Messaggi e commenti per Mario Giordano

Messaggi presenti: 1899

Lascia un messaggio o un commento per Mario Giordano utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Giovedì 23 gennaio 2020 17:25:39

Buonasera. Vi scrivo per riuscire a mettermi in contatto con la vostra redazione. In quanto si stanno verificando nuovi casi bibbiano. In un paese alle porte di Roma. Vi prego contattatemi

Giovedì 23 gennaio 2020 17:15:40

Buongiorno Dott. Giordano, le scrivo in merito ad una brutta e spiacevole esperienza lavorativa che mi ha danneggiato nel 2017 e ad oggi non ho nessuna riposta. In pratica ho lavorato due anni per un tennis club che mi teneva a rapporto occasionale che credevo fosse lecito ma a giugno 2017 vengo lasciato a casa. Mando un ispezione e viene decretato a mio favore un lavoro subordinato con tutti gli arretrati. Loro sono stati multati ma ad oggi oltre a non avermi versato i compensi INPS e inail ho perso due anni di disoccupazione e aspetto tutti gli arretrati maturati. Aspetto un Vs aiuto per raccontare a tutti chi sono queste persone disoneste che si aprofittano di lavoratori onesti. Un saluto Ugo Cabras

Giovedì 23 gennaio 2020 16:23:05

Quando e che si degnera' di invitarmi per parlare di 41 x tutti io sono esodato ormai e come posso vivere? ?
Perche una volta per tutte non invita anche un povero cristo che spiega il perche 41 va fatta subito

Giovedì 23 gennaio 2020 13:19:24

Salve, sono un pensionato quota 100 dal 1 settembre 2019 ma ad oggi non ho ancora ricevuto la pensione.
ho fatto vari solleciti in questi 5 mesi. nel mese di ottobre l'inps mi ha risposto che "la pensione sara' liquidata nel mese di novembre"
nei mesi successivi a ogni mio sollecito mi rispondeva"ci scusi per il disagio provvederemo al piu' presto"
io sono sbalordito, mi sento trattato come "una merdaccia" a dirla come fantozzi, ho parlato con un responsabile inps della mia citta' e mi ha detto "e' una vergogna, e' indecente, noi piu' che sollecitare non possiamo fare altro"
ho saputo e conosciuto altre persone con il mio stesso problema, non so piu' cosa fare, e' da cinque mesi che sono senza soldi, ma quello che mi fa piu' incazzare e' il completo disinteresse e menefreghismo che c'e verso il cittadino e non si riesca mai a individuare un responsabile.
vi chiedo gentilmente se potete darmi una mano a denunciare queste situazioni vergognose.
grazie

pastori massimo
desenzano del garda(bs)
cell 340-------

Giovedì 23 gennaio 2020 12:36:39

Vorrei sempre se e possibile parlare con lei e molto urgente di persona gli spiegio tutto, voglio parlare solo con il mio giornalista preferito Mario Giordano

