quello che mi sta accadendo in provincia di. Padova
Riassunto breve
Non sto più pagando un mutuo. sulla prima casa ormai da anni incolpevole per la situazione che si è vetificata per motivi di lavoro. e personali alla ANTONVENETA MPS poi
L altro giorno dopo anni che la banca non si fa sentire e si nega lle mie richieste
arriva da una certa SCALA SOCIETÀ DI AVVOCATI atto. di precetto e tutto quello che seguirà
Mi chiedo se sia normale che una banca di fatto fallita e poi sslvata dallo stato. possa cederevil mio debito senza mettermi a conoscenza
Perche lo stato non mi tuttela come ha fatto con MPS, ?
SPERO TI ARRIVI QUESTO MESSAGGIO PERCHÉ FARÒ DI TUTTO PER DIFENDERE LA MIA CASA
UN SALUTO CARO.
MASSIMILIANO 351 -------

Commenti Facebook