Messaggi e commenti per Lilli Gruber

Messaggi presenti: 1205

Lascia un messaggio o un commento per Lilli Gruber utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Lunedì 30 settembre 2019 18:04:50

Alla professoressa e dirigente scolastica Arcangela Miceli,
faccio seguito al mio messaggio di ieri per ribadire e chiarire a Lei alcune cose.
Io sono un ricercatore e, dicono, padre della nuova Sociologia BioNaturale. Con il mio approccio e con le mie acquisizioni, la Sociologia è finalmente diventata scienza. Prima era solo Filosofia e, da un punto di vista Galileiano, Baconiano e di altri, cioè la necessità di accertare i fatti trattati impiegando la sperimentazione, la Sua Materia, la Filosofia, nonostante l'etimo, non è una scienza. Semmai è una prescienza, necessaria alla scienza vera e propria. E questo è stato il mio approccio anche nel lavoro che ho svolto fionora.
Quindi mi chiamano con un termine che, quasi, odio perché mi sa tanto di una presa in giro. Cioè "Scienziato".
Tra le mie acquisizioni c'è una specie di storia dell'errore umano. In pratica noi agiamo in tanti, molti ambiti con regole e credenze che risalgono alla preistoria e sono state tramandate, ad arte o innocentemente, per via filogenetica fino a noi. Mi ripeto ancora, se lei non mi avesse mai letto, citando A. Einstein: "È più facile spezzare l'atomo che spazzare via un pregiudizio", e io ne ho avute, di prove, a josa. E, come me, credo, gli altri della mia categoria. È per questo che usiamo cautela (lei la chiama spocchiosità e anche finta umiltà: ha mai ascoltato Sgarbi?): siamo consci di cosa facciamo arrischiare ai nostri interlocutori, radicati in certe ideologie (che fanno parte tutte della Filosofia e non sono mai scientifiche) e in certe credenze? Faremmo crollare un mondo di certezze e le conseguenze potrebbe essere drammatiche, in loro.
Alla moda di Sgarbi, le capre dovrebbero apprezzare queste prudenti modalità di discussione, sopratutto capirle, mai cercar di affossarle.
Questo spiega anche le esitazioni e i piccoli movimenti che tradivano, a tratti, i pensieri di reazione che agitavano il prof. Battaglia al sentire le corbellerie e i fraintendimenti delle donne presenti alla trasmissione, cui ora si è aggiunta Lei. Intanto la qualità dell'energia elettrica, presupponendo la stessa quantità, è identica da qualsiasi fonte provenga e quindi l'accenno ad essa è fuori luogo, poi, semmai, la produzione della stessa per via naturale dipende dalla persistenza delle condizioni atmosferiche, quindi non è costante. Qualcuno ha accennato ad accumulatori, senza sapere quanti ne necessiterebbero. Quando manca l'energia gli altiforni si fermerebbero con danni davvero ingenti, gli ospedali..., giusto per citare qualche effetto. Poi c'è il problema dell'ecologia, ecc. Quando si parla del 7, 8% di copertura della green energy si vuole in realtà dire che la strada delle risorse naturali è veramente lunga prima di correre il rischio di lasciare la prof. Miceli al freddo, oppure con l'auto in panne. Quindi il prof. Battaglia alludeva al 7, 8% come quantità critica, non come qualità. In quel momento lui aveva ben presente il fabbisogno dell'economia italiana, cosa che verdi e gretini (seguaci di Greta, e non mi importa né della somiglianza ad altri termini, né del politicamente corretto: per me è più ridicolo "verdi"), invischiati nelle loro ideologie, trascurano. Infine c'è il discutibilissimo problema dell'impatto sul sistemaecologico. (Clima, ecc.)
Infine, consigliando anche a Lei il mio libro "Natura e Cultura - La Teoria dei Quattro Istinti Primari" e sperando di non essermi imbattuto ancora in esperienze precedenti, qui in questo blog, Le dichiaro l'integrità e la correttezza deontologica del prof. Battaglia il cui trattamento da parte Sua, se lo accettassi, umilierebbe anche me. Un saluto, Flavio A. Formelli.
Al prof. Battaglia: perdoni il mio non richiesto patrocinio, la mia parcella è di simbolici 50€, proprio perché è Lei, da devolvere nè a Onlus implicate nelle migrazioni, né ad altri che, loro sì, rovinano l'ambiente e le popolazioni residenti, quando si avvalgono di politici come i nostri attuali.

