Messaggi e commenti per Mario Giordano

Messaggi presenti: 1285

Lascia un messaggio o un commento per Mario Giordano utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Giovedì 10 ottobre 2019 10:44:16

Egr. Giordano sarebbe per lei interessante l' argomento TFR/TFS dei dipendenti statali neo pensionati che hanno usufruito della "quota 100"? Se si mi contatti a questa mail o al 328-------. Grazie

Giovedì 10 ottobre 2019 00:31:34

Caro Giordano, mi piace la Tua trasmissione. la seguo con interesse. vorrei fare una correzione. la sedicesima che hai appena citato nel servizio, nella trasmissione di oggi. la usufruiscono soltanto quelli dell'assemblea Reginale Siciliana e ancora forse non sai, usufruiscono anche di una busta chiusa con soldi come regalo di fine legislatura. Mentre la regione tutta, comprese gli assessorati, usufruiscono appena della 13 mensilta'. cordiali sauti

Giovedì 10 ottobre 2019 00:30:14

Carissimo dott Mario Giordano dopo aver visto i vari sevizi sui vitalizi e sugli stipendi dei dipendenti della regione Sicilia... La vorrei informare sui miei guadagni.. Sono un laureato in ingegneria e sono un precario della scuola se mi va bene lavoro dal 15 sett al 30 giugno di ogni anno... con uno stipendio di 1480 euro a mese x 9 mensilità annue... Per raggiungere la sede della mia scuola spendo tra benzina ed autostrada circa 400 euro al mese... Quindi facendo un semplice calcolo 1480 - 400= 1080 x 9 mensilità diviso 12 mesi = a circa 800 euro che è il mio guadagno netto mensile... Una vergogna... Grazie x l'attenzione le porgo i miei saluti...

Giovedì 10 ottobre 2019 00:25:33

Stimatissimo giornalista Mario Giordano, Le scrivo brevemente per comunicarle che ho scritto una lettera aperta al Signor Lorenzo FIORAMENTI, Ministro dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca. Questa lettera l'ho inviata tramite mail a molti deputati e alcuni senatori di tutti i partiti politici Italiani. L'ho mandata anche e soprattutto a Lei che so per certo che ne parlerà nella sua trasmissione televisiva FUORI DAL CORO.
Qui sotto le invio il testo scritto da me e inviato a vari politici e anche al Signor Roberto Fico, Presidente della Camera dei deputati. Siccome il tema è molto scottante politicamente, non credo che il ministro o altri mi risponderanno.
Sperando che Lei divulghi la notizia "senza citare il mio nome", per ovvi motivi, la saluto cordialmente.
Erminio C.
LETTERA APERTA AL MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE.

