Biografie

Gaston Bachelard

Gaston Bachelard
Gaston Bachelard nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Il pensiero e l'impresa scientifica

Gaston Bachelard, nasce il 27 giugno 1884 a Bar-sur-Aube, nella regione francese della Champagne-Ardenne. Epistemologo illustre, è autore di una vasta somma di riflessioni legate alla conoscenza e alla ricerca. Ogni riga della sua opera appare come una potenziale citazione nonché una porta aperta al sapere.

Nato in una famiglia dalle modeste condizioni sociali, terminati i primi studi è costretto a lavorare per vivere. Dal 1903 e per dieci anni lavora come impiegato alle poste, conducendo contemporaneamente gli studi superiori e ottenendo nel 1912 la licenza in matematica. Partecipa alla prima guerra mondiale, che gli procurerà anche una medaglia al valor militare. Consegue poi la laurea e dal 1919 diviene professore di fisica e chimica nelle scuole della sua città natale, lavoro che manterrà per un'altra decina d'anni.

Nello stesso periodo si dedica allo studio della filosofia: consegue nel 1920 la licenza, nel 1922 l'"agrégation" e nel 1927 il dottorato, presentando la tesi "Essai sur la connaissance approchée", che verrà subito pubblicata. Inizia così l'insegnamento della Filosofia presso l'università di Digione. In seguito sarà professore, titolare della cattedra di Storia della filosofia della scienza, al prestigioso ateneo della Sorbona fino al 1954.

Filosofo e critico delle scienze, Bachelard ne studia i metodi e i fondamenti, rimanendo allo stesso tempo attento al mondo della poesia e dell'immaginario. La sua opera più importante è "Il nuovo spirito scientifico" (1934), in cui compie un superamento del dibattito tra empirismo e razionalismo, cosa che ha fatto anche Karl Popper, autore a cui il francese viene spesso contrapposto.

Per Bachelard, il materialismo razionale si trova al centro di uno spettro epistemologico le cui due estremità sono costituite dall'idealismo e dal materialismo. Bachelard trae dallo studio della storia della scienza uno stimolo per la sua riflessione epistemologica, che si contrappone nettamente al neopositivismo, rivendicando una maggiore attenzione ai fattori storici, sociali, culturali e psicologici che condizionano inevitabilmente il pensiero scientifico. In quest'ottica rifiuta (come accade già con Hanson, Feyerabend e Popper) il mito empirista del dato immediato come base del sapere scientifico, poiché il dato empirico è sempre legato ai sistemi teorici.

Secondo il pensiero di Bachelard si arriva ad appurare che non esiste una scienza, bensì "le scienze", cioè una pluralità di saperi e di tecniche specifiche. Il francese critica la visione positivistica della scienza come processo lineare e cumulativo, cercando di evidenziare come invece il progresso scientifico si attua attraverso delle "rotture epistemologiche".

Le sue conclusioni sono il risultato di una radicale messa in discussione delle categorie e degli schemi teorici precedenti. Da Galileo a Darwin, da Einstein alla meccanica quantistica, dalla geometrie non-euclidee alla genetica, la scienza mostra di avanzare solo attraverso ripetute modificazioni delle teorie precedenti, ovvero come negazione di qualche aspetto fondamentale che le contraddistingue.

Secondo il filosofo francese la scienza per poter realizzare un progresso deve riuscire a superare quelli che chiama "ostacoli epistemologici", ossia ostacoli di natura psicologica che bloccano lo spirito umano tenendolo ancorato a pregiudizi e a opinioni fortemente radicate, le quali impediscono lo sviluppo di nuove idee e nuove teorie.

L'idea è che la filosofia si trova in ritardo rispetto alla scienza e auspica lo sviluppo di una filosofia "del non", che dica "no" al passato e alle concezioni assolute e totalizzanti, per mettersi al passo con l'avanzare dell'impresa scientifica.

Insignito della Legion d'onore, nel 1951 come Ufficiale e nel 1959 come Comandante, Gaston Bachelard muore a Parigi il 6 ottobre 1962.

