Biografie

Diego Velázquez

Diego Velázquez
Diego Velázquez nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Diego Velázquez

Biografia Inconfondibile pienezza

Diego Rodriguez de Silva y Velazquez nasce qualche giorno prima del 6 giugno del 1599 (giorno in cui viene battezzato) in Andalusia, a Siviglia, figlio di Juan, avvocato portoghese di origini ebree, e di Jeronima Velazquez, appartenente alla nobiltà minore degli hidalgo. Dopo aver ricevuto un'educazione religiosa e una discreta preparazione filosofica e linguistica, studia presso Francisco Herrera il Vecchio, pittore da cui impara a utilizzare i pennelli con setole lunghe. A dodici anni abbandona lo studio di Herrera e diventa apprendista di Francisco Pacheco: qui rimane per cinque anni, studiando la prospettiva e le proporzioni.

Negli anni Venti del Seicento Velazquez gode già di un'ottima reputazione: sposatosi con Juana, figlia di Pacheco, diventa padre di due bambine, e in questo periodo realizza il dipinto "Jesus y los peregrinos de Emaus", dal quale si intravede il suo realismo attento. Nel 1623 gli viene commissionato un ritratto del re Filippo IV di Spagna: il dipinto viene realizzato in un giorno solo, e convince il Duca Conte de Olivares, ministro del re, a indurlo a trasferirsi a Madrid, nominandolo pittore di corte. Potendo contare su alloggio gratuito e su venti ducati di stipendio al mese, Velazquez si stabilisce definitivamente nella capitale. Nel 1627 Filippo IV decreta una competizione tra i pittori migliori della nazione, con la cacciata dei mori come tema: a vincere è Diego, il cui dipinto, però, verrà distrutto in occasione dell'incendio di palazzo del 1734. Egli, in ogni caso, diventa - grazie a quest'opera - cerimoniere di corte.

Nel 1629, il pittore andaluso si sposta in Italia: si tratta di un momento fondamentale nell'evoluzione del suo stile di pittura (oltre che del mecenatismo della monarchia spagnola, visto che il viaggio viene finanziato da Filippo IV). Il primo viaggio in Italia, secondo la categorizzazione degli storici d'arte, dà il la al secondo periodo di Velazquez, mentre il secondo viaggio viene fatto corrispondere all'inizio del terzo. Tornato in Spagna, l'artista ritrae Don Baltasar Carlos, erede al trono iberico, in molte opere: protetto come sempre dal ministro Olivares, Diego non manca di rappresentare anche il suo tutore.

Nel frattempo la sua arte raggiunge una pienezza inconfondibile: a seconda delle diverse commissioni del re, si alternano toni e armonie differenti. Rare composizioni a sfondo religioso, come il "Cristo flagellato" conservato attualmente nella National Gallery di Londra, si alternano a opere più barocche, come il "San Tommaso" visitabile nel museo diocesano di Orihuela. Non mancano, poi, le opere realizzate per oratori o monasteri, come l'"Incoronazione della Vergine" e il "Crocefisso scultoreo olimpico", situati al Prado.

Tra il 1636 e il 1639 Velazquez dipinge per la Torre de la Parada l'"Esopo" e "Marte": seguono "La fucina di Vulcano" e la "Venere allo specchio", realizzata forse in Italia, sicuramente negli anni Quaranta. Destinato, invece, al salone dei Regni del ritiro è il capolavoro "La resa di Breda", dai colori raffinati, con contrapposizione di toni. Con il passare degli anni, l'artista iberico tende a specializzarsi nel ritratto, con protagonisti presi soprattutto dalla famiglia reale. Si citano, tra gli altri, i ritratti di cacciatori di Filippo IV, di Balthasar Carlos e di Don Ferdinando, fratello del re, ma anche il "Ritratto di Fraga", risalente al 1644 (attualmente fa parte della Frick Collection a New York) che impressiona lo spettatore per gli accordi argento e rosa. D'altra parte, Velazquez si dedica anche alla rappresentazione dei cosiddetti hombres de placer, vale a dire buffoni e nani di corte: immortalati in pose teatrali o ironiche, presentano uno sguardo acuto e perfino insostenibile. Rivelano, in sostanza, la profonda umanità di Velazquez.

