Messaggi e commenti per Corrado Formigli - pagina 2

Messaggi presenti: 466

Lascia un messaggio, un suggerimento o un commento per Corrado Formigli.
Utilizza il pulsante, oppure i commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Leggi anche:
Frasi di Corrado Formigli

Nota bene
Biografieonline non ha contatti diretti con Corrado Formigli. Tuttavia pubblicando il messaggio come commento al testo biografico, c'è la possibilità che giunga a destinazione, magari riportato da qualche persona dello staff di Corrado Formigli.

Giovedì 24 marzo 2022 23:33:12

Tesi interessanti ma impopolari


Il prof orsini è intelligente arguto è preparatissimo. Meriterebbe un confronto con giornalisti intelligenti e senz altro meno qualunquisti del dott calabresi.
Il prof. Orsini è libero e bisognerebbe che il dibattito che lei conduce riuscisse a chiarire le sue tesi. Tesi molto interessanti ma che, proprio in quanto impopolari, sono di non agevole comprensione.
Buon lavoro

Domenica 20 marzo 2022 17:53:44

All'aggredito che ti chiede aiuto non puoi dire arrenditi


Caro Formigli, io no seguo le trasmissioni di approfondimento sulla politica o sui fatti di attualità delle varie reti televisive perché di solito il loro interesse è mettere in contrasto diverse posizioni per suscitare nel pubblico l'adesione a uno dei contendenti della disputa, che si potrebbe definire tifo. In fase di covid ho cominciato a seguire Piazza Pulita perché apprezzo la tua conduzione e il tuo approccio al problema, in quanto persona convinta della scelta del vaccino (penso) hai comunque portato le motivazioni dei no vax.
Non condivido invece il tuo approccio, manifestato nella tua ultima trasmissione alla guerra in Ucraina. Ognuno di noi ha già scelto da che parte stare e di conseguenza non mi interessa di convincere quello che crede il prof. Orsini in quanto come non è possibile convincere un no vax al bisogno di vaccinarsi, non è possibile convincere chi pensa che l'intervento russo in Ucraina è colpa della Nato. Mentre mi interessa approfondire quelle che sono le mie convinzioni e perché sento che è giusto sostenere il popolo ucraino anche con l'invio di armi perché all'aggredito che ti chiede aiuto non puoi dire arrenditi perché il tuo aggressore è più forte di te.

Sabato 19 marzo 2022 23:14:27

Parenzo Prof. Orsini


Salve Formigli.
Seguo da anni la trasmissione Piazza Pulita.
Vedo personaggi con cui condivido le opinioni ed altricon cui non condivido. Seguo con senso critico
Cercando di farmi una opinione senza pendere dalle labbra di nessuno. Ascolto le ragioni e le spiegazioni degli ospiti soprattutto se docenti universitari. Non mi piacciono le discussioni infarcite di prepotenza come quella avvenuta tra il Prof. Orsini e Parenzo. Il secondo e' talmente arrogante da non lasciare parlare il primo le cui spiegazioni servono ad illustrare una situazione e non ad indurre a parteggiare per Putin o per il presidente ucraino. Il sig Parenzo ha un atteggiamento agressivo che prende tutta la scena e che non consente di seguire le opinioni degli interlocutori. Questa sera durante la trasmissione condotta con Concita e' stato gentilmente invitato dalla collega ad uscire dalla logica del botta e risposta ad ogni costo.
Un chiaro invito a lasciare parlare gli ospiti.
Ma un altro elemento e' anche un altro personaggio di cui non ricordo il nome presente nella trasmissione precedente...
Molto rigido... quanto agressivo... uno che non tollera la benche' minima interruzione perche' altrimenti non ce la fa a bacchettare gli ospiti.
Trattasi di giornalista del Corriere.
Ripeto... non ricordo il nome
Ma la sua faccia SI! Ed anche il tono molto imperativo.
Lei puo' invitare chi vuole. La trasmissione e' sua
ma se le persone non mantengono un tono adeguato Lei perdera' gli ascolti iniziando dal mio
Buon lavoro

Sabato 19 marzo 2022 09:18:40

Guerra in Ucraina


Gentile dott. Formigli
Dopo aver letto il messaggio del Dott. Gavetto, penso ci possa essere poco da aggiungere, vista la profondita' del pensiero espresso. Quel piccolo testo dovrebbe essere fatto studiare nelle nostre scuole. Cio' detto mi limito a qualcosa di meno intenso: le chiedo, era veramente impossibile nel 2014, per la comunita' internazionale mediare tra le parti per riconoscere alla Russia la sovranita della Crimea e alla parte filo occidentale dell'Ucraina l'ingresso immediato nella UE ? Oggi credo che una qualsiasi mediazione sia impossibile perche' tutti attori in gioco devono perdere parte del loro ego, poverini... chissa' come passeranno alla storia. Peccato che la gente comune perde la propria pelle e quando gli va bene amicizie, familiari e quanto di materiale aveva costruito in una vita di lavoro.
E' sempre cosi' ed e' sempre uno schifo