Egregio Signor Lorenzo FIORAMENTI, Ministro dell'Istruzione dellUniversità e della Ricerca,
sono un ex iscritto al movimento 5 stelle*. Lavoro a scuola da 19 anni e conosco pregi e difetti. Ho deciso da cittadino libero di mettere, a Sua disposizione le mie conoscenze per migliorare questa importantissima Istituzione Pubblica. Poiché Lei è il Ministro ed è pagato da noi cittadini, "se vuole veramente", può migliorare la Scuola Italiana in brevissimo tempo. Matteo Renzi con la riforma denominata "Buona Scuola" che, tuttora, continua a far discutere e che molti come me la definiscono, la"Mala Scuola". Oltretutto è piena di privilegi e discriminazioni.
Lei signor Ministro, prima di laurearsi in filosofia ha frequentato tutte il percorso scolastico, quindi da studente ha vissuto per molti anni nelle varie scuole, dalle elementari all'università.
Per migliorare qualsiasi cosa, bisogna vedere cosa non funziona, così da poterle migliorare.
Le dico subito, che lo sciopero del 27 settembre 2019: "Fridays For Future" da Lei considera assenze giustificate, poiché è stata una mobilitazione mondiale contro il cambiamento climatico".
Questi movimenti sono nati dall'esempio della protesta di Greta Thunberg, la studentessa svedese che è manovrata dall'alto ed è ricevuta dalle massime cariche e istituzioni mondiali. Tutto questo è un grande tragica commedia mediatica mondiale.
Non c'era bisogno che il regime precostituito mettesse in campo una ragazzina per dire cose che da svariati decenni sanno anche le pietre.
Lo sanno tutti chi sono i personaggi potentissimi che stanno ammazzando il pianeta. Lo sanno tutti i burattini governanti di tutto il mondo. I burattinai dei politici mondiali li conoscono, anche il nostro Papa Francesco Bergoglio, il quale anche lui, predica bene e razzola male.
Caro Ministro, Le elenco alcuni criminali proprietari di multinazionali che inquinano da svariati decenni il pianeta. Coloro che gestiscono L'URANIO a livello mondiale sia militarmente sia civile, dall'inizio alla fine del ciclo di sfruttamento. Tutti i proprietari mondiali delle COMPAGNIE PETROLIFERE che gestiscono dall'inizio alla fine di tutti i cicli del commercio mortale.
Tutti i proprietari delle COMPAGNIE CHIMICHE che producono sostanze tossiche mortali.
Oltre a quest'elenco ci sono anche questi altri VELENI: CROMO ESAVALENTE, PIOMBO, MERCURIO, PESTICIDI, RADIONUCLIDI, CADMIO e tutti i veleni presenti nel cibo e nell'aria che ci fanno mangiare e respirare. Questi criminali hanno un volto, un nome e cognome e nessuno lo dice, nemmeno i giornalisti. Questi personaggi che stanno ammazzando il pianeta continuano senza sosta a commettere crimini contro l'umanità e nessuna istituzione, politico o giudice li ferma e li condanna come meritano.
Le fonti energetiche pulite, su tutta la terra sono smisurate e le compagnie petrolifere se ne stanno appropriando. Intanto continuano a estrarre petrolio che è continuamente utilizzato chi sa per quanti altri anni ancora. Il Nostro paese e voi che state al governo, se volete veramente eliminare di molto e subito l'inquinamento, potete fare una legge da applicare subito.
Proibire la produzione, il commercio, l'uso e il consumo di tutti i prodotti petroliferi e altri prodotti nocivi a tutti gli esseri viventi. Pene severissime per chi inquina e avvelenano ambiente e cibi. Questa legge è breve, chiara senza sotterfugi.
Io sono stufo da anni di questo regime finto democratico, che prende in giro il genere umano. Solo chi non ama il pianeta terra lo distrugge quotidianamente. La gente che parla e scrive a "pappagallo" dice: la colpa dell'inquinamento é DELL'UOMO. Io dico, che i pochi colpevoli sono i proprietari delle multinazionali della morte, elencate precisamente sopra.
Contrariamente le energie pulite devono essere favorite e appartenere al popolo e ai cittadini che la producono. Sono comunemente considerate energie pulite le energie idroelettrica, quella solare, eolica, marina o mareomotrice e geotermica.
L'autoproduzione energetica e' più efficiente come quelle eolica e solare, le quali hanno anche il vantaggio, di poter essere "micro generate", ossia prodotte in piccoli impianti domestici. Il sottoscritto qualche anno fa, sulla piattaforma del Movimento 5*, feci una proposta, affinché si facessero delle leggi per favorire i piccoli impianti domestici di energie pulite. La mia proposta, e forse anche altre, sono ancora lì nella piattaforma del dimenticatoio, come il resto di tutte le vecchie promesse di Beppe Grillo e altri del movimento 5*.
Egregio Ministro dell'Istruzione, detto questo, le voglio dire come funziona la scuola Italiana poiché probabilmente non conosce bene come funziona realmente. Io, in 19 anni di lavoro ho avuto diverse esperienze in diversi Istituti scolastici.

