Messaggi e commenti per Lilli Gruber

Messaggi presenti: 2.547

Lascia un messaggio o un commento per Lilli Gruber utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Leggi anche:
Frasi di Lilli Gruber

Venerdì 9 aprile 2021 23:10:32

[Gli "ospiti" della Gruber]

Caro sig. Pasquale non sono per niente d'accordo coi suoi elogi, in apertura del suo messaggio, alla ineffabile Lilli. Penso che il coraggio lo dimostrino sopratutto coloro che riescono a seguire ancora 8e1/2; l'equilibrio non è prerogativa di chi si appoggia, facendosi aiutare dai fidi vassalli, da una parte sola.
Molto legittima la sua domanda sulla specializzanda presente in trasmissione. E' ormai assodato che gli ospiti devono prima di tutto assecondare le tesi sostenute dalla conduttrice, vedi Palmerini, Murgia, Carofiglio, Telese, Severgnini e via dicendo, oppure essere critici a prescindere come Travaglio.
Quando invece l'ospite esprime idee, magari giuste, in disaccordo col pensiero unico, diventa scomodo e sparisce. Ad esempio mi vengono in mente Marianna Aprile e Alessandro De Angelis. Purtroppo la signora Gruber ha trasformato un' interessante trasmissione di approfondimento in un palco elettorale con bandiere di un solo colore e relatori faziosi e quindi poco attendibili. Come già ho detto in altri messaggi, per fortuna, abbiamo il telecomando. Cordialmente Giorgio

Venerdì 9 aprile 2021 22:23:42

Gentile dott. ssa Gruber,
Le sembra credibile dare dello "sprovveduto" a Draghi per la frase su Erdogan come ha fatto stasera Servegnini a 8 e mezzo ? Risposta: no. Le suggerisco invece di indagare perché succede in una conferenza stampa su tutt'altro argomento ed al ritorno del suo viaggio in Libia. Il tutto poco dopo che il comando della nostra Intelligence é cambiato.
Le sembra lecito che il suo ospite Corrias si sia lanciato in un ardito parallelismo con la visita di Renzi al dittatore Arabo ? A parte il rilevare la presenza/assenza ossessiva di Renzi nel suo programma le faccio notare che Renzi non ha parlato col dittatore dell'Arabia, ma con un membro della casa regnante Saudita. Lo stesso Biden ha riconosciuto che l'Arabia resta un alleato strategico per gli USA in quell'Area nonostante sia convinto che il personaggio sia il mandante del delitto di un giornalista. Così come Draghi ha dato del dittatore a Erdogan aggiungendo che comunque con lui si deve collaborare per noti motivi. Fossi in Renzi chiederei come minimo una rettifica su quanto asserito, anzi farei querela. Possibile che un minimo di obiettività non riesca a trovarla col personaggio in parola ?
Capisco che il suo rimpianto per Conte la porti a minimizzare l'operato di Draghi e marcare che nulla é cambiato... ma la stessa Murgia ha capito che la guerra si fa con la divisa e non con la politica e per questo ha ammesso che la divisa le incute timore.
Era un po' che non la seguivo ed i motivi per cui l'ho fatto ho capito stasera che sono ancora tutti lì, nonostante sia sparito Scanzi e Telese si veda meno... temo che il problema sia più grave di quel che pensavo.
Un saluto cordiale.

Venerdì 9 aprile 2021 20:55:13

Carolina Castagna è una saltafila?


Preg. ma la stimo molto per il suo coraggio e il suo equilibrio.
Mi chiedo però come mai sta ospitando (e non è la prima volta) una specializzanda come Carolina Castagna? Che cosa ha di piu rispetto ad eccellenze mediche anch'esse impegnate in questa pandemia?
Sembra iperraccomandata! Mi auguro che anche lei non stia cadendo nel familismo amorale. Mi deluderebbe molto.
Cordialmente.
Pasquale

Giovedì 8 aprile 2021 19:17:24

Gentile signora Marta (un messaggio precedente), spero si sia accorta che la Murgia è spesso ospite nel programma in oggetto e da sempre lo scopo principale della sua presenza è fare propaganda "finemente feroce" contro Salvini, nell'occasione fa anche propaganda ai suoi libri. Si schiera tra i numerosi intellettualoidi di sinistra, che ancora rosicano per la caduta di Giuseppi Conte, ecco il motivo degli attacchi a Figliuolo. Si ricorda di Scanzi ? lui era un Murgia al maschile, poi abbiamo scoperto le "bravate" dell'autore del... Caxxaro, opera che resterà nella storia !

