Biografie

Antonio Salandra

Antonio Salandra
Antonio Salandra nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Alle soglie della guerra

Antonio Salandra nasce a Troia, nel foggiano, il 13 agosto 1853 da un'agiata famiglia di proprietari terrieri. Nel 1872 si laurea in giurisprudenza a Napoli e, dopo alcuni anni di libera docenza nello stesso ateneo e poi in quello romano, nel 1885 ottiene, a Roma, la cattedra di Scienza dell'amministrazione. Qui conosce ed entra in rapporti con Giorgio Sidney Sonnino, il quale lo introduce alla politica.

Nel 1886 viene eletto deputato nella Destra storica e diviene ferreo oppositore di Agostino Depretis e del suo trasformismo. Fra gli anni 1891 e 1910 ricopre ruoli di governo prima con Di Rudinì, poi con Crispi, quindi con Pelloux e infine con Sonnino.

Negli anni del governo Giolitti passa da convinto sostenitore del Presidente del Consiglio a suo oppositore - non condividendone affatto, tra l'altro, la politica di neutralità riguardo a quello che sarà il primo conflitto mondiale - fino a succedergli nel 1914.

Da Primo Ministro, Antonio Salandra opta - ma solo per convenienza e non certamente per convinzione - per il non interventismo, nella speranza di ottenere dall'Austria la restituzione dei territori soggiogati della Venezia Tridentina e della Venezia Giulia; rivelatasi vana tale aspirazione, però, avvia segrete trattative con Francia, Regno Unito e Russia e, il 26 aprile 1915, sottoscrive il Patto di Londra in base al quale i nuovi alleati riconoscono all'Italia, in cambio della sua entrata in guerra ed a vittoria ottenuta, il diritto di occupare la Dalmazia ed alcuni territori in Africa, patto che, peraltro, gli Alleati non rispetteranno.

Il 23 maggio dichiara l'entrata in guerra contro gli austro-ungarici ma l'interventismo, da lui - e da Sonnino - sostenuto tenacemente fino al punto da attuarlo anche contro la volontà del Parlamento, si infrange sul muro dei primi successi austriaci in Trentino ed egli, nei primi mesi del 1916, si dimette.

Conclusa la guerra, il 18 gennaio 1919 prende parte alla Conferenza della Pace, a Parigi, nella quale gli Stati vincitori ridisegnano la carta geografica dell'Europa, ed il 28 aprile sottoscrive il Patto della Società delle Nazioni, una prima e in parte malriuscita anticipazione dell'attuale Patto Atlantico.

Nel 1922 Salandra sostiene l'avvento del Fascismo, nel quale individua il naturale erede del Risorgimento, anche se qualche tempo dopo, nel 1925, si allontana dalla politica per dedicarsi ai suoi studi e riprendere l'attività di scrittore. Sono di questi anni "La neutralità italiana: 1914" e "L'intervento: 1915", pubblicate rispettivamente nel 1928 e nel 1930. Fra le opere pubblicate in precedenza si ricordano: "La politica nazionale e il Partito Liberale" nel 1912; "Politica e legislazione" nel 1915; "I discorsi della guerra" nel 1922; "Liberalismo e fascismo" del 1924.

Nel 1928 viene eletto senatore. Tre anni dopo, il 9 dicembre 1931, Antonio Salandra si spegne in Roma, all'età di 78 anni.

Uomo di specchiata moralità e di onestà intransigente, Antonio Salandra è stato intellettuale, giurista ed economista di grande spessore. La più insigne Accademia italiana, quella dei Lincei, lo volle annoverare fra i suoi soci nazionali. Con il "Codice della giustizia amministrativa", del 1893, fa assurgere la stessa alla dignità di branca del diritto pubblico.

Frasi di Antonio Salandra

3 fotografie

Foto e immagini di Antonio Salandra

Loading...

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Antonio Salandra ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Antonio Salandra nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

11 biografie

Nati lo stesso giorno di Antonio Salandra

Antoon van Dyck

Antoon van Dyck

Pittore belga
α 22 marzo 1599
ω 9 dicembre 1640
Camillo Pellizzi

Camillo Pellizzi

Scrittore e giornalista italiano
α 24 agosto 1896
ω 9 dicembre 1979
Franco Franchi

Franco Franchi

Attore comico
α 18 settembre 1928
ω 9 dicembre 1992
Mary Leakey

Mary Leakey

Paleoantropologa e archeologa inglese
α 6 febbraio 1913
ω 9 dicembre 1996
André Michelin

André Michelin

Imprenditore e inventore francese
α 16 gennaio 1853
ω 4 aprile 1931
Vincent van Gogh

Vincent van Gogh

Pittore olandese
α 30 marzo 1853
ω 29 luglio 1890
André Michelin

André Michelin

Imprenditore e inventore francese
α 16 gennaio 1853
ω 4 aprile 1931
Armand Fallières

Armand Fallières

9° Presidente della Repubblica francese
α 6 novembre 1841
ω 22 giugno 1931
Arthur Schnitzler

Arthur Schnitzler

Scrittore e drammaturgo austriaco
α 15 maggio 1862
ω 21 ottobre 1931
Giovanni Boldini

Giovanni Boldini

Pittore italiano
α 31 dicembre 1842
ω 11 gennaio 1931
Gustave Le Bon

Gustave Le Bon

Psicologo e sociologo francese
α 7 maggio 1841
ω 13 dicembre 1931
Kahlil Gibran

Kahlil Gibran

Scrittore, poeta e filosofo libanese
α 6 gennaio 1883
ω 10 aprile 1931
Thomas Alva Edison

Thomas Alva Edison

Industriale statunitense, inventore della lampadina
α 11 febbraio 1847
ω 18 ottobre 1931
Tommaso Tittoni

Tommaso Tittoni

Politico italiano
α 16 novembre 1855
ω 7 febbraio 1931