Messaggi e commenti per Mario Monti

Messaggi presenti: 133

Lascia un messaggio o un commento per Mario Monti utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Mercoledì 2 maggio 2012 18:53:44

mario mario mario...il governo monti ci ha portato a valle con i panni!!!

Sabato 28 aprile 2012 15:15:54

28/04/2012
L'UOMO DELLA PROVVIDENZA
Il Paese Italia è in crisi, ma ogni partito non può proporre di aumentare le tasse già alte ai cittadini poiché scomparirebbe dall'agone politico.
Il presidente della Repubblica intuisce la situazione e trova l'uomo della provvidenza, professionale, equilibrato, di prestigio, di buon senso, che accetta di risolvere la difficile situazione utilizzando un nuovo vocabolo economico, lo spread, che dice della differenza tra il tasso della obbligazione più alta e la più bassa, L'operazione ha successo, lo spread diminuisce con la felicità dei tre partiti di destra, centro e sinistra che non essendo loro coloro che hanno aumentate le tasse, possono ancora vivere di laute prebende ed in alcuni casi particolari di ruberie, dato che sono intoccabili.
Lo spread, ora, invece aumenta anche se le tasse sono aumentate, per cui ora si dice che non è il caso di sovra valutare il valore dello spread.
Si pensa che il cittadino sia un imbecille o uno smemorato?
Se quello è il misuratore della situazione economica, ora l'uomo della provvidenza deve avviare lo sviluppo, riducendo di un terzo le spese della politica, le spese annuali per lo Stato sono di circa 500 miliardi, trascurando la sanità che per altre vie finanziata.
I politici si trincerano dietro i loro privilegi con varie valutazioni, dicono che accetterebbero una limitata riduzione non nel numero, ma solo dei proventi, con un adeguato controllo delle spese fatte.
Così potranno sempre perpetuare il metodo usato per le società gestite dai politici, alla televisione, alla radio, negli ospedali, teatri, banche, centrali del latte, centrali termiche, trasporti ferroviari, tranviari, metropolitani, aeroportuali delle società regionali, provinciali, comunali, che nel caso di fallimento o difficoltà economiche, sanno come riequilibrare, tramite i soldi dei cittadini.
I cittadini si rivolgono all'uomo della provvidenza, operi nel senso utile al paese Italia, i tre partiti si rifiuteranno di votare una riduzione del numero e dei loro introiti.
Lei che ha capacità professionali e pertanto può vivere ugualmente decorosamente, minacci d'andarsene, vedrà che accetteranno la situazione imposta, poiché loro non hanno mai lavorato e non saprebbero cosa fare senza la politica.
In tal caso, i cittadini e non solo i politici ricorderanno l'uomo della provvidenza, che passerà nella storia del Paese Italia.
IL GOVERNO OMBRA DEI MATEMATICI

Sabato 21 aprile 2012 14:45:36

LA RIVOLUZIONE
Per il successo di una rivoluzione sono necessarie tre componenti :
1.La componente ideologica è fornita da una minoranza culturalmente preparata che vede le anomalie del presente e illustra come superarle per avere un futuro migliore .
2.La componente economica numericamente più consistente della precedente e finanziariamente benestante, che chiede l'eliminazione alla guida del Paese del Potere costituito con la sostituzione di una nuova classe dirigente.
3.La terza componente operativa risulta la più numerosa e economicamente poco o nulla tenente , per cui da una rivoluzione può solo ottenere dei vantaggi , ma è coinvolta ideologicamente dalle idee fornite dalla prima componente e sostenuta economicamente dalla seconda .
Nel 1789 il potere era gestito dalla Nobiltà senza limitazioni nei confronti delle tre componenti che avrebbero attuato la rivoluzione .
La parte culturalmente preparata evidenziò gli arbitri e propose un nuovo corso Societario : Voltaire evidenzia le irrazionalità del potere costituito , Rosseau mostra le strade per un nuovo contratto Sociale tra gli uomini , dietro a loro si forma una nuova classe intellettuale con varie sfumature di pensiero rivolte ad un cambiamento istituzionale .
La componente economicamente prioritaria formata dalla nuova classe imprenditoriale chiede di poter guidare il Paese , poiché nelle sue mani si trovano la finanza , l'industria , il commercio , ma manca della forza per battere la classe Nobiliare .
Per avere ragione della forza conservatrice delle istituzioni Nobiliari si utilizza il pensiero degli intellettuali e la forza dirompente della manovalanza , in parte affamata ed in parte ideologicamente formata dai pensieri innovatori.
La Borghesia ha successo sulla Nobiltà e si affermano i nuovi concetti di libertà , fraternità , legalità
Vediamo in Italia se esistono queste tre componenti.
In Italia la componente culturale è data da la quasi totalità della popolazione che vede nella politica dei partiti un solo interesse personale contrario agli interessi della popolazione e pertanto auspica per il futuro un governo tecnico per il superamento degli interessi personali.
Scritti al riguardo possono trovarsi fin dal giugno 2003 a pagina 54 sul libro
" Progettiamo un nuovo Mondo" libro che dal 2004 è nella biblioteca dei Presidenti della Repubblica protocollo SGRP 06/09/2004 0085727 P
Manca la componente economica per il sostegno della rivoluzione, poiché coinvolta con il potere politico attuale.
Manca la componente operativa, poiché i due milioni di disoccupati sono tutelati in parte dallo Stato con le tasse pagate dai lavoratori ed in toto dalle famiglie.
Quando i due milioni di disoccupati saranno alla fame, mancando il sostegno familiare, esisterà la rivoluzione, sempre se il potere economico sosterrà la loro operatività.
IL GOVERNO OMBRA DEI MATEMATICI