Giovedì 8 aprile 2021 14:34:33

Mi auguro di non vedere mai più Michela Murgia


Gentile Dottoressa, mi auguro con tutto il cuore di non vedere mai più la "tuttologa" Michela Murgia alla sua trasmissione, le parole dette dalla "scrittrice " sono un'offesa a tutti i militari italiani e in particolare ai generali, non credo che in Italia ci sia il pericolo di generali dittatori.
Inoltre mi ha. meravigliato molto che Lei, tanto femminista, non abbia speso mezza parola su quanto è avvenuto ad Ankara alla Signora Von der Leyen.
La ringrazio
Distinti saluti
Marta Casuccio

Giovedì 8 aprile 2021 12:53:39

Astrazeneca: tanti anziani non possono permettersi di morire


Gentile Signora Lilly. Sarò breve.
Tanti anziani NON POSSONO PERMETTERSI DI MORIRE perché sostengono, purtroppo, figli e nipoti.
Da lì la paura a vaccinarsi con astrazenica... anche se i casi dI morte ci dicono sono pochi.
Un indennizzo alla famiglia di chi muore a seguito vaccinazione sarebbe utile... ritengo... sotto tanti aspetti.
... a lei ragionarci sopra...
(so che si scatenerebbero moralisti e tanto altro)..
Ripeto c'e chi NON PUÒ PERMETTERSI DI MORIRE
Ho 72 anni e ho avuto la prima dose... disastrozeneca.
Con lei ho appuntamento ogni sera.
Grazie.

Mercoledì 17 marzo 2021 21:28:11

Annullamento cartelle esattoriali


Le amministrazioni pubbliche per arrivare a notificare una cartella esattoriale per recuperare ad esempio la Tari, Imu, o altre tasse, impiegano circa 4 anni, con spese di gestione e impegno di personale. Oggi con un colpo di spugna si vanifica tutto il lavoro effettuato dando ancora un segnale che vede premiati i “furbetti” ed incentivando l’evasione.
In questo modo per adottare un sistema equo, bisognerebbe compensare gli onesti, i quali pagano puntualmente, spesso con sacrifici e privazioni, versandogli sul conto la stessa somma che viene abbuonata ai meno diligenti!
Non sarebbe meglio liquidare equi compensi a chi ha perso il lavoro ecc, e vincolare parte di questi compensi al pagamento delle tasse, per creare una coscienza sociale a coloro che spesso, con o senza pandemia eludono le tasse.
L’evasione delle tasse nei comuni si attesta dal 20% in su !!!
Grazie x l’attenzione

Mercoledì 17 marzo 2021 21:19:41

Gentile Signora,
Ormai la sua trasmissione è assolutamente prevedibile. Ora nel mirino avete Draghi e lei e i suoi soliti ospiti quotidianamente cercate di minarne l'operato e la credibilità. Inutilmente. Forse sarebbe il caso che Lei, Travaglio, Scanzi, Telese, Murgia, Padellaro vi rassegnaste: Conte non è più il Presidente del Consiglio.
Cordialmente
Nenne Lantini

Mercoledì 17 marzo 2021 21:15:31

Non pagare le tasse, mossa della scimmia.
Egr. Gruber invece di portare avanti sempre le politiche delle sanatorie e condoni per coloro che non pagano le. tasse e che comunque usufruiscono di tutti i servizi finanziati da coloro che. pagano le tasse, perché non fa una o più trasmissioni su coloro che pagano sempre le tasse come le 293 imprese italiane che nei primi mesi dell'anno hanno pagato le tasse?
la sua informazione è equa?
ora et labora

