Biografie

Friedrich Hegel

Friedrich Hegel

Biografia Spirito prussiano

Georg Wilhelm Friedrich Hegel, il grande pensatore tedesco, nasce il 27 agosto 1770 a Stoccarda, capitale del ducato del Wuerttemberg, primo di tre figli di Georg Ludwig Hegel e di Maria Magdalena Fromm. Dopo aver compiuto studi regolari, approda, sempre nella sua città natale al Realgymnasium, in un istituto di carattere umanistico-religioso, dove si dimostra uno scolaro modello; prende anche lezioni private di geometria, astronomia e agrimensura da un colonnello d'artiglieria, C.Fr. Duttenhofer.

Nel 1784 muore la madre durante un'epidemia di dissenteria. Nel 1788, ottenuta la maturità, si iscrive all'università di Tubinga per studiarvi teologia, ed è ospite come borsista in un ex monastero di agostiniani, lo Stift, allora collegio teologico in cui ricevevano la loro formazione i futuri ecclesiastici protestanti e gli insegnanti del ducato. Tuttavia, non si dichiara molto soddisfatto dell'insegnamento accademico, specie per via dell'atmosfera ufficiale dello Stift, dove si respira aria ortodossa luterana. Comincia una serie di infrazioni alla disciplina (assenze alle lezioni e alle preghiere, trascuratezza nella divisa) che gli fruttano molte punizioni e che nel 1791, per un ritardo nel rientro da un permesso, culmineranno nella prigione d'isolamento.

A partire dal semestre invernale 1790-91, divide la stessa camera dello Stift con Holderlin e con Schelling, ossia rispettivamente uno dei più grandi poeti della Germania e di un altrettanto grande filosofo.

Nel 1793, difendendo una tesi scritta dal cancelliere universitario J.Fr. Le Bret dal titolo De Ecclesiae Wirtembergicae Renascentis Calamitatibus, conclude il ciclo di studi allo Stift superando l'esame concistoriale che conferiva il titolo di Kandidat, con il quale ci si poteva avviare alla carriera ecclesiastica. Nell'attestato finale si legge, tra l'altro, che Hegel "non è ignorante di filologia e non ha mostrato alcuna diligenza in filosofia". Non volendo intraprendere la via ecclesiastica, in ottobre Hegel accetta un posto di precettore che alcuni conoscenti, già prima che egli concludesse gli studi, gli avevano procurato a Berna, presso l'aristocratico Karl Friedrich von Steiger.

A Tschugg, nella tenuta della famiglia von Steiger in cui ha a disposizione una grande biblioteca, tra il 9 maggio e il 24 luglio scrive una "Vita di Gesù", poi celeberrima, in cui riassume ricerche di stampo illuministico condotte nel biennio 1793-94 e pervenuteci sotto forma di "Frammenti su religione popolare e Cristianesimo". Dall'inizio dell'anno, intanto, la lettura di Kant (soprattutto dell'opera "La religione entro i limiti della semplice ragione") è divenuta il centro dei suoi studi privati.

Porta intanto a compimento lo scritto "La positività della religione cristiana" e inizia anche la traduzione in tedesco delle "Lettere confidenziali" sul rapporto costituzionale del cantone di Vaud con la città di Berna dell'avvocato bernese J.-J. Cart, traduzione che sarà poi pubblicata anonima a Francoforte nel 1798. Pur mantenendo i contatti epistolari con Holderlin e Schelling, Hegel si sente isolato e aspira a una nuova sistemazione; attraversa profonde fasi depressive che torneranno a ripetersi anche in seguito. Lo stesso Holderlin, a cui Hegel indirizza in agosto l'inno "Eleusis", riesce infine a procurargli un posto di precettore presso il ricco commerciante J.N. Gogel a Francoforte.

Nel gennaio 1797 si trasferisce a Francoforte sul Meno, dove frequenta intensamente Holderlin e la sua cerchia di amici. Continua le letture economiche e politiche inaugurate a Berna (notevole il suo interesse per i giornali inglesi), e approfondisce in senso religioso e speculativo i temi dell'amore e della conciliazione. Insieme a Holderlin, e in continuo scambio epistolare con Schelling, dà stesura definitiva al "Programma di sistema", "manifesto" dell'Idealismo tedesco progettato nell'aprile 1796 dai tre ex camerati dello Stift di Tubinga. In settembre, però, Holderlin è costretto ad allontanarsi da Francoforte a causa dello scandalo per la relazione con Diotima-Susette sposata Gontard, madre dei bambini di cui era precettore: Hegel funge da messaggero tra i due innamorati.