Mercoledì 18 aprile 2012 20:14:57

Rispondo a Giuseppe Goria e amici Sono in sintonia con la richiesta fatta il 6 marzo 2012, pure comparsa sul libro " Progettiamo un Nuovo Mondo" pubblicato nel Giugno del 2003,a pagina 54.
Una copia del libro si trova presso la bibbioteca dei Presidenti della Repubblica Italiana, protocolllo SGPR 06/09/2004 0085727 P

Domenica 15 aprile 2012 18:39:53

Caro Professore,le ho già scritto,sono quel suo vecchio compagno del Leone XIII. Oggi comincio ad aver paura sul proseguimento della imperdibile esperienza del suo governo.
Accetti un consiglio da un vecchio esperto di comunicazione: faccia star zitti i ministri. Parli solo Lei di crescita e di sogno. E' una mission impossible, ma Lei è stato chiamato per questo. Verifichi con Napolitano, informi la triplice e poi decreto sempre evitando i voti segreti (ci sarà un modo). Credo che in molti italiani normali ci sia un consenso assai elevato. Serve un concreto elenco di tagli alle spese ministeriali e ai privilegi (ferie, viaggi, consulenze,rimborsi elettorali, organizzazione del lavoro che tenga conto che non serve più la carta si riparta da moderni uffici (computer,firme elettroniche,assunzione di hackers da usare come ispettori).Certo diminuiranno gli impiegati dello stato che ormai creano solo confusione per giustificare la loro stessa esistenza. Confronto dei costi di gestione delle diverse regioni: licenziamento dei parassiti (immediato).Studio accurato della possibilità di eliminare i diritti acquisiti (se non ora, quando?).
tante piccole cose fanno immediatamente un effetto positivo.
335-------

Sabato 14 aprile 2012 14:58:17

I PAESI DELL'EUROPA FALLITI.
I giornali tacciono, le strutture politiche pure, ma la Grecia è fallita, le obbligazioni in scadenza 20 marzo 2012 e le future non sono onorate, il ritardo non è di giorni o mesi, ma unitariamente il debitore allunga il pagamento fino al 2042 ( trent'anni, più di una generazione).
Se questo è il comportamento dei controllori economici Europei, che permettono tali procedure è pensabile che a tempi brevi falliranno pure Irlanda, Portogallo, Spagna e Italia.
Perché non dovrebbero comportarsi come la Grecia?
In Italia sono in embrione tali comportamenti, i politici hanno chiesto opere agli industriali loro sostenitori, ma per ora si guardano bene d'onorare le spese, per cui alcuni si suicidano non potendo pagare i loro dipendenti, mentre i politici mantengono costanti i tempi e costi dei rimborsi elettorali.
IL GOVERNO OMBRA DEI MATEMATICI

