Messaggi e commenti per Mario Giordano - pagina 4

Messaggi presenti: 4.247

Lascia un messaggio o un commento per Mario Giordano utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Mercoledì 13 gennaio 2021 08:43:37

La "signora pensionata" risponde al Sig. Massimiliano


Perchè si scalda tanto? Io ce l'ho con gli evasori fiscali. Si ritiene un evasore fiscale, lei? "Popolo di "deficienti", ci definisce? Forse, in parte. Però si contraddice: mentre afferma che in Italia nessuno ha interesse ad aprire una partita IVA (non vero, chi è libero professionista deve aprirla per forza) afferma pure, dandomi indirettamente "ragione", che decine di migliaia di persone si presentano nei posti pubblici per ricevere "stipendi da fame" (e, aggiungo, PAGARE LE TASSE!!!). Questo è vero, ma ciò è il retaggio del radicato, secolare, indistruttibile miraggio del "posto fisso" duro a morire nella mentalità italiana e con cui certamente lo Stato garantisce la stabilità del posto di lavoro, ma lo fa con le sue regole, vale a dire che, in cambio della stabilità, (diversa dall'IMPUNIBILITA') eroga stipendi da fame. Chi le risponde ha meditato (senza bisogno che me lo suggerisse lei) una vita intera su questo semplice assioma che ormai perfino i polli conoscono. Sono, come afferma sempre lei, infatti, una pensionata che non solo non ha mai avuto i mezzi e neppure la necessità di aprire una partita IVA essendo già titolare di una modesta pensione, ma che, a suo tempo, ha effettuato un piccolo sondaggio tra i giovani nuovi arrivati nella pubblica Amministrazione e che, neppure uno di costoro, diversamente da quanto lei sostiene, si è dichiarato disposto a rimanere nel "posto fisso": troppo malpagati, mi hanno risposto, e senza alcuna prospettiva di carriera per accedere a stipendi che rimangono pur sempre tra i più vergognosamente bassi d'Europa. "Doppiolavoristi" solo i dipendenti pubblici? E come li chiamiamo quelli che, anche nel privato, "arrotondano" dando lezioni o fornendo consulenze? Personalmente non l'ho mai fatto perchè ciò, nello Stato, si configura come reato, rientra nella "punibilità" secondo cui mi sarei giocata il posto di lavoro. Infine, per quanto attiene la sua "intimidazione" espressa col verbo "tacere", non gliela passo. Che le piaccia o no, siamo ancora in una democrazia sia pure sconquassata e posto che la Redazione di questo forum giudichi pubblicabile ciò che scrivo, ritengo che NESSUNO, neppure lei, possa mettermi il bavaglio se desidero esprimere anche la mia opinione su qualsivoglia tema. Ciò detto, la saluto.

Martedì 12 gennaio 2021 23:38:47

[PER LE SIGNORE CHE PARLANO DEGLI STATALI: ERRATA CORRIGE]

1). -"Le nomine vengono fatte dai partiti che poi piazzano i loro "eletti" sulla prima poltrona disponibile senza preoccuparsi minimamente delle competenze che il posto richiede. " 2). -"Quando dicono qualcosa di scomodo, si contesta sovrapponendo la voce su quella delgli avversario per impedire che si comprenda quello che stanno denunziando anche se non vengono del tutto messi a tacere. "

E' partita la bozza e me ne scuso.

