Biografie

James Monroe

James Monroe
James Monroe nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Mosse sullo scacchiere internazionale

Il quinto presidente degli Stati Uniti d'America, James Monroe, nasce il 28 aprile 1758 da una famiglia di agricoltori benestanti, il padre è Spence Monroe, la madre è Elizabeth Jones. Nella sua famiglia lo zio Joseph Jones, celebre statista, milita in ambito politico partecipando anche come delegato della Virginia al Congresso Continentale del 1777.

Nella sua giovinezza il ragazzo frequenta la Campbelltown Academy e il College of William and Mary. Nel 1776 il giovane James lascia gli studi per partecipare alla guerra d'Indipendenza americana. Combatte in occasione di numerose battaglie con il grado di ufficiale americano.

Quattro anni dopo inizia a studiare diritto, avendo come maestro Thomas Jefferson, il quale nel frattempo ricopre la carica di governatore dello Stato della Virginia. Il giovane James fraternizza con Jefferson, il quale lo influenza con i suoi ideali nella carriera politica. Nel 1782 entra nel Parlamento dello Stato della Virginia, per poi entrare a far parte del Congresso Continentale, dove ricopre l'incarico assegnatogli per ben tre anni.

Nel 1787 Monroe non partecipa ai lavori della Convenzione per l'elaborazione di una Carta costituzionale, poiché dichiara che la nuova Costituzione avrebbe violato completamente tutti i diritti dei singoli Stati americani.

Lo Stato della Virginia comunque ratifica il Testo costituzionale e Monroe, dal 1790 al 1794, ricopre la carica di senatore, schierandosi con il partito democratico-repubblicano contro il partito federalista. Nel 1794, in veste di Ministro, James Monroe viene mandato dal Presidente George Washington in Francia. Il suo soggiorno in Europa dura due anni poiché richiamato dal governo americano a causa del suo atteggiamento troppo entusiasta nei confronti del sistema politico repubblicano francese. Dal 1799 al 1800 viene eletto Governatore della Virginia.

Durante la presidenza di Thomas Jefferson, ricopre ruoli politici molto importanti a livello nazionale. Tre anni dopo torna in Francia come Inviato straordinario, garantendo per gli Stati Uniti l'acquisto della Louisiana. In seguito è inviato a Londra come Ministro per cinque anni.

Sotto la presidenza del democratico-repubblicano James Madison dal 1811 al 1817 ricopre l'importante carica politica di Segretario di Stato, occupandosi della direzione della politica estera statunitense nei difficili anni della guerra anglo-americana.

Nel 1816 James Monroe viene eletto Presidente degli Stati Uniti (succede a James Madison), per poi essere riconfermato in seguito alle tornate elettorali che si tengono quattro anni dopo. I suoi mandati elettorali sono caratterizzati dall'elaborazione del Compromesso del Missouri e dalla celebre "Dottrina Monroe". Nel 1819, sotto la sua presidenza viene acquisita la Florida.

Il Compromesso di Missouri è un atto che è deciso sotto la sua presidenza per sancire l'ammissione dello Stato del Missouri, parte settentrionale della Louisiana, nell'Unione nel 1821. La Dottrina Monroe, enunciata dal Presidente durante il Congresso del 2 dicembre 1823, è uno degli elementi fondamentali della politica estera americana. Con essa viene resa nota la posizione americana in merito alla decisione di Francia e Spagna di arrestare il processo di indipendenza in atto in America Latina e del tentativo da parte della Russia di spingersi verso sud, oltre il proprio possedimento in Alaska.

La posizione americana è chiara, ovvero la non ingerenza del Paese negli affari europei e la ferma opposizione americana nel caso in cui Francia e Spagna cerchino di occupare gli Stati latino-americani, appena dichiaratisi indipendenti.

L'obiettivo principale della seguente linea di politica estera americana è quello di impedire agli Stati del Vecchio Continente europeo ogni forma di rivendicazione sull'area nord-occidentale dell'oceano Pacifico.

Nella Dottrina inoltre viene esplicitato che nel caso in cui gli Stati europei avessero attentato alla sovranità degli Stati americani con l'obiettivo di creare nuovi possedimenti coloniali, il governo americano non sarebbe rimasto immobile.

Finisce il suo mandato presidenziale nel 1825 e si ritira a vita privata. Il suo successore alla carica presidenziale è John Quincy Adams. James Monroe muore a New York il 4 luglio 1831, all'età di 73 anni.

Frasi di James Monroe

3 fotografie

Foto e immagini di James Monroe

Commenti

Dopo aver letto la biografia di James Monroe ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

James Monroe nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

13 biografie

Nati lo stesso giorno di James Monroe

Astor Piazzolla

Astor Piazzolla

Musicista argentino
α 11 marzo 1921
ω 4 luglio 1992
Barry White

Barry White

Cantante statunitense
α 12 settembre 1944
ω 4 luglio 2003
Francois-Renè De Chateaubriand

Francois-Renè De Chateaubriand

Scrittore francese
α 4 settembre 1768
ω 4 luglio 1848
Giorgio Faletti

Giorgio Faletti

Artista e scrittore italiano
α 25 novembre 1950
ω 4 luglio 2014
John Adams

John Adams

2° Presidente degli Stati Uniti d'America
α 30 ottobre 1735
ω 4 luglio 1826
Marie Curie

Marie Curie

Scienziata, chimica e fisica, polacca
α 7 novembre 1867
ω 4 luglio 1934
Suzanne Lenglen

Suzanne Lenglen

Tennista francese
α 24 maggio 1899
ω 4 luglio 1938
Thomas Jefferson

Thomas Jefferson

3° Presidente degli Stati Uniti d'America
α 13 aprile 1743
ω 4 luglio 1826
Horatio Nelson

Horatio Nelson

Ammiraglio britannico
α 29 settembre 1758
ω 21 ottobre 1805
Maximilien de Robespierre

Maximilien de Robespierre

Rivoluzionario francese
α 6 maggio 1758
ω 28 luglio 1794
Carlo Felice di Savoia

Carlo Felice di Savoia

Monarca italiano
α 6 aprile 1765
ω 27 aprile 1831
Ciro Menotti

Ciro Menotti

Patriota italiano
α 22 gennaio 1798
ω 26 maggio 1831
Friedrich Hegel

Friedrich Hegel

Filosofo tedesco
α 27 agosto 1770
ω 14 novembre 1831
Sophie Germain

Sophie Germain

Matematica francese
α 1 aprile 1776
ω 27 giugno 1831