Lunedì 9 aprile 2012 15:43:32

LA RIDUZIONE DELL'ORARIO LAVORATIVO
Le società industriali non ricordano o non capiscono come il mondo si è evoluto e si evolve.
Dal periodo del Padrone delle Ferriere ad oggi il tempo per il lavoro giornaliero si è ridotto a otto ore ( circa la metà ), riducendo la settimana lavorativa a 5 giorni.
Ma vediamo le motivazioni a tale riduzione.Nel periodo del padrone delle ferriere la produzione era limitata, poiché la forza lavoro era praticamente manuale sia nel produrre che nel amministrare la situazione aziendale.
L'uomo forgiava il ferro reso incandescente con il martello e si amministrava tramite lo scritto con la penna d'oca.
Il mondo progredisce e aumenta la produzione poiché per forgiare il ferro si usano le presse e per amministrare si usa la macchina da scrivere, se la produzione aumenta è necessario un numero maggiore di lavoratori, che determinano maggiori introiti all'investitore.
Gli introiti sarebbero stati a solo vantaggio del proprietario se i lavoratori non si fossero associati in una loro rappresentanza"i sindacati", per chiedere un maggior salario e una diminuzione delle ore di lavoro.
I sindacati hanno avuto successo aumentando i salari ai lavoratori e permettendo una diminuzione di ore lavorative.
Il successo è stato possibile solo perché il datore del lavoro ha concesso parte degli aumentati introiti, in parte a se stesso ed in parte ai dipendenti.
In semplici parole, il datore del lavoro ha dato parte degli utili ai collaboratori e la riduzione dell'orario per il lavoro, in caso contrario non avrebbe fornito nessun utile al lavoratore, poiché o si impoveriva o falliva.
Quindi sono le situazioni tecnologiche ed economiche societarie che permettono utili maggiori agli investitori e ai lavoratori.
La scienza e tecnologia progredisce e aumenta la produzione, tralasciamo le varie trasformazioni per arrivare ai giorni nostri dove la produzione viene robotizzata e le procedure informatizzate con una riduzione sostanziale dei lavoratori per una produzione maggiore.
La società è in crisi, poiché bisogna innovare per utilizzare i lavoratori disoccupati e ottenere un maggior utile economico per progredire.
L'innovazione quando si verificherà non sarà sufficiente ad impiegare tutti i lavoratori, poiché la produzione è robotizzata e le procedure sono informatizzate, perciò l'unica soluzione è la riduzione dell'orario e degli stipendi per i lavoratori.
Una settimana di 36 ore per 4 giorni settimanali con l'utilizzo dei 22 milioni di lavoratori italiani
(20 milioni di occupati e 2 milioni disoccupati) con una riduzione dello stipendio medio del 9%, permetterà alla società di proseguire nella via del progresso societario.
Nel secolo scorso la settimana lavorativa si ridusse a 5 giorni, l'attuale secolo potrebbe essere ricordato per la settimana lavorativa di 4 giorni, dimostrando che il progresso operativo delle società evolute, permette ai loro popoli un miglioramento della vita.
IL GOVERNO OMBRA DEI MATEMATICI

Giovedì 22 marzo 2012 08:09:14

Perché ci lamentiamo della scritta "FORNERO AL CIMITERO" sul petto di una manifestante comunista abbracciata da Diliberto ?
Le radici del comunismo dettate da Marx prima e da Lenin poi, sono basate sul principio che l'avversario politico e' un NEMICO che va' prima insultato poi demonizzato e infine eliminato fisicamente .
90 milioni di cadaveri nei paesi dove e' il comunismo andato al potere lo dimostrano .
I due compari di cui sopra applicano il suddetto principio. Per ora solo a parole !
Cittadini elettori di estrema sinistra: continuate a votare Diliberto & Co. : sarete serviti.Il fatto è che saremo serviti tutti !!

Mercoledì 21 marzo 2012 01:01:09

Ma perché ve la prendete sempre con i lavoratori? e come pensate di creare nuova occupazione? forse lasciando a casa chi è stato licenziato ingiustamente? Ma vi rendete conto delle stupidagini che dite? e il bello è che continuate ad insistere non fate prorio una bella figura, non so se ve ne rendete conto

Martedì 6 marzo 2012 19:59:25

Concordo con il Sig. Gloria che i governi tecnici sono stati le nostre ancore di salvataggio ogni volta che abbiamo dovuto prendere decisioni importanti ed irrevocabili. La classe politica nel suo insieme raramente ci è stata di aiuto, più spesso ci ha messo in difficoltà. Tuttavia i politici, magari quelli con la P maiuscola, sono indispensabili, in quanto interpreti della nostra molteplicità. Bisogna sceglierli bene (fare buone primarie) e controllarli meglio (vigilando attentamente sul loro operato). Intanto Monti va bene, dovrebbe avere un pò più di coraggio nel liberarci dai tanti parassiti (soprattutto ai livelli superiori) che dissanguano il nostro organismo sociale.

Commenti Facebook