Messaggi e commenti per Massimo Gramellini - pagina 4

Messaggi presenti: 491

Lascia un messaggio o un commento per Massimo Gramellini utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Leggi anche:
Frasi di Massimo Gramellini

Lunedì 26 aprile 2021 14:28:53

[Aborto]

Gentilissimo Gramellini,
non ho MAI scritto ad un giornalista nè su blog o simili, sono un po’ emozionata... ho deciso dopo aver visto la puntata di sabato 24 e il servizio sull’”aborto felice”.
Non posso e non voglio esprimere giudizi e spero di riuscire in questo mio intento raccontando la mia esperienza.
A 32 anni resto incinta: una scelta consapevole in una storia felice.
Prima ecografia: non c’è battito. Vengo ricoverata. Aborto spontaneo l’hanno chiamato.
Sono in sala operatoria, davanti a me l’elenco degli interventi del giorno:
IVG
IVG
IVG
IVG...
Quante storie dietro tre lettere.
Io posso raccontare di me e della storia di altre tre lettere IIG (interruzione involontaria di gravidanza): prima tanta felicità, subito dopo tanta speranza e poi tanto dolore. Non una passeggiata, ma una camminata in salita con uno zaino pieno di pietre.
“Giovanni”, così lo avevamo subito chiamato, lo abbiamo desiderato e cercato.
Un viaggio lungo cinque anni e poi un regalo, un miracolo, una conquista: è arrivata lei, la bambina più bella del mondo.
Siamo stati fortunati, non tutte le storie che iniziano con un aborto hanno un lieto fine.
Mi sento quindi di dire che dietro ogni decisione ci sono una storia, un perché e, rispettosa di ogni scelta individuale motivata da situazioni contingenti, penso sia giusto che ciascuno viva un aborto NON PER FORZA soffrendo, NON PER FORZA stando benissimo, ma come può: serenamente... nel limite del possibile.

Lunedì 26 aprile 2021 08:59:22

[Pillola abortiva]

Spettabile dott. Gramellini,
ho sempre seguito con attenzione il suo programma, ritenendolo equilibrato e denso di contenuti, non che attribuendo a Lei, doti di conduzione e approfondimento notevoli.
Sono rimasto spiacevolmente e tristemente sorpreso, nella puntata del 24 aprile, nell'assistere alla pubblicità (tanto è stato) della pillola abortiva e nel rendere merito, come esempio di coraggio, a chi pratica l'aborto. Mentre il coraggio, semmai, è fare nascere una creatura e difendere la vita nascente. Pur valutando caso x caso e problematiche connesse, delle quali sarebbe stato però, il caso di parlare in trasmissione.
Mi auguro, a breve, un invito nella sua trasmissione di qualche esponente "pro vita ".
Un cordiale saluto.
Lovera Gian Paolo.

Domenica 25 aprile 2021 12:35:25

Bella Ciao cantata da Milva


[Le Parole Della Settimana del 24 Aprile]

In riferimento alla Vostra trasmissione di Sabato 24 Aprile 2021 volevo rettificare che la canzone "Bella Ciao" interpretata da Milva 50 anni fa a "Canzonissima 71" era la versione "originale delle modine": infatti c'erano stati inizialmente dei fischi all'inizio della presentazione della cantante scomparsa!
Poi citava la parola "Bastone" inteso credo del "Caporale"!
Era 26 anni dalla fine della guerra con ancora dei nostalgici!
Bella Trasmissione,
Saluti,
Carlo Maria Berra
Gozzano (NO)

Domenica 25 aprile 2021 12:26:18

Amo Lei e Vecchioni, ma ritengo ingiustificate le bacchettate di sabato sera alla Regione Lombardia.
È vero che la parola artista non si riferisce ad un genere. È l’articolo che glielo attribuisce: una/un od anche un’/un quindi, in ottica di parità, forse sarebbe stato corretto scrivere:. .. una/un grande artista. .:.
Ritengo utile fare un salto logico, ripartendo dalla continua campagna elettorale a cui assistiamo, dove tutti vogliono “lavare più bianco”.
Qualche giorno fa una sindaco emiliana ha proposto di usare una antica lettera indo-europea, una lettera muta, che si trova anche sulla tastiera Azzera del nostro smartphone, per chiudere le parole che non devono avere un genere. Scelta bizzarra, sull’onda dell’esotismo culturale dominante, non utile per la lingua italiana.
La regione Lombardia, non volendo essere da meno, ha proposto di chiudere dette parole con l’asterisco, un segno comune nella nostra lingua. Questa si è una scelta ignorante, foriera di confusione, perché questo segno, sin dai romani e forse dai greci, rimanda alle note a piè di pagina.
Cassata l’antica lettera e improponibile l’asterisco, per risolvere il problema di genere, potremmo chiudere le parole con l’italianissimo apostrofo, da sempre usato per segnalare l’elisione della vocale finale. Riferendomi alla gentile signora di cui sopra, potremmo scrivere: sindac’.
Un abbraccio

