Messaggi e commenti per Corrado Augias

Messaggi presenti: 565

Lascia un messaggio o un commento per Corrado Augias utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Leggi anche:
Frasi di Corrado Augias

Venerdì 7 maggio 2021 23:47:12

[Rai 3- del 7/5/21]

Buona sta sign. Augias,
Personalmente mi sembra corretta la proposta del Presidente USA di togliere i brevetti sui vaccini. Da chimico ritengo che ci sia molta differenza tra l’ invenzione di un nuovo farmaco, che richiede studi e ricerche rispetto un vaccino la cui preparazione, oramai, richiede una metodologia oramai
consolidata partendo dal virus rendendolo non attivo. (infatti sono molte le Soc. che creano i vaccini; basta avere apposite apparecchiature e “lavorare in sicurezza”).
Saluti sinceri!
Tito A. Massimino
Milano

Venerdì 7 maggio 2021 18:58:45

Buonasera, vorrei complimentarmi con lei, la seguo tutti i venerdì su rai3.
Trovo interessante il suo modo di fare e parlare, si fa' capire da tutti.
Grazie del suo insegnamento, fa' bene a tutti ascoltarla.
Cordiali saluti
Serena da Quarrata

Venerdì 7 maggio 2021 13:27:38

[Amarcord]

RIcordo il pulmino verde con sportelli incernieratianteriormente della A. M. che spesso al mattino mi lasciava all'asilo a Roma mentre accompagnava mio padre Francesco e suo padre in divisa al Ministero della difesa. Suo padre secondo il mio era giustamente un suo entusiasta ammiratore. Sarei felice di una chiacchierata su quei tempi (62-67).

Venerdì 7 maggio 2021 13:07:04

La stimo tantissimo Dott.. Augias. Ormai è diventato un tormentone. Il suo... prenda una posizione, abbia coraggio. Al dott. Zanchini. Se non lo dice ci rimango male.
Con stima
Olindo mosconi

Venerdì 7 maggio 2021 00:24:13

Bimbo italiano di 19 mesi affetto da Atrofia Muscolare Spinale


[Appello urgente per bimbo italiano di 19 mesi affetto da Atrofia Muscolare Spinale - AIUTIAMO PAOLO]

Gentile Corrado,
Sono una cittadina Italiana residente a Bruxelles.
Le scrivo per sottoporre alla Sua attenzione il caso di un bambino Italiano dell’età di 19 mesi.
Si chiama Paolo ed è affetto da Atrofia Muscolare Spinale (SMA).
A quanto pare Paolo non rispecchia i criteri richiesti dall’Italia per poter essere curato e avere accesso ai farmaci e terapie di cui ha bisogno.
La sua unica speranza è un medicinale (Zongelsma della Novartis) molto caro (il farmaco più caro al mondo) che viene somministrato negli Stati Uniti fino ai due anni di età.
Paolo ha 4 mesi ancora per avere accesso a questo farmaco. Una volta compiuti i due anni, non ne avrà più diritto e le possibilità di guarigione saranno compromesse.
Una raccolta fondi per finanziare la terapia e l’accesso al farmaco negli USA é stata lanciata dalla famiglia. La somma necessaria è di €2 100 000. Fino ad oggi sono stati raccolti circa €200 000.
Sono venuta a conoscenza della storia di Paolo tramite alcuni quotidiani locali del Mezzogiorno. Ho iniziato facendo una donazione e sto cercando di condividere quanto più possibile la sua storia.
Sono madre di un bambino che ha l’età di Paolo. Ho la fortuna di avere un figlio in buona salute. Ciò nonostante, mi si spezza il cuore al pensiero che una madre ed un padre come lo siamo io e mio marito debbano affrontare un tale calvario. E questo calvario lo stanno affrontando da soli, perché il governo Italiano è assente e così lo è l’Europa. Come possiamo permettere che per avere diritto alla vita e alle cure mediche, cittadini italiani (ed Europei) abbiano come unica risorsa una raccolta fondi per sostenere una terapia negli USA?
Questa raccolta fondi è alimentata da persone come me. C’è chi può donare 400€ e chi ne può donare 10€.
Ma è chiaro che per raggiungere una somma di €2 100 000 i contributi dei singoli cittadini non sono sufficienti.
Ho seguito l’evoluzione della raccolta fondi e purtroppo la matematica è chiara: le donazioni giornaliere non sono sufficienti per arrivare alla somma necessaria nei tempi impartiti.
Mi appello a Lei.
Le chiedo di dar voce alla famiglia di Paolo, Le chiedo di sostenere questa famiglia, Le chiedo di non lasciarli soli e Le chiedo di dare una chance alla vita a questo bambino. Bambino che sarebbe potuto essere Suo figlio o mio figlio.
Troverà qui di seguito diversi link di articoli di giornale. C’è anche una pagina Instagram alimentata costantemente dalla famiglia del piccolo Paolo.

