Nellie Bly

Nellie Bly
Nellie Bly nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Nellie Bly

Biografia

Elizabeth Jane Cochran nasce a Burrell, nello stato della Pennsylvania, il 5 maggio 1864. E' celebre con lo pseudonimo di Nellie Bly, con la quale firmava i suoi articoli giornalistici; è ricordata come la prima giornalista investigativa . A lei si deve il genere di giornalismo sotto copertura. La sua storia è inoltre celebre per aver compiuto un giro del mondo nel tempo record di 72 giorni, emule del personaggio di Phileas Fogg, protagonista del romanzo "Il giro del mondo in 80 giorni".

L'infanzia

Tredicesima di quindici figli, suo padre Michael Cochran, giudice e uomo d'affari, muore quando lei ha solo sei anni. La madre si risposa con un uomo che presto si rivela essere violento e dedito all'uso di alcol. Elizabeth, ancora adolescente, testimonia contro di lui durante il processo di divorzio voluto dalla madre. Abbandona gli studi per le difficoltà economiche famigliari e si trasferisce a Pittsburgh dove tenta la carriera di insegnante; ma il futuro le riserva un ruolo che la proietterà nella storia del giornalismo.

Nellie Bly giornalista

Nellie Bly scrive bene, non si tira indietro: fa nomi e cognomi, non la scalfisce nulla. Lei parla nei suoi articoli di operaie sfruttate, di lavoro minorile, di salari. È lei la donna che cambia la storia del giornalismo.

Tutto comincia nel gennaio del 1885.

Esce sul Pittsburgh Dispatch un editoriale firmato da Erasmus Wilson: "A cosa servono le ragazze" (What girls are good for). L'articolo parla con toni infiammati delle donne.

Del fatto che le ragazze pretendono di studiare, di andare a lavorare e che puntano a crearsi una carriera, mentre il loro ruolo naturale sarebbe quello di crescere i figli e badare alle faccende domestiche. Le reazioni all'articolo sono diverse, tra adesioni e proteste. Tra queste c'è una lettera firmata da una certa "Orfanella Solitaria" (Lonely Orphan Girl), che il direttore George Madden legge con curiosità e ammirazione. Convinto che si trattasse di un uomo, subito il direttore gli risponde per offrirgli un posto al giornale.

Così si presenta al giornale davanti agli occhi del direttore una giovane di 21 anni, bella e anche molto agguerrita, pronta ad assumere l'incarico. La donna si chiama Elizabeth Jane Cochran, in arte Nellie Bly. La ragazza scrive bene e non teme nulla, ma è quasi inevitabile che insieme ad apprezzamenti per le sue parole e alla notorietà, non tardino ad arrivare per lei anche i guai.

Infatti, tra i finanziatori dei giornali ci sono molti industriali di Pittsburgh, che sono infastiditi dalle inchieste della donna che parlano di operaie sfruttate, di lavoro minorile, di salari. Da qui arrivano le minacce al direttore del giornale: non saranno più disponibili a finanziarlo se la giovane donna continuerà ad impicciarsi con inchieste varie.

È il motivo che spinge Madden a correre ai ripari spostando la giovane al giardinaggio. Ma Nellie, insieme ad un articolo su una dama vincitrice del premio per il miglior fiorito, presenta una lettera di dimissioni.

Nellie Bly

Nellie Bly

In Messico

Poi si trasferisce in Messico e da lì fa la corrispondente estera sempre per lo stesso giornale, il Pittsburgh Dispatch, e scrive dei bellissimi reportage di viaggio. Ma solo per poco. Sei mesi dopo dalla partenza e permanenza in Messico, esce un suo articolo su come il presidente messicano Porfirio Diaz abbia fatto incarcerare un giornalista dissidente. Un articolo che segna la sua probabile espulsione dietro una minaccia di arresto.

Un nuovo giornale

La giovane donna per non restare rilegata dentro le pagine del giardinaggio, decide di bussare alla porta del The New York World, il giornale di Joseph Pulitzer, che la prende subito a lavorare con sé. Le assegna il primo incarico: un reportage sulle condizioni in cui vivono i malati mentali internati.

L'esperienza in manicomio

Nellie Bly si finge pazza per farsi rinchiudere nel manicomio di Blackwell's Island. Ciò le permette di raccontare i fatti così come sono. È la prima volta in assoluto che qualcuno fa un azione del genere e soprattutto che lo fa una donna. Nasce così "Dieci giorni in un manicomio". Si tratta di un resoconto emozionante, crudo, onesto del trattamento che viene fatto ai malati mentali. Il suo impatto con il manicomio è spaventoso.

I medici che mi condannano per quello che ho fatto dovrebbero provare a prendere una donna in perfetta salute, a rinchiuderla e lasciarla seduta dalle sei del mattino alle otto di sera su panche di legno, senza permetterle di parlare o muoversi durante queste ore, senza darle qualcosa da leggere e senza dirle nulla del mondo di fuori, a darle pessimo cibo e un trattamento rude. Dovrebbero fare tutto questo e vedere quanto ci vuole per vederla diventare pazza. Io dico che due mesi così la renderebbero un relitto umano.