Domenica 29 settembre 2019 23:04:55

Cara Lilli, escluso qualcuno, come, sembra, Mainardi, i tuoi fans che qui manifestano le loro idee non suffragate da piattaforme scientifiche, quando non si lasciano andare a insulti (io, modestamente, mi son preso dell' "alto papavero" e, successivamente mi ha scritto proprio il fiore papavero protestando che non aveva nulla da spartire con me), non fanno intravedere una cultura "propriamente" scientifica e parlano e protestano in continuazione. Io sono nel mondo della scienza e, come l'esimio professore Battaglia di sabato 28, sera, quando mi trovo a tenere delle conferenze, sperimento, a volte, reazioni ineducate e scomposte di gente che, non solo non sa cosa sia la scienza, ma nemmeno non conosce niente dell'operato e del vissuto di uno scienziato. Per esempio, un giorno, trattando del modo di porsi della Natura nei confronti dei "derelitti della vita" (copyright Herbert Spencer, 1902/3), alludevo al fatto che, all'osservazione, sembra che proprio la Natura assuma nei loro confronti il compito di sbarazzarsene trattandoli come zavorra, ma noi interveniamo con tecniche mediche e altre e le impediamo per un po' di tempo di agire come da copione. Ma ne paghiamo le conseguenze: abbassamento del tasso di longevità in moltissime zone del pianeta, aumento demografico, risorse sempre più scarse nei confronti dei viventi, peggiore qualità di vita a causa dell'inquinamento, la progressiva distruzione dell'ambiente con intensa perdita di varietà nei viventi (piante e animali) per estinzione e per meticciato del quale sono parecchio confutabili le qualità che porterebbe. Come gruppo di controllo ho riportato gli squali del Mare del Nord che arrivano ai quattrocento anni di vita, benché privi della vescica natatoria e le balene che superano i 650 anni d'età, se non stressate dai pescatori giapponesi. Per non parlare delle piante millenarie. Queste sono alcune delle mie acquisizioni scientifiche, oggettive rispetto al mio modo di pensare dl quale non mi piace parlare e l'ho già scritto in questo blog a proposito del mio orientamento politico. Beh, l'osservazione più educata è stata l'accusa di essere troppo schematico. Da parte, naturalmente, di gente totalmente avulsa dal campo della biologia e, invece, preda di ideologie varie.
Pertanto capisco i ben coperti, ma non del tutto, moti istintivi d'impazienza del prof. Battaglia al sentire le repliche petulanti della gretina e della verde. Penso che non avremo più il piacere di sentirlo dopo questa esperienza a "otto e mezzo". Saluti, Flavio A. Formelli
(fonte: il mio libro: "Natura e Cultura - La Teoria dei Quattro Istinti Primari" edit: www. fidaitalia. com

Domenica 29 settembre 2019 21:02:26

Buona sera Lilli Gruber, la seguo sempre con interesse sia su la 7 che su 7. Ho parzialmente ascoltato la puntata dell'altra sera quando c'era la rappresentante dei Verdi e il professore di Modena. Mi occupo di recupero di paesaggio da tanti anni. A mio avviso si va poco lontano se non si ricollegano le tematiche ambientali alla Pianificazione, e naturalmente ai comportamenti individuali. In particolare penso potrebbe essere interessante per il dibattito un mio articolo pubblicato nel dic. 2012 su Geologia dell Ambiente. E' possibile inviarglielo? Cordiali saluti, Milena Matteini

Domenica 29 settembre 2019 11:16:37

Cara Ines non posso credere che una ragazzina di 11 anni scriva e la pensi in quel modo. Una nuova Greta? Ma!
Volevo anche dire che quando i politici si accaniscono verso il rappresentante di un'altra fazione politica, spesso il risultato è che l'insultato acquisisca consensi nel confronto con l'altro. Questo per dire che Luca Telese, con la sua maleducazione, mi ha fatto diventare simpatico De Angelis che ha dialogato, a mio avviso, per la prima volta con coscienza e ragionevolezza. In genere si capisce che è un sostenitore delle idee della Gruber, ma l'altra sera ha superato se stesso nei confronti di Telese, il quale esprimeva idee ridicole e banali. Bravo Alessandro ma solo per questa volta, non montarti la testa.

