Messaggi e commenti per Mario Giordano

Messaggi presenti: 584

Lascia un messaggio o un commento per Mario Giordano utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Venerdì 7 giugno 2019 17:49:47

Esprimo la mia opinione sul problema più importante in Italia, secondo la mia opinione, che riguarda milioni di persone. Roma è caduta perché non si facevano più figli, e li si rimpiazzavano con immigrati (i barbari). La situazione attuale è analoga, ma non vedo vie d'uscita se non cambiando radicalmente la legge sul matrimonio: o inserendo i patti pre-matrimoniali, in cui la moglie, prima di sposarsi, accetta che in caso di separazione nulla pretende in alcun modo dal marito, neanche la casa coniugale. Oppure modificando la legge, con l'eliminazione totale dell' assegno del mantenimento del coniuge e dell' assegnazione della casa coniugale, che da diritti sono diventati solo un'arma di ricatto. In giro si vedono fin troppi mariti ridotti sul lastrico da questa legge truffa. Quasi tutti i miei amici sono rovinati per questo motivo. I ricchi sono diventati poveri, quelli del ceto medio sono sul lastrico e vanno a mangiare alla Caritas, e chi era povero non ha neanche più lacrime per piangere, … In diversi hanno dovuto chiudere l'azienda a causa della separazione: già pagavano il 70% di tasse e poi, da separati, dovevano dare il 70% del rimanente alla moglie, … non rimaneva niente, e infatti hanno chiuso le ditte, licenziando tutti i dipendenti.
Quando un ragazzo si sposa non è consapevole di quello a cui molto probabilmente andrà incontro a causa di questa legge sbagliata. E se fosse consapevole, è certo che un bravo ragazzo, un lavoratore, non si sposerebbe MAI considerando il rischio enorme che corre, oppure dovrebbe essere un pazzo.
Si sposerebbero solo i nullatenenti, i poco di buono,. .. cioè i ragazzi che non hanno niente o ben poco da perdere.
Il nocciolo della questione è che la donna che si sposa può cambiare, come anche l' uomo può farlo, possono sorgere contrasti imprevisti, noia, attriti, liti familiari,. .. insomma l'idillio iniziale di solito dura ben poco e viene sostituito da una routine che, se si è fortunati, non infastidisce più di tanto, mentre, se si è sfortunati, diventa impossibile da sopportare.
Basta guardare le statistiche per vedere quanti matrimoni giungono alla separazione: almeno il 50% si separa o divorzia e il rimanente 50% sono quasi tutti separati in casa…
Ora, il problema è che la donna è eccessivamente tutelata dalla legge sulla separazione. E sfrutta un diritto acquisito come un'arma di ricatto.
E questo lo testimoniano anche numerose donne con cui ho parlato, che hanno visto come sono andati a finire alcuni loro amici o figli separati: ridotti sul lastrico, a vivere come barboni, per l' unico errore di avere detto "si" quella volta, e per non essere stati sufficientemente informati su questa legge-truffa.
Una donna ha diritto a percepire il mantenimento, oltre alla casa coniugale, finchè i figli non saranno grandi e capaci di portare a casa un reddito. Solo allora il marito potrà avere indietro la casa, o la parte che gli spetta.
Ora, analizziamo la cosa: facciamo un esempio banale.
Un ragazzo si sposa ed acquista una casa con un mutuo. Lavora solo lui e percepisce un buon stipendio, pari a 2. 000 €/mese. La rata del mutuo è di 700 €/mese. Dopo qualche anno di matrimonio, con 2 figli, si separa dalla moglie.
La casa va alla moglie e ai figli, finchè non saranno grandi. Al marito spetta di continuare a pagare il mutuo. In più deve dare il mantenimento ai figli, diciamo 700 €/mese per due figli, e alla moglie, diciamo altri 600 €/mese. Queste sono cifre normali che i giudici attribuiscono ai familiari in casi simili. Quindi, lui si ritrova a dover pagare 700 + 700 + 600 = 2. 000 €/mese, ma non basta, perché deve andare ad abitare in un' altro appartamento, e quindi dovrà pagare un affitto. Diciamo di altri 5-600 €/mese. Poi dovrà pur mangiare e pagare le bollette di luce, acqua, gas, dovrà comprarsi almeno un paio di scarpe all'anno e un misero vestito,. .. Considerate ora che il 50% dei lavoratori italiani sono ridotti così…
Ho visto diversi casi di mogli che lavorano in nero, magari da avvocati, o come commesse in negozi, e che quindi, non dichiarando niente, percepiscono tutto il mantenimento dal marito. Comodo così. Supponiamo nel nostro caso che la moglie lavori in nero e percepisca 700 €/mese. Lei si troverà con 700 + 700 + 600 €/mese = 2. 000 €/mese e la casa gratis, e il marito non avrebbe né la casa né i soldi per mangiare.