I PROFESSORI, LA CASTA PRIVILEGIATA.
Lavoro da circa venti anni con mansione di personale ATA, in varie scuole Statali, anche del nord. Dopo circa dieci anni di precariato finalmente passai di ruolo. Prima di lavorare nella scuola, lavoravo come artigiano, regolarmente inscritto. Per causa della concorrenza sleale, cioè moltissime persone che lavorano a nero, quelli che facevano e continuano a fare il doppio lavoro, prendendo i lavori a costi inferiori. Questi prendevano i lavori a un prezzo molto più basso di quello che potevo fare io che pagavo regolarmente le tasse. A un certo punto, "mio malgrado", sono stato costretto a chiudere l'impresa e sono emigrato al nord, dove ho cominciato a fare le supplenze. In qualsiasi scuola che ho lavorato, ho portato con me l'esperienza, il modo di lavorare e di agire, tipico di un imprenditore. Ho sempre trattato le scuole, gli arredi e le apparecchiature con grande cura. Agli studenti ho sempre ripetuto questo: tutto ciò che si trova nella scuola, dovete trattarla meglio delle cose che possedete a casa vostra, poiché tutto ciò che sta nella scuola, sono acquistate con i soldi di tutti i cittadini, quindi anche con le tasse dei vostri genitori.
Dopo tanti anni di lavoro, ho visto nelle varie scuole cose buone e altre dannose per le future generazioni. Questi danni, molte volte non sono indicati o scritte dai giornalisti d'inchiesta. Ho deciso di alzare il tappeto vecchio e polveroso e far vedere anche cosa c'è sotto a tutti quelli che non conoscono bene l'ambiente scolastico. La retorica e senso di predominio dilaga nella maggior parte delle scuole, in speciale modo verso gli allievi. In diversi casi, gli allievi non sono rispettati come si fa con le persone adulte e sono anche bistrattati e umiliati di fronte a tutta la classe.
Molti insegnanti, considerano e trattano gli studenti come contenitori da riempire. Insegnanti che si definiscono educatori ma tali non sono, per tantissimi motivi. Insegnare è, e deve essere una vocazione, purtroppo non tutti ce l'hanno, per questo devono cambiare mestiere, perché fanno solo danni perenni agli allievi e a tutta la società.
Anche se so per certo, che quello che sto per scrivere non piacerà a chi vuole che le cose così come sono non cambino in meglio, ma che restino come sono, con tutti i privilegi.
Nella scuola i meno privilegiati sono i docenti precari e il personale ATA, definito personale non docente che lavora nelle scuole d'Italia.
Il personale AMMINISTRATIVO, TECNICO, AUSILIARIO, sono tutti quei lavoratori invisibili, bistrattati e discriminati sotto vari aspetti. Per esempio, il personale ATA non ha diritto nemmeno alla formazione, sia il personale Amministrativo, Tecnico e Collaboratori, sia il personale docente a tempo determinato, con la card annuale di 500 euro, prevista invece, per il personale Docente a tempo indeterminato. La questione del bonus di 500 euro che molti insegnanti acquistano elettrodomestici con fondi stanziati dal governo per il materiale didattico.
Il Bonus per gli insegnanti: Striscia la Notizia e altre emittenti e giornali, svelano la truffa dei 500 euro del bonus insegnanti, utilizzati per acquistare lavatrici, smartphone, televisori ferri da stiro e altro. Tanto è vero che c'è stata un'interrogazione ai ministri dell'Istruzione e dell'Economia per l'uso fraudolento della carta del docente. L'ha presentata l'onorevole Drago (M5s), spiegando che con il bonus sono stati acquistati «elettrodomestici e altri oggetti che con l'aggiornamento professionale non c'entrano nulla». Ci sono state, infatti, diverse inchieste giornalistiche che hanno segnalato le frodi, oltre al Codacons. Sono stati segnalati anche casi in cui delle crociere sarebbero state mascherate come corsi di formazione. Io aggiungo, "la beffa e il grande danno", che fanno questi insegnanti "truffatori" che invece di usare questi soldi pubblici per crociere ed elettrodomestici li dovrebbero utilizzare per comprare per esempio cose molto importanti, come il computer portatile e software applicativi, più comuni e importanti. Come per esempio gestione testi; calcolo (fogli elettronici) ; grafica di presentazione; gestione database; navigazione Internet e gestione posta elettronica; grafica; progettazione assistita da computer (CAD) ; impaginazione e editoria elettronica e tanti altri.
Possedere le capacità di utilizzare correttamente il computer è un dovere di ogni operatore che lavora nelle scuole. Per questo motivo, nessuno deve essere escluso, tutti hanno diritto e il dovere di formarsi e auto formarsi. Il sottoscritto, come tanti altri non hanno usufruito di un centesimo per la propria formazione professionale e paradossalmente ho fatto a mie spese il corso e gli esami per conseguire l'attestato dell'ECDL. La formazione è un diritto e un dovere di tutti quelli che lavorano nelle scuole.
Lo sviluppo delle tecnologie digitali ha influenzato molto i rapporti sociali e culturali, ed è per questa ragione che non ci si può escludere dalla conoscenza "almeno basilare" dell'informatica nella scuola, specialmente gli insegnanti che dovrebbero insegnare.
Signor Ministro dico questo, perché nella mia esperienza, in varie scuole ho visto alcuni insegnanti che non sanno accendere nemmeno il computer e moltissimi che non sanno nemmeno utilizzare Microsoft Word. Per il bene della scuola Italiana e soprattutto degli studenti, occorre che Lei faccia una Legge, dove tutti gli insegnanti devono avere conseguito l'attestato dell'ECDL.
Tornando ai molteplici privilegi della "CASTA", ci sono tanti altri, che rispetto ad altre categorie di lavoratori del pubblico impiego sono discriminati.
Nessun Ministro e forza politica ha voluto dire basta a tutti i privilegi della "CASTA", poiché da molti decenni e un grosso bacino elettorale, "maggiormente di SINISTRA" ecco perché Renzi gli ha privilegiati ulteriormente. Così come vuole fare Lei Signor Ministro.

