Messaggi e commenti per Massimo Gramellini

Messaggi presenti: 299

Lascia un messaggio o un commento per Massimo Gramellini utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Domenica 24 gennaio 2021 11:38:46

Parole di Augias sulla Calabria: cornuti e mazziati


Buongiorno
Sono mortificato per le parole di Augias riguardo alla Calabria «La Calabria è ormai una terra perduta, io ho il sentimento che sia irrecuperabile»., probabilmente il virus Coronasalvinimeloni lo ha colpito ed è per questo che offende la gran parte dei Calabresi che resistono e lavorano per un paese migliore. In passato con l'unità d'Italia ci hanno castrato moralmente e ancora peggio nessuno a riscritto la storia; Augias disse che ormai non serve sono cose troppo vecchie. Caro Augias, certe castronate dille nel salotto di casa tua perché noi siamo già incazzati senza i tuoi incoraggiamenti.
Saluti
Giuseppe Lento

Il messaggio è per i lettori perché non credo Gramellini con tutto il suo da fare si dedichi a questa

Sabato 23 gennaio 2021 21:43:43

Buona sera ma perché a esponenti del fatto quotidiano nessuno chiede conto sulle uscite di travaglio. Hanno fatto una vignetta contro la Ravetto terrificante. E Peter Gomez, che fa il sarcastico sull'essere di sinistra, non prende le distanze da quella vignetta di Natangeli. Anzi nessuno glielo chiede. Giornalisti reticenti? Hanno timore di travaglio? Anche Lilli gruber che è sempre combattiva com le donne.

Venerdì 22 gennaio 2021 08:24:23

Gramellini, da lei non me l'aspettavo... "impartire ai figli direttive che non sembrino imposizioni"... una bella frase generica e quindi vera in alcuni contesti (figlio adolescente) ma non in altri (figlio di 10 anni). Spero che sia stato un momento di confusione suo. Dieci anni... Ad un figlio di dieci anni non bisogna neppure comprarglielo il cellulare! E meno che meno lasciarglielo in libero uso! e in nostra assenza! La sua superficialità in questo commento mi fa molto male.
RT

Giovedì 21 gennaio 2021 13:44:49

[Scuola]

Buon giorno Massimo. La seguo da tanto e ho letto molti dei suoi libri. Sono insegnante scuola secondaria di I grado. Le scrivo perché mi piacerebbe condividere un problema molto serio che sto cercando di affrontare. Mi sto scontrando con una rigidità normativa e burocratica che interessa me ma anche molti colleghi. Soprattutto in questo periodo di COVID. La scuola è la mia Passione e ne ho riscontro. Mi piacerebbe che si potesse andare nella sostanza delle cose e mi piacerebbe si potesse snellire la burocrazia che nulla giova alle nuove generazioni, al sistema, a tutto.
Aspetto una sua risposta perché la stimo e vedo gli interventi che si presentano durante la sua trasmissione... Grazie Costanza
Cell. 340-------

Lunedì 18 gennaio 2021 18:16:02

[Ricoveri programmati]

Egregio dottor Massimo, scusi se la disturbo per una piccola verifica che desidererei lei facesse. Potrebbe per favore confermarmi, visto che la considero un maestro nel segnalare mancanze o piccoli nei di molte persone, e che quasi sempre trovo divertenti e originali, perchè non ha mai fatto una battuta sui ricoveri ad orologeria dell'ex presidente Berlusconi visto che succede tutte le volte che ha in programma un processo? Mi è difficile considerarle tutte pura coincidenza... programmata o mi sbaglio.
Grazie del suo parere.

Lunedì 18 gennaio 2021 13:23:43

[Mio padre e il Covid-19]

Caro Massimo,
e mi scusi se uso questo tono confidenzale ma ormai la seguo da così tanti anni, prima sul suo caffé de La stampa
e mano mano qui... inoltre sono nata anch'io nel 1961 quindi in quache modo mi sento vicina al suo modo di essere.
Ho seguito con attenzione l'intervento della sig. ra Giusy Fasano sabato scorso in Le Parole... e ho ripercorso emozionalmente le stesse tappe ma... volevo solo dire alla dignora Giusy di ritenersi fortunata perché lei il suo babbo ancora lo può salutare e chiamare e sentire... purtroppo invece per me il covid me lo ha portato via in 4 giorni il 30 ottobre scorso e durante quei pochi giorni al pronto soccorso non é stato mai possibile sentirlo né tanto meno vederlo né comunicare per fargli sapere che noi della famiglia gli eravamo vicino, che si facesse coraggio, che provasse a lottare, niente... finché se né andato.. da solo... forse senza troppoa dignità.. chissà... e questo é devastante, é crudele, ancora oggi dopo quasi tre mesi io da figlia non lo accetto, figuriamoci sua moglie, mia mamma diopo 65 anni di matrimonio insieme!
queata putroppo é la sorte che é capitata a tante famiglie, a troppe e speriamo che qualcosa possa essere fatto per non lasciare i nsotri cari da soli, mai più, senza il conforto di un ultimo sorriso, di un gesto d'amore, di un ciao papà ti voglio bene !
grazie
La saluto cordialmente
Marina

Domenica 17 gennaio 2021 19:24:20

[Tèseo]

Caro Gramellini, più che apprezzabile il Suo programma "Parole" e, proprio per questo, altrettanto importante la loro pronuncia. Recentemente ha presentato un libro edito dalla "Nave di Teseo", pronunciando Tesèo e non il corretto Tèseo; il Teséo (Thesèion) è, di fatto, il tempio dedicato all'eroe e sito sull'Acropoli. Sorprende che un grecista come Roberto Vecchioni non gliel'abbia fatto notare.
Un piccolo appunto da un pedante quanto Suo fedele lettore e ammiratore.
Giorgio Torri

Martedì 12 gennaio 2021 23:18:17

Mi spiace dover ribattere in modo piuttosto spicciolo: un secondo turno con avvio alle 9: 30 ed unità lezione di 50' terminerebbe alle ore 13: 40 e nel caso di una sesta ora alle ore 14: 30.
In situazioni normali una giornata scolastica di 6 ore con inizio alle ore 8: 00 terminerebbe alle 14: 00.
Mi riesce difficile pensare che 30' di differenza possano inficiare lo studio della Filosofia, della Fisica, della Letteratura Latina o della Chimica che è, poi, la disciplina di insegnamento.
Cordialità,
Daniela Nicol

Martedì 12 gennaio 2021 22:08:03

Sottrarre cento minuti alla giornata di un ragazzo equivale a sottrargli (inutilmente) il tempo della sua vita, quello che potrebbe dedicare, per esempio, allo sport o a qualunque altro interesse. Il tempo è la cosa più preziosa che abbiamo. Va usato non sprecato. Inoltre, studiare Filosofia o Fisica o Letteratura Latina in “fase digestiva” non è la stessa cosa che studiare le stesse cose a “mente fresca”.

Martedì 12 gennaio 2021 21:31:14

La lettera dei colleghi dell'istituto di Zagarolo é in gran parte condivisibile. Mi sfugge l'assoluta necessità di dover prevedere il turno unico in questa situazione di emergenza. Il doppio turno con un intervallo di 100 minuti e unità oararia di 50 minuti, risulterebbe assolutamente fattibile. Ovviamente richiede la rinuncia alla cosidetta settimana corta, adottata dalla stragrande maggioranza delle scuole. Non credo che si possa considerare questo irrinunciabile!
Daniela Nicol

Commenti Facebook