Biografie

Montesquieu

Montesquieu
Montesquieu nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Con spirito illuminante

Charles-Louis de Secondat, barone di La Brède e di Montesquieu, nasce nel castello di famiglia a La Brède, nel sud della Francia, il 18 gennaio 1689, da Jacques de Secondat, barone di Montesquieu e Marie-Françoise de Pesnel, baronessa di la Brède.

La sua è una famiglia di magistrati che, inevitabilmente, lo indirizza verso gli studi giuridici. Conseguita la laurea, nel 1708 si trasferisce a Parigi dove avvia la professione di avvocato, anche se i suoi interessi sono rivolti soprattutto alle scienze ed alle opere letterarie. Nel 1715 sposa Jeanne de Lartigue, protestante, sua ricca e nobile coetanea. L'anno seguente riceve in eredità da uno zio la baronia di Montesquieu con varie rendite connesse, oltre alla carica di presidente del Parlamento. Poco dopo diviene membro della prestigiosa Accademia delle Scienze di Bordeaux e, nel 1727, di quella di Francia.

All'età di 32 anni pubblica in forma anonima la sua prima opera, le "Lettere persiane", una pungente satira sui costumi della Parigi cortigiana e clericale, ancora legata all'assolutismo dell'"ancien regime", mentre egli già propugna un modello più liberale e sganciato dall'intolleranza religiosa nell'organizzazione delle società umane. Il successo che il libro riscuote è tale da scatenare una caccia all'identità del suo autore il quale, alla fine, viene stanato divenendo popolarissimo anche oltre i confini francesi.

Nel 1728 parte alla volta dell'Europa: visita Vienna, l'Ungheria, per poi scendere in Italia, a Venezia, Milano, Torino, Firenze, Roma e Napoli; riparte diretto prima in Germania, poi in Olanda ed infine in Inghilterra, dove si ferma a lungo rimanendo affascinato dalla sua costituzione politica. Fa rientro in Francia soltanto dopo tre anni. Qui si ritira nel suo castello di La Brede per ordinare i numerosi appunti di viaggio e per rimettersi a scrivere.

Alle "Lettere" fanno seguito, nel 1734, le "Considerazioni sulle cause della grandezza dei romani e della loro decadenza", un lavoro, questo, di tutt'altro stampo con il quale Montesquieu si addentra nell'analisi dei processi storici individuandone nell'uomo e nella natura, e non più nella Divina Provvidenza, le cause determinanti. Nel 1748 pubblica "Lo spirito delle leggi", un'opera intrisa di idee di tolleranza e di libertà che faranno scuola e che rappresenteranno un viatico per le future generazioni che ad esse attingeranno nell'agitatissimo Ottocento. "L'esprit des lois" sarà uno fra i libri più letti del secolo. Nel saggio Montesquieu auspica per i Paesi europei forme di governo analoghe a quella inglese e formula la dottrina della rigorosa "separazione dei tre poteri", legislativo, esecutivo e giudiziario.

Nel 1757 scrive un "Saggio sul gusto" per l'"Encyclopedie", il rivoluzionario e monumentale capolavoro di Diderot e D'Alembert.

Dopo un progressivo deterioramento della vista, Montesquieu si spegne a Parigi il 10 febbraio 1755, all'età di 66 anni.

Montesquieu, insieme proprio a Diderot e pochi altri, tra i quali Rousseau, Voltaire, Condillac, d'Holbach, hanno rappresentato l'Illuminismo francese con una tale originalità e fecondità da influenzare pesantemente l'intero mondo intellettuale del continente.

Altre sue opere sono: "Dialogue entre Sylla et Eucrate", del 1722; "Riflessioni sulla monarchia universale", del 1724; "Viaggio a Paphos", del 1727; "Difesa dello spirito delle leggi", del 1750; "Una storia vera", pubblicata postuma nel 1892. In campo scientifico, sua passione minore, ha pubblicato tre brevi saggi: "Les causes de l'écho", "Les glandes renale" e "La cause de la pesanteur des corps".

Aforismi di Montesquieu

3 fotografie

Foto e immagini di Montesquieu

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Montesquieu ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Montesquieu nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

13 biografie

Nati lo stesso giorno di Montesquieu

Dave Van Ronk

Dave Van Ronk

Cantautore folk statunitense
α 30 giugno 1936
ω 10 febbraio 2002
Ernesto Teodoro Moneta

Ernesto Teodoro Moneta

Giornalista e patriota italiano, premio Nobel
α 20 settembre 1833
ω 10 febbraio 1918
Honoré Daumier

Honoré Daumier

Artista caricaturista francese
α 26 febbraio 1808
ω 10 febbraio 1879
Papa Pio XI

Papa Pio XI

Pontefice della Chiesa Cattolica italiano
α 31 maggio 1857
ω 10 febbraio 1939
Wilhelm Conrad Röntgen

Wilhelm Conrad Röntgen

Fisico tedesco, premio Nobel
α 27 marzo 1845
ω 10 febbraio 1923