Venerdì 18 marzo 2022 17:41:02

Come non fare la guerra


Egr sig. Formigli, seguo le sue trasmissioni su LA7 e altri tallk show. I conduttori sono incredibilmente ridicoli, Lei è uno dei pochi che apprezzo, perciò le scrivo.
Ultimamente si parla di guerra, di come farla finire, ecc. Io sono un 80enne, laureato in economia, ma da fin da studente interessato alla vita, ai valori, a ricercare la verità e ad altro. A riguardo del oggetto (la guerra), nessuno si interessa come nasce una guerra e perché: tutti a domandare come finire una guerra. Ebbene non sono un genio, ma avendo letto molti libri sul tema, mi meraviglio che non si dia una risposta a come nasce una guerra, e dopo si può capire come finisce. Ci sono stati nel tempo vari saggi (Cristo, Budda, Krishnamurti, Osho e altri), che ne hanno parlato. Ebbene, il problema principale è l"'io"il senso di identità falso del io: chi sono io? è la domanda da farsi.
L'io crede di esistere, in effetti non è un essere, cioè non è permanente, ma mutevole, cambia sempre, perché nasce dal conosciuto, dal noto, dal sapere: Un bambino nasce ignorante, non conosce chi è lui; sono i genitori che gli insegnano, a poco a poco, le cose (il nome, cosa è buono e cattivo, bello e brutto, e poi via via, altri, come parenti, insegnanti, amici, la società ecc) e lui apprende di seconda mano, cioè da altri, chi è? In effetti con tale insegnamenti tutti noi cresciamo così, convinti dei valori che ci hanno tramandato i genitori, ecc e ci costruiamo una falsa identità, l'Io, l'ego che si basa su una modalità duale, cioè di opposti (buono cattivo, bello o brutto, giusto o ingiusto ecc.) che non è la realtà: perché il reale si basa su modalità unica (non fatta da opposti). In realtà non esiste giorno o notte, ma giorno e notte, non luce o buio, ma luce e buio, ecc. Ecco perché sorgono i conflitti, le lotte. la competizioni, le divisioni, classificazioni, opinioni: Ognuno di noi ha idee ed opinioni, diverse, ci dividiamo in valori falsi: la mia famiglia, i miei amici, la mia religione, il mio paese, la mia nazione, partito ecc. creano la divisione dal altro. dagli altri, cioè conflitto, lotta. guerre, miseria, povertà e altre differenze: tutto ciò a causa della tradizione, del insegnamento della cultura, dai media, ecc.
Chiedo scusa se mi sono dilungato nella spiegazione, sarei felice che lei ne sappia già tutto, ma quanti lo sanno veramente? Sarà allora chiaro come nasce una guerra, e come non deve nascere, non chiedersi come terminarla. Le guerre non sono mai terminate in realtà, c'è solo una tregua, ed i conflitti ovunque sono permanenti. Vorrei finire con le parole dei vari "Saggi" nella storia: come si può vivere in pace, con se stessi, con gli altri, senza conflitti, divisioni, guerre, miseria ecc. ?
C'è solo una soluzione: LA CONSAPEVOLEZZA.
Purtroppo non è e non sarà facile raggiungere una consapevolezza globale, se non tutti noi diventiamo consapevoli.
Caro Corrado F. le auguro che lei introduca e parli della guerra con tale consapevolezza.
Grazie per avermi permesso di scriverle-
Pace a Lei e a tutti

Venerdì 18 marzo 2022 12:59:21

Orsini: personaggi di cui in questo momento storico faremmo volentieri a meno


Gentile Dott. Formigli,
Seguo spesso il suo programma e pur essendo su posizioni politiche antitetiche alle sue, ho sempre apprezzato il modo in cui conduce.
Negli ultimi giorni però devo constatare che si ostina ad invitare personaggi di cui in questo momento storico, solo per decenza umana, faremmo volentieri a meno.
Mi riferisco in particolare al Prof. Orsini e alla pseudofilosofa Di Cesare. Non si può tollerare, con le immagini devastanti per qualsiasi essere umano normale, la vergogna dei distinguo che questi personaggi continuano a proporre con innocua innocenza. Basta! !
Ieri sera poi il suo ospite esperto di Cina, di cui non ricordo il nome, ha avuto l'ardire di sostenere che nella storia dell'umanità l'Occidente ha rilevanza solo a partire dal 1800 mentre prima non contava nulla. Pazzesco roba da TSO immediato. Questo signore dovrebbe studiare la storia prima del 1800, ha dimenticato la civiltà ellenica, il Cristianesimo, Roma e tutti gli imperi occidentali, senza voler aggiungere tutta la cultura e l'arte che in Cina e Russia possono solo sognare.
Mi sarei aspettato che Lei glielo avesse fatto notare, ma ultimamente la vedo un pò distratto e invece troppo attratto da chi continua vergognosamente a giustificare le mostruosità cui stiamo assistendo.
Cordialmente
Carlo Muolo