Riesce a resistere dieci giorni e a farsi salvare dal suo giornale, raccontando tutto ciò che ha visto con i suoi occhi. Dal reportage si va ad un'inchiesta approfondita. Grazie a Nellie Bly le situazioni in manicomio migliorano e vengono pure aumentate le sovvenzioni.

La nascita del giornalismo sotto copertura

Si tratta di vero giornalismo investigativo e lei è una delle prime persone ad essersene occupata. Nellie è una donna ostinata, determinata e molto coraggiosa che ha scritto in libertà contro un mondo fatto di pregiudizi. È stata la prima donna a creare un genere di giornalismo, quello "sotto copertura".

La donna si fa arrestare per raccontare la situazione dentro il carcere oppure si fa assumere per pochi centesimi in posti orribili per raccontarne la situazione lavorativa.

Nellie Bly e il giro del mondo

È solo nel 1889 che passa ad un'impresa non meno impegnativa: riesce a convincere Pulitzer a farle provare l'impresa raccontata da Jules Verne ne Il Giro del mondo in 80 giorni. Parte e impiega 72 giorni: un record per quell'epoca. Va da sola con due valigie. Così diventa la più celebre giornalista del suo tempo. Ma Nellie Bly al suo rientro viene accolta con una pacca sulla spalla e nessuna promozione. Ecco allora che si licenzia dal giornale. Poi torna sui suoi passi.

Gli ultimi anni

Allo scoppio della prima guerra mondiale, diventa corrispondente di guerra: è la prima donna a farlo. Nellie Bly muore a New York all'età di 57 anni a causa di una polmonite. Poche settimane prima di morire disse:

Non ho mai scritto una parola che non provenisse dal mio cuore. E mai lo farò.

Nel 2015 è uscito un film ispirato alla sua vita, dedicato alla sua esperienza in manicomio, dal titolo "10 Days in a Madhouse", di Timothy Hines.

Frasi di Nellie Bly

5 fotografie

Foto e immagini di Nellie Bly

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Nellie Bly nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Nellie Bly

11 biografie

Nati lo stesso giorno di Nellie Bly

Maria José del Belgio

Maria José del Belgio

Ultima regina italiana
α 4 agosto 1906
ω 27 gennaio 2001
Bartolomeo Cristofori

Bartolomeo Cristofori

Inventore del pianoforte
α 4 maggio 1655
ω 27 gennaio 1731
Giovanni Verga

Giovanni Verga

Scrittore italiano
α 2 settembre 1840
ω 27 gennaio 1922
Giuseppe Verdi

Giuseppe Verdi

Compositore italiano
α 10 ottobre 1813
ω 27 gennaio 1901
Ingvar Kamprad

Ingvar Kamprad

Imprenditore svedese, fondatore di Ikea
α 30 marzo 1926
ω 27 gennaio 2018
Johann Gottlieb Fichte

Johann Gottlieb Fichte

Filosofo tedesco
α 19 maggio 1762
ω 27 gennaio 1814
John James Audubon

John James Audubon

Ornitologo statunitense di origini francesi
α 26 aprile 1785
ω 27 gennaio 1851
Luigi Tenco

Luigi Tenco

Cantautore italiano
α 21 marzo 1938
ω 27 gennaio 1967
Mino Reitano

Mino Reitano

Cantautore italiano
α 7 dicembre 1944
ω 27 gennaio 2009
Nelson Rockefeller

Nelson Rockefeller

Industriale e politico statunitense
α 8 luglio 1908
ω 27 gennaio 1979
Croce Rossa Italiana

Croce Rossa Italiana

Organizzazione umanitaria italiana
α 15 giugno 1864
Alois Alzheimer

Alois Alzheimer

Medico tedesco
α 14 giugno 1864
ω 19 dicembre 1915
Henri de Toulouse-Lautrec

Henri de Toulouse-Lautrec

Pittore francese
α 24 novembre 1864
ω 9 settembre 1901
Jules Renard

Jules Renard

Scrittore francese
α 22 febbraio 1864
ω 22 maggio 1910
Max Weber

Max Weber

Sociologo, economista e filosofo tedesco
α 21 aprile 1864
ω 14 giugno 1920
Richard Strauss

Richard Strauss

Compositore tedesco
α 11 giugno 1864
ω 8 settembre 1949
Papa Benedetto XV

Papa Benedetto XV

Pontefice della Chiesa cattolica italiano
α 21 novembre 1854
ω 22 gennaio 1922
Alexander Graham Bell

Alexander Graham Bell

Inventore e scienziato scozzese
α 3 marzo 1847
ω 2 agosto 1922
Ernest Henry Shackleton

Ernest Henry Shackleton

Esploratore irlandese
α 15 febbraio 1874
ω 5 gennaio 1922
Giovanni Verga

Giovanni Verga

Scrittore italiano
α 2 settembre 1840
ω 27 gennaio 1922
Hermann Rorschach

Hermann Rorschach

Psichiatra svizzero
α 8 novembre 1884
ω 2 aprile 1922
Marcel Proust

Marcel Proust

Scrittore francese
α 10 luglio 1871
ω 18 novembre 1922
Sidney Sonnino

Sidney Sonnino

Politico italiano
α 11 marzo 1847
ω 24 novembre 1922