Biografie

Jonathan Swift

Jonathan Swift
Jonathan Swift nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Spirito libero e razionale

Considerato il massimo scrittore inglese del suo tempo ed uno dei più grandi scrittori satirici mai esistiti, figlio di genitori inglesi stabilitisi in Irlanda, Jonathan Swift, nasce il 30 novembre 1667 a Dublino. Perde il padre prima della nascita. La madre fa ritorno in Inghilterra nel 1673. Jonathan viene lasciato a Dublino presso alcuni parenti, crescende in condizioni non dissimili a quelle di un orfano. Durante l'infanzia studia a Kilkenny, poi a Dublino, presso il Trinity College.

Nel 1679 dietro consiglio della madre si reca in Inghilterra. Lavora come segretario di sir William Temple: nella sua casa conosce Esther Johnson (Stella), alla quale rimarrà legato per tutta la vita e che forse sposò in segreto.

Per raggiungere l'indipendenza economica prende gli ordini religiosi nel 1694: l'anno seguente viene nominato parroco di Kilroot, in Irlanda, vive però prevalentemente a Londra dove partecipa alla vita politica religiosa e letteraria e frequenta i circoli politici più importanti. Grazie al suo estro Jonathan Swift diviene una delle persone più influenti della città. Tra il 1710 e il 1714 è consigliere del governo Tory appoggiandolo con libelli ed articoli dalle pagine dell'"Examiner", che lo stesso Swift diresse, e attraverso lo "Scriblerus Club", di cui facevano parte i suoi pochissimi amici: Pope, Gay, Harley, Arbuthnot.

Con la caduta del governo, Jonathan Swift torna in Irlanda avendo ottenuto il ruolo di decano della Chiesa di St. Patrick a Dublino. In questo periodo di permanenza nell'isola denuncia le vessazioni a cui il popolo irlandese (che egli peraltro disprezza) è sottoposto da parte degli inglesi e del governo locale, diventando una specie di eroe nazionale. Dopo la morte delle persone a lui più care i suoi disturbi mentali si acuiscono sempre di più fino a portarlo alla morte, avvenuta il 19 ottobre 1745.

Lascia il suo patrimonio ai poveri e ne destina una parte alla fondazione di un manicomio. Nel 1704 escono anonimi, riuniti in un unico volume, i primi scritti. "Una relazione sulla battaglia tra libri antichi e moderni" è un intervento a favore degli antichi nella controversia sugli scrittori moderni e antichi. "Un discorso sull'attività meccanica dello spirito" è una satira contro gli stati mistici, ridotti a manifestazioni patologiche. Brillantissima è "Racconto di una botte", parodia delle varie chiese cristiane.

Postumi uscirono anche le feroci "Istruzioni ai servi" e "Il diario d Stella" (1766-1768): quest'ultimo comprende 65 lettere scritte a Stella tra il 1710 e il 1713, una delle opere più straordinarie di Swift, per la descrizione della vita londinese e per la tenerezza e giocosità espresse nel "little language", il linguaggio swiftiano infantile e cifrato dei passi più affettuosi.

Del 1726 è il suo capolavoro e romanzo più famoso "I viaggi di Gulliver". Il titolo intero era "Travels into several remote nations of the world in four parts by Lemuel Gulliver ecc.". La storia è quella del medico Lemuel Gulliver, che naufraga con la nave mercantile su cui era imbarcato. Si ritrova sull'isola di Lilliput dove tutto, a cominciare dagli abitanti, è grande la quindicesima parte delle persone e degli oggetti che conosciamo. Nella seconda parte Gulliver visita Brobdingnag dove il rapporto è rovesciato: lui diventa il trastullo della figlia del re che lo tiene tra i suoi giocattoli. Nella terza parte Gulliver visita Laputa e il continente che ha come capitale Lagado: la satira si rivolge contro filosofi storici e inventori. Nell'isola di Glubdubdrib Gulliver evoca le ombre dei grandi dell'antichità e dalle loro risposte ne scopre i vizi e le meschinità. Presso gli Struldrug immortali si accorge che la massima infelicità degli uomini sarebbe la prospettiva di non porre mai fine al tedio di vivere. Nella quarta e ultima parte la virtuosa semplicità dei cavalli Houyhnhnms è messa in contrasto con la nauseabonda brutalità degli Yahoo, bestie dall'aspetto umano.

Non esiste in tutta la letteratura occidentale una condanna del genere umano paragonabile a quella espressa in questo libro. Swift è riuscito a dare a quest'opera un assoluto equilibrio d'insieme. Il suo aggressivo significato allegorico è accessibile a chi vuole intenderlo, tuttavia non danneggia ne il giudizio sulle suggestive costruzioni fantastiche dell'autore, nè la capacità immaginativa del lettore. Di qui l'apparente ironia per cui la più crudele ed elaborata satira contro il genere umano abbia avuto fortuna come libro di amena lettura, e sia diventata, con gli opportuni tagli, un classico per l'infanzia.

Frasi di Jonathan Swift

4 fotografie

Foto e immagini di Jonathan Swift

Loading...

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Jonathan Swift ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Jonathan Swift nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

14 biografie

Nati lo stesso giorno di Jonathan Swift

Cesare Lombroso

Cesare Lombroso

Scienziato italiano
α 6 novembre 1835
ω 19 ottobre 1909
Elizabeth Arden

Elizabeth Arden

Imprenditrice canadese
α 31 dicembre 1878
ω 19 ottobre 1966
Ernest Rutherford

Ernest Rutherford

Chimico e fisico neozelandese naturalizzato inglese
α 30 agosto 1871
ω 19 ottobre 1937