Martedì 12 gennaio 2021 23:16:27

Salvini presidenteee

Martedì 12 gennaio 2021 22:57:34

Per le signore che parlano degli statali


La colpa non è solo degli assenteisti, di quelli del cartellino, di quelli che mangiano comodamente le granita a un metro dello sportello dove dovrebbero rispondere al pubblico e, pur vedendo davanti allo sportello accanto al loro una fila di 30 persone... non battono ciglio. Né uno dei colleghi li sollecita minimamente perchè ritornino al lavoro. La colpa non è di quelli che rivestono una funzione pubblica solo per ricevere lo stipendio. La colpa non è neppure dei dirigenti statali che non « vedono », non intervengono, non sanzionano perchè in gran parte assenteisti anche loro. La colpa è del sistema compiacente italiano, dell’abitudine a chiudere non un occhio, ma tutti e due per poi approfittare dei vantaggi che la nostra accondiscendenza ci procura. Nessuno denuncia anche perchè la denuncia non ha seguito visto che l’immancabile telefonata dai « piani alti » arriva puntuale e blocca tutto. Le rare volte che la denuncia dà dei risultati, si prendono « provvedimenti » che durano poco piu’ del tempo necessario per mangiare una pizza, tutta italiana naturalmente. Dunque si lascia fare e, a furia di lasciar fare e di cercare di adattarsi per cavare a nostra volta il ragno dal buco e non sentirci piu’ fessi degli altri, l'Italia è arrivata ad essere capace di "eleggere" degli incapaci che il popolo crede di eleggere. In realtà, i furbetti della politica hanno creato un tale labirinto di leggi e leggine, prima fra tutte la legge elettorale, per dare agli italiani l’illusione di scegliere i loro rappresentanti. Delle firme che i candidati dovrebbero raccogliere per potersi presentare non si ha notizia. Le nomine vengono fatte dai partiti nominati che poi ipiazzano i loro "eletti" sulla prima poltrona disponibile senza preoccuparsi minimamente delle competenze che il posto richiede. Fanno numero e basta. Si, perchè cio’ che conta è che il partito abbia conquistato un ministero e con esso tutti i vantaggi annessi e connessi. E' cosi' che il popolo "elettore" si ritrova al Ministero della Scuola e dell'Università una persona che dice di essere laureata, ma non lo è, al ministero degli esteri un ministro che non sputa una parola d'inglese (e non è il primo, ricordiamo Alfano che mimava a braccia spiegate davanti alle telecamere il ritardo del suo aereo) o si elegge segretario di un grande partito una persona con un diploma di 3a media.
L’Italia sarebbe da rifare dalla A alla Z. Purtroppo chi dovrebbe rifarla non ha alcun interesse a cambiare questo succulento, per loro, stato di cose che consente al manipolo di quelli che "ci sanno fare" di vivere la pacchia mentre il paese fa la fame. Conquistata la pagnotta, imparano presto a fare solo chiacchiere e a muoversi abilmente nei meandri della politica badando bene a non cambiare di una virgola le « regole » che la consentono.. Con una faccia adamantina vanno in TV solo per restare alla Ribalta e contraddire l’opposizione mentendo senza ritegno. Autentiche facce di bronzo turlupinano la stampa, che è felice di farsi turlupinare perchè ha IL PEZZO e non solo... I pochi che tentano di lavorare con serietà in tutti i campi, politica compresa, vengono sbeffeggiati e regolarmente smentiti. Si ripete fino alla nausea che sono degli imbecilli visionari e bugiardii. Quando dicono qualcosa di scomodo, si contesta sovraponendo la voce su quella dell'avversario per impedire che si comprenda quello che sta denunziando anche se non vengono del tutto messi a tacere. Una parvenza di « democrazia » bisogna pure salvaguardarla non fosse che per salvare la facciata ! Abbiamo dormito troppo a lungo, adesso è tardi. Il paese ha davanti a sé un destino sciagurato. Per cambiarlo è difficile prevedere soluzioni democrtiche. La presa di potere attuale è tale da non lasciare vie d’uscita. Siamo in retromarcia dalla fine degli anni '60. Questo andazzo continuerà con risultati sempre piu' gravi. Mafia, Ndrangheta, Camorra e corruzione saranno nulla al confronto di quanto si sta preparando. Diventeremo la preda piu’ facile per la grande finanza mondiale che da tempo ormai acquista i nostri marchi migliori, chiude le nostre fabbriche e delocalizza trasferendo il nome altrove e usandolo come meglio le aggrada a tutto discapito della vecchia, rinomata e insostituibie qualità italiana. E gli italiani ? Aspettano il nulla e, come sempre, si adattano.

