Messaggi e commenti per Matteo Salvini - pagina 2

Messaggi presenti: 4.231

Lascia un messaggio, un suggerimento o un commento per Matteo Salvini.
Utilizza il pulsante, oppure i commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Leggi anche:
Frasi di Matteo Salvini

Nota bene
Biografieonline non ha contatti diretti con Matteo Salvini. Tuttavia pubblicando il messaggio come commento al testo biografico, c'è la possibilità che giunga a destinazione, magari riportato da qualche persona dello staff di Matteo Salvini.

Venerdì 22 luglio 2022 01:11:55


Sign. Anna mi permetta... lei parla di parassiti, infestazioni, persone come sanguisughe... Siamo lontane sicuramente come dialettica e opinioni anche se spesso ho condiviso i suoi scritti. Vede Sig. ra Anna aldilà dei meriti, dell'autorevolezza di Mister Draghi, l'alterigia non riesco a tollerarla nelle persone. È opinione di tanti che Draghi con quel discorso duro, aggressivo, irrisorio specialmente per alcune categorie di lavoratori, avesse già deciso di rompere con la sua maggioranza proprio perché indispettito dalle continue richieste della Lega e M5. Credo non volesse piu collaborare con persone che forse ritiene stupidi bambinoni o peggio, come da lei scritto, zecche e parassitiTutto questo recava danno alla sua immagine. Se avesse voluto il bene del Paese bastava votare la mozione del centrodestra e ora avremmo avuto ancora la possibilità di essere governati da un grande statista ma per esserlo, e lui non lo è, bisogna avere innanzitutto l'umiltà, prendere per mano i bambinoni capricciosi e andare avanti! Ha preferito togliere il disturbo perché dall'alto del suo ego non ha voluto, e mi permetto nuovamente di usare le sue parole, infestarsi tra zecche e parassiti! Tutto questo per me rappresenta un demerito mentre per lei Sign. Anna non lo é... Un saluto.

Giovedì 21 luglio 2022 17:35:04

Con Draghi, abbiamo perso l'Italia


PER LA SIGNORA SAVELLONI
I suoi ultimi due scritti mi sorprendono per il loro tono ma anche per li contenuto. "Sono sconcertata e irritata per i toni duri e per l'arroganza. I parlamentari trattati come bambinoni capricciosi che strepitano per i propri interessi di partito cosa peraltro legittima in una democrazia che prevede il giudizio degli elettori. "Il suo commento rispecchia la corale dei media italiani, quasi tutti d’accordo sul definire Draghi « arrogante » se non adddirittura poco democratico. Non è quello che dicono i maggori media stranieri. Questo il titolo di testa della prima pagina de El Pais: « Il Parlamento italiano, un animale selvaggio e autodistruttivo » che dice con brutalità quello che tutte le maggiori testate mondiali ribadiscono con toni piu’ miti.
Lei sottolinea che i parlamentari non sono « bambinoni capricciosi » da rimproverare, Ha ragione: molti di loro sono il peggio che la piazza della politica possa offrire. Schierati in coorte, litigiosi solo all’apparenza, in realtà i nostr pseudo politici si muovono in formazione compatta, lance in resta, pronti a fermare osteggiandolo chiunque come Draghi mostri di voler lavorare seriamente per raddrizzare la pericolante baracca italiana. Cio’ soltanto per salvare la propria poltrona e ottenere forse un misero 0. 1% di voti in piu’ da chi la pensa come lei che, criticato Draghi, inneggia felice e si complimenta con Salvini. Nel suo testo parla di "democrazia che prevede il giudizio degli elettori". Mi permetto di ricordarle che dalla caduta provocata del gonerno Berlusconi nel 2011, aiutati anche dall’ingenuo Salvini, i parassiti che infestano il nostro Parlamento si sono incrostati come zecche alle loro poltrone e continuano a nutrirsi indisturbati del sangue degli italiani. Nessun tentativo di disinfestazione ha successo. Le elezioni che, malgrado il Covid, la guerra in Ucraina, la crisi economicca, i problemi di rifornimento energetico e tutto il resto, si svolgono regolarmente in tutti i paesi democratici non solo a parole, in talia sono un miraggio da ben 11 anni. Al solo suono della parola « elezioni » questi signori hanno le stesse reazioni che avrebbero di fronte all'annunzio di una imminente pandemia di peste bubbonica. Lei, Signora Savelloni, ha ancora ragione quando afferma che gli interessi di partito sono perfettamente legittimi se pero’, aggiungo io, non si fanno ai danni del paese e soprattutto se non degenerano in interessi personali. Una personalità prestigiosa come Draghi non ha bisogno di fare capriole per restare incollato ad una qualsivoglia poltrona dorata. Posti altrettanto, se sno piu’, preminenti lo attendono. Per salvare l’Italia Draghi aveva un piano preciso da attuare con la massima urgenza. Lo ha semplicemente riproposto. Il succo del suo tanto criticato (solo in Italia) discorso era: per salvare il paese bisogna fare cosi’. Se seguite il mio programma resto, altrimenti lascio. Non perdero’il mio tempo a discutere di cannabis o di ius scholae o a rimettere tutto in discussione e a subire settimane di dibattiti inutili mentre il paese affonda. Nessuna arroganza, solo competenza, serietà, idee chiare e lungimirnza, qualità che di certo non caratterizzano le tante mezze calzette che fanno cadere un governo dopo l’altro pur di tenere ben stretto a sé il ricco piatto che continuano a colmare oltre misura a tutto danno del nostro paese. Il sottobosco ha vinto, i pagliacci vengono applauditi. Questa è l'talia che meritiamo, non quella di Draghi.

