Messaggi e commenti per Corrado Augias

Messaggi presenti: 173

Lascia un messaggio o un commento per Corrado Augias utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Lunedì 20 gennaio 2020 11:23:22

Caro Auguas, il dirsi atei è soltanto un atto di presunzione. Si dice pure che le bugie hanno le gambe corte. Queste, che voi atei perseguite, non vi porterebbero di certo a dire che state vivendo nell'anno 2020 (da Cristo).
Mazza dottor Terenzio

Domenica 19 gennaio 2020 09:53:35

L'abbiamo ascoltata al Duse. Molto deludente. Chi ha seguito qualche gruppo di Vangelo può contestare le molto piatte Sue affermazioni. Ogni credente non vede il Cristo elegantino sulla croce ma sa quanto orribili siano state prima le torture e va OLTRE LA CROCE. C'e' la RESURREZIONE DOPO. E se quanto accaduto nel Tempio non puo' essere accaduto perche' riportarlo. Non so se i partecipanti fossero credenti, a Bologna ne sono rimasti ben pochi, Pensavamo ad un contraddittorio fra uno scrittore credente e Lei giornalista convintamente ateo. I migliori auguri per un futuro meno buio

Lunedì 13 gennaio 2020 16:59:42

Caro Augias,

quello che mi spaventa dei cambiamenti climatici è la velocità. Se in pochi decenni di emissioni a livelli di industria e consumismo globalizzati (a valori inferiori agli attuali e senza avere coperto tutti i paesi del globo), siamo arrivati a questi sfaceli - subcontinenti in fiamme, oceani con isole galleggianti di rifiuti e micropalstiche, fusione accelerata dei ghiacciai, aria inquinata con cieli maròn diesél, specie viventi sempre meno viventi ecc - dove arriveremo nei prossimi pochi anni quando avremo un sistema sovraccarico di CO2 per le emissioni dei periodi precedenti e aumento delle nuove immissioni?
Se il PIL mondialie continuerà a crescere al 4% annuo medio come negli ultimi venti, avremo nel 2040 consumi annui di materiali, materie prime, risorse naturali, suolo, ossigeno, acqua, ecc del 220% maggiori di quelli attuali. Chi sulla terra può pensare che il pianeta potrà reggere questo ulteriore sovraccarico? Con questa progressione esponenziale siamo lanciati a folle corsa verso un infinito che ovviamente non raggiungeremo.

L'altra cosa che mi sgomenta è che di fronte a questi fenomeni così allarmanti c'è una fetta importante di opinione pubblica che invece di entrare nel merito, se la prende con una sedicenne che manifesta la sua sacrosanta preoccupazione!

Lei cosa ne pensa? La Repubblica e l'altra stampa "maggiore" non sentono il dovere di prendere sul serio questa minaccia, anzi questa realtà, prima della catastrofe ultima?

Cordiali saluti
AL

Venerdì 10 gennaio 2020 12:10:27

Buongiorno Augias, mi permetto di darle un consiglio.
vedo che ultimamente, sempre più spesso si occupa di Gesù Cristo e di tematiche a sfondo religioso, lei che ha sempre fatto professione di ateismo- Questo è un buon segno, capisco che vedendo la fine della sua vita che si avvicina, come tutti, o molti di noi, lei senta il bisogno di avvicinarsi al mistero. Il fatto è che finchè lei compie questa sua ricerca usando solo la Dea Ragione, rimpicciolendo tutto nel mondo delle sue idee, le sfuggirà sempre il nocciolo. Lei cita le beatitudini, quasi che Gesù fosse solo una specie di leader socialista... di nuovo, le sfugge il nocciolo, lì dove Gesù parla direttamente del regno dei Cieli. La invito a riflettere su queste sue (di Gesù) parole:" ti ringrazio Padre, perchè hai NASCOSTO le tue verità ai sapienti e agli intelligenti, e le hai rivelate ai piccoli e agli umili. " Lei Corrado, onestamente, da che parte sta ? Come pensa di trovare così la chiave ? Finchè ci si affida all'intelletto non si va da nessuna parte, xchè è lo stesso intelletto che non sa spiegarsi come siamo capitati in questa esperienza che chiamiamo vita, che non conosce la sua stessa natura, e nemmeno la natura del mondo da noi percepito come esterno. " se volete entrare nel regno dei cieli dovete diventare come dei bambini "(cito un po' a memoria, ma il senso è chiarissimo. .) legga le vite dei nostri santi e mistici, lì troverà tutte le risposte vere ai suoi quesiti e alle sue pretese orgogliose, me lo lasci dire, che cercano di ingabbiare in concetti ciò che per sua natura sfugge ad ogni definizione e spiegazione umana. Se legge le vite dei grandi mistici del Tibet, trova esattamente le stesse cose, pur partendo da una via spirituale che non parla mai di Dio... un caro saluto, Beppe Brotto