Il 14 gennaio 1799 muore il padre e il 9 marzo si reca a Stoccarda per la divisione dell'eredità. Adesso dispone di un piccolo patrimonio che può dare una svolta alla sua vita. In settembre scrive il celebre "Frammento di Sistema", in cui annuncia la "fine" della religione e la transizione alla filosofia, e il 29 dello stesso mese conclude la nuova introduzione alla "Positività della religione". Dopo molto temporeggiare, decide infine di trasferirsi a Jena, confidando nell'aiuto accademico di Schelling, che già da due anni insegna nella locale università. Jena è a quell'epoca la roccaforte della filosofia critica e trascendentale e la capitale del nascente Romanticismo: qui hanno insegnato Reinhold (1787-94) e Fichte (1794-98) e brilla attualmente l'astro di Schelling; qui veniva spesso Novalis a trovare l'amata Sophie von Kuehn, morta di tisi nel 1797; qui si sono stabiliti per un certo tempo Tieck, il traduttore tedesco di Shakespeare, e August Wilhelm Schlegel con la bellissima moglie Caroline Michaelis, divenuta poi l'amante di Schelling; qui prende l'abilitazione all'insegnamento Friedrich Schlegel e tiene i suoi famosi corsi sull'estetica. L'università di Jena, inoltre, è strettamente legata alla vicina Weimer, centro culturale di prim'ordine da quando il granduca Karl August ha scelto Goethe come consigliere segreto di corte e si è circondato di uomini come Schiller, Wieland e Herder.

Nel luglio del 1801 Hegel pubblica lo scritto che deve aprirgli la carriera accademica: la "Differenza tra il sistema filosofico di Fichte e quello di Schelling". Inizia le lezioni come libero docente a partire dall'autunno: i suoi proventi sono magri, e consistono unicamente negli onorari pagati dagli studenti (il cui numero, a Jena, non supererà mai i trenta). Il 21 ottobre, per intercessione di Schelling, ottiene un incontro con Goethe a Weimer: comincia così un sodalizio destinato a durare trent'anni. Conosce anche il conterraneo Schiller.

1803 Conclude lo scritto sul "Sistema dell'eticità". Da questo periodo fino alla pubblicazione della "Fenomenologia" egli traccia la maggior parte degli "abbozzi di sistema" relativi alla logica e alla metafisica, alla filosofia della natura e alla filosofia dello spirito. Tra l'altro, frequenta assiduamente Goethe durante i frequenti soggiorni di questi a Jena. In una lettera del 27 novembre a Schiller, Goethe conferma la sua alta stima per il giovane filosofo e sottolinea un "difetto" oggettivo da cui Hegel non riuscirà mai a liberarsi completamente: il non saper parlare scioltamente nelle conversazioni in privato (dalle testimonianze degli allievi risulta che anche nelle lezioni la sua oratoria fosse piuttosto incespicante).

Grazie all'interessamento di Goethe, in febbraio viene nominato professore straordinario, ma ancora senza stipendio. Da Schelling apprende con tristezza che le condizioni di Holderlin vanno progressivamente peggiorando.

Intanto, intraprende una relazione amorosa con la sua affittacamere e governante, Christiane Charlotte Fischer (da cui nascerà Ludwig). Sul piano storico, invece, precipitano gli eventi politico-militari: il 13 ottobre l'esercito francese entra a Jena, e il giorno dopo, nel corso della famosa battaglia, Hegel è costretto a spostarsi dall'amico G.A. Gabler perchè il suo domicilio viene requisito dalle truppe di occupazione. In novembre si mette in viaggio per Bamberga, per regolare tutte le questioni contrattuali pendenti con l'editore Goebhardt.

Accogliendo un invito di Niethammer, Hegel abbandona definitivamente Jena e si trasferisce a Bamberga, dove l'1 marzo assume l'incarico di caporedattore giornalistico della "Bamberger Zeitung"; si tratta di un quotidiano dalla veste editoriale assai modesta e con notizie di seconda e terza mano; il compito di Hegel consiste nel raccogliere e redigere queste notizie secondo i dettami della censura. Migliora così la situazione economica personale. Nella lettera del 2 novembre, Schelling gli comunica le prime impressioni sulla Fenomenologia, del tutto negative: al di là delle caute parole, la rottura e' irrevocabile.

Malgrado la prudenza, sono frequenti gli interventi della censura sugli articoli pubblicati dal quotidiano. Alla fine di ottobre, Niethammer, che e' stato nel frattempo nominato consigliere centrale per l'istruzione a Monaco, annuncia a Hegel la sua nomina a professore di scienze filosofiche propedeutiche e, nel contempo, a rettore dell'Aegidiengymnasium di Norimberga. Lasciata Bamberga, Hegel si insedia ufficialmente nella sua carica di rettore il 6 dicembre 1808.