>
Domenica 29 settembre 2019 08:59:21

Gent. ma mi chiamo Arcangela Miceli sono stata per 40 anni nella scuola come docente di filosofia e dirigente (oggi in pensione) seguo sempre il suo talk e ieri sera ho seguito con grande interesse la trasmissione. Mentre la presenza femminile (Lei compresa) ha dimostrato correttezza responsabilità e intelligenza le argomentazioni del prof (sich!) Battaglia mi hanno fatto veramente indignare e non solo perché ho opinioni diverse ma per la sua spocchiosa e finto umile modalità di discutere (che è grave per ogni essere umano e ancor più grave per uno "scienziato"): - ridicolizzare l avversario (gretineria, gretini), - negare l esistenza di un problema; - affermare che le energie alternative sono inefficaci perché incidono al 7 / 8 per cento confondendo la qualità con la quantità; - non avere rispetto per la scienza e per la ricerca... e altro ancora. Se è in buona fede dimostra di non essere all altezza del suo ruolo, se è in mala fede commette, a mio avviso, un reato! Grazie e buon lavoro

Sabato 28 settembre 2019 22:16:51

Gentile conduttrice Lilli Gruber ti seguo sempre e da anni, nella puntata di sabato 28-9-19 ho rilevato che i tuoi interlocutori avevano poche idee per dar da subito un contributo
al risanamento del riscaldamento globale. Da decenni sono assillato dallo sbilancio
termodinamico del SISTEMA termico TERRA-ARIA-ACQUA-sorgenti di calore, uomo e sole. Nel mio blog www. carlopasquale. it ho cercato di esporre la cause del surriscaldamento climatico e ho elencato i possibili interventi per ridurre da subito le emissioni termiche nell'aria, nel suolo e negli oceani, il vero dramma, piu che incriminare l'anidride carbonica tra l'altro anche necessaria alla vita dell'uomo e consumabile dalla vegetazione arborea. Resto a disposizioni per chiarimenti, cordiamente ti saluto carlo pasquale.

Sabato 28 settembre 2019 21:55:33

Le variazioni climatiche sono dovute all'inquinamento?
No, sono dovute ai moti della Terra: oltre a rotazione e rivoluzione abbiamo moti dovuti alla asimmetria della Terra che fanno si che l'asse di rotazione compia moti processionali come una trottola con periodi di circa 27000 anni. Questi sono dovuti alle forze gravitazionali della luna e del sole, poi ci sono
Moti dovuti ai campi gravitazionali degli altri pianeti. "Raddrizzandosi" o "inclinandosi" rispetto alla sua rotazione i flussi di aria passeranno su fasciae più settentrionali o più a sud, quindi i fronti di aria umida colpiranno diversamente le nostre regioni/nazioni. Quando il ghiacciaio del monte bianco arrivava al lago di Viverone, non era certo dovuto all'inquinamento prodotto dall'uomo. Anche quando Annibale passò le Alpi con gli elefanti, sembra che era un periodo di deglaciazione. Occorre evitare di strumentalizzare il cambiamento climatico, e occorre conoscere i limiti dell'energia solare e eolica, ancora oggi molto lontani da garantire il fabbisogno.
Occorre anche ricordare che abbiamo regalato ai francesi la fusione nucleare fredda realizzata con fondi Italiani da Rubbia, quando presidente Enea. Rubbia ha anche realizzato un reattore a fissione intrinsecamente sicuro, in quanto alimentato con acceleratore di particelle, che non è mai stato realizzato. I reattori presenti sono quasi tutti autofertilizzanti, estremamente pericolosi, in quanto producono plutonio, che serve esclusivamente per le armi nucleari. L'Italia condivide il rischio con la Francia per il reattore supefenix (gemelli di quello di Chernobyl), posto vicino al ns confine, senza avete i vantaggi economici della produzione di energia elettrica (che anche compriamo da questo reattore)

>
Sabato 28 settembre 2019 21:27:36

Gent. ma Signora Grube buona sera,
Seguo sempre la sua trasmissione, questa sera avrei voluto porre due domande: 1) perché gli incontri dei giovani avviene il venerdì giornata di scuola e non il sabato.
2) perché tutti questi giovani che vogliono diminuire l'inquinamento continuano a circolare con motorini euro 0 e guardare cosa si trova in terra dopo una loro manifestazione? Gomme da masticare carte, cicche.
Cordiali saluti Giovanni Paolo Gorup

Sabato 28 settembre 2019 21:15:53

Sto seguendo la puntata di OTTO E MEZZO in cui si parla di Greta Thunberg.
C'è questo professore che sembra avere come scopo di dimostrare che va tutto bene e che, stante la necessità del mondo di energia per funzionare, non c'è altro da fare e da discutere.
Bene. Chiedo solo: questo signore dove andrà a vivere quando orde di persone si riverseranno da noi per sfuggire alla siccità (per esempio) ?
Magari lui pensa che la terra sia piatta ed inoltre che sia una penisola.
Lui passerà dall'istmo che collega la terra ad altro per andarsene.
Dove lo sa lui, ma sarebbe interessante saperlo anche noi
Grazie

Sabato 28 settembre 2019 21:13:43

Vorrei fare sapere al prof. Battaglia che in Europa le fonti di energia rinnovabile è al 17, 5 per cento.

Commenti Facebook