Martedì 12 gennaio 2021 22:08:53

[Indennità covid]

Salve sono una stagionale lavoro nei ristoranti stiamo aspettando le indennità degli stagionali sempre che arrivino i call center inps non ci sanno rispondere ogni giorno operatori diversi e risposte diverse le sedi territoriali non rispondono al telefono non sappiamo più cosa fare per favore aiutateci dietro gli stagionali ci sono famiglie l'inps non ci manda i soldi promessi e non ci da neanche risposte adeguate

Martedì 12 gennaio 2021 21:48:13

Secondo te e giusto che con questa crisi e andato in vigore nn più i conti in rosso imposto dall Europa già così si suicidano figurati senza l aiuto delle banche

Domenica 10 gennaio 2021 17:27:02

[Statali e lavoratori autonomi]

Nel leggere la lettera della sig. ra pensionata statale che trasuda disprezzo per i grandi evasori cioè i lavoratori autonomi, artigiani, commercianti e partite IVA in genere si capisce come una campagna denigratoria trentennale dia ampi risultati. Se le cose stanno come descritto cioè gente con le tasche piene di soldi che non paga le tasse dobbiamo concludere dicendo che gli italiani sono un popolo di deficienti in quanto si legge periodicamente che per qualche posto pubblico si presentino decine di migliaia di persone per stipendi da fame e nessuno che si reca negli uffici deserti per aprire una partita IVA. Meditare e poi tacere o aprire una partita IVA.

Domenica 10 gennaio 2021 16:39:13

Sono spiacente a dover contraddire in parte sulla integrità degli statali, ma sì gli statali così detti "fessi" non evadono le tasse e non se ne approfittano della carica occupata per propri personali fini, ma purtroppo non sono tutti "fessi" ci sono anche i "furbi" e quelli... Ad esempio prenda quelli che svolgono la loro professione nell' ambito dell' insegnamento che oltre all'impegno della cattedra assegnata, svolgono anche altri vari tipi di lavori: lezioni private, consulenze ed altro e non sono i soli fra gli statali c'è ben altro. Precisiamo anche che chi svolge la propria professione nell'insegnamento, secondo legge, può svolgere altre attività, ma dette attività extra devono essere comunicate ed autorizzate dall'amministrazione di appartenenza. E chi lo fa e chi denuncia ai fini fiscali i proventi derivanti dalle attività extra? vorrei conoscerli!!! Quindi anche gli statali... non sono tutti santi!!! Peccato, ma come dissi ad una persona che asseriva che al governo, al parlamento erano tutti ladri io risposi che l'Italia, non essendo una dittatura o una monarchia, ma una repubblica le persone che si trovano al parlamento ed al governo sono persone che erano prima fra la popolazione di questo stato e sono state elette a rappresentare il popolo. allora vuol dire che o la popolazione elettrice è rincoglionita: sceglie e vota solo dei ladri o siamo un popolo di ladri. bisogna proprio che ci interroghiamo singolarmente per raggiungere una vita sana e retta, altrimenti cadiamo proprio in un precipizio dal quale non ci solleveremo più.