Ogni tanto si sente alla televisione di mariti che impazziscono e uccidono la moglie o i figli. Il motivo non è sempre questo, ma la legge sulla separazione da il suo buon contributo a far impazzire le persone, che si sentono intrappolate e non sanno come fare. Da una parte non sopportano più di essere sposati e soffrono, dall' altra si rendono conto solo ora che, se si separassero, diventerebbero dei barboni e sarebbero rovinati. La moglie, però non sarebbe affatto rovinata, perché la legge la tutela e il giudice la difende, facendole percepire un mantenimento, non ha alcuna importanza se il marito sarà rovinato e se dovrà essere sempre lui (e mai lei) a pagare.
Tutto questo è un' indecenza, so di mariti che vengono ricattati dalle mogli, che fanno quello che pare a loro, tanto il marito non si ribella perché se no vanno dall' avvocato e lo rovinano. Dalle statistiche almeno il 70% dei mariti è stato ricattato una o più volte dalla moglie minacciandolo di portargli via i figli o di rovinarlo economicamente.
In pratica il matrimonio non è altro che una trappola per bravi ragazzi che vengono completamente rovinati. E' ovvio che esiste anche l' altro lato della medaglia, con mariti che cornificano le mogli e magari le menano. Ma questo è più attinente al passato che al presente. E di solito mariti di quel tipo non sono bravi ragazzi, ma persone con problemi caratteriali, oppure spiantati senza arte né parte. E sono gli unici che fanno vedere sui giornali e alle televisioni. Si parla sempre di violenza sulle donne e mai di quella molto più subdola e molto più frequente delle mogli sui mariti. Se la donna sposa un bravo ragazzo, e magari anche ricco di famiglia, lei è sistemata per tutta la vita e lui è rovinato per sempre. Fra le mie amicizie, su 10 coppie, 8 sono separate e in tutti gli 8 casi la moglie vive bene e il marito è rovinato.
Secondo la mia proposta, il mantenimento va sicuramente dato ai figli, ma non alla moglie, se non in casi di estrema povertà comprovata (non finta povertà con un lavoro in nero, come fanno quasi tutte le ex), e solo per pochi mesi. E' necessario che anche la moglie lavori e contribuisca al mantenimento dei figli e non che sfrutti solo il marito per spendere i soldi come vuole e fare la mantenuta a vita…. Quindi occorre rettificare anche le sentenze che dicono che il modo in cui la moglie spende i soldi del mantenimento non è sindacabile. Conosco ragazze separate che non fanno altro che divertirsi in giro, aperitivi, serate in discoteca, calze a rete e tacchi a spillo, amanti vari, … e spendono tutti i soldi del mantenimento che il marito da a loro e ai figli per i loro vizi, ma questo è insindacabile, la legge dice che possono farlo. E i figli vengono lasciati ai nonni, che sono quelli che veramente li mantengono… Poi non ci dobbiamo lamentare se alcuni mariti impazziscono, direi che sono anche troppo pochi rispetto a quello che la maggioranza dei mariti separati subisce quotidianamente…
Conosco donne separate le quali mi hanno confessato che non aspettano altro che il marito faccia qualcosa, qualsiasi cosa, per chiedere la revisione dell' assegno di mantenimento… amplia l'azienda? Bene, chiedo di più… si compra la macchina? Va in vacanza? Bene, così lo rovino….
Di questo passo in Italia nessuno si sposerà più e nessuno farà più figli, tranne, appunto, quelli che non sono consapevoli di cosa li aspetta. Le proposte del bonus bebè fanno ridere, tenendo conto che mantenere un figlio fino a 18 anni costa in media 200. 000 € e se lo mantieni fino alla fine dell'università altri 150. 000 €…
L'unica proposta veramente valida è eliminare la possibilità di ricatto al marito da parte del "sesso debole", togliendo ogni forma di mantenimento e di affidamento della casa coniugale. Se la casa è del marito i bambini rimarranno con lui, e la moglie avrà diritto a recarsi lì come stabilito dal giudice, e il mantenimento alla moglie va dato al massimo per 1-3 mesi, finché lei non si troverà un lavoro, e dovrà cercarselo veramente, non come la maggior parte delle separate che non lo cercano, così percepiscono il mantenimento per decenni senza lavorare, continuando a sfruttare il marito (oppure lavorano in nero) …