Domenica 25 aprile 2021 11:20:47

[A volte la vera verità]

C. att. ne Sig. ra Lilli Gruber,

Cara e bella Signora,
un minimo commento - dopo parecchio tempo - riguardo alla puntata di ieri, sabato 24 Aprile.
Ho ascoltato con interesse e conos tato contento degli intreventi dell Siig. ra Borallevi una delle poche che parlando
di Covid_19, ha detto le cos ecome stanno realmente per es. la situazione normale solo da una settimana in Lombardia
e con altri sottili commenti es. il fatto che non siamo una Nazione molto intelligente, ed è solo vero.
Al contrario miseri, senza senso e magari solo autoreferenziali le parole vuote del giornalista TELESE.

Vediamo sempre 8 e 1/2, e quindi sempre complimenti.
cordiali saluti
Roberto Linari - Trieste

Domenica 25 aprile 2021 08:58:22

Seguo con interesse e piacere Le Parole della Settimana, apprezzo, come molti la sua sensibilità, Gramellini, il senso di giustizia e difesa dei diritti, dei piccoli gesti, che lei e i suoi ospiti proponete ogni settimana; per questo mi ha sgomentato l'approccio di ieri sera sul tema della pillola abortiva. Sgomenta la tranquillità e serenità di Alice Merlo nel difendere il suo gesto, che non è togliere un dente o un tumore o una cisti; sgomenta che a fianco di una legge che giustamente tutela la salute e i diritti di una madre, non si tenga mai conto dei diritti del nascituro, perché è di questo che si tratta, di un diritto alla vita negato. Dispiace quindi che lei, Gramellini, sia scivolato su questo argomento, perdendo per strada la difesa dell'altra faccia della medaglia.

Sabato 24 aprile 2021 21:32:43

Pubblicità alla pillola abortiva


Stasera 24 aprile ho visto la performance della ragazza che pubblicizzava ben spalleggiata da lei Gramellini e dalla cantante sua ospite la pillola abortiva e che consigliava ad una ipotetica ragazza che si accorge di essere incinta di rivolgersi ad una associazione di cui non ricordo il nome che ti fa essere serena e felice di abortire. Naturalmente non c’era nessuno che presentasse ipotesi alternative come quella di fare nascere una creatura: trattate la vita come se fosse spazzatura senza alcun rispetto. Una tristezza unica, una presunzione davvero impressionante.
Rifletta sul suo ruolo pubblico e sulla responsabilità che le deriva da questo ruolo.
Rida pure di me, non me ne importa nulla, ma non è con queste scorciatoie si educano i giovani alla responsabilità e al rispetto per la vita.
Bacci Marco

Sabato 24 aprile 2021 21:24:16

[Trasmissione sabato 24 aprile]

Buona sera... ho ascoltato con molta attenzione il servizio dove una ragazza sta molto bene dopo aver abortito.
Perfetto... io ho perso un figlio e non sono felice... ho perso un nipote e non sono felice... anzi questo dolore è stata occasione per verificare la bellezza della vita.
Giustamente Veronica Pivetti è felice perché un uomo difende una donna... ma tutti i bambini abortiti... da chi sono difesi?
Meglio non metterli al mondo.
Altro suggerimento... ogni medaglia ha il suo rovescio... perché non intervistare chi è molto felice di aver donato al mondo una speranza con uno o più figli???
Credo che chi ha tanta speranza non uccide... uccide chi ha il cuore disperato.
Le auguro, a lei che tanto ama suo figlio, di incontrare qualcuno che ha il coraggio di mettere al mondo bimbi senza i quali il nostro futuro non sarà tale. ultimo e non ultimo suggerimento... se una ragazza non sa come fare... sarebbe il caso di farle compagnia non di abbandonarla.
Buona serata Maria Antonietta Bertolini

Sabato 24 aprile 2021 15:49:37

Buongiorno Sig, Massimo, Sono Nunzio Distefano Resp. del Nuoto UISP Piemonte residente a Torino, nel primo messaggio che conteneva il link dell'intervista sono stato molto veloce ed ho dimenticato di segnare il numero del cellulare 335------- se mi dovesse contattare. Ho detto quelle cose per dare vita a tutti i partigiani che sono morti per la nostra LIBERTA.

Sabato 24 aprile 2021 11:23:55

[La curiosità]

Carissimo Massimo, potresti mandare un saluto a mia madre Vincenza? Vi guarda sempre e adora entrambi (Augias e te). È una prof in pensione. 83 anni. Convintamente vaccinata. Ama l'arte e la cultura in genere. La sua curiosità la porta a studiare e a leggere con assiduità tutti i giorni e la sta salvando. Firmato Francesca (la figlia distrutta dalla depressione)

Commenti Facebook