Giovedì 21 luglio 2022 15:25:33

Elezioni!! Finalmente


Sig. ra Liliana è sempre un piacere leggere le sue creazioni poetiche. ., Mi hanno toccato i versi dedicati a Roma e alla nostra cara Italia... traspare tanta amarezza.. Grazie. Nessun problema se le nostre idee spesso non convergono, è una reciproca rispettosa dialettica che apprezzo. Sono certa che il giorno delle elezioni ci troveremo unite per la stessa coalizione di governo, sperando che questa volta il PD non riesca nel solito giochino di perdere e riuscire a governare. Sono maestri in questo... riescono ad ammaliare chiunque sieda loro accanto... Conte, Draghi... Incredibile! ! Ora prevedono tragedie, l'apocalisse senza Draghi. Costoro ricordano il governo Ciampi di qualche annetto fa quando Scalfaro lo investi di pieni poteri nonostante fosse stato sfiduciato? Portò a termine tutti i provvedimenti ordinari e straordinari. La Costituzione lo prevede in casi emergenziali eccezionali. Sappiamo perfettamente di cosa stiamo parlando... eccome se lo sappiamo! Noi non abbiamo l'anello al naso e spero così anche tantissimi altri elettori.. Con stima e cordialità i miei saluti.

Giovedì 21 luglio 2022 12:24:44

Sempre più evidente


... leggendo le esultazioni di qualcuno per l'operato di questi tristi giorni
emerge sempre evidente che purtroppo c'è tanta gente che non sa di cosa sta parlando.

Giovedì 21 luglio 2022 10:59:44

L'arroganza dei saccenti


Ben fatto Matteo! Un capolavoro ieri al Senato. Hai atteso l'assist giusto stavolta per chiudere questa esperienza di governo oramai appiattito alle politiche di sinistra.. una decisione comprensibile anche per chi il voto non vuole. Perché Mister Draghi dopo aver irriso con disgusto le proteste di balneari e tassisti additate come disordini di piazza violente, ha scelto di non votare la mozione del centrodestra che compatto chiedeva un nuovo governo senza quei "pierini"dei grillini? Il banchiere ostaggio del l PD che lavora per il suo campo largo con M5 o trattasi semplicemente del nuovo leader di sinistra? Andiamo a votare e poi ne riparliamo... Ero favorevole al governo Draghi ma il suo modo di fare altero, distaccato e anche un po snob (io sono io e voi non siete ecc ecc) mi ha fatto ricredere.. Bene la gestione della Pandemia, del Pnrr, meno in politica estera genoflesso a Biden qualche mancia per i disagiati ma molte categorie di lavoratori dimenticate e in estrema difficoltà. L'umiltà di imparare dai propri errori è prerogativa di pochi... gente semplice, cuore e passione e per questo FORZA MATTEO. x

Mercoledì 20 luglio 2022 22:06:26

Complimenti !!!
Il male che avete fatto oggi all'Italia lo pagheremo (noi comuni mortali) caro. Non preoccupatevi la Vostra immeritata pensione non ve la toccherà nessuno !!!
PRESUNTUOSI, tra tutti voi parassiti a Roma, c'è qualcuno che pensa di essere a livello di Draghi !!!
Vostro EX ELETTORE
Armando Bianchini