Giovedì 23 gennaio 2020 12:03:27

Caro Mario,
Non è la prima volta che ti scrivo per esprimerti alcune mie impressioni sulla politica italiana ed europea. Adesso è quasi diventato stucchevole ripetere sempre le stesse cose, anche se qualcosa è cambiato a livello parlamentare e governativo prima eravamo in uno stato di scatafascio, adesso invece tutto comincia a rotolare. E quando un Governo ed un Parlamento vanno a rotoli non c'è nulla di buono da aspettarsi se non che, alla fine della corsa, ci ritroviamo in un cumulo di rovine. Stavolta desidero segnalarti, però, un fatto accadutomi ultimamente: "A distanza di sette anni dalla concessione della mia pensione Inps (gennaio 2013) (VOBANC N. 03016414), il 21/11/2019 ricevo una raccomandata A. R. da parte dell'Inps di Palermo in cui mi si comunica che la mia pensione è diventata "definitiva" (in verità non sapevo che fosse "provvisoria", non mi è stato mai notificato!) e che a causa di un errore (commesso da chi?) nel calcolo devo rimborsare la somma di €. 19. 615, 97, tramite M. A. V. scadente il 23/12/2019 pena l'iscrizione a ruolo.
Sono Cama Antonino, nato a Messina l'8/12/1946, un semplice pensionato di 73 anni, monoreddito, con moglie a carico, ammalata. Sono un ex dipendente della Cassa Centrale di Risparmio V. E. per le provincie Siciliane messa in liquidazione nel 1996, per cui pensionato, accompagnato dal Fondo Pensioni fino al dicembre 2012.
Circa tre anni fa, sicuro che la mia pensione fosse "definitiva", ho chiesto ed ottenuto la cessione del quinto della pensione, a causa di alcuni debiti contratti con gli avvocati per aver perso una causa civile ed un'altra causa giace in Cassazione che se viene confermata, avrò un debito ben più grosso da pagare. Neanche in quell'occasione mi è stato comunicato che la mia pensione era "provvisoria".
L'errore contabile, probabilmente, è stato commesso dal Patronato ACLI di Cologno Monzese, al quale mi sono rivolto per il passaggio all'Inps, il quale non mi ha, tra l'altro, comunicato che la mia era una pensione "provvisoria". Ma una incuria, ben più grave, nei miei confronti, è stata commessa dagli uffici Inps di Palermo, nel comunicarmi, dopo sette anni, l'errore, da loro stessi, commesso, lasciando lievitare un debito che, per me, è pressochè impossibile pagare.
Inoltre mi chiedo: l'Inps, quando liquida la pensione, si comporta come Ente Esattore, trattenendo L'Irpef a monte. E come mai adesso non mi detrae l'irpef pagata in più, in questi sette anni? Chi mi ripaga le spese mediche pagate in questi sette anni che sono stato "non esente da tiket" per qualche centinaia di euro di differenza annua, mentre oggi scopro che sarei stato esente da tiket anche allora? Gli impenetrabili uffici Inps di Palermo, pur trincerandosi dietro regolamenti e circolari preservanti, non possono non ritenersi responsabili del gravissimo danno arrecatomi, causato da sette anni di ritardo nel calcolare la mia pensione "cosìdetta definitiva".
La mia pensione lorda è diminuita di circa €. 200, 00 mensili, ho €. 250, 00 di cessione quinto da pagare ogni mese, ho €. 450, 00 di affitto che pago a Carugate, dove son venuto per aiutare mia figlia e due nipoti, ho una causa da trent'anni che adesso è in cassazione per un sorpruso commesso nei miei confronti. Ed essendo monoreddito, con moglie a carico, ammalata, con un ingente spesa per medicine e controlli continui, mi creda, non sono nelle condizioni di poter pagare la suddetta somma.
Ho scritto al Presidente della Repubblica ed al Presidente dell'Inps, affinchè mi eliminino il Mav a scadenza (ormai avvenuta) e,, possibilmente, eliminare, se non tutto, almeno i primi due anni del debito complessivo di €. 19. 615, 97, ormai caduti in prescrizione (dopo sette anni) ed evitare di inserire a ruolo questo debito, altrimenti rischio di essere risucchiato dal vortice della povertà e finire in mano agli usurai. Per tutta risposta ho ottenuto una dilazione di quattro anni con un pagamento mensile di €. 480, 00. Il che significa che, per quattro anni, io e mia moglie, dovremo vivere con una pensione di circa €. 500, 00 mensili. Le sembra onesto?

Giovedì 23 gennaio 2020 11:25:52

Buongiorno,
Ci aiuti stiamo vivendo un caso analogo alla vicenda di Bibbiano, la prego aiuti la nostra famiglia!