Nel 1811 si sposa con la ventiduenne Marie von Tucher, appartenente a una famiglia patrizia della vecchia Norimberga, e da cui avrà due figli: Karl (1813-1901) e Immanuel (1814-1891). Nel 1812 esce il primo tomo del primo volume della "Scienza della Logica" (il secondo tomo e il secondo volume saranno pubblicati rispettivamente nel 1813 e nel 1816). In agosto è nominato professore di filosofia all'università di Heidelberg, e il 28 ottobre inizia le lezioni. In dicembre, però, il barone von Stein zum Altenstein, capo del ministero prussiano per l'istruzione e gli affari di culto, offre a Hegel la cattedra di filosofia all'università di Berlino, cattedra che il filosofo accetta. Eccolo dunque entrare in servizio nel 1818, con una prolusione, diventata celeberrima, in cui riconosce allo Stato prussiano il massimo peso nella Germania post-napoleonica e fissa per la filosofia un posto di rilievo al centro di questo stesso Stato.

Non tarderanno a verificarsi conflitti accademici con il giurista von Savigny e, soprattutto, con Schleiermacher, considerato all'epoca il più importante teologo protestante dopo Lutero; proprio il veto di Schleiermacher sarà decisivo per impedire a Hegel, che pure è il protetto di Altenstein, di far parte dell'Accademia prussiana delle Scienze. Terrà regolarmente due corsi per semestre, dedicandovi da sei a dieci ore settimanali di lezione; l'argomento dei corsi a Berlino coprirà tutte le discipline filosofiche, dalla logica alla filosofia del diritto, dalla filosofia della storia a quella della religione, dalla storia della filosofia all'estetica. Tutte le lezioni verranno poi pubblicate dai discepoli.

Il 23 marzo 1819 lo studente di teologia C.L. Sand, un estremista membro della Burschenschaft, l'associazione patriottica e radicale delle corporazioni studentesche tedesche, uccide a Mannheim per motivi politici A. von Kotzebue, drammaturgo tedesco che, in qualità di consigliere di Stato della Russia, svolgeva attiva propaganda reazionaria per il regime zarista: in Prussia questo atto costituisce il punto di svolta decisivo tra il Congresso di Vienna e la Rivoluzione di Luglio del 1830. Hegel e' considerato come una delle guide spirituali della Burschenschaft, insieme a Schleiermacher, Fries, W.M.L. de Wette e F.L. Jahn. In luglio inizia la "persecuzione dei demagoghi" da parte delle autorità prussiane, nel corso della quale vengono imprigionati diversi allievi ed ex-allievi di Hegel. Il 18 ottobre entrano in vigore in Prussia i Decreti di Karlsbad, con cui si limita soprattutto la libertà di stampa e d'insegnamento: Hegel, dopo aver preso nettamente le distanze dal movimento della Burschenschaft (il 9 febbraio e il 2 maggio aveva accettato l'invito a prender parte a due raduni delle corporazioni studentesche berlinesi), è costretto a rielaborare il manoscritto, già praticamente terminato alla fine dell'estate, della "Filosofia del Diritto".

Hegel fa parte della commissione che deve conferire l'abilitazione alla libera docenza a un giovane proveniente da Dresda: Arthur Schopenhauer, il quale, per mancanza di uditori alle lezioni, rimarrà a Berlino solo due semestri. In giugno Hegel è nominato membro ordinario della "Regia commissione esaminatrice scientifica" della provincia di Brandeburgo, incarico che terrà fino al 1822. In luglio fa un breve viaggio a Dresda, con l'intento di visitare la galleria che ospita la "Madonna Sistina" di Raffaello. La sua posizione nell'università di Berlino comincia a consolidarsi ed e' palpabile il crescente successo delle sue lezioni presso gli studenti. In ottobre cominciano già a circolare i primi esemplari a stampa della "Filosofia del Diritto". Nel 1821 escono i "Lineamenti di filosofia del Diritto", i quali, specie con la prefazione, suscitano polemiche per l'apparentemente esplicita adesione all'ordinamento statuale prussiano e ai principi della Restaurazione. Si aggravano intanto le condizioni psichiche della sorella Christiane, la quale in seguito verrà internata in diverse cliniche psichiatriche.