h ttps: //www. bar itoday. it/cro naca/rac colta-fondi-paolo-s ma- farmaco-sindaco-b itonto. html

ht tps: //www. lagaz zettadelm ezzogi orno. it/video/bari/1273655/valenzano- bimbo-affetto-da -sma-sca tta-gara-di-so lidarieta-sui-social-aiutiamo-il-piccolo-paolo. html

htt ps: //www. gofundm e. com/f/aiut iamo-il-picco lo-paolo-scavo

RingraziandoLa per la cortese attenzione,

Serena Coco

Lunedì 3 maggio 2021 17:57:18

La fisica quantistica nei romanzi di Murakami


Ho letto alcuni romanzi di Murakami.
Poco fa mi sono inoltrato in Helgoland di Rovelli e mi è sorta spontanea una curiosità.
Quanta fisica quantistica permea i romanzi di Murakami ?
Confido in una sua opinione

Sabato 1 maggio 2021 09:12:22

In “Quante storie” giustamente è stato stigmatizzato il comportamento di Erdogan e Michel nei confronti della signora Van der Leyen. Perchè in trasmissione la signora Zazza è alle spalle dell’ospite di turno? Mi sembra proprio sgarbato, quantomeno. Si può rimediare?

Venerdì 30 aprile 2021 20:53:28

Gentilissimo Augias,
lavoro come arteterapeuta, ormai da molti anni.
L'Arteterapia è una tecnica che permette di utilizzare il linguaggio dell'arte come mezzo terapeutico e che valorizza le risorse della comunicazione non verbale in un contesto di cura.
La mia esperienza in particolare con bambini e adolescenti, mi ha portato a riflettere su due aspetti fondamentali che caratterizzano i percorsi terapeutici: le emozioni e la soggettività. Due aspetti apparentemente risaputi e scontati ma che noto sempre più trascurati, in favore di una sorta di “burocratizzazione” delle varie forme di cura. Un approccio quantitativo che esclude tutto quello che sfugge a schemi di valutazione oggettiva. Su questo argomento ho scritto un breve testo intitolato “Ogni sguardo è unico” pubblicato da Bruno Mondadori.
Sarei davvero onorato di avere una sua opinione e se mi permette le invierei al più presto, a un indirizzo da lei indicato, una copia del libro.
Un cordiale saluto e davvero grazie per l'attenzione
Sergio Schenone

Venerdì 30 aprile 2021 16:16:21

Noi dipendenti della p. a. (insegnanti in particolare nullafacenti per molti) abbiamo sempre pagato fino all'ultimo centesimo le nostre tasse e i contributi. In molti casi ci siamo trovati a risolvere problemi surrogando un'azione che spettava alla famiglia spesso disastrata. Ma "usi ad obbedir tacendo" non ci piace metterci in mostra. Sarebbe simpatico che i nuovi contestatori esibissero i loro 740 e quello dei loro dipendenti nelle proteste di piazza. Nicola.

Venerdì 30 aprile 2021 14:29:48

Lavorare in una amministrazione pubblica


Buongiorno Corrado Augias,
da sempre la seguo e la ritengo (il mio giudizio vale quel che vale) uno dei migliori giornalisti! Grazie alla sua pacatezza unita alla chiarezza nell' esporre le sue ragionate tesi è un piacere ascoltarla. Anche oggi (30/04/2021) la seguivo, come tutti i venerdì, nella trasmissione "Quante Storie" sono rimasto stupido nel suo giudizio di quanti vorrebbero lavorare nella Pubblica Amministrazione. Mi spiego: ho lavorato in una pubblica amministrazione per 35 anni (ora sono in pensione), in precedenza ho lavorato per aziende private, certo si ha una certezza nella, seppur misera, busta paga ma durante questa epidemia le ricordo che la maggior parte dei dipendenti pubblici (forse la totalità) hanno continuato a lavorare da casa con i propri dispositivi e la propria connessione a Internet pagandosi le relative spese (quando al mattino si usciva tutti di casa il riscaldamento rimaneva spento fino a tardo pomeriggio) non è possibile segnare ore di straordinario nonostante si rimane al lavoro mediamente un paio di ore di più oltre il normale orario non è possibile utilizzare il buono pasto (magari farsi portare una pizza). Altre categorie ricevono la cassa integrazione e non fanno nulla.
Durante i miei 35 anni di lavoro presso una pubblica amministrazione ho sempre considerato il mio datore di lavoro il contribuente ed essendo anch'io contribuente mi sono comportato di conseguenza e così la quasi totalità dei colleghi, di certo non utilizzavo tempo e mezzi per miei privati scopi (mi riferisco al suo giudizio di chi usava l'aereo di stato per andare in ferie).
I docenti si sono trovati a improvvisare lezioni online come fosse una cosa scontata, vedo spesso collegamenti della potente Rai che si interrompono oppure l'audio inascoltabile pensi come gestire una lezione, con mezzi non Rai, in queste condizioni con la sempre nominata ma non attuata banda larga! Potrei continuare con un moltitudine di esempi ma per ora Le ricordo ancora che anche le Forze Armate (da Lei menzionate) fanno parte della Pubblica Amministrazione.
Lavorare per una Pubblica Amministrazione è quasi una missione e la maggior dei dipendenti pubblici ci mettono l'anima ma sembra che siano più importanti i pochi miseri "furbi del cartellino".

Ho scritto queste righe di getto con un po'di rabbia sarei grato di sapere se Lei "è d'accordo"

Di certo continuerò a seguirLa con piacere
Buona giornta

Commenti Facebook