Messaggi e commenti per Marco Travaglio

Messaggi presenti: 39

Lascia un messaggio o un commento per Marco Travaglio utilizzando il pulsante seguente, oppure il sistema di commenti di Facebook, più in basso.

Scrivi un messaggio

Domenica 18 agosto 2019 11:18:05

Aspetto ansioso di ricevere l'invito a dialogare con Marco Travaglio anche a mezzo di mia email- --- Grazie

Sabato 17 agosto 2019 20:10:46

La prego ci aiuti, sono la madre di una bambina, siamo nelle mani della mafia di salvini da 6 anni e delle sue divise. tutte le tv sanno, quello che sta succedendo in politica è di peso da me per aver informato i 5 stelle, siamo in pericolo di morte, ho le prove, salvi mia figlia che è stata massacrata a 6 anni e ancora oggi. la prego. 388-------

Domenica 11 agosto 2019 14:05:19

Ciao Marco. Con il casotto provocato dal ministro Salvini, (occupando tutte le prime pagine) il Fatto si occupera ancora del Formigoni?
Credi che ritornerà dentro. Facci sapere.

Giovedì 25 luglio 2019 13:09:17

Buongiorno Marco,
permettimi di darti del tu..
Iniziamo dal titolo "Quanto pago? Non so, devo prima vederti'. Zero riposi e fuori busta: così si vive da stagionali in Romagna"
ma che c'è di strano ? diceva la compagna di Piero Ottone su un articolo che mi piacerebbe ritrovare...
In Romagna non va bene e in altre parti d'italia è anche peggio: nel Salento per esempio i contratti (se ci sono) sono part-time e si lavora a tempo pieno... ma il tempo pieno non è di 8 ore ! sono 10, 11, 12 non ci sono riposi ecc ecc. camerieri, bagnini, add alla sicurezza. Lavori sulle spiagge, commessi per negozi ecc ecc
Ma nessuno lo sa ! tutti lo sanno. Bisogna prendere quello che c'è per qualche mese e poi sperare di nuovo.
Perchè l'Italia ha due (o più) velocità ? e la prima -quella del nord- non è comunque tale da far andar bene la macchina !! figuriamoci per quella del sud. Si ancora nord e sud...

Mercoledì 3 luglio 2019 15:23:33

Gent. le Direttore
leggo su " Il Fatto Quotidiano" di oggi delle dimissioni del Rettore F. BASILE medico chirurgo di Catania e sui concorsi truccati. Avendo fatto il Commissario (di nomina sindacale) di concorso per posti dei servizi di Igiene Pubblica nel Veneto (anni 80) so bene come mi sia trovato in quasi tutti i concorsi, salvo in quei pochi dove il vincitore era certamante il migliore in assoluta minoranza e con domande ben orchestrate (E finalmente il marchesino Eufemio (leggi dott. Cinq_ _ _ ti che ignorando la legge MERLI in Igiene Pubblica), latinizzando esercito distrutto, disse exercitus lardi, ed ebbe il premio!)
o quel concorso in cui il futuro direttore di dipartimento fece (da aiuto) il commissario per un assistente e poi IMMEDIATAMENTE si presentò alla stessa commisione (senza di lui !!) ma dove la presidente di concorso tranquillamente affermò di aver posto le stesse domande di prima... (neppure 1/2 ora prima)
Sfido che tutti c'è l'abbiano con chi sta smaltellando pian piano un sistema mafioso che pervadeva tutto. molti che hanno avuto promozionie e vantaggi di carriera non possono certo tifare per un sistema pulito e che premia il merito...
La storiella racconta di Andreotti che voleva investire molti miliardi nelle carceri (come alberghi di lusso) e alla obiezione rispondeva: Ma se vince Grillo noi che facciamo? )