Nel settembre del 1824 si reca a Praga e, soprattutto, a Vienna, dove mostra di apprezzare moltissimo l'opera lirica italiana (ascolta addirittura due volte il "Barbiere di Siviglia" di Rossini). Tornato alle sue occupazioni, inizia la pubblicazione della rivista "Annali berlinesi per la critica scientifica", che viene considerato l'organo ufficiale dello hegelismo; tra gli altri, vi collaborano Goethe, i due fratelli Humboldt, il classicista P.A. Boeckh e l'archeologo A. Hirt; la prima recensione hegeliana riguarda l'opera di W. von Humboldt "Sull'episosodio del Mahabharata" noto col nome di Bhagavad-Gita. Alla metà di agosto si mette in viaggio verso Parigi, accogliendo finalmente l'insistente invito di Cousin; ha a disposizione lo studio e la biblioteca di quest'ultimo, e, come già durante il soggiorno a Vienna, va regolarmente a teatro. Sulla via del ritorno, il 18 ottobre avviene il famoso incontro con Goethe a Weimer (il dialogo è tramandato da J.P. Eckermann nei suoi "Colloqui con Goethe").

Siamo orma al 1828. Nei primi mesi dell'anno, a causa di un fastidioso "mal di petto", deve interrompere le lezioni per un certo tempo; il medico gli consiglia una cura termale. Escono negli "Annali" le sue recensioni agli "Scritti postumi" di K.W.F. Solger e agli "Scritti" di J.G. Hamann. Verso la fine di novembre riceve la tesi di laurea "De ratione una, universali, infinita" di un giovane bavarese, il quale nella lettera di accompagnamento riassume le proprie vedute sulla religione: si tratta del ventiquattrenne Ludwig Feuerbach; non è comunque sicuro che Hegel abbia letto la dissertazione e la lettera allegata.

Nel 1829 escono, sempre negli "Annali", le sue recensioni a tre opere appena pubblicate: Aforismi sul non-sapere e sul sapere assoluto, di C.F. Goeschel; Sulla dottrina hegeliana, ovvero sapere assoluto e panteismo moderno, di un anonimo; "Sulla filosofia in generale" e sull'Enciclopedia hegeliana in particolare, di K.E. Schubarth e L.A. Carganico. Alla fine di agosto si reca alle terme di Karlsbad, e qui incontra casualmente Schelling: nonostante il profondo dissidio filosofico fra i due, l'incontro è per entrambi cordiale e perfino piacevole. In ottobre Hegel viene eletto rettore dell'università di Berlino, e durerà in carica fino all'ottobre successivo; nella sua prolusione tenuta in latino il 18 ottobre, egli celebra l'accordo tra la legge dello Stato e la libertà accademica di insegnamento e di apprendimento.

In aprile, la "Gazzetta ufficiale dello Stato prussiano" pubblica una parte dell'ultimo scritto di Hegel, il saggio "Sul progetto inglese di riforma elettorale", in cui egli polemizza contro il costituzionalismo e il parlamentarismo liberale. Finisce di rielaborare il primo tomo della "Scienza della Logica" (che uscirà postumo nel 1832), e termina di scrivere la prefazione alla seconda edizione dell'opera il 7 novembre. Il 14 novembre si spegne in poche ore, vittima di un'epidemia di colera - come risulta dagli atti - o di un disturbo gastrico - come sostiene la moglie.

Aforismi di Friedrich Hegel

3 fotografie

Foto e immagini di Friedrich Hegel

Commenti

Non ci sono commenti per Friedrich Hegel.

Argomenti e biografie correlate

8 biografie

Nati lo stesso giorno di Friedrich Hegel

Giovanni Della Casa

Giovanni Della Casa

Ecclesiastico italiano, autore del Galateo
α 28 luglio 1503
ω 14 novembre 1556
Gottfried Wilhelm Leibniz

Gottfried Wilhelm Leibniz

Filosofo e matematico tedesco
α 21 giugno 1646
ω 14 novembre 1716
Jean Paul

Jean Paul

Scrittore e pedagogista tedesco
α 21 marzo 1763
ω 14 novembre 1825
Manuel de Falla

Manuel de Falla

Compositore spagnolo
α 23 novembre 1876
ω 14 novembre 1946
Friedrich Hölderlin

Friedrich Hölderlin

Poeta tedesco
α 20 marzo 1770
ω 7 giugno 1843
Ludwig Van Beethoven

Ludwig Van Beethoven

Compositore tedesco
α 17 dicembre 1770
ω 26 marzo 1827
William Wordsworth

William Wordsworth

Poeta inglese
α 7 aprile 1770
ω 23 aprile 1850
Carlo Felice di Savoia

Carlo Felice di Savoia

Monarca italiano
α 6 aprile 1765
ω 27 aprile 1831
Ciro Menotti

Ciro Menotti

Patriota italiano
α 22 gennaio 1798
ω 26 maggio 1831
James Monroe

James Monroe

5° Presidente degli Stati Uniti d'America
α 28 aprile 1758
ω 4 luglio 1831
Sophie Germain

Sophie Germain

Matematica francese
α 1 aprile 1776
ω 27 giugno 1831