Biografie

Georg Elser

Georg Elser
Georg Elser nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Georg Elser

Biografia

Georg Elser fu un attivista tedesco. E' passato alla storia per avere attentato alla vita di Adolf Hitler.

I primi anni e i primi lavori

Johann Georg Elser nasce il 4 gennaio del 1903 a Hermaringen, nel Baden-Württemberg (Germania), figlio di Maria e di Ludwig. Frequenta, tra il 1910 e il 1917, la scuola elementare di Königsbronn, rivelando una certa abilità per i lavori manuali e per il disegno.

Benché il padre, commerciante di legname e agricoltore, desideri che il figlio prosegua le sue attività, Georg comincia a lavorare in fonderia come operatore di tornio. Nel giro di un paio di anni è però costretto a rinunciare per motivi di salute. Così Georg Elser si dedica al mestiere di carpentiere, per poi lavorare come falegname per interni. Dal 1925 è impiegato a Costanza in una fabbrica di orologi, mentre nel 1929 torna a fare il carpentiere.

L'attivismo politico

Nel frattempo Else entra in un'organizzazione paramilitare del Partito Comunista Tedesco, il Rotfrontkämpferbund (in italiano: Lega dei combattenti del fronte rosso), anche se in realtà non gli presta molta attenzione. Nel 1930 diventa padre di Manfred, avuto dalla sua fidanzata, Mathilde Niedermann, dalla quale - tuttavia - Elser si allontana poco dopo.

Nel 1932 inizia a lavorare con i suoi genitori, dopo aver fatto ritorno a Koenigsbronn. Mentre a partire dall'anno successivo inizia a votare per il Partito comunista, pensando che questa forza sia quella in grado di proteggere gli interessi dei lavoratori.

Nonostante ciò, non può definirsi comunista, perché è un protestante praticante. Da questo momento Georg Elser, che già era stato un oppositore fermo del nazismo sin da quando il movimento si era palesato, rifiuta di eseguire il saluto nazista e rinuncia ad andare ad ascoltare i proclami di Adolf Hitler alla radio.

L'opposizione all'ideologia del nazismo

Le ragioni della sua opposizione vanno individuate nella contrarietà alle restrizioni dei diritti civili, nel ribrezzo provato nei confronti della propaganda nazista, nello sdegno provocato dalle limitazioni alle libertà dei lavoratori imposte dal regime e nell'opposizione al controllo totale sul sistema educativo che il governo mette in atto.

Nel 1936 Georg Elser è in una fabbrica di montaggio di Heidenheim. E' qui che viene a conoscenza del programma di riarmo dei nazisti. Un paio di anni più tardi, condivide con molti tedeschi la paura di una nuova guerra, che appare sempre più probabile a causa della Crisi dei Sudeti.

Ecco perché Elser inizia a pensare di uccidere Adolf Hitler al fine di decapitare il nazismo. L'8 novembre del 1938 si reca a Monaco per partecipare al discorso proposto dal regime in occasione dell'anniversario del Putsch di Monaco non andato a buon fine.

Georg Elser e l'attentato alla vita di Hitler

Convinto che solo con la morte di Hitler si potrebbe evitare che la Germania venga devastata da un nuovo conflitto bellico, decide di approfittare delle blande misure di sicurezza adottate, per mettere in atto il suo piano.

Nei mesi successivi, vi si dedica con grande passione, rinunciando praticamente a ogni rapporto con parenti e amici e concentrandosi unicamente sulla preparazione dell'attentato. Dopo aver ottenuto un lavoro in una cava, asporta progressivamente, senza farsi notare, la quantità di esplosivo di cui ha bisogno per realizzare una bomba.

Quindi, messo in scena un finto incidente, si trasferisce a Monaco lasciando il lavoro, per mettere in atto il colpo in Baviera nella birreria in cui Hitler si ritrova con i suoi fedelissimi. Per diverse sere di seguito Georg Elser entra di nascosto nel locale prima che chiuda e, non visto, realizza una nicchia all'interno della colonna nei pressi del palco destinato ad accogliere Hitler.

