Biografie

Alexandre Dumas padre

Alexandre Dumas padre
Alexandre Dumas padre nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Storie avvincenti

Alexandre Dumas padre (così chiamato per distinguerlo dal figlio, omonimo, anche lui autore di romanzi famosi come "La signora delle camelie") fu uno dei più proliferi e popolari scrittori francesi del diciannovesimo secolo. Senza mai raggiungere un grande merito letterario, Dumas riuscì a ottenere grande popolarità prima come drammaturgo e poi come novellista storico, soprattutto con opere come "Il conte di Montecristo" e "I tre moschettieri".

Inoltre è importante considerare che dalle sue memorie, scritte con uno strano misto di candore e cialtroneria, viene fuori, in maniera nitida, l'immagine della Francia nell'era romantica.

Alexandre Dumas nasce il 24 luglio 1802 da Thomas-Alexandre Davy de La Pailleterie, soldato semplice figlio di un marchese, e di una schiava nera di Santo Domingo, La Pailleterie and Marie Cessette Dumas, dalla quale eredita il cognome. Alcuni anni dopo la morte del padre, nel 1823 il giovane Alexandre viene mandato a Parigi per intraprendere gli studi di legge. Nella capitale riesce a ottenere, grazie alla sua buona calligrafia, diversi incarichi presso il Duca d'Orléans, il futuro re Luigi Filippo. Nel 1824 nasce suo figlio, Alexandre, da una relazione con la sua vicina di pianerottolo.

In quegli anni Dumas si fa notare per le sue opere teatrali, inserendosi nel movimento romantico francese. I suoi lavori riscuotono un discreto successo (sebbene all'occhio moderno risultino melodrammatici e troppo cruenti). "Enrico III e la sua corte" (1829) racconta del rinascimento francese, "Napoleone Bonaparte" (1831) invece è piéce teatrale sulla figura, ormai leggendaria, del condottiero e imperatore francese, da poco defunto. A differenza dei lavori precedenti, "Antony" (1831) non è un dramma storico, ma un'opera in cui l'autore sviscera i temi dell'adulterio e dell'onore.

Negli anni successivi l'interesse di Dumas si sposta verso il romanzo storico, grazie soprattutto alla collaborazione dello scrittore Auguste Maquet, col quale produce le opere più famose. I romanzi di Dumas padre non hanno grande spessore psicologico, né accuratezza nella ricerca delle fonti storiche. L'unico interesse dell'autore infatti è creare una storia eccitante ambientata in un background storico, vivace e colorato.

I suoi romanzi più noti "I tre moschettieri" (pubblicato nel 1844 e messo in scena nel 1845) e "Il conte di Montecristo" (1844), vengono pubblicati a puntate sui giornali, il primo sulla rivista "Le Siècle", il secondo sul "Journal des débats". Entrambi riscuotono un successo enorme, tanto da resistere al passare del tempo e divenire classici della letteratura, rivisitati periodicamente dal cinema e dalle televisioni in tutto il mondo. In seguito Dumas pubblica "Vent'anni dopo" e "Il visconte di Bragelonne" (entrambi continuazione de "I tre moschettieri").

Con l'arrivo del successo, Dumas inizia a condurre una vita al di sopra delle proprie possibilità economiche, eccentrica e piena di eccessi. Nel 1844 acquista un terreno nei pressi di Parigi a Port-Marly, dove fa costruire il "Castello di Montecristo", un edificio in cui si mescolano diversi stili, dal rinascimento, al gotico, al barocco. Nel 1847 inaugura un proprio teatro, il "Théâtre-Historique" (Teatro Storico), dove vengono rappresentate le opere dei maggiori autori del passato, come Shakespeare, Goethe, Calderon de la Barca, Schiller. Dopo solo tre anni però il teatro fallisce. Rovinato dai debiti Dumas vende all'asta il suo castello e nel 1851, cercato da più di 150 creditori, deve riparare in Belgio. Nel 1854, risolti i suoi problemi finanziari, torna a Parigi.

Grande ammiratore di Garibaldi, Dumas cerca di inviare armi alla Spedizione dei Mille. Entra a Napoli assieme alla spedizione e rimane nel capoluogo campano per tre anni, dove è "Direttore degli scavi e dei musei", ma nel 1864 lascia la sua carica pressato dal malumore dei napoletani che poco tollerano la presenza di uno straniero a ricoprire una carica così prestigiosa. Dal suo soggiorno a Napoli, Dumas scrive "Il Corricolo" e "La San-Felice", biografia romanzata di Luisa Sanfelice, nobildonna napoletana che appoggiò la Repubblica Partenopea.

Nel settembre del 1870, dopo una malattia vascolare che lo lascia semiparalizzato, si trasferisce nella villa del figlio a Puys, vicino a Dieppe: qui Alexandre Dumas padre, muore il 6 dicembre 1870. Nonostante le sue ultime volontà fossero diverse (avrebbe voluto che le sue spoglie rimanessero a Villers-Cotterêts, un cimitero che per lo scrittore "ha più l'aria di un'aiuola fiorita dove fare giocare i bambini che di un posto per far dormire i cadaveri"), nel 2002 i suoi resti sono stati trasferiti al Panthéon di Parigi.

Frasi di Alexandre Dumas padre

3 fotografie

Foto e immagini di Alexandre Dumas padre

Commenti

Non ci sono commenti per Alexandre Dumas padre.

Argomenti e biografie correlate

Alexandre Dumas padre nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

13 biografie

Nati lo stesso giorno di Alexandre Dumas padre

San Nicola di Bari

San Nicola di Bari

Santo cattolico
α 15 marzo 270
ω 6 dicembre 343
Baltasar Gracián

Baltasar Gracián

Gesuita, scrittore e filosofo spagnolo
α 8 gennaio 1601
ω 6 dicembre 1658
Raoul Follereau

Raoul Follereau

Filantropo francese
α 17 agosto 1903
ω 6 dicembre 1977
Lacordaire

Lacordaire

Religioso, giornalista e politico francese
α 12 maggio 1802
ω 21 novembre 1861
Nicolò Tommaseo

Nicolò Tommaseo

Linguista, scrittore e patriota italiano
α 9 ottobre 1802
ω 1 maggio 1874
Victor Hugo

Victor Hugo

Scrittore francese
α 26 febbraio 1802
ω 22 maggio 1885
Lautréamont

Lautréamont

Poeta francese
α 4 aprile 1846
ω 24 novembre 1870
Charles Dickens

Charles Dickens

Scrittore inglese
α 7 febbraio 1812
ω 9 giugno 1870
Frédéric Bazille

Frédéric Bazille

Pittore impressionista francese
α 6 dicembre 1841
ω 28 novembre 1870