Venerdì 10 gennaio 2020 01:54:21

Dottor augias io la seguo sempre volevo chiedere se può riprendere il programma che tanto è stato sempre seguito da lei telefono giallo su RAI tre grazie

Domenica 5 gennaio 2020 17:43:24

Gent. mo Dott. Augias, Vivo in Svizzera da 54 anni, non avevo compiuto ancora 18 anni quando arrivai in terra Elvetica e mi adattai a fare uno dei lavori più umili. Per il sostentamento dei miei cari in Calabria scelsi di lavorare come minatore stimolato dal salario più congruo. Lavorai allo scavo di cunicoli e pozzi d'adduzione delle acque alle dighe nei cantieri montani. Da scapolo vissi nelle baracche ai piedi dei ghiacciai, l'anno 75, sposai una compaesana e misi radici nel Luganese. Lavorai per 30 anni come minatore, in seguito a un'intervento alla schiena fui costretto a cambiare lavoro e trovai posto come stalliere per 16 anni. Lo scorso anno l'Onorevole Senatrice a vita "Liliana Segre" Durante una visita al Liceo di Lugano tenne una conferenza … seguirono opinioni discordanti pro e contro. Io espressi la mia opinione raccontando la storia toccante di (Bortolo,) mio anziano collega di lavoro fatto prigioniero nei Balcani e condotto a "Mauthausen".
Un mese dopo il redattore del Quotidiano Elvetico "Il Corriere del Ticino, " venne a intervistarmi a casa e, con mia meraviglia trovai l'intera terza pagina dell'intervista sul Quotidiano … con un sorprendente titolo: "Dal Buio dei Cunicoli alla luce della Poesia. " Avevo inviato una fotocopia dell'intervista al nostro Presidente della Repubblica per farlo partecipe della mia modesta gioia, ma nessuna risposta; Forse e capitata nelle mani d'un collaboratore distratto.
Distinti Saluti e Buon Anno.
Graziano Giuseppe Sia.

Sabato 4 gennaio 2020 11:02:56

Gent. mo Dott. Augias, Mi chiamo Giovani D'aleo son presidente di una associazione che cura e gestisce la Processione della settimana Santa a Trapani. Gli cortesemente di avere un contatto privato con la sua segreteria per organizzare un convegno sulle "ultime 18 ore di Cristo da programmare per il mese di maggio del 2020. cero una sua cortese risposta. Porgo distinti saluti. Arch. Giovanni D'aleo

Martedì 31 dicembre 2019 11:11:02

Buongiorno Dottoro Augias, mi chiamo Cesaroni Marco, sono un giovane fan della sua trasmissione "Telefono Giallo" che purtroppo data la mia giovane età non ho mai potuto vedere in TV. Grazie ad internet ho potuto ripercorrere alcuni casi di cronaca italiana, ma non sono riuscito a trovare il filmato de "il caso rotshild" andato in onda nell'autunno '87. Potrebbe aiutarmi a rintracciare questa vecchia puntata? Grazie

Lunedì 23 dicembre 2019 13:04:53

Egregio Augias,
Rocco Scaracco è stato censurato per aver scritto un romanzo umoristico anti-Salvini. I troll sovranisti hanno fatto chiudere la pagina facebook dove lo stava pubblicando a puntate e bloccato il suo profilo.
Per ridare la parola a Rocco Scaracco condividi il link:

