Biografie

Denis Diderot

Denis Diderot
Denis Diderot nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Illuminazioni enciclopediche

Denis Diderot, filosofo e scrittore francese, nasce il 5 ottobre 1713 a Langres, una cittadina di provincia da una famiglia borghese benestante. Dopo aver studiato presso il collegio gesuita della città, si trasferisce a Parigi per iscriversi all'Università dove si laurea brillantemente nel 1732.

Finiti gli studi per il giovane Denis si prospetta un futuro amaro e pieno di incertezze, privo com'è di qualsiasi appoggio e di qualsiasi esperienza professionale.

Si adatta ai più diversi lavori, anche se fortunatamente rientreranno tutti più o meno nel suo ambito di competenza: scrivano pubblico, precettore, traduttore.

Come molti altri giovani poco danarosi della sua età, frequenta i salotti e i caffè in cui circolano le idee illuministe e libertine. Ed è proprio qui che conosce Jean Jacques Rousseau, la "testa calda" destinata a influenzare così profondamente la cultura europea.

I due vanno subito d'accordo: l'intesa è profonda su molti aspetti della vita e delle idee, ma è ormai storicamente assodato che la loro non fu un'amicizia delle più facili, a causa soprattutto del carattere irrequieto di entrambi. Intanto Diderot, sempre intento a studiare varie lingue sia moderne che antiche, si dà da fare come traduttore. In questo modo viene a conoscenza di testi importanti che incidono sul suo modo di pensare. Uno di questi è il "Saggio sulla virtù e sul merito" di Shaftesbury, che lo esalta per i suoi contenuti inneggianti la libertà e l'apertura verso le altre culture.

Sotto l'impellenza tumultuosa della sua anima e delle idee che lo circondano sente dunque l'esigenza di intervenire in prima persona nel dibattito culturale e si getta a capofitto nella stesura dei celebri "Pensieri filosofici" del 1746, di marca squisitamente illuminista, soprattutto in tema di religione, dove viene privilegiata l'idea di un dio sovrasensibile e lontano dagli schemi delle religioni rivelate. Sulla spinta dell'ottima accoglienza stende anche i saggi "La sufficienza della religione naturale" e "La passeggiata dello scettico", aspramente critici verso la superstizione e l'intolleranza.

Risale invece al 1748 il romanzo libertino "I gioielli indiscreti" e al 1749 la "Lettera sui ciechi ad uso di coloro che vedono" di intonazione sensista e materialista.

Incarcerato a Vincennes per via di questi scritti, giudicati sovversivi, Diderot trascorre cinque mesi in una prigionia fortunatamente non particolarmente dura e opprimente.

Nel frattempo è incominciata la grande avventura dell'Encyclopédie, che lo occuperà instancabilmente per i quindici anni successivi: di quest'opera Diderot sarà il più infaticabile artefice, scorgendo in essa una irrinunciabile battaglia politica e culturale e, dopo la defezione di d'Alembert nel 1759, sostenendola pressoché da solo.

Viceversa non darà in genere circolazione pubblica ai propri scritti, molti dei quali rimarranno quindi del tutto sconosciuti al di fuori della ristretta cerchia dei philosophes, per venire pubblicati solo dopo molti decenni dalla sua morte (alcuni addirittura nel secondo dopoguerra).

Appartengono a questo periodo (la pubblicazione dell'Enciclopedia si concluderà definitivamente solo nel 1773) altre importanti opere come "L'interpretazione della natura" o "Il sogno di d'Alembert", nonché i romanzi quali "La monaca", "Giacomo il fatalista" o il dialogo "Il nipote di Rameau".

Diderot si è cimentato anche con il teatro, dove ha dato prova di rara abilità: basti pensare a pièce come "Il figlio naturale" o "Il padre di famiglia".

Sul piano privato la vita del filosofo-scrittore è anch'essa caratterizzata dall'idea di libertà. Pur essendo sposato dal 1743 con la corniciaia Antoinette Champion (che gli darà un'amatissima figlia), non si farà mancare un'amante, Sophie Volland, conosciuta nel 1756 e latrice di bellissime lettere. Il loro epistolario è tuttora ritenuto di grande valore biografico, letterario e storico.

Nel 1773 Diderot si reca a Pietroburgo dove stende per l'imperatrice Caterina II diversi progetti di riforma della società e dell'istruzione. Forse a causa del durissimo colpo per la morte di Sophie, avvenuta il 22 febbraio 1784, il 31 luglio dello stesso anno il filosofo muore a Parigi.

Frasi di Denis Diderot

3 fotografie

Foto e immagini di Denis Diderot

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Denis Diderot ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Denis Diderot nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

7 biografie

Nati lo stesso giorno di Denis Diderot

Ignazio di Loyola

Ignazio di Loyola

Santo spagnolo, fondatore dell'ordine dei Gesuiti
α 24 dicembre 1491
ω 31 luglio 1556
Antoine de Saint-Exupéry

Antoine de Saint-Exupéry

Scrittore e aviatore francese
α 29 giugno 1900
ω 31 luglio 1944
Franz Liszt

Franz Liszt

Compositore ungherese
α 22 ottobre 1811
ω 31 luglio 1886
Gore Vidal

Gore Vidal

Scrittore, sceneggiatore e saggista statunitense
α 3 ottobre 1925
ω 31 luglio 2012
Guido Crepax

Guido Crepax

Fumettista italiano
α 15 luglio 1933
ω 31 luglio 2003
Laura Betti

Laura Betti

Attrice e cantante italiana
α 1 maggio 1927
ω 31 luglio 2004
Laurence Sterne

Laurence Sterne

Scrittore britannico
α 24 novembre 1713
ω 18 marzo 1768
Samuel Johnson

Samuel Johnson

Poeta, scrittore e critico inglese
α 18 settembre 1709
ω 13 dicembre 1784