Messaggi e commenti per Matteo Renzi

Messaggi presenti: 171

Lascia un messaggio o un commento per Matteo Renzi utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Domenica 5 aprile 2020 20:19:44

Buonasera signor Renzi vorrei dirle che sono d'accordo con lei nel fare riaprire l'Italia un po' per volta, ma oltre alle aziende ci sono le scuole. Perché le dico questo, se mandati i genitori a lavoro questi bambini con chi stanno 8 ore al giorno? Allora io dico una cosa, perché non fare i test ai bambini e docenti giovani e bidelli? In modo graduale prima gli asili, poi elementari e medie. Non ho detto superiori e università perché sono già grandi per poter studiare da casa oppure fare delle lezioni con piccoli numeri di studenti, magari chi ha i debiti da recuperare. I piccoli invece se non riaprono le scuole, la maggior parte sta con i nonni allora che senso a fare uscire prima i giovani, quali sono questi giovani, i genitori si e bambini no? Qualcuno dirà ci sono le babysitter, ma costano, chi le paga lo stato, per quanto e quanto, poi anche lei va controllata. Spero abbia capito il mio discorso la ringrazio, mi piacerebbe conoscerla di persona. Grazie buona serata

Domenica 5 aprile 2020 10:32:46

Buongiorno signor Renzi e buona domenica delle Palme. Le ho scritto già due sms, spero li abbia letti, oggi volevo dirle che mi piacerebbe sapere chi e veramente la Oms, so che cos'è ma cambia idea continuamente. Poi ho letto che il Regno Unito a di nuovo cambiato idea sull'immunità, perché noi in Italia non se ne parla, sembra quasi una bestemmia. Io però o il mio pensiero, se il virus è in circolo da ottobre novembre, io che sono ignorante in materia penso che ormai la gran parte della popolazione è stata già contagiata. Poi ci sono i numeri che secondo me li danno un po' a caso, a due mesi che ci siano 700 morti di Covid19 tutti i giorni, bho. Poi ora i giovani sani sono a rischio, i bambini lo stesso, lo dice la Oms, ma come faccio a credere a tutte queste cose, dopo che sono a casa dal 24 di febbraio quando hanno chiuso le scuole? Se era nell'aria eravamo tutti malati. Poi un'altra cosa che mi dispiace molto è che ci siamo scordati degli altri malati, che fanno vittime tutti i giorni in tutto il mondo, ora tutti morti per covid? Per favore Renzi ci faccia chiarezza, io penso che purtroppo così piangeremo altri deceduti di altre cose.. grazie buona giornata e sopratutto buon lavoro.

Domenica 5 aprile 2020 09:50:14

Caro Matteo, per coloro che, senza motivo non rispettano le regole di scurezza sul coronavirus, suggerisco di non far loro la multa ma di segnalare i loro dati anagrafici a tutti i presidi ospedalieri affinchè, in caso di loro richiesta di ricovero per suddetta malattia, vengano accettati per ultimi e siano a loro addebitate tutte le relative spese sanitarie.

Sabato 4 aprile 2020 10:48:08

Buongiorno signor Renzi io vorrei dire solo due cose. Basta che tutti faccino pace col cervello, perché dopo 2 mesi e mezzo ancora ci dicono miliardi di cose tutte diverse, a me hanno stancato tutte queste chiacchere e parlo anche di scienziati importanti che cambiano idea da un'ora all'altra. Non sento mai parlare professori o dottori normali che secondo me dicono cose semplici e vere, ma come ho detto ieri siccome sono controcorrente li fanno tacere. Ci impauriscono sempre di più, sembra che questo virus sia mortale appena esci di casa, senza ricordare che ci sono malattie che fanno più morti, anche dei bambini ma nessuno ne parla perché? Io capisco che è sconosciuto ma solo in Italia mi sembra che ci sia un'informazione eccessiva, quindi se non si conosce perché si parla troppo (secondo me) i giovani si, i giovani no, i bambini si, i bambini no, l'aria si, l'aria no, ma insomma. Grazie davvero per la lettura. Buona giornata