https://lapeelabestia. home. blog/2019/12/13/lape-e-la-bestia-unepica-disfida/

Lunedì 23 dicembre 2019 07:02:16

Archeologia del mistero

I. Ipotesi sulla non creazione di Eva
L'Uomo Erectus, nato in Africa quasi un milione di anni fa, fu il vero padre ancestrale dell'Uomo Sapiens. L'Uomo Erectus possedeva una costola mobile, cioè delle reni, in più del Sapiens. Egli usò il fuoco, forse sta all'origine del mito di Prometeo. Anche l'uro, "bos primigenius" dipinto anche a Lascaux, possedeva una costola in più del toro, un dio non ancora antropomorfizzato a livello psichico; basterebbe guardare i tori androcefali mesopotamici o le statue egizie di Hathor. Il Sapiens Uomo di Cro-magnon, un portento nella caccia, però, visse per un po' a contatto con quello Sapiens di Neanderthal, un antropofago per lo più europeo, dal carattere sessuale più libero, dicono i paleontologi, e che tingeva di ocra rossa i morti e decorava le salme con fiori in caverne dei Monti Zagros, tra Iraq ed Elam, praticamente Eden. Io suppongo che Lilith, come demone biblico e prima moglie di Adamo, secondo l'esegesi rabbinica, in vero fosse un Neanderthalensis e che mal si accoppiava con un Sapiens. Quando, poi, in rito sciamanico, e dopo una sonnolenta glaciazione, nella primitiva tribù umana si volle paragonare a forza vitale una rara bellezza di Sapiens Sapiens, cioè Eva, prodotto di una mutazione cromosomica naturale, si disse che essa nacque da costola di un Uro/Adamo. Ma l'origine mitocondriale di Eva è africana, non mesopotamica, secondo la scienza della genetica. Ciò parrebbe molto strano, ma io inviterei ad osservare anche le corna di bovide che sormontano l'uomo raffigurato seduto di fronte a una donna nel cosiddetto Sigillo della Tentazione, ritrovato in Iraq, dove compare sia un albero dai bei frutti che il serpente e due personaggi: fin dagli inizi della storia vi è una simbiosi tra l'uomo, maschio o femmina che sia, e un simbolo di potenza animale. In realtà, però bisognerebbe pensare Adamo come l'uomo in generale, Homo come in latino, e Eva l'uomo-femmina in particolare. Eva, poi, come nome ebraico, è l'onomatopea del vagito, per questo è detta la Vita. Inoltre, una traduzione della parola Had-am-ak, ossia Adamo, vuole che costui sia nato per il capo come uno qualsiasi di noi: dunque l'immagine-dimora Ak nel suo nome è la vulva, non Dio, il quale poi sembra piuttosto uno stregone del recente paleolitico, impastando l'argilla e insufflandole uno spirito mediante la magia, come afferma il filosofo Onfray nella Ateologia. Una domanda: se nella Sacra Bibbia di Eva ce n'era una sola e soltanto, come mai quell'omicida patentato di nome Caino vi trovò moglie, nell'iranico Paese di Nod? Il nome Caino indica un fabbro e i primi siti dov'era praticata la metallurgia sono attestati in Iran, proprio dove egli probabilmente fuggì.

II. Sul mitico serpente
Il Serpente del Grano, quello chiazzato e collegato a misterico matriarcato, probabilmente retaggio del paleolitico, e alla esoterica trasmigrazione delle anime, e studiato anche dalla Gimbutas, comparve in certe statuette in terracotta a somiglianza umana, di esseri nudi, a Al Ubaid, nel quattromilaseicentocinquanta a. C. (confronta la data con l'inizio del calendario ebraico!). Il serpente prese ad essere idolatrato e adorato anche in Egitto tra i primi coltivatori di frumento, ed essi ebbero contatti coi primi mesopotamici, osservati certi manici ben lavorati di coltello in pietra. Il periodo di Al Ubaid accadde prima dei Sumeri, i quali non erano originari della Mesopotamia: insediativisi, canalizzarono la regione, vi fortificarono città-stato. Al Ubaid è una località presso l'antica Eridu; allora, sorgeva presso il mare, il Nar Marattu, ovvero Il Mare Orientale degli Accàdi. Anche in Oriente vi è un fiume che ci ricorda la lingua mesopotamica di Sargon di Akkad: l'indiano Narmada. Da non soltanto vasi del Belucistan, raffiguranti estinti bovidi, ma anche da tavolette in cuneiforme di antiche città della Babilonia noi sappiamo degli scambi marittimi con quel subcontinente asiatico. Esistevano, infatti, delle bulle in terracotta che contenevano allora gettoni e sigilli di vario genere per gli scambi commerciali e su questi spicca una specie di zebù. Ancora i segni dei sigilli della valle dell'Indo non sono stati decifrati, benché a mio avviso la parola dio sia una ruota e non dissimile dal raggiante "dinghir" sumerico-babilonese. Domanda: se le statuette ofidie di Al Ubaid si ricollegano idealmente alla cosiddetta Tentazione del frutto proibito, di un cannibalismo, poiché in principio Adamo come vede Eva già conosce il significato della carne e ha contato le ossa dello scheletro, da chi furono scacciati quegli adamiti, dagli angeli con spade infocate o dai Gutei calati dai Monti Zagros? Forse dai dei topi, come accadde, poi, a suo tempo a esercito assiro? In questo caso, però, benché la Sacra Bibbia dica che l'assiro si ritirò dal campo di battaglia a causa di un possente angelo di Yahweh, non così è scritto in certi documenti in cuneiforme! Il non lontano giardino di Gu.edinna, sito tra le città di Umma e Lagash, un tempo era paradisiaco, non stepposo, e fu persino proiettato in cielo come costellazione rintracciabile in Pegaso. Ora, se questo è il paradiso celeste, bisogna accedervi solo a furia di paternoster e avemarie? Dio è pazzo; dice: Non Uccidere ma anche: Ammazzateli tutti. Nietzsche, come filosofo che dice di aver ucciso Dio, per me si è fatto Dio ed è altrettanto pazzo, uscendo dal proprio cuore.

