Biografie

Girolamo Savonarola

Girolamo Savonarola
Girolamo Savonarola nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Profeta disarmato

Girolamo Savonarola nasce a Ferrara il 21 settembre 1452. All'età di ventitre anni, colto da una intima esigenza di purificazione, abbandona gli studi di medicina, filosofia e musica ed entra nel convento di San Domenico di Bologna dove riceve, nel 1476, l'ordinazione sacerdotale come domenicano. Intraprende gli studi di teologia a Bologna e li conclude a Ferrara. Nel 1482 è nominato lettore di Sacra Scrittura nel convento di San Marco a Firenze che, in funzione del suo attivismo, diviene il fulcro della riforma dell'Ordine.

Le sue predicazioni lo rendono ben presto famoso non solo per le esortazioni al rigore dei precetti cristiani ma soprattutto per le severe ammonizioni circa una imminente punizione divina su Firenze e sull'Italia per il lassismo e la corruttela con i quali la società e soprattutto la chiesa si sono lasciate avviluppare dalla civiltà mondana del Rinascimento.

La pratica dell'astrologia, la partecipazione dei preti a feste durante le quali si mascherano, mangiano e ballano insieme ai parrocchiani sono alla base della sua indignazione. E la sua profezia sembra avverarsi quando, nel 1494, Carlo VIII di Francia scende in Italia e, minacciando di saccheggiare Firenze, umilia Piero de' Medici con pesanti condizioni, al punto che gli stessi fiorentini, indignati, si ribellano e scacciano il capo della signoria.

Fuggiti i Medici, il Savonarola - che ormai ha acquisito un ascendente immenso sui fiorentini - si ritrova arbitro assoluto della città: procede a riformare in senso democratico e repubblicano l'ordinamento cittadino coinvolgendo le classi da sempre escluse, modificando l'imposizione fiscale in favore dei meno abbienti, abolendo l'usura, istituendo il nuovo Monte di Pietà e, sul piano dei costumi, nel denunciare la corruzione della chiesa, dei prìncipi e dei dotti, mobilita i suoi seguaci, i "piagnoni", in iniziative tese a introdurre un assoluto rigore morale fino a rasentare il fanatismo.

Memorabili rimangono i "roghi di vanità", con i quali vengono dati alle fiamme abiti, libri, quadri e tutto quanto possa distrarre le menti verso il paganesimo.

I suoi tentativi di accordi con Carlo VIII, acerrimo nemico del Papa, e le sue pubbliche denunce della corruzione imperante alla corte del Pontefice gli valgono l'interdizione da parte di Alessandro VI, nel 1495 e, due anni dopo, la scomunica. Egli, per tutta risposta, accusa il Papa di indegnità. Ma l'essersi schierato contro la Santa Sede determina il suo totale isolamento del quale approfittano, tra gli altri, i "palleschi", gli "arrabbiati" ed i "compagnacci", suoi nemici politici.

Inevitabile giunge l'arresto, il 9 aprile 1498. Processato sommariamente per ben tre volte, torturato e condannato a morte con il marchio di "eretico e scismatico", insieme ai suoi seguaci fra' Domenico da Pescia e fra' Silvestro da Firenze, il 23 maggio 1498, a soli 46 anni, è impiccato in piazza della Signoria ed il suo corpo dato alle fiamme.

Girolamo Savonarola è stato un uomo dalla forte personalità ed uno statista illuminato. La sua profonda convinzione della necessità di riformare la vita religiosa e civile fiorentina ed italiana tutta, senza mai sconfinare nell'integralismo, lo hanno portato allo scontro frontale con i poteri della chiesa e della politica, di fronte ai quali è dovuto soccombere. Ma l'impatto delle sue idee, della sua "riforma integrale" che ha coinvolto e convinto tutti, ha sortito l'effetto che non solo gli umili, ma anche le élite politica ed intellettuale hanno voluto esserne partecipi e protagoniste.

Uomini - suoi contemporanei o vissuti dopo di lui - come Pico della Mirandola, i fratelli Benivieni, Giovanni della Robbia, Sandro Botticelli, Michelangelo, Nicolò Machiavelli, che lo definisce "profeta disarmato", Marsilio Ficino, Caterina Sforza restano sedotti dalle suggestioni - salvo, in alcuni casi, ad allontanarsene con la caduta in disgrazia - delle sue predicazioni.

Gli affreschi della cattedrale di Orvieto, opera del pittore Luca Signorelli, sono ispirati al Savonarola.

Di grande interesse politico e religioso restano i suoi copiosi scritti, tra cui ricordiamo le "Prediche", il "Compendium logicum", il "Trattato dell'amore di Iesu Cristo", il "Compendio delle rivelazioni", la "Declaratione del mistero della Croce", l'"Epistola della sana e spirituale lezione", il "Trattato circa il reggimento del governo della città di Firenze".

Aforismi di Girolamo Savonarola

3 fotografie

Foto e immagini di Girolamo Savonarola

Loading...

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Girolamo Savonarola ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Girolamo Savonarola nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

10 biografie

Nati lo stesso giorno di Girolamo Savonarola

Alessandro Natta

Alessandro Natta

Politico italiano
α 7 gennaio 1918
ω 23 maggio 2001
Giovanni Falcone

Giovanni Falcone

Magistrato italiano, vittima di mafia
α 18 maggio 1939
ω 23 maggio 1992
Heinrich Himmler

Heinrich Himmler

Gerarca nazista
α 7 ottobre 1900
ω 23 maggio 1945
Henrik Ibsen

Henrik Ibsen

Poeta e drammaturgo norvegese
α 20 marzo 1828
ω 23 maggio 1906
John Nash

John Nash

Matematico statunitense, Premio Nobel
α 13 giugno 1928
ω 23 maggio 2015
Kit Carson

Kit Carson

Esploratore statunitense, icona del Far West
α 24 dicembre 1809
ω 23 maggio 1868
Roger Moore

Roger Moore

Attore inglese
α 14 ottobre 1927
ω 23 maggio 2017
Ludovico il Moro

Ludovico il Moro

Storico nobile italiano
α 27 luglio 1452
ω 27 maggio 1508
Leonardo da Vinci

Leonardo da Vinci

Artista e inventore italiano
α 15 aprile 1452
ω 2 maggio 1519