Domenica 30 giugno 2019 12:02:51

Oggi è presente ad Alghero non potendo essere presente al momento pubblico previsto le faccio una domanda come associazione regionale ex esposti amianto della sardegna in merito l'abbattimento ponte morandi le chiediamo il motivo perché tutte le istituzioni e i media parlano di non rischio esposizione amianto sapendo che e falso in quanto nessuno al mondo può affermarlo in quanto la fibra killer amianto uccide dopo 40 anni ci piacerebbe un suo interessamento reale per contrastare una mezza verità e far veramente luce su un tema che affronta valori e diritti importanti per la vita dei cittadini quali il diritto alla salute e tutela dell'ambiente. In attesa di un suo riscontro cogliamo l'occasione per porgere cordiali saluti il presidente dell'associazione regionale ex esposti amianto lilliu Giampaolo cell. 347-------

Giovedì 27 giugno 2019 22:28:03

Anche questa sera su La 7 - Otto e Mezzo si parla d'immigrazione !
Accanto al pacato e saggio Massimo Franco, troviamo un Marco Travaglio lucidamente concentrato a trovare il bandolo della matassa.
Finalmente si mostra la convinzione per sfatare alcuni luoghi comuni che quotidianamente fanno stringere il cuore a tante persone perbene in Italia.
Il primo, è che si tratti di un problema volutamente non risolto per gli interessi elettorali di Salvini.
Nella realtà è un problema recente e planetario, così dirompente da costringere un paese come gli USA, storicamente incentrato sull'immigrazione, a prendere i provvedimenti drastici che conosciamo.
La mobilità dai paesi sottosviluppati è aumentata in modo esponenziale e ci sono potenti organizzazioni e intere comunità che spingono in questa direzione.
Non c'è dubbio che il fenomeno non sia più gestibile e che debba semplicemente essere contrastato.
Il secondo è che l'immigrazione, incontrollata, in Italia non sia tra i problemi principali.
Anche ieri il simpaticone-utopico-opportunista Cacciari, lontano anni luce dal senso pratico che contraddistingue la laboriosità dei veneti, ha sostenuto questo parere.
Si tratta dei ritornelli inconcludenti di chi non ha la più pallida idea di come si gestisce il bilancio di una nazione (o di una famiglia normale).
Tutti bravi a parlare di doveri umanitari e a osannare chi si occupa d'imporli agli Stati.
Poi, da una parte abbiamo giornalisti e attivisti che si prendono i meriti (oltre ad un lauto compenso) e dall'altra, il ceto medio dei "veri lavoratori" che deve pagare il conto e prendersi anche del razzista.
Gli oltre 5 milioni di immigrati stranieri rappresentano un numero esorbitante: più del 10% della popolazione, giunti negli ultimi 10 anni, senza contare tutti quelli che hanno già ottenuto la cittadinanza.
Circa il 30-35% vive sotto la soglia di povertà e gran parte degli altri non figura nella statistica, grazie al welfare di Stato.
Tutti insieme generano un gettito IRPEF non superiore agli 8 miliardi, pari a meno di 1600 euro pro-capite annuo.
Significa che in media non si pagano (e non si pagheranno) neppure l'assistenza sanitaria.
Per la cronaca, la spesa pubblica pro-capite supera i 13. 000 euro, per cui qualcun altro dovrà sobbarcarsi il deficit prospettico sui conti pubblici generato da "questa immigrazione" pari a oltre 50 miliardi annui (500 miliardi di nei prossimi 10 anni; oltre il 25% del PIL !).
I lavoratori attivi in Italia (stranieri compresi), non superano i 22 milioni e un terzo degli occupati (6-7 milioni) ha redditi troppo bassi e di tasse ne paga già poche e non ne potrà pagare di più.
Tolto il settore pubblico che somma circa 3-4 milioni di occupati (e che vive delle tasse altrui), per i restanti 11-12 milioni di contribuenti della "classe media del privato" il "carico fiscale da immigrazione" (o il taglio del rispettivo welfare, per pensioni, ecc.) supererà i 4. 100 euro pro-capite, all'anno !
Tale "esproprio" sarà addirittura il doppio se per questo motivo lo spread aumenterà del 2%, portandosi oltre gli 8. 000 euro su base annua per contribuente medio.
L'immigrazione è quindi il primo problema da risolvere (e lo si deve fare subito, bloccando le frontiere) per non pregiudicare la risoluzione di tutti gli altri !
Il terzo luogo comune riguarda il convincimento che la questione si risolva con i ricollocamenti.
Nessuna normativa o trattato regolamenta i ricollocamenti dei "pretesi" richiedenti asilo.
Si tratta di un'invenzione totalmente italiana, quando si pensava addirittura che l'immigrazione fosse un "business" positivo per la nostra Nazione.
Invece, ciascun Stato comunitario deve difendere i confini periferici all'Unione; punto.
L'Italia per anni si è disinteressata al problema, affermando candidamente che gli immigrati erano solo di passaggio.
Facile immaginare cosa hanno pensato di noi gli altri paesi europei, tant'è che hanno subito preso le contromisure facendo valere il trattato di Dublino; punto.
L'Italia ha quindi l'obbligo di regolamentare la propria immigrazione, di effettuare i controlli e di prendere delle contromisure repressive ove necessario.
Il buon senso porterebbe a dire che in questo momento l'immigrazione va bloccata in toto, fino a quando l'enorme numero degli attuali immigrati (oltre il 10-15% della popolazione con marcati tassi di natalità) non si sarà integrata e non sarà in grado di pagarsi le spese.
Mi sembra molto di buon senso concentraci sugli stranieri già presenti in Italia per testare la nostra capacità di gestire fenomeni complessi come questi, senza superare le pericolose soglie dell'insostenibilità !

