Robert Peel

Robert Peel
Robert Peel nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Conservatore illuminato

Figlio del baronetto, nonché industriale tessile e uomo politico che porta il suo stesso nome di battesimo, Robert Peel nasce a Chamber Hall, Bury, nel Lancashire (Inghilterra), il 5 febbraio 1778. Segue le orme paterne, più in politica che nell'industria.

Nel 1809 è candidato ed eletto ai Comuni per il partito di orientamento conservatore dei "Tories". L'anno successivo è nominato Sottosegretario di Stato per la Guerra nel ministero Liverpool. Nel 1812, e fino al 1818, è primo segretario di Stato per l'Irlanda.

Si oppone con fermezza tanto alle rivendicazioni autonomiste dell'Irlanda quanto a quelle di emancipazione da parte dei cattolici: trattandosi di due temi estremamente delicati, soprattutto dal punto di vista sociale, nel 1829 istituisce un nuovo corpo di polizia, la Metropolitan Police Force, per assicurarsi un maggior controllo del territorio. In economia adotta invece una linea più liberale.

Nel 1822 assume il Ministero degli Interni, nuovamente con Liverpool, intervenendo in maniera fortemente innovativa nel diritto penale britannico.

Con l'avvento al governo del "Tory" Canning, nel 1827 - governo interrotto dopo soltanto quattro mesi per la morte dello stesso primo ministro - Robert Peel passa all'opposizione trovando troppo liberale la nuova linea del governo, soprattutto nelle sue aperture verso i cattolici. Ritorna al ministero degli Interni dal 1828 al 1830 con Wellington, e diviene capo del partito. E' in questa fase che, grazie alla sua lungimiranza ed alle insistenze dello stesso Wellington, comprende che non può continuare ad oltranza il braccio di ferro con i cattolici, facendosi sostenitore della legge per loro emancipazione in uno storico discorso tenuto nel 1829.

Dalle elezioni del 1832, però, i "Tories" ne escono distrutti; sulle ceneri del vecchio partito Peel getta le fondamenta per la nascita di quello dei conservatori. E' ancora primo ministro per un breve periodo nel 1834-1835, e poi negli anni dal 1841 al 1846. Sono, questi ultimi, gli anni del governo più luminoso di Robert Peel: circondatosi dei più promettenti giovani conservatori, quali Disraeli, Aberdeen, Gladstone, Graham, raggiunge dopo due anni il pareggio di un bilancio che appariva irrimediabilmente compromesso; crea le basi per una più solida ed autorevole Banca d'Inghilterra ed adotta una serie di misure di stampo liberistico, anche grazie alle dottrine di Richard Cobden che nel frattempo è andato condividendo.

In particolare l'abolizione del dazio sul grano, provvedimento di portata storica perché dà uno scossone al protezionismo in gran voga, crea una serie di problemi alla sua leadership che viene messa in discussione fino a determinare le sue dimissioni e, quindi, la caduta del governo e, nel partito conservatore, una secessione pilotata proprio da Disraeli.

Negli anni che seguono, Peel sostiene il primo ministro liberale Russel schierandosi, tra l'altro, in favore dell'emancipazione degli ebrei. Trascorre gli anni che rimangono all'opposizione.

Ormai settantaduenne, gli è fatale una caduta da cavallo: si spegne il 2 luglio del 1850, a Westminster.

Soprattutto per i conservatori britannici, Robert Peel rimane un padre fondatore, uno statista illuminato capace di intuizioni acutissime, soprattutto in campo economico. Di lui rimane l'opera "Discorsi e memorie".

Frasi di Robert Peel

3 fotografie

Foto e immagini di Robert Peel

Loading...

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Robert Peel ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Robert Peel nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

12 biografie

Nati lo stesso giorno di Robert Peel

Nostradamus

Nostradamus

Medico e astrologo francese
α 14 dicembre 1503
ω 2 luglio 1566
Amelia Earhart

Amelia Earhart

Aviatrice statunitense
α 24 luglio 1897
ω 2 luglio 1937
Carlo Pisacane

Carlo Pisacane

Patriota italiano
α 22 agosto 1818
ω 2 luglio 1857
Ernest Hemingway

Ernest Hemingway

Scrittore statunitense, premio Nobel
α 21 luglio 1899
ω 2 luglio 1961
James Stewart

James Stewart

Attore statunitense
α 20 maggio 1908
ω 2 luglio 1997
Jean-Jacques Rousseau

Jean-Jacques Rousseau

Filosofo svizzero
α 28 giugno 1712
ω 2 luglio 1778
Louis Zamperini

Louis Zamperini

Atleta, militare ed eroe di guerra statunitense
α 26 gennaio 1917
ω 2 luglio 2014
Mario Puzo

Mario Puzo

Scrittore e sceneggiatore statunitense
α 15 ottobre 1920
ω 2 luglio 1999
Marlon Brando

Marlon Brando

Attore statunitense
α 3 aprile 1924
ω 2 luglio 2004
Vladimir Nabokov

Vladimir Nabokov

Scrittore russo
α 23 aprile 1899
ω 2 luglio 1977
Robert Emmet

Robert Emmet

Patriota irlandese
α 4 marzo 1778
ω 20 settembre 1803
Ugo Foscolo

Ugo Foscolo

Poeta italiano
α 6 febbraio 1778
ω 10 settembre 1827
William Hazlitt

William Hazlitt

Saggista e critico inglese
α 10 aprile 1778
ω 18 settembre 1830
Luigi Filippo di Francia

Luigi Filippo di Francia

Monarca francese
α 6 ottobre 1773
ω 26 agosto 1850
Frédéric Bastiat

Frédéric Bastiat

Economista, filosofo liberale francese
α 30 giugno 1801
ω 24 dicembre 1850
Giovanni Maria Vianney

Giovanni Maria Vianney

Sacerdote cattolico francese
α 8 maggio 1786
ω 4 agosto 1850
Giuseppe Giusti

Giuseppe Giusti

Scrittore e poeta italiano
α 12 maggio 1809
ω 31 marzo 1850
Honoré de Balzac

Honoré de Balzac

Scrittore francese
α 20 maggio 1799
ω 18 agosto 1850
Margaret Fuller

Margaret Fuller

Scrittrice, giornalista e patriota statunitense
α 23 maggio 1810
ω 19 luglio 1850
Marie Tussaud

Marie Tussaud

Scultrice francese, fondatrice del museo delle cere Madame Tussauds
α 1 dicembre 1761
ω 15 aprile 1850
William Wordsworth

William Wordsworth

Poeta inglese
α 7 aprile 1770
ω 23 aprile 1850