Adesso, Le elenco i vari e molteplici privilegi dei docenti.
Primo fra tutti, l'orario contrattuale degli insegnanti.
Per esempio, alcuni calendari scolastici delle lezioni definito a livello regionale, l'attività d'insegnamento si svolge in questo modo:
• 25 ore settimanali nella scuola dell'infanzia
• 22 ore settimanali nella scuola elementare
• 18 ore settimanali nelle scuole e istituti d'istruzione secondaria e artistica.
• I docenti che lavorano negli Istituti Superiori, fanno "18 ore settimanali" e guadagnano di più di tutti gli altri.
• Gli insegnanti non hanno l'obbligo di timbrare il cartellino come fanno tutti gli altri dipendenti pubblici. Anche i Dirigenti Scolastici non hanno l'obbligo di timbrare il cartellino. Questo lei non lo sapeva.
Quindi, in Italia, ci sono lavoratori super privilegiati, mentre gli altri lavorano molto di più con stipendi molto più bassi rispetto alle ore lavorate.
La scuola è l'isola felice nel paese di Cuccagna.

• Stipendi SCUOLA INFANZIA
Inizio carriera 1. 622. 44 lordi con 1. 262 euro netti
Fine carriera 2. 369. 75 lordi con 1. 759 euro netti

• Stipendi SCUOLA MEDIA
Inizio carriera 1. 622. 44 lordi con 1. 350 euro netti
Fine carriera 2. 444. 37 lordi con 1. 895 euro netti

• SCUOLA SUPERIORE
Inizio carriera 1. 760. 88 lordi con 1. 350 euro netti
Fine carriera 2. 625. 78 lordi con 1. 960 euro netti.

Allo stipendio si aggiunge, per 12 mesi, la retribuzione professionale docente legata all'anzianità maturata e varia dai 164 euro ai 257. Questa retribuzione aggiuntiva spetta ai docenti con incarico a tempo indeterminato, ai supplenti annuali (incarico fino al 31 agosto) e ai supplenti fino al termine delle attività didattiche (30 giugno), ma non ai supplenti che svolgono incarichi temporanei.

Inoltre, gli insegnanti nell'ambito delle attività scolastiche usufruiscono di svariate altre retribuzioni. Per esempio ore eccedenti per la sostituzione colleghi assenti: circa 20 euro lorde orarie.
1) Attività aggiuntive svolte dal personale docente.
2) Collaboratori del DS, nominati dallo stesso dirigente scolastico.
3) Funzioni strumentali sono incarichi che, con l'approvazione del collegio docenti, il dirigente scolastico affida a docenti.
4) Incarichi nomina docenti "Funzioni strumentali al P. T. O. F.
5) Nomina docenti supporto organizzativo per P. T. O. F. e Piano di Miglioramento / organigramma a. s.
6) Costituzione e nomina Nucleo Interno di Valutazione (N. I. V. )
7) Nomina dei docenti coordinatori di altri plessi
8) Conferimento incarichi di molteplici Progetti P. O. F. di vario tipo.
9) Fondo Unico Miglioramento Offerta Formativa

L'articolo 40, commi 1 e 2 del CCNL 2016/2018 del 19/4/2018, ha istituito il Fondo Unico per il Miglioramento dell'Offerta Formativa, in cui confluiscono tutte le risorse destinate:

• al Fondo dell'Istituzione scolastica.
• alle attività complementari di educazione fisica.
• alle funzioni strumentali all'offerta formativa.
• ai progetti nelle aree a forte rischio sociale.
• alle attività di recupero nella Scuola Secondaria di secondo grado.
• alle risorse del bonus per la valorizzazione del merito dei docenti.
• Oltre a ciò, gli insegnanti pur essendo dipendenti pubblici possono svolgere altri lavori retribuiti. Contrariamente, altre categorie di dipendenti pubblici sono vietate per legge.