Sabato 4 aprile 2020 10:13:07

Caro Senatore Renzi, sono un medico responsabile di Struttura Complessa di Otorinolaringoiatria in Friuli, non schierato politicamente.
In questa follia mediatica assurda di proclami e grida spagnole, ho sin da subito intuito che farsi trascinare dal panico ci avviterà in una spirale di contrasti sociali ed economici che pagheremo per decenni, e i morti (pare si debba parlare solo di quello) che derivano da quello che stiamo facendo ora, saranno ben di più degli attuali.
Cii siamo dimenticati che ci si ammala e muore anche di tutto il resto, come se non peggio di prima. Ad esempio mi risulta che gli infartuati accedano alle cure emodinamiche nel doppio del tempo del periodo pre pandemia.
Mi creda, molti colleghi la pensano più o meno come me, ma sono impauriti da questo clima di caccia alle streghe ed esprimono opinioni solo in privato.
Lei mi sembra l’unica persona rilevante nel panorama politico che ragiona sul medio-lungo termine in maniera chiara e soprattutto lucida, senza farsi trascinare dall’umore delle masse impaurite fino alla follia.
Il mio punto di vista è che non è che dobbiamo essere terrorizzati dal convivere con il virus, questo è scontato; da millenni conviviamo con i virus tant’è che alcuni sono addirittura incorporati nel nostro genoma...
La questione è affrontare il problema in modo pragmatico per poter prendere le decisioni politiche giuste.
In mancanza di dati seri su prevalenza (diffusione dei casi che hanno contratto la virosi), letalità (se non sappiamo la diffusione reale è impossibile calcolarla) guariti (dato assolutamente inutile e propagandistico: più aumenta la massa dei contagiati più aumenta la massa dei morti ma anche dei guariti, ma non è un risultato negativo o positivo di nessuno se non del sistema immunitario di ogni singolo paziente) esiste un unico dato significativo:

L’andamento dei ricoveri dei casi Covid+ nelle terapie intensive.

È un dato istantaneo facilissimo da reperire su scala locale, regionale o nazionale. Se possiamo garantire a tutti il posto abbiamo raggiunto il massimo di quello che si può fare ora, senza un vaccino in mano né farmaci sicuramente efficaci.

Questo è allo stato attuale delle cose l’unico indicatore valido della possibilità di gestire il sistema. I test sierologici sono un’ottima proposta, ma allo stato attuale non pare siano così affidabili e standardizzati, e hanno già innescato polemiche a non finire, vedo una possibilità di usarli su vasta scala non prima di un paio di mesi.

Se ho i dati, aggiornati quotidianamente, dell’andamento dei ricoveri dei casi Covid+ nelle terapie intensive posso decidere a priori che riapro (ma anche richiudo) le attività se l’andamento dei ricoveri in terapia intensiva scende del XX% al gg per tot gg oppure sotto XX % dei posti letto disponibili. Posso anche stratificare le attività (compreso soprattutto la cura di tutte le lotte patologie) per grado di rischio di contagio in 3 o 4 mega categorie e stabilire valori diversi per le aperture e eventuali richiusure graduali.
Stabilirlo e votarlo in parlamento. Dopodiché non servono i proclami dei presidenti delle regioni, della Protezione Civile o di chissà chi. E tutto sarà più chiaro anche sul versante del mondo imprenditoriale.
E posso capire che fare i tamponi serve fondamentalmente per stabilire se il paziente che abbiamo davanti sia o no un caso Covid con tutto quello che ne consegue dal punto di vista assistenziale ed epidemiologico.
Scusi il lungo sfogo ma veramente non se ne può più della navigazione a vista a colpi di DPCM verso il nulla.

La ringrazio infinitamente se avrà avuto la possibilità e la pazienza di leggermi.
Con grande stima le auguro un buon lavoro, cordialmente

Cesare Miani

Venerdì 3 aprile 2020 20:29:57

Se vuole facciamo cambio... Lei viene a trascorrere la quarantena nei 35 metri quadri del mio monolocale ed io vengo a passarla a casa sua e nel suo piccolo giardino... che ne dice??? Di lei non ci si deve fidare. Perché non parte per il Brasile a fare la bella vita con tutt i soldi che ha! ! (vabbè che se la sta facendo anche qui la bella vita con i soldi degli italiani del ceto medio-basso). Vergogna!!! Ritirati!!!

