Biografie

Anatole France

Anatole France
Anatole France nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Polemica d'autore

François-Anatole Thibault nasce a Parigi il giorno 16 aprile 1844, in un quartiere di editori, librai e antiquari. Il padre François, originario della Beauce e già sottufficiale monarchico, si faceva chiamare France Libraire e al numero 19 del quais Malaquais aveva il proprio negozio di libri. Proprio dal genitore Anatole prenderà lo pseudonimo "France" con il quale è soprattutto noto.

Studia prima presso l'Institution Sainte Marie e poi al Collège Stanislas; esce dall'istituto classico nel 1862 senza una brillante carriera scolastica e ottiene il baccellierato nel 1864. Fin da giovanissimo aiuta il padre nel suo commercio: nella libreria, specializzata in opere e documenti sulla Rivoluzione francese, si appassiona alla conoscenza erudita.

Dal 1863 Anatole France inizia a collaborare a riviste bibliografiche, come il "Bullettin du bouquiniste", lo "Chasseur bibliographe" e l'"Intemediaire des chercheurs et des curieux", finché nel 1867 viene assunto dall'editore parigino Lemerre come lettore: il suo incarico consiste nel proporre e curare la pubblicazione di nuove opere.

Il primo scritto di Anatole France, un saggio su Alfred de Vigny, risale al 1868, quando ha solo 24 anni.

In occasione della rivoluzione comunarda non prende posizione e si allontana da Parigi. Rientra nella capitale solo alla fine del 1871.

Comincia poi a scrivere poesie, due delle quali vengono pubblicate nel 1872 nel "Parnasse Contemporain"; l'anno dopo esce il volume di poesie, di fattura parnassiana, "Poèmes dorés" (Poemi dorati). Nel 1875 France cura la terza antologia poetica del "Parnasse Contemporain", e l'anno seguente pubblica il dramma in versi "Les noces corinthiènnes" (Le nozze di Corinto), tratto da una ballata di Goethe.

Nel 1876 viene assunto presso la Biblioteca del Senato, impiego che gli permette di raggiungere una certa stabilità economica. Così nel 1877 si unisce in matrimonio con Marie-Valérie Guérin de Sauville, dalla quale avrà la figlia Susanne (1881).

Dopo la pubblicazione dei due racconti "Jocaste" e "Le chat maigre" (Il gatto magro, 1879), nel 1881 ottiene il primo grande successo con la pubblicazione del romanzo "Le crime de Sylvestre Bonnard membre de l'Institut" (Il delitto dell'accademico Sylvestre Bonnard), premiato dall'Académie Française.

Anatole France è ormai uno scrittore affermato e ricercato nei salotti parigini; caro amico di Ernest Renan, pubblica nel 1882 "Les désirs de Jean Servais" (I desideri di Jean Servais) e nel 1883 "Le livre de mon ami" (Il libro del mio amico), collaborando anche come critico letterario a diversi quotidiani. Il risultato di queste collaborazioni saranno i quattro volumi de "La Vie littéraire", pubblicati tra il 1888 e il 1893: in quest'opera France non risparmia aperte polemiche con il creatore del naturalismo Émile Zola, e nemmeno con il poeta parnassiano Leconte de Lisle, dal quale viene perfino sfidato a duello.

Intanto il suo matrimonio conosce una grave crisi: nel 1888 France intreccia una relazione sentimentale con Arman de Caillavet, donna non più giovane che sembra aver avuto un importante influsso sull'orientamento delle idee politiche dello scrittore; da un progressismo illuminato di matrice settecentesca France si orienta infatti verso le posizioni socialiste che avevano allora, in Francia, il più popolare rappresentante nella figura di Jean Jaurès.

Nel ventennio seguente France realizza le sue opere di maggiore qualità: pubblica nel 1890 "Thaïs" (Taide), nel 1893 "La rôtisserie de la reine Pédauque" (La rosticceria della regina Piedoca), una sorta di romanzo filosofico che ha un seguito nello stesso anno con "Les opinions de M. Gérôme Coignard".

Celebre in tutta la Francia, Anatole France viene insignito della Legion d'onore; amante dell'antichità classica, visita l'Italia e prosegue la produzione letteraria con il romanzo "Le lys rouge" (Il giglio rosso) del 1894, e con i racconti "Il pozzo di Santa Chiara" (1895), mentre ne "Le jardin d'Épicure" (Il giardino di Epicuro) affronta con ironia temi filosofici, volgendosi a dimostrare quanta irrazionalità vi sia nella società di quel tempo.

Divenuto accademico di Francia nel 1896 al posto di Ferdinand de Lesseps, inizia a scrivere la tetralogia della "Storia contemporanea" (1897-1901), quattro romanzi - "L'orme du Mail" (l'olmo del viale), "Le mannequin d'oisier" (il manichino di vimini), "L'anneau d'améthyste" (L'anello d'ametista) e "M. Bergeret à Paris" (Bergeret a Parigi) - che hanno per protagonista il signor Bergeret, modesto e disilluso, ma colto e arguto professore di un liceo di provincia, attraverso i cui occhi France descrive la società del suo tempo, le sue miserie e le sue ipocrisie, mantenendo tuttavia fiducia nella possibilità del riscatto e dell'elevamento umano.

