Biografie

Bjornstjerne Bjornson

Bjornstjerne Bjornson
Bjornstjerne Bjornson nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Natura è verità

L'8 dicembre 1832, nel paesino norvegese di Kvikne, nello Osterdal, viene al mondo Bjørnstjerne Bjørnson. Cinque anni dopo la famiglia si trasferisce a Ness, nel Romsdal, terra di notevole richiamo turistico, dove a suo padre Peter, pastore evangelico, viene assegnata la locale parrocchia. Qui inizia gli studi per proseguirli, fra il 1846 ed il 1849, in un collegio a Molde. Ancora adolescente, Bjørnstjerne è già animato da fervore ideale che lo vede in prima linea nelle battaglie per l'indipendenza del suo Paese, mentre comincia a manifestarsi la vena letteraria tanto in prosa quanto in poesia.

Prosegue gli studi a Christiania, dove si trasferisce nel 1950. In questi anni scopre il teatro, se ne appassiona e scrive il suo primo dramma, "Valborg"; avvia altresì una collaborazione con il quotidiano "Morgenbladet". Le due attività lo assorbono parecchio fino a indurlo ad abbandonare gli studi, nel 1954: la raggiunta maturità gli ha infatti conferito la consapevolezza dei suoi obiettivi, fino a fargli rinnegare, distruggendoli, tutti gli scritti realizzati fino a quel momento.

Impronta la sua nuova vita all'insegna del motto "Natura e verità", estrema sintesi di una nuova concezione dell'esistenza cui è approdato e che antepone il bisogno di verità a quello, più vacuo, di bellezza esteriore.

Nel 1856 Bjørnstjerne Bjørnson parte alla volta della Svezia dove, ad Oslo, soggiorna lungamente e scrive il dramma "Fra le battaglie" ("Mellem slagene"). A Copenaghen, l'anno successivo, conosce l'anziano poeta cattolico Nicolai Grundtvig e rimane influenzato dal suo "Cristianesimo lieto". Il 29 novembre è nominato direttore artistico del Teatro Nazionale di Bergen, ruolo appena lasciato dal padre della drammaturgia moderna Henrik Ibsen.

Al rientro a Christiania, nel 1859, diviene giornalista dello "Aftenbladet", fonda la "Società Nazionale" e stringe amicizia con Ibsen, prima di ripartire, grazie ad una borsa di studio, per l'Italia. A Roma si ferma per due anni nel corso dei quali scrive il dramma storico "Re Sverre" ("Kong Sverre") e la trilogia "Sigurt il violento" ("Sigurd Slembe") ed affina la sua arte drammaturgica. Lasciata Roma si reca in Francia ed in Germania.

Nel 1865 Christiania omaggia Bjørnstjerne Bjørnson con la direzione del suo teatro, incarico che lascia l'anno successivo per tornare al giornalismo e per dedicarsi alla politica che lo vede intransigente repubblicano e radicale oppositore della Svezia e della monarchia. Fra il 1873 ed il 1875 è nuovamente a Roma dove compone alcune liriche di ambientazione italiana. La scoperta di Darwin e del suo evoluzionismo, nel 1871, e la delusione per le posizioni di chiusura della Chiesa verso le libertà democratiche determinano in lui, nella seconda metà degli anni '70, una crisi religiosa che lo sospinge verso il razionalismo facendo comparire nella sua attività letteraria elementi realistici. Appartengono a questa fase "Fallimento", nel 1875; "Il re" ("Kongen"), nel 1877 e "Il nuovo sistema" nel 1878.

Nel 1880 parte alla volta dell'America dove tiene una serie di conferenze. Prosegue intanto nell'impegno politico fino alla nascita, nel 1903, di un governo di sinistra. Nello stesso anno Bjørnstjerne Bjørnson riceve il prestigioso Premio Nobel per Letteratura, come "tributo alla sua nobile, magnifica e versatile poeticità, con la quale si è sempre distinto per la chiarezza della sua ispirazione e la rara purezza del suo spirito". Fra le sue ultime opere vi è, nel 1909, il canto patriottico "Quando fiorisce il vino nuovo" ("Naar den ny vin blomstrer").

Muore a Parigi il 26 aprile 1910, a 78 anni. La sua attività pionieristica, nella lirica, nella prosa e nel teatro, ha costituito un punto di riferimento per molti scrittori, tra i quali Knut Hamsun, Selma Lagerlöf, Johannes V. Jensen.

Tra le altre opere di Bjørnson ricordiamo: "La fattoria del sole", (1857), "Hulda la zoppa" (1858), "Un ragazzo allegro" (1860), "Novellette" (1860), "La figlia del pescatore" (1868), "Il giornalista" (1875), "Leonarda" (1879), "Polvere" (1882), "Oltre le forze umane" (1883), "Bandiere sulla città e sul porto" (1884), "Sulle vie di Dio" (1889), "Un guanto" (1893).

Frasi di Bjornstjerne Bjornson

6 fotografie

Foto e immagini di Bjornstjerne Bjornson

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Bjornstjerne Bjornson ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Bjornstjerne Bjornson nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

11 biografie

Nati lo stesso giorno di Bjornstjerne Bjornson

Edmund Husserl

Edmund Husserl

Matematico e filosofo austriaco
α 8 aprile 1859
ω 26 aprile 1938
Edouard Manet

Edouard Manet

Pittore francese
α 23 gennaio 1832
ω 30 aprile 1883
Gustave Eiffel

Gustave Eiffel

Ingegnere francese
α 15 dicembre 1832
ω 28 dicembre 1923
Lewis Carroll

Lewis Carroll

Scrittore inglese
α 27 gennaio 1832
ω 14 gennaio 1898
Louisa May Alcott

Louisa May Alcott

Scrittrice statunitense
α 29 novembre 1832
ω 6 marzo 1888
Carlo Dossi

Carlo Dossi

Scrittore e diplomatico italiano
α 27 marzo 1849
ω 19 novembre 1910
Henri Rousseau

Henri Rousseau

Pittore francese
α 21 maggio 1844
ω 2 settembre 1910
Jules Renard

Jules Renard

Scrittore francese
α 22 febbraio 1864
ω 22 maggio 1910
Lev Tolstoj

Lev Tolstoj

Scrittore russo
α 9 settembre 1828
ω 20 novembre 1910
Mark Twain

Mark Twain

Scrittore statunitense
α 30 novembre 1835
ω 21 aprile 1910
Paolo Mantegazza

Paolo Mantegazza

Medico fisiologo, antropologo, patriota e scrittore italiano
α 31 ottobre 1831
ω 28 agosto 1910
Robert Koch

Robert Koch

Medico tedesco, premio Nobel
α 11 dicembre 1843
ω 27 maggio 1910
William James

William James

Psicologo e filosofo statunitense
α 11 gennaio 1842
ω 26 agosto 1910