Biografie

Ippolito Pindemonte

Ippolito Pindemonte
Ippolito Pindemonte nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia

Ippolito Pindemonte nasce il 13 novembre del 1753 a Verona, che a quel tempo è parte della Repubblica di Venezia. Nasce in una famiglia colta e aristocratica. Educato a Modena, presso il Collegio di San Carlo, sotto l'ala protettrice di Giuliano Cassiani, lascia l'Emilia e suo fratello Giovanni Pindemonte, con il quale è cresciuto, per andare a Verona a studiare con Girolamo Pompei.

L'Ulisse di Ippolito Pindemonte

Durante gli anni della gioventù realizza alcuni poemetti, ma si occupa anche della traduzione di autori classici, tra cui Luciano di Samosata, Saffo e Orazio. Nel 1774 traduce la "Berenice" di Jean Racine. Tre anni più tardi Ippolito Pindemonte scrive, influenzato dalla "Merope" del marchese Scipione Maffei, l'"Ulisse", cioè la sua prima tragedia.

Successivamente è costretto a girare l'Italia per motivi di salute. Soggiorna, così, a Roma e a Napoli, ma ha modo di fermarsi anche in Sicilia e a Malta, prima di fare tappa a Firenze sulla via del ritorno. Questo lungo peregrinare gli permette di ampliare notevolmente la propria rete di relazioni. A Roma, per esempio, viene ammesso al circolo letterario dell'Arcadia.

Le opere successive

Nel 1779 scrive "Le Stanze", che però decide di pubblicare con uno pseudonimo, Polidete Melpomenio (anagramma del suo nome). Ispirato dal viaggio, nel 1782 compone "La fata Morgana", poemetto in cui racconta con una scrittura elegante diverse favole miracolose, inclusi i prodigi a Reggio Calabria della fata Morgana, e "Gibilterra salvata. Poema del marchese Ippolito Pindemonte cavaliere gierosolimitano".

Intorno alla metà degli anni '80 del XVIII secolo, dopo aver concluso l'"Elogio del marchese Scipione Maffei scritto da S.E. il sig. march. Ippolito Pindemonte cav. Gerosolimitano" ed "Epitalamio per le nobili nozze del signor conte Bortolamio Giuliari colla signora contessa Isotta dal Pozzo", Ippolito si trasferisce vicino a Verona, ad Avesa. Nel corso di tale soggiorno riceve l'ispirazione per portare a termine le malinconiche e fantastiche "Poesie campestri". Seguono le "Prose" che, però, saranno pubblicate solo successivamente. Pindemonte scrive, quindi, "Volgarizzamento dell'Inno a Cerere con un discorso sul gusto presente delle lettere in Italia".

L'amore e i nuovi viaggi

Nel frattempo avvia una relazione d'amore con Isabella Teotochi Albrizzi, prima di partire per un nuovo viaggio, che questa volta lo porta al di là delle Alpi. Tra il 1788 e il 1791 Pindemonte si ferma, tra l'altro, in Francia, a Londra, a Berlino e in Austria.

In questi anni ha modo di comporre "La Francia", un sonetto in cui celebra la Rivoluzione Francese. Anche se con il passare del tempo si accorgerà che le sue aspirazioni liberali verranno deluse dal periodo di Terrore, che lo porterà a diventare scettico e indifferente. Nel 1790, sempre in Francia, dà alle stampe l'"Abaritte", un romanzo satirico con note autobiografiche che prende a modello il "Rasselas" di Samuel Johnson.

Il ritorno in Italia

Nello stesso periodo il letterato veronese ha l'opportunità di frequentare Vittorio Alfieri, che gli assegna il compito di rivedere i suoi versi. Una volta tornato in Italia, nel 1792 Pindemonte completa la "Dissertazione su i giardini inglesi e sul merito in ciò dell'Italia". Criticando le tendenze nepotistiche di Napoleone Bonaparte, a differenza della maggior parte degli altri letterati pronti a osannare le azioni dell'imperatore, egli si ritira a Novare e scrive "Antonio Foscarini e Teresa Contarini", una novella in ottave.

