Oggi: giovedì 24 aprile 2014 » S. Fedele da Sigmaringa
Giorno per giorno i profili di miti e personaggi famosi che si sono meritati un posto nella storia

Bill Cosby

Sorrisi a tutto schermo

Commenta
Bill Cosby

William Henry Cosby Jr. nasce a Philadelphia (Pennsylvania, USA) il 12 luglio 1937. Noto al grande pubblico - soprattutto americano - anche come scrittore, produttore cinematografico e sceneggiatore di fiction televisive, è stato il personaggio del piccolo schermo più pagato del suo paese durante il periodo tra gli anni '80 e '90.

Abbandonati gli studi dopo aver conseguito il titolo di istruzione minimo, entra in marina: si ritira poco tempo dopo iniziando a lavorare come barista.

Intanto riprende e porta a termine gli studi conseguendo il diploma mediante un corso per corrispondenza. Il carattere socievole e gioviale di Bill porta i suoi datori di lavoro a spingerlo ad animare e intrattenere la clientela come cabarettista. Anche altri amici lo spingono ad esibirsi, hobby che sembra assumere ben presto le fattezze di una professione; nella veste di comico Bill Cosby ottiene sempre successo, e il suo talento non passa mai inosservato. Tanto che - appena ventenne - gli viene chiesto di partecipare a programmi tv di successo come l'"Ed Sullivan Show".

Bill Cosby ritiene che la sua permanenza nel mondo dello spettacolo sia solo un passaggio temporaneo, e preferisce tornare a concentrarsi sui banchi di scuola: in pochi anni consegue un dottorato in Educazione presso l'Università del Massachusetts.

Negli anni '70 interpreta assieme a Robert Cul la serie "Le spie" (I spy); successivamente conduce il programma che porta il suo nome: "The Bill Cosby Show", dove interpreta un insegnante. Nel 1972 prende il via la serie a cartoni animati "Fat Albert and the Cosby kids" che racconta le avventure di uno scalcinato gruppo di compagni di scuola e di cui Cosby è - per le dodici stagioni di vita della serie - creatore e principale doppiatore.

La fama e il successo planetari arrivano nel 1984 con la prima serie serie de "I Robinson" (il titolo originale è "The Cosby Show") che arriva in Italia nel 1986. La serie, capace negli USA di incollare al teleschermo 70 milioni di telespettatori a puntata, prosegue per 8 anni fino al 1992, con la realizzazione di ben 201 episodi. Il record più importante della fortunata idea di Cosby arriva però con il passare degli anni: "I Robinson" rimane una fra le serie più replicate (e di maggior successo) della televisione italiana.

Esordisce al cinema nel 1987: scrive, dirige ed interpreta la commedia "Leonard salverà il mondo", che si rivela però un vero fiasco. Dopo "Papà è un fantasma", un altro flop, torna a riscattare la sua immagine con "Jack" (1996), film di Francis Ford Coppola in cui Bill Cosby è spalla del protagonista interpretato da Robin Williams.

Ritenta poi la strada delle serie tv prima con "Cosby indaga" (una sola stagione) e poi con il più fortunato "Cosby" (quattro stagioni).

Nel 1997 vive una tregedia: il figlio Ennis viene ucciso da un colpo di pistola, sparato mentre cercava di sedare un litigio, nato a causa di un incidente automobilistico.

Dopo questo episodio l'attore ha diminuito sempre più il numero delle sue apparizioni pubbliche, concedendosi solo qualche passaggio in varietà comici della televisione americana: l'ultima presenza di rilievo risale a quando sostituì per qualche tempo David Letterman alla conduzione del suo celebre programma, durante un periodo di malattia di quest'ultimo.

Cosby ha continuato comunque a svolgere l'attività di produttore, scrittore e sceneggiatore: nel 1999 ha lanciato la serie a cartoni animati "Little Bill", mentre nel 2004 ha realizzato il soggetto del telefilm "Fatherhood", e scritto il film dedicato al personaggio Fat Albert, già protagonista dei suoi vecchi cartoons.

Ultimo aggiornamento: 02/07/2007
Altre frasi di Bill Cosby

Accadde oggi

24 aprile 1184 A.C.
E' in questa data che secondo la tradizione gli antichi greci guidati da Ulisse entrano a Troia servendosi di un cavallo di legno. Sebbene la storia epica di Omero sia ricca di invenzioni, contiene numerosi indizi che hanno portato 3.000 anni più tardi l'archeologo Schliemann alla scoperta di Troia.
Leggi la biografia:
Heinrich Schliemann

Ha detto:

«La donna che non riesce a rendere affascinanti i suoi errori, è solo una femmina.»
Oscar_Wilde
Testo di Stefano Moraschini