III. Sulla Sfinge di Giza e una dissertazione sull'Esodo
C'è un particolare nella Tavolozza di Narmer (protodinastia egizia, 3200 a.C., Museo delle antichità de Il Cairo) sfuggito all'esame degli esperti. Su una sua faccia, e lì dove Narmer indossa la corona bianca, ben si nota il falco solare sul corpo, come insabbiato, di un'asiatica sfinge coronata da steli di papiro. Stesso copricapo egizio, persino la barbetta poi perduta dalla Sfinge di Giza. Secondo me, essa era la base scultorea per la Sfinge di Giza e la sua testa venne riscolpita all'epoca di re Chefren, mentre gli arti di leone le furono aggiunti scavando alla sua base, ma la sua fattura è chiaramente più antica e appartenente al Popolo del papiro, quello che la Bibbia chiama Misraim. Ma Misraim non è Misri, l'Egitto predinastico non è il dinastico! Se, peraltro, osserviamo la storia dell'Egitto per come ci viene descritta da reali documenti, possiamo persino individuare il vero faraone dell'Esodo biblico in Amenofi II, figlio del valoroso Thut-mosi III, quello di 17 campagne belliche contro il Popolo di Mitanni, anche per la conquista di Meghiddo, in Palestina. Secondo l'archeologo Gardiner, durante la seconda spedizione il suo dio Amon circondò i nemici con larghi fossati di fiamme e fumo: che ciò sia segno di famose colonne di fuoco con cui si annunciava il dio israelitico non mi par dubbio, ma da parte di archeologi e alcuni astrofisici molto noti, come il Di Cesare, ciò sarebbe riconducibile a un impatto meteoritico che causò la caduta di antiche civiltà, come in Mesopotamia così altrove. Di sicuro un meteorite nero si trova nella Ka'ba de La Mecca. Certo, questioni astrofisiche, come eclissi di luna, registrate dagli antichi spostano datazioni di certi eventi e non è da sottovalutare il ritrovamento di resti di ossi di cavalli e di carri da guerra leggeri presso Wadi Al-Watir, in un sommerso guado non lontano dal Golfo di Aqaba. Stando così le cose, primo: Abramo, come patriarca, aveva avuto una schiava egizia di epoca hyksos, dunque fu vissuto all'epoca di Hammurabi di Babele (non di Babilonia, che è una regione!) e di Ariok di Ellasar, ovvero Rim-Sin, re di Larsa, e di Kedorlaomer, alias Kudur-Lagamar di Elam (chi cerca ne trova uno di Arborio Mella); secondo: Gerico fu, invece, presa e incendiata solo ai tempi di Ekh-enAton, e lo fu a causa dei Habiru (come già sosteneva Sigmund Freud in uno dei suoi saggi psicoanalitici su Mosè, e anche un dimenticato Sir Marston), quindi ai tempi di rilassatezza politica, non essendoci ignoto che molto più tardi il diffamato Ramesse II si recò in Galilea, nel 1272 a. C., mentre più a Nord proprio la città di Gerico era vuota e deserta da molto tempo. E c'è da chiedersi come mai la Bibbia (pare che re Giosìa, poi ucciso in battaglia da un faraone, ne abbia trovata una versione nelle profondità segrete del Tempio di Salomone. Chissà se la adottò come testo ufficiale dopo il perverso Achab!) ci descriva cose in altra maniera. Cosa, cosa si vuole forse nascondere? Che Ramesse II, anni dopo la battaglia di Qadesh, fece un'alleanza di mutua assistenza con gli Ittiti anatolici e che essi si divisero tutti i territori e i gruppi umani nelle terre di mezzo? Di certo Mer-en-Ptah, successore al trono di Ramesse, disperse tribù ribelli nel deserto, e tra di esse vi cita una tribù di nome Israele, non già quel futuro regno. La notizia di ciò fu scolpita sulla stele nera guarda caso già appartenuta a Amenofi II (Amen-hotep). In conclusione, accennando a notizie dell'egittologo Donadoni in cui Israele partecipò a campagne belliche in Egitto ai tempi dei Persiani e a quelli di Bagoa, allora governatore di Giudea, in cui in Alto Egitto, a Elefantina, venne costruito tempio dedicato a Geova, e da canale del Nilo si toccavano molti Paesi esotici, se si vuole proprio credere veritiera la parola del biblista, la Legge fu, però, compilata quando i due scettri non ebbero più gran influenza su province costiere: e solo dopo Ramesse III, che nel delta del Nilo sconfisse i Popoli del Mare (tra le cui ondate sanguinarie in definitiva avvenne l'Esodo), e cadde in disgrazia il regno ittita attaccato dagli AhhjiavasAchei, solo allora si potè dichiarare che la regina Nefert-ari, una famosa moglie di Ra-messes, si fu infatuata di un certo Mosè, senza incappare nella vendetta implacabile dei faraoni contro la calunnia (ma forse di Mosè ne esistettero più di uno e, come scrisse il giornalista americano Lehmann, uno era solo egizio: egli attraversò paludi del Mar Eritreo e fabbricò serpenti in rame nell'oasi sinaitica di Qetta con fonderie, appunto, egizie). Una certa bestia ha diecimila occhi e orecchi dappertutto e riferisce tutto a visir. E questo, un regime claustrofobico.