Nel 1795 porta a termine "Per due quadri del signor Gaspare Landi un de' quali rappresenta Ettore" e "I viaggi del marchese Ippolito Pindemonte cavaliere gerosolimitano". Pochi anni più tardi scrive "Arminio", tragedia a metà tra Alfieri e Shakespeare.

Le altre tragedie e le ultime opere

Ma sono molte le tragedie composte in quel periodo: "Ifigenia in Tauride", "Eteocle e Polinice", "Annibale in Capua". Nel 1805 Pindemonte pubblica le "Epistole", in cui mette in mostra una evidente nostalgia per una vita lontana dalla guerra. Nello stesso anno inizia a dedicarsi alla traduzione dell'"Odissea" di Omero. La decisione arriva su influsso dei consigli di Girolamo Pompei, grecista che si era occupato di tradurre le "Vite Parallele" di Plutarco.

Nel 1809 pubblica i primi due canti dell'opera omerica, che sono dedicati a Giuseppino Albrizzi e che gli valgono i complimenti di Ugo Foscolo, il quale due anni prima gli aveva dedicato i "Sepolcri".

Successivamente Ippolito vive tra Verona e Venezia (anche perché la villa di Avesa in cui abitava era stata distrutta dai francesi) e frequenta con regolarità i salotti aristocratici locali. Nel 1815 scrive "Scherzi latini e italiani composti da Ippolito Pindemonte in una villa della Valpulicella". Seguono "I sermoni di Ippolito Pindemonte veronese".

Nel 1822 compone la sua ultima opera poetica, "Colpo di martello del campanile di San Marco", in cui è evidente un'apologia della fede cattolica. Il 18 novembre del 1828 Ippolito Pindemonte muore a Verona, all'età di settantacinque anni.

Frasi di Ippolito Pindemonte

4 fotografie

Foto e immagini di Ippolito Pindemonte

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Ippolito Pindemonte ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Ippolito Pindemonte nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

7 biografie

Nati lo stesso giorno di Ippolito Pindemonte

James Coburn

James Coburn

Attore statunitense
α 31 agosto 1928
ω 18 novembre 2002
Jim Jones

Jim Jones

Predicatore statunitense
α 13 maggio 1931
ω 18 novembre 1978
Jonah Lomu

Jonah Lomu

Rugbista neozelandese
α 12 maggio 1975
ω 18 novembre 2015
Man Ray

Man Ray

Artista dadaista statunitense: pittore, fotografo e regista
α 27 agosto 1890
ω 18 novembre 1976
Marcel Proust

Marcel Proust

Scrittore francese
α 10 luglio 1871
ω 18 novembre 1922
Niels Bohr

Niels Bohr

Fisico danese, premio Nobel
α 7 ottobre 1885
ω 18 novembre 1962
Paul Eluard

Paul Eluard

Poeta francese
α 14 dicembre 1895
ω 18 novembre 1952
Antoine Rivaroli

Antoine Rivaroli

Scrittore francese di origine italiana
α 26 giugno 1753
ω 11 aprile 1801
Francesco Melzi d'Eril

Francesco Melzi d'Eril

Politico italiano durante l'epoca napoleonica
α 6 marzo 1753
ω 16 gennaio 1816
Joseph de Maistre

Joseph de Maistre

Filosofo, politico, diplomatico, scrittore e giurista italiano
α 1 aprile 1753
ω 26 febbraio 1821
Shaka

Shaka

Fondatore e primo sovrano dell'Impero Zulu
α Anno 1787
ω 22 settembre 1828
Francisco Goya

Francisco Goya

Pittore e incisore spagnolo
α 30 marzo 1746
ω 16 aprile 1828
Franz Schubert

Franz Schubert

Compositore austriaco
α 31 gennaio 1797
ω 19 novembre 1828
Vincenzo Monti

Vincenzo Monti

Poeta, scrittore, drammaturgo e traduttore italiano
α 19 gennaio 1754
ω 13 ottobre 1828