Nella sua rassegna, per altro, non mancano alti dignitari, come il Conte di Benavente, e visitatori di prestigio, come Francesco I d'Este. Anche familiari e amici rientrano nella creatività di Diego: il ritratto della moglie Juana è situato al Prado, mentre quello di Juan de Pareja, suo collaboratore mulatto, appartiene a una collezione privata britannica. Quest'ultimo dipinto risale al 1650: in quell'anno, l'artista si trova a Roma, dove è stato chiamato per ritrarre Papa Innocenzo X. Un quadro autorevole e audace, luminoso e imponente, che viene considerato da molti il capolavoro del ritratto barocco. È bene sottolineare, per altro, che il secondo viaggio italiano di Velazquez lascia spazio a un periodo di dieci anni contraddistinti da un rinnovamento dello stile. Ma anche dei temi: ai ritratti del re, ormai indebolito e sciupato, si affiancano quelli dei nipoti ("Infante Felipe Prospero" e "Infanta Margarita Maria in veste blu") e della regina Maria Anna. Si tratta di modelli tanto graziosi quanto rigidi e indifferenti: non personaggi, ma semplici elementi armonici.

Le ultime due importanti opere di Velazquez sono "Le filatrici" e "L'infanta Margherita e le sue dame", attualmente conservate entrambe al Prado: la prima si presenta come la raffigurazione di una bottega di tappezzeria che rievoca il mito di Aracne; la seconda, invece, si propone di immortalare la vita di corte di un qualsiasi pomeriggio estivo, tra nani, damigelle d'onore e animali. Un quadro molto particolare, non solo perché viene raffigurato lo stesso pittore impegnato ad agire su una tela, ma anche per la misteriosa tenerezza della luce. Insomma, partita dal tenebrismo, la parabola artistica di Velazquez si conclude - o completa - in un particolare impressionismo.

Nel 1660 Velazquez si trasferisce sull'Isola dei Fagiani, situata sul fiume Bidasoa, per curare l'ornamento del tendone spagnolo e dell'allestimento scenico in vista del matrimonio tra Luigi XIV di Francia e Maria Teresa di Spagna, che sancisce la pace tra i due Paesi. Tornato a Madrid, viene colto, poco meno di un mese dopo, da un attacco di febbre, probabilmente conseguenza del soggiorno in quell'isola paludosa.

Muore il 6 agosto del 1660, dopo aver firmato un testamento in cui nomina unici esecutori il curatore dei registri reali Fuensalida e la moglie, che però morirà una settimana dopo. Sepolto nella chiesa di San Giovanni Battista nella cripta dei Fuensalida, attualmente la sua tomba non può essere identificata con precisione, in quanto la chiesa venne distrutta nel 1811 dai Francesi.

Frasi di Diego Velázquez

4 fotografie

Foto e immagini di Diego Velázquez

Loading...

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Diego Velázquez ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Diego Velázquez nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Diego Velázquez

11 biografie

Nati lo stesso giorno di Diego Velázquez

Ben Jonson

Ben Jonson

Drammaturgo e poeta inglese
α 11 giugno 1572
ω 6 agosto 1637
Domenico Modugno

Domenico Modugno

Cantante e attore italiano
α 9 gennaio 1928
ω 6 agosto 1994
Jorge Amado

Jorge Amado

Scrittore brasiliano
α 10 agosto 1912
ω 6 agosto 2001
Papa Paolo VI

Papa Paolo VI

Pontefice della Chiesa cattolica italiano
α 26 settembre 1897
ω 6 agosto 1978
Theodor W. Adorno

Theodor W. Adorno

Filosofo tedesco
α 11 settembre 1903
ω 6 agosto 1969
Antoon van Dyck

Antoon van Dyck

Pittore belga
α 22 marzo 1599
ω 9 dicembre 1640
Francesco Borromini

Francesco Borromini

Architetto svizzero - italiano
α 25 settembre 1599
ω 3 agosto 1667
Oliver Cromwell

Oliver Cromwell

Condottiero e politico inglese
α 25 aprile 1599
ω 3 settembre 1658