Lunedì 15 marzo 2021 16:46:05

Dimostriamo all’Europa che non siamo come ci descrivono i nostri media


Dimostriamo all’Europa che non siamo come ci descrivono i nostri media. Assuefacendoci ai bla, bla, bla imbrattafogli e riempi spazi, una buona parte dell’informazione italiana dimostra di non avere argomenti. Giornali, radio e TV si scopiazzano mentre si moltiplicano le piccole testate, proprio come i partiti. Le chiacchiere a vuoto imperversano in sedicenti dibattiti privi di interesse. Questa “ricca” informazione ci delizia con temi sempre nuovi come Conte, Zingaretti, le felpe o le “mutazioni” di Salvini, il PD, i 5 Stelle, le varianti Covid, i vaccini, le chiusure e le aperture, le zone rosse, gialle, arancio chiaro o arancio scuro e, sempre in primo piano, crisi, crisi, crisi… pandemia, sfacelo economico, corruzione… La grancassa viene battuta in simultanea anche sui grandi truffatori che saltano fuori a tutti i livelli. Si dà eco ad inchieste bolle di sapone. Si indaga su tutto e su tutti e si fanno titoloni o titoletti a secondo della convenienza. Si fa a gara nel continuare a sottolineare il peggio del peggio del nostro paese. Si mostrano degrado, sporcizia, discariche abusive, campi rom, immigrati che fuggono, spacciano o dormono sotto i ponti. Si terrorizzano gli italiani con bollettini ossessivi sui morti per Covid, mentre della vecchia influenza, che pure uccideva, non si ha piu’ notizia. Si portano in TV proprietari che hanno perso le loro case occupate da bellimbusti approfittatori e si dimostra che le leggi italiane permettono agli scrocconi di godere indisturbati per decenni di beni che non sono loro mentre chi li possiede ha l’obbligo di pagare tasse e bollette. Si dimentica che tutto questo bailamme di notizie e denunce, seppure a volte sacrosante, dà agli osservatori stranieri un’impressione negativa dell’organizzazione dello Stato, della giustizia e dell’onestà italiane e certamente non funge da incentivo per gli stranieri perché si precipitino a venire in vacanza o a investire da noi. Un’Italia dissestata e priva di regole è quella che viene sbandierata ai quattro venti in maniera a dir poco maniacale, mentre si ignora quasi totalmente l’”altra” Italia, quella intelligente, creativa, coraggiosa, produttiva, pulita, funzionante, geniale e malamente imitata che riesce malgrado tutto a tenere alto il suo nome. Non ci si preoccupa minimamente delle conseguenze della pessima pubblicità che ci facciamo - che non è neppure autocritica - su quelli di noi che lavorando con l’estero si presentano con un simile biglietto da visita. Mentre noi sciorinano al sole i nostri panni sporchi, gli altri li lavano accuratamente in famiglia. Un esempio recente ci viene dalla Francia: quando Sarkozy, ma anche Chirac, erano Presidenti della Repubblica in carica, erano indagati ma, lo sapevano SOLO gli inquirenti. Una volta terminato il mandato sono stati processati e condannati pubblicamente entrambi, il primo per impieghi fittizi quando era sindaco di Parigi e il secondo per corruzione e traffico di influenze. Il comportamento serio della magistratura e dei media francesi dovrebbe essere preso da giornalisti e magistrati italiani come esempio di rispetto delle istituzioni e di SALVAGUARDIA DELL’INTERESSE NAZIONALE a tutela sempre e comunque del BUON NOME DEL PAESE e del PRESTIGIO DI CHI LO RAPPRESENTA NEI CONSESSI INTERNAZIONALI. Non è quello che è successo a Berlusconi quando era Presidente del Consiglio.
Agli occhi di chi segue i nostri media, problemi e malfunzionamento appaiono come UNICO aspetto caratterizzante il nostro paese. Nella difficile congiuntura che stiamo vivendo, sarebbe opportuno, incoraggiante, ma soprattutto indispensabile, porre l’accento ANCHE su cio’ che resta di positivo, che non è poco. Lo hanno fatto con intelligenza e amor patrio due giornalisti del Sole 24 Ore, Carlo Andrea Finotto e Domenico Palmiotti. Il loro articolo “ Ceci spaziali, filati d’acciaio e plastica riciclata: il made in Italy resiste al Covid”, leva finalmente una voce diversa. Ci racconta di un’Italia intraprendente, onesta, lavoratrice e rispettata. Ci dice di imprese come la Sirmax che impiega 700 persone, la Top Engineering, la Covid, la Terre di Altamura e tante altre perfettamente sconosciute alla maggior parte degli italiani che, non facendo scandalo, non fanno notizia. Sono semplicemente imprese serie, organizzate e guidate con intelligenza e competenza che “piu’ che resistere, non si sono mai arrese” (Cfr. articolo) anzi, sono riuscite perfino a ingrandirsi con manufatti di alta tecnologia, ottima qualità e decisamente avanguardistici su brevetti e savoir faire “nostrani”.