Mercoledì 26 giugno 2019 21:36:46

Sig. Travaglio,
avrei da chiederle una cosa quasi impossibile... di avere un incontro per metterla a conoscenza delle mie capacità di "scolpitore" del Bianco Marmo di Carrara - oppure a Suo piacere anche indicarmi come potrei farle avere alcune immagini dei miei geniali lavori-

Tutto questo da Mauro Mosti Bondielli scolpitore marmi

Lunedì 24 giugno 2019 21:29:37

Salone del libro 2015 torino. La tua copia slurp autografata. Ti chiesi se mai ci sarebbe stata una inchiesta sul sindacato... Millennium giugno è arrivato. Grazie. La mia domanda era però frettolosa. Si sa non c'era tempo.. per argomentare. Io fui espulso due anni dopo (fatto rarissimo) dalla cisl e la mia vicenda è in rete su sito il9marzo. it. è la punta di un iceberg. ma il sindacato ha problemi non solo di quelli descritti in Millennium... democrazia interna? abolita. Furlan liquidò nel 2016 la più grande categoria della funzione pubblica... ispezioni fasulle per far risultare iscritti fittizi poi rivelatasi una strategia per prendere altro.. come fanno altre "organizzazioni"... perfino in tiggi si santificò la figura salvifica del nuovo corso.. casa di vetro fu chiamata. Le verità come tu hai sempre insegnato.. sono quelle che si cercano con fatica nei fatti, nelle carte, nelle inchieste mia fatte e.. si spera in qualche aula di giustizia.. vivo bene da espulso, meglio ma per liquidarmi hanno dovuto rovistare persino nei cellulari.. e nei messaggini WhatsApp (Ridicoli) senza trovare nulla.. non sono una persona importante, ma onesta si è proprio per questo impressiona l'aver subito ciò si vede che volevano dare.. un messaggio. Buon lavoro Marco. Al prossimo salone.. e alla prossima copia vistata.

Venerdì 31 maggio 2019 16:36:32

Dott. travaglio, sono un suo estimatore le faccio i complimenti per la professionalità in merito al suo lavoro di giornalista, amo ascoltarla in televisione ed ho letto qualche suo libro continui così per molti italiani lei è un oracolo della verità. buona serata. aldo matano.

Commenti Facebook