Qui sotto sono elencate alcune attività, che gli insegnanti possono svolgere anche senza autorizzazione dell'amministrazione di appartenenza.

1. La collaborazione a giornali, riviste, enciclopedie, ecc.
2. Lo sfruttamento economico da parte dell'autore o inventore di opere dell'ingegno e di invenzioni industriali.
3. La partecipazione a convegni e seminari.
4. Gli incarichi ai quali è previsto il semplice rimborso delle spese documentate
5. Gli incarichi per il cui svolgimento il dipendente è posto in aspettativa, in comando o fuori ruolo.
6. Gli incarichi assegnati da organizzazioni sindacali a dipendenti che siano, presso le stesse, distaccati o in aspettativa non retribuita.
7. L'attività di formazione rivolta ai dipendenti pubblici oppure di docenza e di ricerca scientifica.
8. La partecipazione a società agricole a conduzione familiare quando questa comporti. un'attività non particolarmente significativa e priva del carattere della continuità.
9. L'attività di amministratore condominiale, con esclusivo riferimento al condominio nel quale si abita.
10. Gli incarichi presso le commissioni tributarie.
11. Gli incarichi come revisore contabile.





Qui sotto elenco i lavoratori trattati male dai vari politicanti e dai molteplici Governi che si sono succeduti, sia per quanto riguarda il carico di lavoro, che per la retribuzione bassa e iniqua che ricevono.

L'orario di lavoro ordinario dei dipendenti pubblici del comparto Sanità è di 36 ore settimanali, fatto salve le esigenze di servizio.
Forze di polizia a ordinamento civile Orario di servizio e di 36 ore settimanali, fatte salve le esigenze di servizio.
Corpo dei Carabinieri Orario di servizio e di 36 ore settimanali, fatte salve le esigenze di servizio.
Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Orario di servizio e di 36 ore settimanali, fatte salve le esigenze di servizio.
Quanto guadagna un Vigile del Fuoco?
Un Vigile del Fuoco di grado semplice per il quale la retribuzione tabellare annua è pari a 19. 070, 65€, che diviso per 12 mensilità dà come risultato 1. 589, 16 € lordi. Per il netto quindi bisogna sottrarre circa 750 € di tasse, con lo stipendio netto mensile che ammonta a poco più di 1. 350 €. Tutto questo è vergognoso per i politicanti ed è inaccettabile e non può continuare assolutamente in questo modo.
Gli insegnanti ripetono costantemente, come un "MANTRA" che, fanno un lavoro usurante, come se altri lavori sopra elencati siano un divertimento per tutte le sei e più ore della giornata.
Gli Insegnanti, dicono che oltre alle diciotto ore previste per contratto, ci sono i collegi dei docenti, il consiglio di classe mensile, la correzione dei compiti, la preparazione delle lezioni. Io aggiungo, perché dimenticano le lezioni che insegnano? Se facessero giustamente le stesse ore di un vigile del fuoco gli studenti avrebbero molto più ore di insegnamento così facendo ne trae benefici, in tutti i settori l'intera società.
Gli insegnanti sono privilegiati anche per le molteplici vacanze nel corso di tutto l'anno.
Nelle altre professioni, i giorni di vacanza sono generalmente trenta in un anno. Per un professore, invece, il calendario è più vasto. Tra festività varie, di novembre, dicembre, carnevale, pasqua, scioperi degli studenti e altro ancora si raggiunge un discreto numero di giorni di riposo.
Se il professore sceglie a pagamento di far parte delle commissioni d'esame, finirà il suo lavoro a metà luglio. Gli insegnanti che decidono di fare i corsi di recupero per poche ore al giorno, ed anche quest'attività è retribuita a parte. Altrimenti, i docenti, dalla metà di giugno fino ai primi di settembre sono in vacanza. Questi super privilegiati si lamentano anche, per farsi credere dicono che loro lavorano molto e sono sotto pagati. Se si fa un po' di conti reali, non è affatto come raccontano a chi non sa come funziona la scuola.
Caro Ministro della Istruzione dellUniversità e della Ricerca Italiana, Lei ha dichiarato che vuole ulteriormente aumentare di cento euro lo stipendio alla casta dei docenti.
Gli Italiani tutti, staremo vedendo se Lei Signor Ministro, avrà il coraggio di aumentare ulteriormente le ingiustizie tra lavoratori del pubblico impiego, dopo aver saputo "dal sottoscritto", come stanno realmente le cose nella scuola pubblica Italiana. Se non crede a quello che le ho detto, "IN INCOGNITO" si faccia, o faccia fare un giro, per le scuole di ogni regione d'Italia e si renderà o vi renderete conto di cosa stiamo realmente parlando.
Nell'auspicio di una Sua gradita risposta Le invio i miei Distinti Saluti.
Erminio C.
Inviata l' 8 ottobre 2019