1.1
Secondo me, sono molte le bufale degli eloimisti, cioè di coloro che credono a un intervento nel trapassato remoto di OVNI manipolatori della vita umana o del genoma. Per me agnostico il Dio della Bibbia, poi, è lo stesso Seth o Suthek adunatore di nembi degli Hyksos e il Suo nome completo, grazie a rinvenimento archeologico tedesco in Alto Egitto, a File, è Io che vengo- con- lo scettro Was -sono- il dio-degli-dei. Costui parlò in egizio a Mosè. Mosè è un nome egizio anch'esso e significa E' nato, come d'altronde Mosi, Messes, Mosis, nei nomi composti egiziani di faraoni. Dire in antico egizio Io sono il Dio che sono, ossia Pa Netor Ah, somiglia molto a Pane Torah, ma anche se qui non si coglie nulla, in realtà la Torah, ossia La Legge mosaica, ha origini egizie, e persino nel Libro dei Morti certi comandamenti sono complementari o gli stessi del decalogo. Secondo me, infine Adamo fu un Cro-magnon da cui derivò per mutazione genetica naturale Eva, il primo Sapiens Sapiens. Adamo fu l'uomo Cro-magnon in generale, maschio e femmina. Esso possedeva una costola mobile, cioè delle reni, in meno dell'Erectus; egli dipinse l'uro, bisonte oggi estinto, in caverne. Cro è una parola preindoeuropea che significa appunto caverna. Nell'Eden mesopotamico, e più precisamente nei Monti Zagros a nord della Babilonia, dalla Columbia University furono scovati resti di Neanderthaliani. La Sacra Bibbia allude forse ad essi parlando di una prima compagna di Adamo? Ma costui in principio già assaggiò la carne umana, poiché quella Lilith, secondo rabbini, era un vampiro, ed è certamente strano che un ignorante, come vede per la prima volta Eva, dice che quella volta sì essa è carne della sua carne e osso di ossa, come se in barba a ciò che vien insegnato egli già sapesse della morte. Dunque vi è un retaggio mostruoso che arriva fino ai giorni nostri e il cannibalismo viene praticato anche metaforicamente dai mercati finanziari allo schiavismo, ai dittatori dell'assoluto nella Storia.

Commenti Facebook