Giovedì 23 gennaio 2020 10:18:25

Buongiorno Dott. Giordano, sono dipendente di un noto istituto bancario, da 10 anni sono in causa con il mio datore di lavoro per un ruolo svolto per 3 anni, che non mi è stato riconosciuto. Il ricorso è iniziato dopo che per i 3 anni ho chiesto di essere adeguatamente inquadrata. In camera di conciliazione presso l'ispettorato del lavoro la Banca ha rifiutato un accordo. Dopo 4 anni (dal luglio 2009 al aprile 2013) ed un altro tentativo di conciliazione da parte del giudice di primo grado ho avuto sentenza a me favorevole. La Banca è ricorsa in Appello. A dicembre 2013 ho avuto confermata la sentenza a me favorevole. La Banca è ricorsa in Cassazione. Nel dicembre 2018 la Cassazione ha accolto il ricorso della Banca in quanto "la sentenza di II grado non era adeguatamente motivata". Pena il decadimento di tutto il procedimento, IO, ho dovuto riassumere il ricorso presso la Corte di Appello. il 13 dicembre 2019 il nuovo giudice della Corte di Appello, ha proposto una conciliazione. !!! La sentenza di primo grado, immediatamente esecutiva in quanto sentenza di lavoro, mi ha riconosciuto l'avanzamento di grado con arretrati a partire dal novembre 2006, cioè da quando ho iniziato a svolgere il ruolo in questione. La Banca nel frattempo mi ha presentato il conto di quanto dovrei restituire pari a euro 148. 000 oltre interessi e spese di giudizio. Vale a dire tutto quello che posso avere da parte (per vendita immobile ereditato alla morte dei miei genitori) e anche molto di più. Io sono divorziata, ho un figlio di 13 anni, un mutuo sulla casa. La pensione se e quando arriverà non oso immaginare di che importo sarà. Io non ci dormo la notte, ho 55 anni, vedo che la mia vita attuale e il mio futuro potrebbero essere stravolti dall'accanimento della Banca nei miei confronti (quando si sono viste e si continuano a vedere tante storture a favore di colleghi spalleggiati da partiti o familiari affini alla dirigenza). Ma soprattutto trovo inaccettabile che a causa di un magistrato che non ha svolto correttamente il suo lavoro, io mi trovi in queste condizioni. Lui, al contrario di me, dorme sonni tranquilli.. !!! Se avesse ben motivato la sua decisione, la Cassazione non avrebbe avuto appigli per assecondare il ricorso di una Banca, un gruppo fra i 10 più importanti al mondo. !!! E dopo 13 anni di lotta, 10 di causa, 2 esaurimenti nervosi comprovati per motivi correlati alla mia situazione lavorativa, un divorzio causato anche dal mio umore instabile per i citati esaurimenti, mi sento che la forza di lottare mi sta venendo meno. Non intendo cedere. Ma è dura... molto dura. Continuando peraltro a venire al lavoro ed avendo anche subito torti non di poco conto. Se mi contatterà per darmi la possibilità di raccontarLe la mia storia, gliene sarò grata. E. L 339---------

Giovedì 23 gennaio 2020 09:25:07

ASCOLI Peggio di BIBBIANO!!! Possibile che nessuno abbia ancora capito che i nuovi drammi arrivano da giudici sfacciati ed arroganti che tolgono indipendenza economica decretando la morte civile di poveri anziani!!! Bisogna "suicidarsi" per dare spazio a notizie di una gravità, per TUTTI inimmaginabile !!! 340-------

Giovedì 23 gennaio 2020 03:09:51

Mi domando come fanno i magistrati italiani a non scoprire e perseguire le cose che voi scoprite (vedi scandalo imps e tanti altri) che voi scoprite regolarmente e come mai non aprono inchieste che sarebbero più utili e giuste per l'italia e poi la suprema corte che interviene sempre per definire se una legge è costituzionale o no non interviene sui vitalizzi che passano di padre in figlio in eterno e definisce questo scempio incostituzionale la risposta è molto semplice in italia è da tempo che si applica il metodo MARKS (per prendere il potere non servono fucili, basta occupare i gangli principali.e mettere uomini lì MAGISTRATURA:GIORNALI;CENTRI DELLO STATO DOVE SI PRENDONO DECISIONI ecc..ecc..basta vedere il caso sallusti o rakete (la signorina ha percorso 14000 miglia nel suo girovagare avanti e indietro poteva andaare ovunque ma il suo scopo era sfidare l'italia e poi non vi era nessuno da salvare perchè nessuno era in pericolo di vita si trattava solo di trasporto illecito ma si è guardata bene dal portarli a casa sua in germania inoltre ha disubbidito ad un ordine di uno stato sovrano forzando volutamente il blocco ma la giudice VELLA che evidentemente fa parte dei magistrati sopra descritti non ne ha tenuto conto.SE IO DISUBBIDISCO AD UNA LEGGE DEL MIO STATO PERCHE' LA RITENGO INGIUSTA VENGO ARRESTALO SI VERGOGNINO CERTI MAGISTRATI CHE NON APPLICANO LE LEGGI SECONDO GIUSTIZIA MA SECONDO LE LORO CONVINZIONI POLITICHE

Commenti Facebook