Alberto

Venerdì 7 giugno 2019 16:47:03

Mario giordano non parla mai dei 49milioni truffati dalla lega che restituira'
in 79/80 anni. parliamo un po di siri - rixi - molinari - romeo - garvaglia tutti esponenti di primo piano della lega - salvini premier ed indagati per rimborsopoli alcuni e per corruzione altri e per peculato altri ancora.
ma il nostro mario giordano non ha memoria. ditelo anche al calabrese doc.

Venerdì 7 giugno 2019 16:40:56

PENSIONI D'ORO E DI CARTA STAGNOLA Una storia ai confini della realta'
Una signora inizia a lavorare nella scuola statale nell'anno 1971.
Dopo 20 anni decide di andare in pensione (la legge di allora lo permetteva) ; nel 1996 chiede di rientrare in servizio, la domanda viene accettata e giustamente la pensione annullata.
Poiche' e' nata nel 1952 incappa nella legge Fornero e cosi' nel 2013 opta per l'opzione donna: va in pensione con 37 anni di servizio e 61 di anzianita' anagrafica.
Il primo cedolino riporta un importo annuo lordo di 8. 755, 76€ per cui la signora presenta fiduciosa un ricorso all'INPS.
La risposta e' secca e senza alcuna motivazione: il calcolo fatto e' esatto.
Dopo vari tentativi (di persona, raccomandate A/R, telefonate) la signora si rivolge ad un legale e finalmente si svela il mistero.
L'importo viene calcolato mediante due montanti: il primo relativo ai versamenti contributivi fino al 31/12/1995 e il secondo dal 01/01/1996 fino al termine dell'attivita' lavorativa. Il secondo montante e' a posto, il primo vale zero: questo perche' nel triennio 93-95 la signora non ha effettuato alcun versamento (per forza, era in pensione !) di conseguenza I primi 20 anni di lavoro sono evaporati.
I giudici danno ragione all'INPS nel primo e secondo grado pur riconoscendo che la signora ha lavorato e versato regolarmente contributi per 37 anni.
A questo punto la signora, pur con qualche logico dubbio (l'opzione donna non prende in considerazione i contributi effettivamente versati? come hanno potuto mandarmi in pensione con soli 17 anni di versamenti se la legge ne prevede almeno 35?) ha deciso di non proseguire fino alla Cassazione anche perche' occupata in faccende piu' serie (due cancri al seno e alla tiroide operati d'urgenza e sviluppatisi - casualmente -poco dopo essere andata in pensione).
Adesso la signora vive felice con 700€ netti mensili, non deve patire la pena di chi vedra' forse ridotta la propria pensione al di sopra di una certa cifra e ogni giorno si sveglia ringraziando il Cielo per essersi sposata quasi 40 anni fa e gridando alla finestra che fortuna vivere e lavorare in Italia!!

