Messaggi e commenti per Massimo Gramellini - pagina 10

Messaggi presenti: 247

Lascia un messaggio o un commento per Massimo Gramellini utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Martedì 12 maggio 2020 08:13:52

Gentilissimo Dottor Franco

Le invio il lavoro fatto in questi 60 giorni per offrire ai nostri governanti una proposta coerente alla complessità della crisi.
Non una bella idea, ma una serie di azioni concrete e verificare se fattibili tutte coerenti tra di loro.

Ad esempio senza fermarci davanti a nulla siamo riusciti a parlare con i CEO delle grandi companie che producono macchinarie e reagenti per capire se c'è la possibilità di fare joint venture e tecnology transfer con aziende chimiche italiane, l'unica soluzione veloce e a basso costo per produrre reagenti in Italia. Abbiamo analizzato la mappa dei reagenti per individuare come autoprodurre i reagenti in Italia, totalmente diverso da quello che si legge che in realtà assemblano i kit però senza eliminare il problema della scarsità delle materie prime.
Non esiste un vero problema di scarsità di reagenti, ma solo di organizzazione.

Abbiamo pensato operativamente come aumentare i punti di raccolta dei campioni da analizzare usando le farmacie e punti accreditati e non gli inutili drive in tanti per copiare la Corea, ma anche come abilitare più laboratori (3/4 sono bloccati per motivi burocratici).

Abbiamo studiato come monitorare le persone e il modo effettivo per introdurre un app in Italia e garantire un discreto successo. Abbiamo parlato con ogni singolo capo informatico, analizzato le app regionali e seguito i webinar delle ambasciate straniere per capire cosa effettivamente è stato fatto all'estero (usando gli influencer).
I dati devono rimanere su serve regionali e si devono usare le app già esistenti regionali. La gente usa qualcosa di utile che gli dà garanzia. Le regioni sponsorizzano le proprie cose. Un app nazionale non funziona.
È più facile unire le varie app che farne una sola nazionale.

Abbiamo disegnato ogni fase i dettaglio e analizzato con le associazioni di categoria se fosse possibile.

Siamo un gruppo (120 persone) di professionisti, manager, professori universitari, ricercatori, sindacalisti ect, tutti Pro Bono che hanno deciso di donare il proprio tempo per aiutare l'italia. Tutti gratis, tutti preparati, tutti con una forza di volontà incredibile.

Il progetto punta principalmente ad mettere insieme l'intelligenza collettiva della societa' civile e a creare un piano operativo fattibile che rispetti le particolarità locali, e in particolare aiuti le aziende a ripartire in tutti i suoi aspetti.
Sono abbiamo coinvolto anche il Prof. Crisanti.

La proposta è stata presentata a tutte le regioni. L'assessore della salute della regione Piemonte l'ha recepita e appoggiata. Ora attendiamo conferma dal presidente della regione che sembra immobile.

Oggi siamo stati informati da Carlo Alberto Maffe che potremmo essere scelti tra le best practices italiane da portare in europee.

Siamo molto preoccupati delle soluzioni private che girano...

Le volevo chiedere la gentilezza di valutare il progetto che e' un continuo work in progress, e in particolore le linee guida che abbiamo pensato per le aziende per aiutarle nelle scelte di strumenti di analisi e nellla gestione del personale.

Allego i seguenti file:
- Progetto idea generale:
-Progetto operativo
-Documento esplicativo del piano operativo
-Piemonte: strategia presentata alla giunta Regionale del Piemontre

Qui di seguito i link agli stessi documenti in quanto li aggiorniamo in continuazione, quindi questi link garantiscono l'ultimo documento aggiornato.

Progetto Uniti si Riparte
Un approccio olistico teso a sviluppare una metodologia integrata per uscire dalle fase due
Progetto operativo: https://bit. ly/2Sq1i9p
Spiegazione progetto operativo: https://bit. ly/2YxVE9r
Idea Generale: https://bit. ly/2JYpPxG
Video:https://bit. ly/3b2yLhN

Grazie
Pietro Stopponi
+39 334 -------

Sabato 9 maggio 2020 12:11:34

Egregio Dott. Gramellini
Lettera da girare al Presidente del Consiglio ed ai politici di ogni colore.
Partita IVA n. 0268... settore commercio.
Incassi mese marzo 2020 euro 450
Incassi aprile euro 0
incassi sino ad oggi maggio euro 0
Pagamenti ed uscite (esluse scadenze merce)
Costo marzo cc e pos collegato e. 35
Costo marzo commercialista e. 200+Iva
Costo aprile cc e pos e 35
Costo aprile commercialista e. 200+Iva
Costo maggio cc e pos e. 35
Costo maggio commercialista e. 200+Iva
Costo contributi Inps da pagare entro il 16 maggio e. 962, 64
Bolletta Gas e. 107, 66 (di cui 47, 63 gas e 60, 03 imposte)
Bolletta Luce e. 107, 16 (di cui 36, 04 consumo e 71, 12 imposte)
Tassa asporto rifiuti circa e. 50 mensili totale e. 150.
Da aggiungere alle entrate bonus 600 euro percepito a fine aprile
Totale entrate e. 1050, 00
Totale uscite e. 2164, 46
Commento: il silenzio è la più alta forma di eloquenza.
Paolo