Mercoledì 20 luglio 2022 16:15:35

Salvini non è uno scappato di casa


Cara sig. ra Maria, pur nel rispetto delle sue convinzioni mi permetta di dissentire per un motivo molto semplice, Salvini non è uno scappato di casa ma un politico navigato nell'oceano di ipcrisia nel quale naviga tutta la politica e il popolo annaspa per non annegare. Già dalle prime affermazioni di Draghi, che mi permetto di ricordarle, avrebbe dovuto capire verso dove si stava andando e cioé che gli aiuti sarebbero finiti nelle tasche degli imprenditori in grado di superare la crisi, tanto è vero che le TV compreso quelle di Berlusconi hanno ottenuto il contributo covid nonostante trasmissini e pubblicità che versano cifre astronomiche per qualche secondo di visiblità non abbiano mai smesso di trasmettere anzi si sono impegnati a fare terrorismo sanitario ma questa è un'altra storia, mentre nulla sarebbe stato dato alle piccole e medie imprese perché fisiologcamente destinate a fallire. Detto questo pur volendogli riconoscere, con il beneficio del dubbio, il fattore ingenuità ancora di più mi convinco che non merita fiducia perché le scelte fatte ricadono inevitabilmente sul popolo che ne paga duramente le conseguenze e non su chi decide grazie alla posizione di privilegio che ottengono gratuitamente dalle tasche dei contribuenti. Se devo essere totalmente sincera non mi fido dei politici ritenendo che agiscono per ambizione e convenienza altrimenti non si spiega come mai l'Italia da prima/seconda potenza industriale d'Europa, quando al governo c'erano politici che veramente agivano per il benessere del popolo e la difesa della patria, siamo precipitati nel degrado più totale diventando a discarica dell'Europa se non del mondo basta guadare quello che sucede nelle grandi città diventate ostaggio degli immigrati e della spazzatura con il benestare di tutte le forze politiche alcune delle quali preoccupate solo di alimentare il caos con la liberalizzazione della droga, con l'accoglienza incontrolata di gentaglia, che se così non fosse non pagherebbero, come hanno più volte dichiarato, 5/6 mila euro per venire in Italia l'unica disponibile all'invasione, ma potrebbero, potendo mostrare un documento di identità venire in aereo a costi molto più contenuti e in pieno confort. Un esempio per tutti Roma, la Capitale.

A te Roma
Quante canzoni Roma ti hanno dedicato
a te che sei sede del Governo e del Papato.
Tanto osannata quanto criticata quando
“Roma ladrona” ti han soprannominata,
tutto questo mai però potrà oscurare
la bellezza delle opere di cui ti puoi vantare
che museo all'aperto ti han fatto diventare
e da secoli ti han catterizzata
e nel bene o nel male eri riuscita a tutelare
ma oggi per colpa di orde selvagge incontrollate
alcune opere sono state devastate
come dimenticare di Michelangelo La Pietà,
di Trevi la fontana o del Bernini La Barcaccia
che tanta invidia suscita in questa gentaccia.
“Città eterna” sei stata anche definita
ma sotto una montagna di rifiuti sei finita
e in una buca saluterai la tua vita,
ormai una groviera sei diventata
e non c'è strada che non sia dissestata.

Euro…pa cjai rovinato
Che degrado ce stà nelle città
con tutte le tasse che ce tocca de pagà.
La gente a fine mese più non riesce ad arrivà
Li poveri vecchietti, dopo anni de lavoro,
se devano fa’li conti pe’ en po’ de pane e pomodoro
e se je dice bene quarcosa a li mercati possono rimedià,
è tutto gratis nun la devono pagà,
se tratta solo… tra la monezza de cercà.
Certo che è proprio civile la nostra civiltà
c’è chi more de fame e chi schiatta col magnà.
Ce posseno cecà…
ma chi ve cjà mannato a commannà?
Se penzo elezioni nun ce so' state
con quale diritto quelle poltrone occupate!
Sti quattro assatanati che ce dovranno fa’
co’ tutti li sordi che se stanno a pijàe
come se nun bastasse, fori busta,
je dovemo rimborzà pure le banalità,
spese de rappresentanza le fanno figurà.
Ma a loro, che je frega se la gente manco li fii riesce a sfamà,
je basteno pure pochi giorni in regione
p’avè, sur piatto d’oro, ‘na bella penzione,
no, quella de noi miseri mortali…
ma de quelle che con lo champagne riempiono i boccali.
Er pane è sempre più salato…
scordamose der companatico. L’Italia e gli italianico’ ‘sti quattro euri che ce danne pe’ campà.