Sabato 9 gennaio 2021 20:14:41

Bisogna dire BASTA ai falsi luoghi comuni alimentati per odio


Buonasera Dr. Giordano.
Una tantum, mi trovo d'accordo con Marco Rizzo del PD intervistato stasera su Rete4, aggiungendo che è IGNOBILE, VERGOGNOSO e assolutamente VIGLIACCO scatenare, come si sta facendo, una guerra tra poveri utilizzando secolari luoghi comuni che fa ancora comodo mantenere in piedi onde suscitare l'ira della gente, basandosi su quello più banale irrisorio, e moralmente meschino, che contrappone l'odiata figura dello "statale" a quella del "povero! " autonomo che non dispone di reddito fisso. Sono ormai stufa di sentire, da una vita, e pertanto, dunque, anche in tempi migliori di questo, una tiritera che di VERO non ha nulla. Perchè non cominciamo a calare in tavola le carte vere, anzichè barare? io ho lavorato nell'amministrazione pubblica per più 41 anni e oggi, che vivo di una pensione modesta con cui riesco solo a sfamarmi, pagare le bollette ed acquistare le medicine, ne ho piene le scatole di sentire categorie di persone che hanno accumulato vere fortune in metà degli anni durante i quali io ed molti altri come me hanno lavorato, EVADENDO LE TASSE nel più tradizionale sistema all'italiana noto anche all'Agenzia delle Entrate ma che, tuttavia, continua ad esistere e ad essere esercitato.: il mancato rilascio di, scontrini, ricevute, fatture fiscali ed il rigonfiamento smisurato dei prezzi della merce in vendita, perlopiù fondi di magazzino rinominati saldi e destinati ai micchi.. Sono stufa di trovarmi ancora a ripetere una delle canzoni più note di questo Paese grottesco, meschino e moralmente miserabile, nel quale TUTTI sanno, anche se fingono d'ignorarlo, che NOI STATALI LE TASSE NON POSSIAMO EVADERLE perchè ci vengono applicate direttamente su esigue buste paga di 1. 200 euro al mese e che, se usassimo i sistemi d'evasione applicati da altre categorie, ci farebbero vivere una vita più congrua, più degna d'essere vissuta che non quella della sopravvivenza per garantire l'agiatezza a chi ci dissangua., Chiarisco che non sono infuriata contro le piccole imprese ed il commercio spicciolo che ha dovuto chiudere drammaticamente i battenti lasciando in mezzo alla strada tanta povera gente ma non dimentichiamo che i titolari di "certe" categorie (parrucchieri, estetiste, grandi ristoranti, liberi professionisti ecc.) in un anno introitano quello che io riuscirei, se potessi, a risparmiare in 10, e che, dopo aver accumulato vere fortune, si lamentano perchè non riescono a MaNTENERE INTATTO lo stile di vita cui erano assuefatti fino a due anni fa e che ora reclamano gli aiuti statali.. Ritengo che chi parla a sostegno di queste persone, denigrando chi ha lavorato in pessime condizioni nello Stato o nella scuola, debba prima di tutto sciacquarsi la bocca. E'UNA VERGOGNA che non vengano citati i veri detentori della ricchezza in Italia (Benetton, Amazon ecc.) e che, con l'avvento del POS, si sia creato solo un giochetto d'illusionismo per gli italiani creduloni dimostrando come ormai TUTTI - e non solo gli statali - fossimo schedati per il fisco. I bar, come sto constatando, continuano a lavorare come prima aiutandosi anche con l'asporto, ma spesso approfittando di un attimo di distrazione del cliente onde evitare di rilasciare lo scontrino fiscale ed i parrucchieri lavorano più di prima confidando nell'"aiutino" delle affezionate clienti. Tralascio i liberi professionisti di cui non possiamo fare a meno ma che accettano solo denaro in contanti per evitare "tracciature". Chi continua a diffondere queste false notizie, alimentando un clima d'odio nei confronti di una categoria che sicuramente non è andata a rapinare o a scassinare una banca, abbia il coraggio di dire la verità. e cioè che l'Italia, se ancora resta in piedi, lo deve proprio ai contribuenti STATALI che le tasse le pagano fino all'osso e non già agli intellettualoidi ed alle grandi multinazionali che si sono arricchite sperperando il nostro denaro. Oppure, taccia. La ringrazio

Venerdì 8 gennaio 2021 17:35:14

Questo governo, invece di risparmiare, visto che ci troviamo in crisi con moltissimi problemi, si palleggia per mantenere la propria seggiola, molto esosa per tutti i cittadini, prospettando di aumentare le spese, mentre. la gente sta morendo di fame e le ditte stanno chiudendo. è il lavoro che tiene in piedi una nazione, non certo la cassa integrazione o il reddito di cittadinanza (tutti sistemi che incentivano il lavoro nero per chi lo trova ancora). se non riescono questi governanti a conciliare lavoro e sicurezza sanitaria e possibilmente anche sicurezza con tutti quei consulenti ingaggiati, scendano dalla seggiola così onerosa per noi popolo e si vada ad elezioni poichè in questo periodo hanno già sputtanato miliardi fitti senza aver visto alcun risultato concreto aumento del lavoro o aumento del pil.

Commenti Facebook