Sabato 9 maggio 2020 10:18:28

Gent.. mo Dr. Gramellini, premetto che la leggo e l'ascolto da molti anni e L'apprezzo nel 99% dei casi ma recentemente mi hanno colpito in negativo alcuni suoi commenti (ecco l'1% che manca). Mi riferisco in particolare al sevizio sul proprietario del ristorante Cipriani da lei descritto come un oste di campagna che però possiede non ricordo quanti altri locali in tutto il mondo con decine di dipendenti. Non credo proprio che il suddetto "oste" sia nell'impossibilità di rispettare le norme previste per i ristoranti e in una indigenza tale da non poter tenere chiusi quei "modesti" locali (modesti non certo per i prezzi applicati) in cui tali norme non siano applicabili.
E ancora leggendo l'articolo sul "Naviglio espiatorio" mi chiedo se Lei ha capito la natura e la gravità del momento che stiamo vivendo: io, da medico e rianimatore in pensione, l'ho capito e vorrei che le persone capissero quanto possano essere importanti la distanza di sicurezza e le mascherine. Certo commenti come il suo o esempi come quello dei Navigli a Milano o dei consiglieri regionali in Friuli diimostrano il contrario. Concludo quindi con una battuta, caro Gramellini: visto che anche Lei ogni tanto "piscia fuori" cerchi in quei pochi casi di aggiustare la mira.
Cordiali saluti

Sabato 9 maggio 2020 08:09:57

Buongiorno Dott. Gramellini.
Il nostro governo sta diffondendo come ottima misura paternalista una evidente discriminazione tra gli studenti che affronteranno la maturità (che incontreranno fisicamente i loro docenti) e quelli che dovranno sostenere l’esame di terza media (on-line, esponendo la loro tesina).
Sono solo io a vedere i nostri figli sacrificati sull’altare della pace con i potentissimi sindacati degli insegnanti?
Posso chiederle un commento su questo e sulla prevista organizzazione del prossimo anno scolastico?

Venerdì 8 maggio 2020 12:39:12

Nel 2015 la legge 107 sulla buona scuola ha trasformato molti docenti precari in docenti di ruolo precari trasferendoli in maniera coatta. I docenti sono sì diventati di ruolo, ma fuori dalla propria regione di residenza e di iscrizione alle graduatorie, finanche a più di 800km da casa. allontanati dai propri affetti, dai propri figli, dalle proprie case, non riuscendo più ad ottenere il trasferimento nella propria citta per leggi/decisioni inadeguate. Hanno subito spesso dal "superiore" Nord discriminazioni, soggetti a pagare fitti in nero, spese ferroviarie/aeree fuori controllo per rientrare nelle proprie regioni, gli ostacoli si sono via via moltiplicati ed ora anche il COVID-19. c'è stato e ci sarà uno spostamento di migliaia di docenti da tutte le regioni del sud che si sposteranno per risalire a macchia di leopardo in tutte le regioni: i siciliani si sposteranno a partire dalla campania in su, i campani a partire dal lazio fino in lombardia... e così via, si è sempre meridionali di qualcuno... e nessuno prende atto di questo problema. ora si parla di potenziare il corpo docente, cominciamo a far rimanere ogni docente nella propria città, gli insegnanti che questa legge iniqua ha esiliato e che vive lontano dalla famiglia dal lontano 2015. sarebbe un buon inizio. grazie

Venerdì 8 maggio 2020 08:34:32

Buongiorno sig. Gramellini,
a proposito del suo articolo odierno sui messaggi che ci arrivano dalla televisione e sui personaggi più o meno autorevoli (a nostro giudizio) che vi appaiono...
Ieri mi è stato inviato via Whattsap uno spezzone in cui un "noto astrologo" propina il suo oroscopo per i primi mesi del 2020 e si conclude con una brevissima apparizione di Aldo Giovanni e Giacomo che dicono "ma vai a c... "
Io sarò prevenuto, dato che manco conosco i segni zodiacali di mia moglie e dei miei figli e mi infastidiscono le persone che, quando vengono a sapere la tua data di nascita se ne escono con "Ah sei un sagittario e quindi per forza sei così ed hai questo carattere ecc. ecc., ", ma mi domando se nel 2020 sia ancora possibile dare spazio a questi personaggi sulle televisioni pubbliche o a diffusione nazionale.
Tanto vale allora lasciare libertà di parola anche all'impresentabile Panzironi con la sua dieta e le vitamine che faranno vivere fino a 120 anni! Che differenza c'è? Bufale e balle da tutte e due le parti, ma se credo a Panzironi spendo i miei soldi e mi faccio truffare di mia volontà, l'astrologo lo pago pure con i miei soldi ma sulla Tv pubblica e non di mia volontà!