Giovedì 10 ottobre 2019 00:15:36

Egregio Direttore la seguo sempre come stasera 09/10/2019 per esempio sui costi del famoso aereo non sento mai nominare la Corte dei Conti che dovrebbe controllare la fattibilità delle spese effettuate e rendere conto a chi spreca i soldi pubblici. Sembra un Ente fantasma.

Mercoledì 9 ottobre 2019 22:42:18

Ciao Mario sto seguendo la tua trasmissione del 9 ottobre.
Grazie per parlare del vero volontariato, di chi come noi si paga il biglietto e le spese quando va in Malawi e tieni conto che io questo anno ci sono già andata 3 volte perché stiamo facendo un progetto che consiste nella costruzione di un centro nutrizionale per bambini malnutriti.
Non è facile aiutarli "a casa loro " spedire il container ci vista più di 12000 euro ma ti posso assicurare che tutti quello che la gente ci da viene totalmente utilizzati per il progetto.
Grazie ancora
Giovanna Rubini

Mercoledì 9 ottobre 2019 22:05:15

Mario sono una persona di 86anni, mi piace e ti ammiro per la tua capacità di dire quello che pensi, io schifato da questa politica capace vendere fumo ma una massa di incapaci, il problema è, ho organizzato una procedura capace di bloccare la evasione fiscale, ho scritto a diversi politici ma nessuna risposta, ho pensato a te se puoi darmi una mano per fare in modo da essere presa in considerazione dal governo, se sei d'accordo mandami un contatto personale dove posso inviare una bozza della procedura se ti piace la puoi gestire come tua proposta, io sono vecchio e non ho bisogno di mettermi in mostra ti ringrazio Ermondo Ricciardelli

Mercoledì 9 ottobre 2019 21:30:52

Domanda, se chi lavora non riesce ad usare i contributi della pensione, che fine fanno.
un politico fa ereditare alla moglie, figli, nipoti la sua pensione lavorando meno di 5 anni, facendo 100 giorni (l'anno) di lavoro.
perché chi lavora non può lasciare a un figlio o nipote la propria pensione, soprattutto se lavora più di 43 anni.
tutti uguali chi lavora 43-50 fa ereditare 80% della pensione, 50-60 90%, 61+ 100% cosi da premiare chi lavora.
un massimo che l'imps può dare come somma di denaro, ovvero 5000 massimo che da tra vitalizio e pensione. a votare pero solo con voto cittadino.

Mercoledì 9 ottobre 2019 20:22:16

Buonasera anno diminuito il numero dei parlamentari però quando ci sono le votazioni aumentano i partiti rispetto aglialtipaesi forse noi siamo quelli che hnno piu partiti che confusione la politica Valrio

Mercoledì 9 ottobre 2019 19:55:06

Sono cocca mario da ariano irpino avellino e seguo tutte le trasmissioni della mediaset come la vostra e l'unica che più mi piace è la vostra in quanto hanno tutti paura di parlare di giudici e tribunali per cui vi chiedo se è possibile trattare della mia vicenda mandandovi la lettera scritta al presidente della repubblica grazie

Commenti Facebook