Oggi: sabato 1 novembre 2014 » Tutti i Santi
Giorno per giorno i profili di miti e personaggi famosi che si sono meritati un posto nella storia

Bill Cosby

Sorrisi a tutto schermo

Commenta
Bill Cosby

William Henry Cosby Jr. nasce a Philadelphia (Pennsylvania, USA) il 12 luglio 1937. Noto al grande pubblico - soprattutto americano - anche come scrittore, produttore cinematografico e sceneggiatore di fiction televisive, è stato il personaggio del piccolo schermo più pagato del suo paese durante il periodo tra gli anni '80 e '90.

Abbandonati gli studi dopo aver conseguito il titolo di istruzione minimo, entra in marina: si ritira poco tempo dopo iniziando a lavorare come barista.

Intanto riprende e porta a termine gli studi conseguendo il diploma mediante un corso per corrispondenza. Il carattere socievole e gioviale di Bill porta i suoi datori di lavoro a spingerlo ad animare e intrattenere la clientela come cabarettista. Anche altri amici lo spingono ad esibirsi, hobby che sembra assumere ben presto le fattezze di una professione; nella veste di comico Bill Cosby ottiene sempre successo, e il suo talento non passa mai inosservato. Tanto che - appena ventenne - gli viene chiesto di partecipare a programmi tv di successo come l'"Ed Sullivan Show".

Bill Cosby ritiene che la sua permanenza nel mondo dello spettacolo sia solo un passaggio temporaneo, e preferisce tornare a concentrarsi sui banchi di scuola: in pochi anni consegue un dottorato in Educazione presso l'Università del Massachusetts.

Negli anni '70 interpreta assieme a Robert Cul la serie "Le spie" (I spy); successivamente conduce il programma che porta il suo nome: "The Bill Cosby Show", dove interpreta un insegnante. Nel 1972 prende il via la serie a cartoni animati "Fat Albert and the Cosby kids" che racconta le avventure di uno scalcinato gruppo di compagni di scuola e di cui Cosby è - per le dodici stagioni di vita della serie - creatore e principale doppiatore.

La fama e il successo planetari arrivano nel 1984 con la prima serie serie de "I Robinson" (il titolo originale è "The Cosby Show") che arriva in Italia nel 1986. La serie, capace negli USA di incollare al teleschermo 70 milioni di telespettatori a puntata, prosegue per 8 anni fino al 1992, con la realizzazione di ben 201 episodi. Il record più importante della fortunata idea di Cosby arriva però con il passare degli anni: "I Robinson" rimane una fra le serie più replicate (e di maggior successo) della televisione italiana.

Esordisce al cinema nel 1987: scrive, dirige ed interpreta la commedia "Leonard salverà il mondo", che si rivela però un vero fiasco. Dopo "Papà è un fantasma", un altro flop, torna a riscattare la sua immagine con "Jack" (1996), film di Francis Ford Coppola in cui Bill Cosby è spalla del protagonista interpretato da Robin Williams.

Ritenta poi la strada delle serie tv prima con "Cosby indaga" (una sola stagione) e poi con il più fortunato "Cosby" (quattro stagioni).

Nel 1997 vive una tregedia: il figlio Ennis viene ucciso da un colpo di pistola, sparato mentre cercava di sedare un litigio, nato a causa di un incidente automobilistico.

Dopo questo episodio l'attore ha diminuito sempre più il numero delle sue apparizioni pubbliche, concedendosi solo qualche passaggio in varietà comici della televisione americana: l'ultima presenza di rilievo risale a quando sostituì per qualche tempo David Letterman alla conduzione del suo celebre programma, durante un periodo di malattia di quest'ultimo.

Cosby ha continuato comunque a svolgere l'attività di produttore, scrittore e sceneggiatore: nel 1999 ha lanciato la serie a cartoni animati "Little Bill", mentre nel 2004 ha realizzato il soggetto del telefilm "Fatherhood", e scritto il film dedicato al personaggio Fat Albert, già protagonista dei suoi vecchi cartoons.

Ultimo aggiornamento: 02/07/2007
Altre frasi di Bill Cosby

Accadde oggi

1 novembre 2007
A Perugia si consuma l'omicidio di Meredith Kercher, assassinata nella sua camera da letto con un taglio alla gola. L'evento dà origine a un evento mediatico (noto anche come Delitto di Perugia) i cui protagonisti accusati sono Amanda Knox e Raffaele Sollecito.

Ha detto:

«L'esperienza non ha alcun valore etico: è semplicemente il nome che gli uomini danno ai propri errori.»
Oscar_Wilde
Testo di Stefano Moraschini