Venerdì 7 giugno 2019 16:01:34

Ciaoo... vi rioccupate della questione dell'elemosiniere?? Com'è finita la storia ? Ha pagato la bolletta da 300. 000 euro(ho dei seri dubbi) oppure stanno continuando ad usarla illegalmente e nessuno paga ??? Solo noi onesti cittadini costretti a pagare pure l'aria che respiriamo ??? Grazie

Venerdì 7 giugno 2019 14:04:12

Anonimo!! anonimo!! ! ma non hai rossore di continuare a vigliaccamente non declinare le tue generalita ? e non solo vigliacco, sei, ma anche cretinone !! !
che cazzo mi frega di andare sfriculiare sul passato di mario giordano ? noto, di converso, con sommo piacere che trattasi della personalita', con la quale mi trovo in perfetta e totale sintonia: insomma, mario giordano esterna quel che io penso e rimugino, sicche' lo apprezzo grandemente e ripongo in lui massima fiducia e stima; e cio' a dispetto tuo e di quell'altro idiota, che ha osato disprezzare l'eccelso mario giordano !! n. b. sei talmente "svitato", che non riesci neppure a scrivere il mio cognome, che e' termine e non carmine !! !

Venerdì 7 giugno 2019 13:19:49

Un bellissimo articolo su Il Piccolo di Alessandria a pagina 28 " si riempiono la bocca di umanità ma le cose sono ben diverse"

Venerdì 7 giugno 2019 12:51:41

Mi complimento con Lei per il rispetto che dimostra nei confronti della Verità.
Le pongo una domanda: quanti e quali paesi europei destinano fondi (8x1000) alle chiese? E perché l'Italia è costretta a farlo?
Chissà che questo argomento non possa essere da Lei affrontato... Grazie

Venerdì 7 giugno 2019 12:07:29

Buongiorno,
Non sono d'accordo con il signore che difende i giudici che liberano anche i peggiori malfattori.
Ci sono casi in cui non si può sorvolare sui reati. addirittura indagano i carabinieri e le vittime.
Bisogna estromettere questi giudici incapaci e buonisti dalla magistratura.
Vorrei che i malviventi colpissero i giudici o i loro familiari, e vedere come si comportano.
Saluti.

Venerdì 7 giugno 2019 09:07:06

Egregio Bruno
La missione e' praticamente impossibile
Pero', a volte, anche lo sfogo aiuta a star meglio
La mia preghiera e' rivolta a combattere con tutte le forze i personaggi della opposizione che nei decenni ci hanno condotto al "disastro" ed ora passano le giornate infamando gli attori del governo attuale accusandoli di essere i responsabili della ingovernabilita' del nostro paese
La faccia tosta non ha limiti !! !
Avendo la loro brutta faccia subito schiaffoni da tutte le parti cercano di scaricare le loro vergogne su chi sta cercando, con immensa fatica, di risalire un pochino la china
Tornando alla faccia penso che dovrebbero immergerla nella sabbia del deserto invece che farsela truccare per le apparizioni in tv
Essendo nonno mi auguro che Salvini possa operare senza interferenze e che i miei nipoti potranno un giorno godere dei frutti
Spero continuerai a lottare con le tue possibilita' contro gli invidiosi
Un saluto cordiale
Antonio Scognamiglio

Venerdì 7 giugno 2019 07:15:06

Ciao Mario.
Ma se è cosi logorante fare politica, che lascino.
Il potere logora pare diceva Andreotti

Commenti Facebook