Mercoledì 6 maggio 2020 10:19:46

Preg. mo dott. Gramellini, ho letto con entusiasmo il suo Caffè di questa mattina ("Nel nome dei numeri").
Concordo pienamente sul fatto che vengano date le interpretazioni più incredibili ai dati che vengono forniti quotidianamente (e sulla cui attendibilità nutro seri dubbi).
Il grosso problema è legato al fatto che le variabili vengono sempre considerate e analizzate una alla volta.
Così facendo si perde completamente l'informazione legata alla correlazione tra le variabili.
Un'analisi multivariata consente di prendere in esame tutte le variabili contemporaneamente, e quindi di estrarre un'informazione di gran lunga superiore. Tale analisi effettuata sui dati storici ha permesso di evidenziare, tra gli altri, 2 fenomeni molto interessanti:
- si è verificata un'inversione di tendenza 8 giorni dopo il lockdown, ossia in perfetta corrispondenza con il tempo di contagio medio (aspetto quindi con ansia di vedere cosa accadrà martedì 12...) ;
- un chiaro effetto giorno della settimana, a indicare che i dati che ci vengono propinati ogni giorno non sono "veri", ma risentono dell'accumulo e dei ritardi con cui vengono processati e smaltiti i referti.
Da notare che l'analisi di cui sopra viene effettuata esattamente sugli stessi dati che ci vengono presentati e illustrati con dovizia di particolari (e a volte di fantasia), ossia numero di nuovi casi, numero di morti, numero di guariti, numero di persone in terapia intensiva. Ciò a conferma che a fare la differenza non sono i dati, ma il modo con il quale i dati sono elaborati.
Ogni sera verso le 19 pubblico su LinkedIn un post in cui presento l'elaborazione aggiornata con gli ultimi dati.
Resto a disposizione per qualunque ulteriore chiarimento.
Riccardo Leardi, prof. associato di chimica analitica presso il Dipartimento di Farmacia dell'Università

Martedì 5 maggio 2020 22:49:29

Caro Massimo, ieri a Bruino (TO) abbiamo commemorato il Grande Torino, nel piazzale ad esso intitolato, inaugurato un anno fa nel silenzio quasi assoluto della carta stampata. Di getto ho scritto poche righe che vorrei sottoporre alla sua attenzione, sperando le smentisca

Siamo pochi, inutile negarlo
Torino è stata ma non è più granata
Lo è nel vento
Nelle giornate di pioggia
Nelle nostre anime mai spente
Torino è stata quello che ci portiamo dentro
È quel che ci porta lontano nel tempo
Siamo la notte
Le nuvole
Il tempo
Viviamo
Bestemmiamo
Preghiamo
A volte siamo solo silenzio
Ma siamo noi
Fossimo anche uno su cento
AFG
Grazie
Su Messenger troverà delle immagini molto esaustive sulla bellezza di questo piazzale o su fb (ToroClub Bruino)

Lunedì 4 maggio 2020 13:49:14

Gentilissimo dottor Gramellini,
seguo la sua trasmissione sempre con grande piacere ed interesse. Le scrivo perché sento la necessità di esprimere la mia indignazione per alcune affermazioni del signor Cipriani nella sua ultima trasmissione. Comprendo la sofferenza aggiuntiva che gli imprenditori grandi e piccoli, i lavoratori autonomi e cosi via stanno vìvendo in questo periodo. Cio non toglie che non si può lasciar dire, senza replicare, che, ripeto più o meno testualmente, ci sia stata e ci sia una visione esagerata da parte dei virologi della situazione pandemica che stiamo vivendo. Vorrei ricordare le immagini delle file dei camion dell'esercito che trasportavano le bare dei defunti da Bergamo e quelle dei volti stravolti dei medici, infermieri e personale sanitario tutto.
Vorrei dire, se non lo sa, o ricordare al signor Cipriani che il numero dei morti nel bergamasco e nel bresciano è stato di gran lunga superiore e quello della seconda guerra mondiale. Cosi come il numero dei morti negli USA ha gia superato quello dei soldati morti durate la guerra del Vietnam.
Ora, mi pare, che come spesso accade, ci si dimentichi ciò che è accaduto solo pochi giorni addietro.
Perdoni lo sfogo.
Le faccio i piu sentiti complimenti,
Daniela Nicol

Domenica 3 maggio 2020 18:29:31

Prima di tutto desidero esprimere un vivo apprezzamento per la sua trasmissione. Sono il papà di una giovane signora. separta dalconvivente e che lavora a Mi e abita a S. Giuliano MI. Da oltre un mese affetta dal Coronavirus che ha scritto una lettera a Repubblica senza vederla pubblicata. Considerato che ritengo sia molto importante desidererei che Lei la leggesse. Qual'e'l'ondirizzo email per fargliela recapitare. Grazie.

Commenti Facebook