Venerdì 18 marzo 2022 09:57:40

Tesi Orsini


Finalmente qualche punto di vista fuori dal gregge, mi riferisco al Fisico italiano che lavora in Canada ed al Prof. Orsini.
Ritengo abbia fatto benissimo Formigli a fare emergere altri punti di vista geopolitici e strategici rispetto l'appiattimento interventista da Europa senza un'anime e una testa propria. È terribile una guerra oggi dentro la vecchia Europa, ma dopo la 2a nessuno si è fermato, dall'Africa agli ex Patto di Varsavia, alla Ex Jugoslavia al Golfo non è che si tiravano noccioline e noi italiani ed Europei siamo stati appiattito sugli USA e sui muscoli senza una nostra visione strategica lunga, che a mio avviso dovrebbe essere terzista e di cerniera tra Est ed Ovest, anche perché Ucraina, Polonia, Russia sono i nostri vicini geografici e gli USA - forse - i nostri vicini economici. Credo inoltre che abbiamo una stampa di parte o fortemente sbilanciata sul pensiero unico occidentale, Vedi isolamento dell'ottimo corrispondente Marc Innaro del TG2... occorre meditare ed essere informati da più punti di vista!

Venerdì 18 marzo 2022 09:53:32

Invitando sempre le stesse persone diminuisce l’interesse


La trasmissione è “tua” ed inviti chi vuoi. Però invitare sempre le stesse persone delle quali alla fine si conoscono le posizioni fa diminuire l’interesse a seguirla. In questa occasione invitare sempre Orsini, al quale nessuno chiede se è favorevole o meno l’iniziativa (non la definisco) di Putin basterebbe un si od un no (forse non è politica corretto), credo che non faccia crescere l’audience. Non trovi un’altra persona adeguata al momento? Un saluto Antonio

Venerdì 18 marzo 2022 08:51:06

Riflessioni puntata di ieri sera. La prego, torni il Formigli di sempre


Buongiorno, ieri sera nel seguire la trasmissione mi sono sentita in forte disagio.
- troppo spazio a persone che hanno teorizzato situazioni al momento impossibili.
- poca attenzione alla sensibilità di quanti attualmente sotto le bombe stavano sentendo
- poca aderenza alla concretezza della situazione attuale (troppe dietrologie)
La prego, torni il Formigli di sempre, che da spazio a tutti ma sa quando è il caso di portare il discorso alla concretezza delle situazioni.
Se abbiamo in un prossimo futuro la probabilità di un coinvolgimento economico anche da noi, come potremo disporci ad accettarlo se si permette di dubitare di quanto stiamo facendo?
Questo è il momento di supportare, e non potendo fare molto, stare almeno vicini a quanti stanno vivendo sulla loro pelle disagi, pericoli e sofferenze.
Ci pensi. Grazie

Venerdì 18 marzo 2022 02:36:30

Puntata 17.3.22: l'approccio studiato della Russia


Salve.
Seguo sempre con interesse la tua trasmissione anche se, quando l’argomento si ripete, hai l’innegabile tendenza a far intervenire personaggi televisivi più “coreografici” che competenti.
Gli ospiti sono sempre di livello e per questo ritengo potrebbe essere interessante “seguire la corrente” piuttosto che ingabbiare la discussione al senso unico dettato da una linea tematica prestabilita.
Dalla puntata odierna è emersa l’immagine di una Russia sgangherata, economicamente fragile e militarmente antiquata; aspetti che condivido parzialmente. La cosa che non condivido è la visione di una Russia militarmente impantanata in Ucraina. Io credo invece si tratti di un approccio studiato. Martello quotidianamente con bombardamenti da lontano e aspetto che l’Ucraina pia piano si svuoti. Avete fatto un conto di quante persone ogni giorno varcano i confini verso ovest?
Resteranno vecchi e combattenti; dei secondi molti moriranno e i primi saranno troppo stanchi per fare opposizione. Quante famiglie di soldati ucraini morti rientreranno in patria in futuro? Poche, molto poche. Vedrete che quando il flusso migratorio rallenterà considerevolmente i bombardamenti aumenteranno e le truppe russe smetteranno di sostare a 10/15 km dalle grandi città.
Quanto all’atteggiamento della tanto osannata Europa (costola postbellica americana =nato), sono stufo della sua ipocrisia.
Di fatto, soprattutto l’Italia, finanzia Putin quotidianamente acquistando il suo gas e poi dice di combatterlo inviando armi agli ucraini e sequestrando yacht. Ridicoli. I Russi potranno fare a meno dei nostri capi firmati ma non dei nostri soldi.
Se l’Europa avesse le palle, dovrebbe interrompere immediatamente (e non programmare di diminuirli tra 5 anni) i grandi flussi finanziari legati all’energia se è veramente tanto indignata dalle morti sul campo.
Ma così non sarà perché vogliamo rimanere comodi, perché i soldi fanno girare il mondo e i morti si dimenticano.
Sarebbe bello veder rappresentata la realtà dei fatti piuttosto che girarci intorno.
Speriamo che non succeda la stessa cosa che col COVID all’inizio della vicenda… poveracci quei cinesi…fortuna che stanno lontani in quel paesino dal nome strano…
Saluti

Commenti Facebook