Bibliografia essenziale

  • "Le nouvel esprit scientifique" (Il nuovo spirito scientifico, 1934)
  • "La formation de l'esprit scientifique" (La formazione dello spirito scientifico, 1938)
  • "La philosophie du non" (1940), (La filosofia del non)
  • "L'eau et les rêves" (1942)
  • "La terre et les rêveries du repos" (1946)
  • "La terre et les rêveries de la volonté" (1948)
  • "L'activité rationaliste de la physique contemporaine" (L'attività razionalista della fisica contemporanea, 1951)
  • "La Flamme d'une chandelle" (La Fiamma di una candela, 1961)

Frasi di Gaston Bachelard

3 fotografie

Foto e immagini di Gaston Bachelard

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Gaston Bachelard ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Gaston Bachelard nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

11 biografie

Nati lo stesso giorno di Gaston Bachelard

Carlo Emanuele IV di Sardegna

Carlo Emanuele IV di Sardegna

Monarca italiano
α 24 maggio 1751
ω 6 ottobre 1819
Alfred Tennyson

Alfred Tennyson

Poeta inglese
α 6 agosto 1809
ω 6 ottobre 1892
Amalia Rodrigues

Amalia Rodrigues

Cantante e attrice portoghese
α 23 luglio 1920
ω 6 ottobre 1999
Anwar al-Sadat

Anwar al-Sadat

Statista egiziano
α 25 dicembre 1918
ω 6 ottobre 1981
Bette Davis

Bette Davis

Attrice statunitense
α 5 aprile 1908
ω 6 ottobre 1989
Amedeo Modigliani

Amedeo Modigliani

Pittore e scultore italiano
α 12 luglio 1884
ω 24 gennaio 1920
Eleanor Roosevelt

Eleanor Roosevelt

First lady statunitense
α 11 ottobre 1884
ω 7 novembre 1962
Harry Truman

Harry Truman

33° Presidente degli Stati Uniti d'America
α 8 maggio 1884
ω 26 dicembre 1972
Hermann Rorschach

Hermann Rorschach

Psichiatra svizzero
α 8 novembre 1884
ω 2 aprile 1922
Tina Pica

Tina Pica

Attrice italiana
α 31 marzo 1884
ω 16 luglio 1968
Adolf Eichmann

Adolf Eichmann

Gerarca nazista
α 19 marzo 1906
ω 31 maggio 1962
Alberto Bergamini

Alberto Bergamini

Giornalista e politico italiano
α 1 giugno 1871
ω 22 dicembre 1962
Edward Estlin Cummings

Edward Estlin Cummings

Poeta, scrittore e drammaturgo statunitense
α 14 ottobre 1894
ω 3 settembre 1962
Eleanor Roosevelt

Eleanor Roosevelt

First lady statunitense
α 11 ottobre 1884
ω 7 novembre 1962
Enrico Mattei

Enrico Mattei

Industriale italiano, fondatore dell'Eni
α 29 aprile 1906
ω 27 ottobre 1962
Georges Bataille

Georges Bataille

Scrittore francese
α 10 settembre 1897
ω 8 luglio 1962
Hermann Hesse

Hermann Hesse

Scrittore tedesco, premio Nobel
α 2 luglio 1877
ω 9 agosto 1962
Karen Blixen

Karen Blixen

Scrittrice e pittrice danese
α 17 aprile 1885
ω 7 settembre 1962
Marcello Dudovich

Marcello Dudovich

Illustratore italiano
α 21 marzo 1878
ω 31 marzo 1962
Marilyn Monroe

Marilyn Monroe

Attrice statunitense
α 1 giugno 1926
ω 5 agosto 1962
Niels Bohr

Niels Bohr

Fisico danese, premio Nobel
α 7 ottobre 1885
ω 18 novembre 1962
William Faulkner

William Faulkner

Scrittore statunitense, premio Nobel
α 25 settembre 1897
ω 6 luglio 1962