Oggi: giovedì 24 aprile 2014 » S. Fedele da Sigmaringa
Giorno per giorno i profili di miti e personaggi famosi che si sono meritati un posto nella storia

Ginger Rogers

Danze eterne

Commenta
Ginger Rogers

Virginia Katherine McMath nacque il 16 luglio 1911 a Indipendence (Illinois). Il nome Ginger le fu dato da un suo piccolo cugino che non riusciva a pronunciarne il nome, il cognome Rogers dal suo patrigno.

Era già nel pieno del successo quando apparve al suo fianco un ballerino sconosciuto in cerca di successo: Fred Astaire.

La coppia, diretta perlopiù da Mark Sandrich, interpretò nel corso di quindici anni una serie di successi planetari, tra i quali "Cappello a cilindro", "Seguendo la flotta", "Voglio danzar con te".

Una coppia perfetta sullo schermo: bravissimi ballerini affiatati e di successo, nei film si cercano e si amano. Non nella vita reale, però, perché pare che proprio non si sopportassero.

Oltre che da Mark Sandrich, Ginger Rogers fu diretta (in pellicole in cui doveva solo dimostrare la propria grandezza d'interprete, anche drammatica) da grandi registi come Billy Wilder e Howard Hawks. Ricordiamo inoltre "Palcoscenico" (1937), con Katharine Hepburn, diretto da Gregory La Cava.

A 83 anni, con cinque matrimoni alle spalle, Ginger Rogers se n'è andata il 25 aprile 1995, nel suo ranch californiano.

Al di fuori del sodalizio con Fred Astaire ebbe un'intensa carriera, prima teatrale, poi cinematografica (Oscar nel 1940), poi ancora teatrale, con quella pietra miliare della storia di Broadway che fu "Hello Dolly".

Ultimo aggiornamento: 12/07/2004

Accadde oggi

24 aprile 1184
E' in questa data che secondo la tradizione gli antichi greci guidati da Ulisse entrano a Troia servendosi di un cavallo di legno. Sebbene la storia epica di Omero sia ricca di invenzioni, contiene numerosi indizi che hanno portato 3.000 anni più tardi l'archeologo Schliemann alla scoperta di Troia.
Leggi la biografia:
Heinrich Schliemann

Ha detto:

«Per l'uomo non c'è altro inferno che la stupidità o la malvagità dei suoi simili.»
Marchese_De_Sade
Testo di Stefano Moraschini