Il giorno dell'attentato

Arriva finalmente l'8 novembre 1939: è il giorno programmato per l'attentato. Elser inserisce nella nicchia la bomba da lui ideata. Tuttavia accade quel giorno che il Führer se ne va in anticipo rispetto alle previsioni.

Hitler lascia la birreria Bürgerbräukeller di Monaco, sette minuti prima dello scoppio programmato della bomba. La deflagrazione causa comunque la morte di otto persone e il ferimento di più di sessanta avventori.

La fuga

Intanto Georg Elser si dirige a Costanza per scappare in Svizzera. Viene però arrestato da due doganieri mentre sta provando ad attraversare il confine. In un primo momento gli inquirenti non ipotizzano che Georg abbia a che fare con l'attentato, fino a quando non trovano nella sua giacca una cartolina della birreria Bürgerbräukeller.

Viene quindi trasferito a Monaco per essere sottoposto a un interrogatorio da parte della Gestapo. Pur rifiutandosi di parlare, porta con sé numerosi segni del suo piano. Alcune cameriere del locale sostengono inoltre di averlo riconosciuto.

La detenzione

In seguito a un pestaggio, infine, ammette di essere il responsabile dell'attentato. Georg Elser viene pertanto portato al quartier generale della Gestapo, dove viene torturato, per poi essere imprigionato nel campo di concentramento di Sachsenhausen. Successivamente viene condotto nel campo di concentramento di Dachau. Qui viene sottoposto a un regime di detenzione speciale.

Elser viene a trovarsi in una condizione che, per altro, suscita diverse maldicenze tra gli altri prigionieri, molti dei quali arrivano a pensare che in realtà l'attentato fallito sia stato una messa in scena. Di conseguenza pensano che Elser sia un collaboratore del regime.

I nazisti si rifiutano di credere che abbia agito da solo, e vogliono tenere l'attentatore in vita per sottoporlo a un processo alla fine della guerra, per individuare i veri responsabili - che presumono essere britannici - della sua azione.

La morte

Nell'aprile del 1945, tuttavia, la sconfitta della Germania nella Seconda Guerra Mondiale appare ormai prossima, con il campo di Dachau nel mirino delle truppe alleate. Hitler decide di eliminare Elser, consapevole del fatto che il processo che aveva in mente non potrà mai essere organizzato.

L'ordine di uccisione viene trasmesso dal capo della Gestapo Heinrich Müller a Eduard Weiter, il comandante del campo di Dachau. Georg Elser muore all'età di 42 anni, fucilato il 9 aprile 1945, poche settimane prima della fine della guerra.

Frasi di Georg Elser

6 fotografie

Foto e immagini di Georg Elser

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Georg Elser ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Georg Elser nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Georg Elser

7 biografie

Nati lo stesso giorno di Georg Elser

Dante Gabriel Rossetti

Dante Gabriel Rossetti

Pittore e poeta inglese
α 12 maggio 1828
ω 9 aprile 1882
Dietrich Bonhoeffer

Dietrich Bonhoeffer

Teologo polacco
α 4 febbraio 1906
ω 9 aprile 1945
Edda Ciano Mussolini

Edda Ciano Mussolini

Figlia del Duce
α 1 settembre 1910
ω 9 aprile 1995
Francesco Bacone

Francesco Bacone

Filosofo inglese
α 22 gennaio 1561
ω 9 aprile 1626
Francois Rabelais

Francois Rabelais

Frate umanista e scrittore francese
α Anno 1483
ω 9 aprile 1553
Frank Lloyd Wright

Frank Lloyd Wright

Architetto statunitense
α 8 giugno 1869
ω 9 aprile 1959
Lorenzo il Magnifico

Lorenzo il Magnifico

Politico e letterato italiano, mecenate della dinastia dei Medici
α 1 gennaio 1449
ω 9 aprile 1492
Sidney Lumet

Sidney Lumet

Regista cinematografico statunitense
α 25 giugno 1924
ω 9 aprile 2011
Anaïs Nin

Anaïs Nin

Scrittrice statunitense
α 21 febbraio 1903
ω 14 gennaio 1977
Eliot Ness

Eliot Ness

Poliziotto statunitense, autore dell'arresto di Al Capone
α 19 aprile 1903
ω 16 maggio 1957
Evelyn Waugh