L’Italia e gli italiani
Povera Italia… senza più soldi e senza più valori.
Da ogni parte si sollevan grida di dolore.
I nostri giovani tornano a fare gli emigranti
per colpa di tutti quei furfanti
che hanno svenduto il nostro bel paese
e tutto questo pure a nostre spese.
Italia mia… stai perdendo la tua identità
invasa come sei da altre civiltà,
a cui si deve ogni forma di rispetto
a me però... si stringe il cuore in petto.
Anche della lingua sei stata deufradata
e la nostra identità ormai … è quasi andata.
Footing, smoking, shopping …
cosa voglion significare
la nostra bella lingua lasciatela stare.
Non c’è popolo, non c’è nazione che non la conosca
e che non desideri questa bella terra nostra
che dalle Alpi e lungo tutto lo stivale
può vantare monumenti e bellezze assai rare.
Dal mare azzurro circondata,
da vallate di smeraldo tappezzata
da torrenti e laghi tempestata
che riflettono qua e là candida cima innevata.
Il Davide, il Mosè e la Pietà
che dell’Italia l’emblema diventerà
se a cambiar le cose nessuno si deciderà.
Globalizzazione… basta globalizzare. .,
pensate a quanto sangue
è stato versato per poterla evitare.
. Come si può...

Come si possono ancora lasciare della nostra Nazione le sorti
nelle mani di persone incapaci e poco accorte.
Dal cappello di un prestigiatore uscite
con la loro inettitudine tante attività andranno fallite.
Mantengon le poltrone con promesse a profusione
ma di concreto... nessuna soluzione.
Adesso come ultima trovata
per gestire il denaro che, forse, ci sarà prestato
si affidano a chi fin'ora ci ha solo danneggiato
distruggendo il nostro Made in Italy sul mercato
per la maggior parte di rosso etichettato,
dall'olio al parmigiano, dal prosciutto alla Coppa Piacentina pregiata
inoculando il sospetto che la salute ne sarà danneggiata,
per non parlare delle quote latte che, con sciagurato patto
ha favorito l'importazione di quello in polvere per le nosrre eccellenze non adatto.
Che dire poi del nostro sano agrialimentare
sopraffatto da quello meno controllato extra nazionale.
A chi obietta che l'approvigionamento di prodotti stranieri
servono per il fabbisogno nazionale
sommesssamente, ma non tanto, desidero ricordare
che gli agricoltori in passato sono stati pagati per non coltivare.
Scelta paranormale, demenziale o...
semplicemente per favorire l'economia di chi l'Italia vorrebbe afferrare!
Quale mente perversa può aver ideato
un sistema che il popolo ha affamato.
In questo periodo più degli altri in difficoltà
gli stranieri arrivano con quattro spiccioli per poterci comprà.
Senza orgoglio purtroppo stanno gestendo la nostra società
dimenticando il sangue versato per poterla, dallo straniero, liberar.
Milioni di euro, ogni anno, a questa Europa matrigna versiamo
e il risultato... che in ginocchio ormai ci troviamo.
Purtroppo il loro desiderio sarà esaudito e il piano per distruggerci finito
solo quando il MES sarà accettato e da qualcun per la poltrona digerito.
Amo l'Italia, amo la mia Nazione e non sopporto più questa invasione
di prodotti, di persone, di giornalisti e politici stranieri che vengono a farci lezione.
L'Italia, grazie agli italiani, cosa è in grado di fare in passato ha dimostrato
finché nella nostra Nazione nessun straniero il naso ha ficcato.
Questo Governo se ne deve solo andare, ridarci la parola se...
la Democrazia si vuole riaffermare e non continuare soltanto a sbandierare.

Per quanto riguarda la Meloni le riconosco senza ombra di dubbio e senza timore di essere smentita una grade coerenza. Posticipare le elezioni, se Salvini non stacca la spina, può far male solo a lui mentre ne beneficerà la Meloni. Con questi versi credo di aver espresso in maniera senza ombra di dubbio il mio pensiero e concludo con la speranza vana che Salvini rinsavisca facendo cadere il governo contenta di essere smentita.
Un caro abbraccio