Venerdì 3 aprile 2020 15:57:30

Buonasera Senatore sono completamente d accordo con lei x riaprire le attività xche tra qualche giorno dobbiamo fare i conti con molta gente che nn ha piu un centesimo e magari disoccupata e senza casa xche la riprende la banca. Quindi dico ma è cosi difficile far uscire le persone di casa x andare a lavorare vestite da Ris con tuta occhiali mascherine guanti etc? ? Tenere la distanza di sicurezza e l igiene giusta? ? Xche nn può proporre una cosa del genere e effettuarla? ? Perché vogliono far morire l Italia? ? Ho dato un occhiata ai dati a Firenze nn siamo messi male con i contagi e le morti come in tutta la toscana, quindi secondo me è da valutare anche questo. Grazie dell attenzione e speriamo di ripartire quanto prima.

Venerdì 3 aprile 2020 12:06:59

Salve SENATORE, bella e la vita con lo stipendio da Sen. ma sicuramente non ha donato nemmeno un CENTESIMO a chi ne ha piu` bisogno, ci saranno anche a Firenze dei senza tetto o fam. dove lievitano nei centri sacco alimentare, non si sente che lei visto che in questo momento non fate un C... o pero` percepite lo stipendio intero, LA parola noi lavoriamo per gli ITALIANI, sta` per finire, IO avevo gia` predetto da almeno 6 Anni che l`Italia come il resto del mondo prima o poi avrebbe dovuto fermarsi e ripartire da ZERO, non chiaramente sotto questa forma, Ma qualche cosa che avrebbe indotto allo STOP della produzione che non e` legata hai consumi, ma forse questo Voi che non lavorate come ma che ho 67 Anni, Gente come Lei non si preoccupa dei figli, perche` loro avranno comunque come vivere con tutto il Capitale accumulato in tutti gli Anni da quando ha capito che e solo la Politica che paga,. Mi vuole rispondere e conoscermi di persona e far partire una QUERELA, IO sono qui che aspetto anche ad aprirle quegli OCCHI, la verita` fa male, ma gente come Lei che non ha VERGOGNA e DIGNITA` non si scomoda certo ad avere un confronto diretto, Magari in Televisione visto che le piace molto apparire.
Ci pensi, IO sono disponibile a metterci la faccia e farmi conoscere di persona, e Lei ??? lascio anche il mio numero, 347--------... ! ASPETTO.

Venerdì 3 aprile 2020 11:02:57

Buongiorno Senatore scrivo dalla provincia di Firenze ho 40 anni e vorrei dirle che sono d'accordo con lei. Ci hanno imbottito di informazioni dette ognuno a modo suo a partire dagli scienziati che cambiano idea ogni due per tre. Poi ogni volta che qualcuno dice il contrario sembra pazzo e lo fanno tacere. Hanno detto che non apriranno le scuole però facciamo prima uscire i giovani, quali? I ragazzi di 20 anni che vanno a scuola, oppure i 30enni disocuppati, oppure i genitori sani che lasciano i bambini ai nonni, quelli che rischiano di più? Mha a me sembra una cavolata, i bambini a mio parere sono i primi da dover controllare, insieme alle insegnanti giovani precarie e farli tornare in un ambiente sanificato, dove non entra ed esce nessuno a parte i docenti e bidelli. Anche perché è assurdo che i genitori vadino a lavoro e i bambini con nonni o babysitter, non è un controsenso? Poi non capisco perché noi non possiamo parlare di immunità, io ho 3 nipoti dell'elemantari e asilo, le dico che nei mesi invernali i bambini si sono ammalati quasi tutti, quindi potrebbero essere immuni. Poi ho letto un articolo che diceva che l'anno scorso sono decedute 18. 000 persone... perché non si muore di virus, si muore anche e soprattutto di altre malattie, il virus fa sì che si complichi le cose. Il patentino deve partire dai bambini e dai lavoratori che sono sani. Si immaginano lo scenario se stanno a casa fino a settembre, quanti soldi ci vogliono per camparci tutti. Non dico di aprire tutte le scuole, ma almeno elementari, medie, asili magari una regione per volta, noi del centro sud non possiamo pagare le cavolate del nord. Grazie mille buona giornata.

Venerdì 3 aprile 2020 10:35:14

Caro Matteo,
Sono un piccolo imprenditore di prato, e vorrei condividere con te, una discussione a fronte delle attuali circostanze. Inoltre, vorrei sottoporti un grave problema che riguarda un importante Brand di moda di Firenze.
Spero che mi darai la possibilità di poterti conoscere e di poter affrontare con te, quanto sopra.
Con affetto
Paolo Salinaro

Commenti Facebook