Evelyn Waugh

Scrittore inglese
α 28 ottobre 1903
ω 10 aprile 1966
Galeazzo Ciano

Galeazzo Ciano

Politico e diplomatico italiano
α 18 marzo 1903
ω 11 gennaio 1944
George Orwell

George Orwell

Scrittore britannico
α 25 giugno 1903
ω 21 gennaio 1950
Georges Simenon

Georges Simenon

Scrittore belga
α 13 febbraio 1903
ω 4 settembre 1989
Gustavo Rol

Gustavo Rol

Sensitivo italiano
α 20 giugno 1903
ω 22 settembre 1994
John von Neumann

John von Neumann

Matematico e informatico ungherese
α 28 dicembre 1903
ω 8 febbraio 1957
John Dillinger

John Dillinger

Noto criminale statunitense
α 22 giugno 1903
ω 22 luglio 1934
Konrad Lorenz

Konrad Lorenz

Etologo e filosofo austriaco
α 7 novembre 1903
ω 27 febbraio 1989
Marguerite Yourcenar

Marguerite Yourcenar

Scrittrice francese
α 8 giugno 1903
ω 17 dicembre 1987
Raoul Follereau

Raoul Follereau

Filantropo francese
α 17 agosto 1903
ω 6 dicembre 1977
Raymond Radiguet

Raymond Radiguet

Scrittore e poeta francese
α 18 giugno 1903
ω 12 dicembre 1923
Theodor W. Adorno

Theodor W. Adorno

Filosofo tedesco
α 11 settembre 1903
ω 6 agosto 1969
Vladimir Horowitz

Vladimir Horowitz

Pianista ucraino
α 1 ottobre 1903
ω 5 novembre 1989
Adolf Hitler

Adolf Hitler

Dittatore tedesco
α 20 aprile 1889
ω 30 aprile 1945
Anna Frank

Anna Frank

Scrittrice tedesca, vittima del nazismo
α 12 giugno 1929
ω Anno 1945
Benito Mussolini

Benito Mussolini

Dittatore italiano
α 29 luglio 1883
ω 28 aprile 1945
Clara Petacci

Clara Petacci

Amante del Duce
α 28 febbraio 1912
ω 28 aprile 1945
David Lloyd-George

David Lloyd-George

Politico, ex primo ministro britannico
α 17 gennaio 1863
ω 26 marzo 1945
Dietrich Bonhoeffer

Dietrich Bonhoeffer

Teologo polacco
α 4 febbraio 1906
ω 9 aprile 1945
Edgar Cayce

Edgar Cayce

Guaritore statunitense
α 18 marzo 1877
ω 3 gennaio 1945
Eva Braun

Eva Braun

Compagna del Fuhrer
α 6 febbraio 1912
ω 30 aprile 1945
Franklin Delano Roosevelt

Franklin Delano Roosevelt

32° Presidente degli Stati Uniti d'America
α 30 gennaio 1882
ω 12 aprile 1945
George Patton

George Patton

Generale statunitense
α 11 novembre 1885
ω 21 dicembre 1945
Heinrich Himmler

Heinrich Himmler

Gerarca nazista
α 7 ottobre 1900
ω 23 maggio 1945
Joseph Goebbels

Joseph Goebbels

Gerarca nazista
α 29 ottobre 1897
ω 1 maggio 1945
Luisa Ferida

Luisa Ferida

Attrice italiana
α 18 marzo 1914
ω 30 aprile 1945
Osvaldo Valenti

Osvaldo Valenti

Attore italiano
α 17 febbraio 1906
ω 30 aprile 1945
Paul Valéry

Paul Valéry

Poeta francese
α 20 ottobre 1871
ω 20 luglio 1945
Pietro Mascagni

Pietro Mascagni

Compositore e direttore d'orchestra italiano
α 7 dicembre 1863
ω 2 agosto 1945
Teresio Olivelli

Teresio Olivelli

Docente italiano, medaglia d'oro al valor militare
α 7 gennaio 1916
ω 17 gennaio 1945