Mercoledì 20 luglio 2022 11:27:07

No all'arroganza


Ho appena terminato di ascoltare l'informativa di Mister Draghi al Senato. Sono sconcertata e irritata per i toni duri e per l'arroganza. J parlamentari trattati come bambinoni capricciosi che strepitano per i propri interessi di partito cosa peraltro legittima in una democrazia che prevede il giudizio degli elettori. Chissà perché gli unici ad essere soddisfatti sono Letta, Renzi, e forse anche Berlusconi che vedono le elezioni come fumo negli occhi. Non ci sarà nessun scostamento di bilancio, nessun accenno sulla fat tax, qualche speranza sul cuneo fiscale per i lavoratori, una timida apertura sulle pensioni ma tante armi all'Ucraina... per loro i soldi ci sono eccome! ! Perfetto! ! Matteo che farai ora ? Pochissimi applausi dai banchi della lega e il nulla assoluto dai grillini... Draghi ha chiesto un consenso ampio e ha umiliato non solo Conte.. Mi aspettavo un discorso con pochi punti programmatici, il disbrigo per i decreti già avviati per aiutare le famiglie disagiate e poi elezioni! !
È questo che vorrei ascoltare nelle dichiarazioni di voto della Lega. Se così non fosse la delusione sarà enorme. Forza Matteo, hanno una paura infame di andare alle elezioni. Tutti. La vera irresponsabilità è continuare...

Martedì 19 luglio 2022 18:12:46

Draghi incontra Letta


Grande Salvini ! Berlusconi almeno ha l'attenuante della demenza senile... Salvini deve veramente preso troppo sole al Papeete ! Responsabile, al governo, subendo tutto e perdendo oltre il 50% del consenso, perdendo tutto l'elettorato storico della Lega e buttando nella monnezza i temi storici, sicurezza, immigrazione, ordine, federalismo.
Lui sta a cuccia, da bravo cagnolino di Draghi (che effettivamente è un grande, non so come abbia perso la Presidenza della Repubblica!), il quale nemmeno se lo fuma ed incontra Letta.
Letta che con il 20% di voti sta governando, Letta che non divide con ius scholae e DDL Zan, Letta che mette in fila le priorità.
Bravo Salvini, bravissimo, anche questa volta non andremo al voto, continueremo con un parlamento deleggitimato a sostenere un governo che non di sarebbe dovuto essere, basta che la Meloni stai fuori.
E poi parliamo di libertà, democrazie, valori... ma dai !!! Dan non credere. L'eerore fatale di scendere a compromessi sul Presidente della repubblica. Nemmeno questo ha capito Salvini.
Nulla da dire su Draghi, visto che vuole togliere RdC 110% vuol dire che ci capisce, ma adesso che si prospetto il monocolore rosso !!! Si doveva andare a votare mesi fa ! Meloni ha sempre avuto ragione su tutto. che amarezza.

Martedì 19 luglio 2022 13:01:16

Riflessione


Errare humanum est. Cara Sign. ra Liliana lei lo insegna essendo una scrittrice bravissima. Perseverare è diabolico e mi auguro che Matteo non perseveri questa volta anche se mandare I cittadini ad esercitare un loro diritto in questa fase nonostante la sinistra I media e tutti I servizi di informazione remano e pontificano contro è una bella responsabilità. Tanti si fanno abbindolare dalle inutili motivazioni che prevedono sciagura e scenari apocalittici. Unica nota positiva è che un ominicchio diventato premier, ora per fortuna ex è fuori dai giochi. Il Conte solo di nome mercoledì è decisamente ininfluente. Gli attori protagonisti sono in questa fase politica Draghi e Salvini. Mister Draghi si è prestato a questo teatrino per poter esercitare ancora una volta la propria forza e autorevolezza altrimenti le sue dimissioni sarebbero state irrevocabili. In riferimento alle dichiarazioni dei giorni passati, mercoledì uno dei due dovrà smentire se stesso. Draghi nel caso in cui si giovasse di una nuova maggioranza senza M5 e Salvini nel caso in cui fiduciasse un governo con Conte. Mi auguro che Salvini cali il sipario in questa commedia all'italiana... una soluzione che tenga dentro anche chi il voto non vuole... Il problema non è lo scettro della leadership a Giorgina. ELLA, LADY COERENZA, lo avrà anche a marzo. Bisogna non restare con il cerino in mano. Aspettare che Draghi scopra le sue carte e poi agire. Mi fido ancora di Matteo. Il Papeete e la rielezione del Presidente Mattarella due errori gravi ma trattasi non di trasformismo bensì peccati di ingenuità di un politico al quale riconosco passione e umiltà. Sign. ra Liliana lei sicuramente non condivide ma personalmente sono abituata a concedere sempre altre chances a tutti prima di andare via. Cordialmente e con stima i miei saluti.

Commenti Facebook