Questo gli italiani non lo sanno perché nessuno ne parla. Lo sanno bene gli stranieri che faticano a farci concorrenza senza ricorrere a mezzi sleali come i bollini arancio che additano il prosciutto di Parma e molti altri nostri prodotti come nocivi per la salute mentre un sacchetto di chips francese riceve il bollino verde. Per non parlare del piu’ vasto attacco ai nostri prodotti che la UE ha in programma. I provvedimenti UE, killer per l’economia italiana, vengono riportati come informazione generica e quasi mai commentati. Si dovrebbe invece contestarli coralmente con immediatezza confutando con veemenza affermazioni senza fondamento scientifico e producendo esempi concreti dei punti forti dell’Italia. Sarebbe intelligente e anche efficace rispondere agli attacchi facendo uso di una forma sottilmente ironica intesa a colpire gli imitatori pedissequi e incapaci che, anche se lo nascondono, mostrano di temerci proprio quando ci imitano. Gettando velatamente il ridicolo sui goffi tentativi di chi cerca di sminuire i marchi italiani con il fine disonesto di assicurarsi una possibile riuscita nella scalata al ricercatissimo made in Italy, si colpirebbe la prosopopea di taluni e si dimostrerebbe che le nostre specialità sono apprezzate al punto da essere imitate per incapacità competitiva. Lo provano gli innumerevoli “manufatti italiani” farlocchi che appaiono di continuo sul mercato a prezzi fortemente concorrenziali e… restano sul banco. Non si reagisce, si preferisce tacere, subire e, quel che è peggio, fare apparire l’Italia letta o ascoltata da altri come un paese senza futuro. Non si ricordano mai, neanche sotto forma di citazioni, cervelli come Meucci o Marconi che hanno regalato al mondo l’uno il telefono e l’altro il telegrafo e la radio o come Guido D’Arezzo che ha permesso a tutti di superare le difficoltà della tradizione orale della musica inventando note e pentagramma. Proprio come non si accenna mai al fatto che il conosciutissimo polipropilene isotattico, piu’ noto come PLASTICA, una rivoluzione nel campo industriale, è frutto dell’intelligenza di un italiano, GIULIO NATTA o che il MICROCHIP di FEDERICO FAGGIN, un vicentino emigrato negli U. S. A., ha posto le fondamenta per l’elettronica moderna permettendo la nascita dei MICROPROCESSORI INTEL che tutti conosciamo, ma non come derivato da un’invenzione italiana. Senza il genio di questi e di molti altri nostri compatrioti, il mondo non sarebbe lo stesso. Malgrado cio’, non solo assumiamo atteggiamenti sottomessi che ci dimostrano poco consapevoli delle lezioni di civiltà che il nostro paese ha sempre saputo dare, ma dimentichiamo perfino di ricordare le personalità contemporanee eccezionali che conferiscono prestigio all’Italia. Si fa un gran parlare di vaccini, ma sono rare le voci che si levano per rendere omaggio a un microbiologo della statura di RINO RAPPUOLI, insignito di numerosi e prestigiosissimi premi tra i quali figura anche la Medaglia d’oro per la Sanità. Rappuoli è uno degli ingegni italiani che si sono distinti all’estero (Washington University, Saint Louis, Harvard Medical School, Rockfeller University, New York, Novartis). Conosciuto da pochi nel nostro paese, Rappuoli è il cofondatore della microbiologia cellulare nonché un “pioniere nell’approccio genomico nello sviluppo dei vaccini. ” (Wikipedia). Fra le sue scoperte piu’ rilevanti basti ricordare “il vaccino antinfluenzale, il vaccino acellulare contro la pertosse, il primo vaccino covalente contro il meningococco e il vaccino contro la meningite B derivato dalla mappatura genomica del batterio responsabile” (Cfr. Wikipedia). Gratificare con un minimo di attenzione personalità insigni come Rappuoli sarebbe stato quasi un obbligo dopo che lo scienziato, che collabora come ricercatore presso l’istituto Toscana Life Sciences, ospite di Agora su Rai 3 ha annunziato che prima dell’estate il suo gruppo ci darà gli anticorpi mononucleari di seconda generazione che permetteranno di combattere efficacemente le tre varianti del Covid. La notizia non ha provocato lo stesso scalpore delle dimissioni di Zingaretti.
Questa è l’”altra” Italia, questa è l’Italia ignota a molti e dimenticata da un giornalismo colpevole. Se ne parlasse, si infonderebbe speranza, si darebbe forza a chi è scoraggiato e si ridesterebbe la fiducia assopita. Le parole buttate al vento irresponsabilmente pesano come macigni e possono generare quella disperazione che troppo spesso ultimamente ha raggiunto limiti talmente insostenibili da spingere qualcuno a togliersi la vita.
E… lasciamo lavorare serenamente il Presidente Draghi, un’altra eccellenza tutta italiana che non va sminuita con la consueta e scadente ironia di cattivo gusto ma, va esaltata e soprattutto rispettata.

Commenti Facebook