Biografie

Maurice Maeterlinck

Maurice Maeterlinck
Maurice Maeterlinck nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia

Maurice Polydore Marie Bernard Maeterlinck nasce il 29 agosto del 1862 a Gand, in Belgio, da una famiglia benestante.

Poeta commediografo e saggista, a lui venne conferito nel 1911 il Premio Nobel per la Letteratura.

Gli studi e i primi scritti

Da ragazzo studia presso i Gesuiti, per poi iscriversi all'università seguendo i corsi di giurisprudenza. Nel 1885, a ventitré anni, pubblica alcuni romanzi brevi e poemi di ispirazione parnassiana: alcuni scampoli vengono riportati sulla rivista letteraria di Bruxelles "La Jeune Belgique". In seguito, Maurice Maeterlinck inizia a frequentare Parigi: qui entra in contatto con Villiers de l'Isle Adam, che eserciterà un'influenza notevole sulla sua produzione, e con Stéphane Mallarmé, e si lascia ispirare dal movimento simbolista che sta emergendo in quegli anni.

Nello stesso periodo, scopre il romanticismo dei fratelli August e Friedrich von Schlegel, precursori del simbolismo, e il misticismo tedesco del Trecento.

La fama improvvisa

Nell'agosto del 1890 Maeterlinck diventa improvvisamente famoso in seguito a un articolo entusiastico scritto in suo onore da Octave Mirbeau. Quest'ultimo, critico letterario di "Le Figaro", ne parla in termini estremamente positivi, definendolo come il nuovo Shakespeare belga: merito non tanto della raccolta poetica "Serres chaudes", edita l'anno precedente, quanto di "La princesse Maleine", il suo primo dramma.

Gli altri lavori

Nei mesi successivi Maurice Maeterlinck compone "L'intruse", "Les Aveugles" e "Pelléas et Mélisande", spettacoli simbolisti contraddistinti da una notevole dose di misticismo e fatalismo. Poco dopo intraprende una relazione amorosa con Georgette Leblanc, cantante che frequenterà per oltre vent'anni.

In questo periodo, ispirato da una vena molto prolifica, scrive "Intérieur", "La mort de Tintagiles", "Aglavaine et Sélysette", "Le trésor des humbles" e "Douze chansons".

Il trasferimento in Francia

Nel 1897 Maurice abbandona il Belgio in maniera definitiva e decide di vivere in Francia: inizialmente si stabilisce a Parigi. Qui compone, tra l'altro, "La sagesse et la destinée", "Ariane et Barbe-Bleue" (musicata da Paul Dukas), "Soeur Béatrice" e "Monna Vanna", ma anche "Joyzelle".

A partire dal 1907 va a vivere in un'abbazia della Normandia; l'anno successivo scrive la fiaba "L'uccellino azzurro", ritenuta il suo successo più significativo, perlomeno tra i contemporanei.

Il Nobel e le opere successive

Nel 1911 il drammaturgo belga, come detto, riceve il Premio Nobel per la Letteratura; in seguito, si dedica alla composizione di "La mort", "Marie-Magdeleine", "L'hote inconnu", "Le miracle de saint Antoine" e "Le grand secret", ma anche di "Les fiancailles" e "La puissance des morts".

Nel 1919 si sposa con l'attrice nizzarda Renée Dahon, con la quale nel decennio successivo compie viaggi in tutto il mondo: a Hollywood, su proposta di Sam Goldwyn, ma anche in Spagna, in Italia, in Palestina, in Grecia e in Egitto.

Nel frattempo Maeterlinck si dedica anche ai saggi naturalistici: dopo essersi sperimentato già nel 1901 con "La vita delle api", nel 1926 scrive "La vita delle termiti", che secondo alcuni rappresenta un plagio evidente di un lavoro di Eugene Marais, scienziato e poeta sudafricano.

Tra la fine degli anni Venti e l'inizio degli anni Trenta Maeterlinck porta a termine "La vie de l'espace", "La grande féerie", "La vie des fourmis" ("La vita delle formiche") e "L'araignée de verre", prima di comporre "La grande loi" e "Avant le grand silence".

Gli ultimi anni

Dopo avere comprato un castello a Nizza e averlo denominato "Orlamonde", appellativo ispirato al suo dramma "Quinze Chansons", nel 1932 Maeterlinck viene nominato conte dal re del Belgio Alberto I.

Insignito anche della Legion d'onore francese, a quasi ottant'anni - nel 1939 - decide di trasferirsi negli Stati Uniti: qui scrive "L'autre monde ou le cadran stellaire". Resta in America fino al 1947, per poi tornare in Francia: dopo avere composto "Jeanne d'Arc" e "Bulles bleues"; Maurice Maeterlinck muore il 6 maggio del 1949 a Nizza.

Frasi di Maurice Maeterlinck

4 fotografie

Foto e immagini di Maurice Maeterlinck

Commenti

Non ci sono commenti per Maurice Maeterlinck.

Argomenti e biografie correlate

Maurice Maeterlinck nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

9 biografie

Nati lo stesso giorno di Maurice Maeterlinck

Giulio Andreotti

Giulio Andreotti

Politico italiano
α 14 gennaio 1919
ω 6 maggio 2013
Henry David Thoreau

Henry David Thoreau

Filosofo e scrittore statunitense
α 12 luglio 1817
ω 6 maggio 1862
Maria Montessori

Maria Montessori

Educatrice italiana
α 31 agosto 1870
ω 6 maggio 1952
Marlene Dietrich

Marlene Dietrich

Attrice tedesca
α 27 dicembre 1901
ω 6 maggio 1992
Arthur Schnitzler

Arthur Schnitzler

Scrittore e drammaturgo austriaco
α 15 maggio 1862
ω 21 ottobre 1931
Claude Debussy

Claude Debussy

Compositore e pianista francese
α 22 agosto 1862
ω 25 marzo 1918
David Hilbert

David Hilbert

Matematico tedesco
α 23 gennaio 1862
ω 14 febbraio 1943
Edith Wharton

Edith Wharton

Scrittrice statunitense
α 24 gennaio 1862
ω 11 agosto 1937
Emilio Salgari

Emilio Salgari

Scrittore italiano
α 21 agosto 1862
ω 25 aprile 1911
Gerhart Johann Robert Hauptmann

Gerhart Johann Robert Hauptmann

Poeta, drammaturgo, romanziere e premio Nobel tedesco
α 15 novembre 1862
ω 6 giugno 1946
Gustav Klimt

Gustav Klimt

Artista austriaco
α 14 luglio 1862
ω 6 febbraio 1918
Charles Ponzi

Charles Ponzi

Noto truffatore italiano
α 3 marzo 1882
ω 18 gennaio 1949
Margaret Mitchell

Margaret Mitchell

Scrittrice statunitense
α 8 novembre 1900
ω 16 agosto 1949
Richard Strauss

Richard Strauss

Compositore tedesco
α 11 giugno 1864
ω 8 settembre 1949
Valentino Mazzola

Valentino Mazzola

Calciatore italiano
α 26 gennaio 1919
ω 4 maggio 1949