L'ultimo volume della serie è dedicato all'affare Dreyfus, il celebre caso giudiziario dell'ufficiale francese ebreo, accusato ingiustamente di spionaggio e deportato alla Caienna, sul quale la Francia si è divisa in colpevolisti - i clericali e i nazionalisti - e innocentisti, a capo dei quali c'era Émile Zola, che avrebbe denunciato il complotto ai danni di Dreyfus con il celebre articolo «j'accuse». Zola riceve l'appoggio di Anatole France, il quale nell'occasione rompe il suo rapporto con gli intellettuali colpevolisti come François Coppée, Paul Bourget e Maurice Barrès.

Da lì in avanti l'impegno politico di Anatole France si fa più stringente: plaude alla Rivoluzione russa del 1905 e condanna la repressione zarista; con la "Vita di Giovanna d'Arco", del 1908, attacca uno dei miti cattolici e nazionalistici, quello della pulzella d'Orléans; nello stesso anno pubblica "L'île des Pinguins", una satira sulla storia e i destini della Francia. Nel 1909, oltre a "Les contes de Jacques Tournebroche" e "Les sept femmes de Barbebleu", raccoglie i suoi scritti polemici nel tre volumi di "Vers les temps meilleurs".

Nel gennaio 1910 la sua compagna, la signora de Caillevet, muore. France pubblica molte meno opere ma nel 1912 ottiene un vero trionfo con "Les Dieux ont soif" (Gli dei hanno sete), ambientato ai tempi della Rivoluzione francese. Dopo i saggi de "Le génie latin" (Il genio latino) del 1913, con "La révolte des anges" (La rivolta degli angeli), del 1914, si conclude il suo impegno narrativo.

France si ritira nella sua residenza di campagna della Béchellerie, presso Tours, con la moglie Emma Laprévotte, in precedenza cameriera della signora de Caillevet. Mentre giustifica la guerra della Francia contro la Germania, approva la Rivoluzione russa del 1917 e scrive libri di memorie, come "Le petit Pierre" (Pierino) nel 1918. Nel 1920 la Chiesa cattolica mette all'indice tutte le sue opere.

L'anno seguente, nel 1921, Anatole France viene insignito del premio Nobel per la Letteratura "in riconoscimento della sua brillante realizzazione letteraria, caratterizzata da nobiltà di stile, profonda comprensione umana, grazia, e vero temperamento gallico".

Il suo ultimo libro di memorie è "La vie en fleur" (La vita in fiore) del 1922.

Muore il 12 ottobre 1924: dopo grandiosi funerali di Stato, la sua salma viene sepolta nel cimitero di Neuilly-sur-Seine, a Parigi.

Frasi di Anatole France

3 fotografie

Foto e immagini di Anatole France

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Anatole France ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Anatole France nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

8 biografie

Nati lo stesso giorno di Anatole France

Edith Cavell

Edith Cavell

Infermiera inglese, celebre vittima durante la prima guerra mondiale
α 4 dicembre 1865
ω 12 ottobre 1915
Gillo Pontecorvo

Gillo Pontecorvo

Regista italiano
α 19 novembre 1919
ω 12 ottobre 2006
Piero della Francesca

Piero della Francesca

Pittore e matematico italiano
α Anno 1412
ω 12 ottobre 1492
René Lacoste

René Lacoste

Tennista e stilista francese
α 2 luglio 1904
ω 12 ottobre 1996
Umberto I re d'Italia

Umberto I re d'Italia

Monarca italiano
α 14 marzo 1844
ω 29 luglio 1900
Bernadette di Lourdes

Bernadette di Lourdes

Religiosa e mistica francese
α 7 gennaio 1844
ω 16 aprile 1879
Cavallo Pazzo

Cavallo Pazzo

Storico nativo americano Oglala Lakota (Sioux)
α Anno 1844
ω 5 settembre 1877
Carl Benz

Carl Benz

Ingegnere tedesco, inventore dell'automobile
α 25 novembre 1844
ω 4 aprile 1929
Friedrich Nietzsche

Friedrich Nietzsche

Filosofo tedesco
α 15 ottobre 1844
ω 25 agosto 1900
Henri Rousseau

Henri Rousseau

Pittore francese
α 21 maggio 1844
ω 2 settembre 1910
Ludwig Boltzmann

Ludwig Boltzmann

Fisico austriaco
α 20 febbraio 1844
ω 5 ottobre 1906
Paul Verlaine

Paul Verlaine

Poeta francese
α 30 marzo 1844
ω 8 gennaio 1896
Lenin

Lenin

Statista russo
α 22 aprile 1870
ω 21 gennaio 1924
Eleonora Duse

Eleonora Duse

Attrice teatrale italiana
α 3 ottobre 1858
ω 21 aprile 1924
Frances Hodgson Burnett

Frances Hodgson Burnett

Scrittrice inglese
α 24 novembre 1849
ω 29 ottobre 1924
Franz Kafka

Franz Kafka

Scrittore ceco
α 3 luglio 1883
ω 3 giugno 1924
Giacomo Puccini

Giacomo Puccini

Compositore italiano
α 22 dicembre 1858
ω 29 novembre 1924
Giacomo Matteotti

Giacomo Matteotti

Politico italiano
α 22 maggio 1885
ω 10 giugno 1924
Joseph Conrad

Joseph Conrad

Scrittore polacco
α 3 dicembre 1857
ω 3 agosto 1924
Woodrow Wilson

Woodrow Wilson

28° Presidente degli Stati Uniti d'America
α 28 dicembre 1856
ω 3 febbraio 1924