Ultimi commenti alle biografie - pagina 15

Lunedì 13 gennaio 2020 00:04:53 Per: Massimo Giletti

Innanzitutto invio le mie condoglianze per il grave lutto dovuto alla perdita dell'amato Padre.
Poiché seguo sempre Non è l'arena riguardo al caso delle sorelle Napoli di Mezzojuso vorrei suggerire quanto segue: non si può chiedere a chi di dovere di fare un provvedimento che ogni volta che le mucche sconfinano vengano sequestrate e portate via? Prima o poi finiranno.
Complimenti e grazie per il lavoro eccellente che svolgi. Ad maiora.
Cordiali saluti. Luigi Giuliana.

Domenica 12 gennaio 2020 23:12:48 Per: Mario Giordano

Buonasera
7 anni fa mio cognato mi ha portato a giudizio per una divisione immobiliare scrivendo sull atto un sacco di bugie tante che dopo ha voluto un accordo
Da quel momento tutti si sono accaniti contro di me e la mia famiglia con pignoramenti di stipendio compresi gli avvocati che mi avrebbero dovuto aiutare la banca l architetto
Tutto per quelle bugie scritte sull atto giudiziario, praticamente un calvario

Domenica 12 gennaio 2020 22:46:48 Per: Alberto Angela

Salve Alberto, mi chiamo Ada Tarantino e vivo in un paesino in provincia di Catanzaro. Vivo circondata da una meravigliosa famiglia d origine. A capo di questa famiglia ci sono i miei genitori ultra ottantenni mio padre di 85 anni e mia madre di 84 e proprio di lei che ho voglia di parlare, mia madre di umilissime origini, contadina dalla nascita, madre da tutta la vita non si è mai spostata dal suo paesino. Stasera mi ha detto che non ha mai avuto la fortuna di poter viaggiare ma le tue trasmissioni le permettono di conoscere il mondo (comodamente da casa), tutto cio mi ha lasciato a bocca aperta, mi ha spiegato le bellezze di Firenze, di Venezia e credimi la sua descrizione mi ha lasciata di stucco.
Ti volevo ringraziare per i tuo bellissimi programmi ma soprattutto per i viaggi che regali a mia madre.

Domenica 12 gennaio 2020 22:39:20 Per: Massimo Giletti

Ho saputo che domenica ospiterà di nuovo Salvini. Quanto mi dispiace che un mio idolo ancora una volta faccia pubblicità alla destra e purtroppo come le 2 volte precedenti permetterà a questo signore di Fare propaganda a se stesso e basta. Mi dispiace anche che sia invitato DI nuovo, a pochi giorni dal voto in Emilia dove questo signore racconterà di LIBERARE L EMILIA ROMAGNA ED altre stupidaggini del genere. Ma in realtà voglio sperare che lei ribadisca, sconfessi e interrompi tutti i bla bla che Salvini proporrà come solito. Spero che lo interrompi e non lo lasci parlare per lunghi e bugiardi monologhi Cordiali saluti

Domenica 12 gennaio 2020 21:45:13 Per: Mario Giordano

Buonasera Dottor Giordano, sono Donatella Cannata. Ci siamo conosciuti a Bologna all'hotel Savoia, in occasione della presentazione del suo libro. Ci ha presentato l'on. Bignami. In quell'occasione le ho parlato dello scandalo degli avvocati amministratori di sostegno, Lei, cortesemente, nella sua trasmissione di qualche giorno dopo, ha affrontato l'argomento con mia somma soddisfazione in quanto, non le nascondo di essere vittima di una di questi avvocati, Ma il vero motivo di questo mio messaggio è un altro: io dipingo per professione e mi sono permessa di farle un ritratto che desidero regalarle. Avrei bisogno di sapere dove posso spedirglielo o, comunque, farglielo avere. La saluto cordialmente. Donatella Cannata

Domenica 12 gennaio 2020 20:22:59 Per: Massimo Giletti

Gentile Dott. Massimo Giletti, vorrei se possibile essere contattato abbastanza urgentemente dalla sua redazione x l ennesimo scandalo del tribunale dei minorenni di Roma.
Tel 339-------

Domenica 12 gennaio 2020 20:08:15 Per: Alberto Angela

Gentile Alberto Angela,
seguo da sempre con attento interesse le sue trasmissioni, in particolare quelle che illustrano le bellezze del dolce paese dove il sì suona. Nella sua più recente puntata, nel complesso avvincente e ben documentata, lei ha parlato degli antichi acquedotti romani a servizio dell'Urbe e delle "mostre" ovvero delle testate terminali monumentali di alcuni di questi acquedotti, realizzate in forma di spettacolari fontane, quale quella dell'Acqua Paola e quella dell'Acqua Vergine, più nota come Fontana di Trevi. Lei ha come sempre fornito una ricca messe di notizie, curiosità, aneddoti e dettagli storici più o meno sconosciuti, che rendono la trasmissione godibile ed educativa. Proprio per questo mi piacerebbe che, in casi come questi appena ricordati, di interventi di grande qualità progettuale, si potessero aggiungere anche alcune riflessioni in merito alla "logica" dell'articolazione architettonica e alla straordinaria qualità espressiva delle soluzioni costruttive adottate.
Vorrei proporle, nel merito, alcune riflessioni sparse, così come mi vengono in mente, dopo l'utile "stimolo" della sua trasmissione.
Per quanto riguarda la Fontana di Trevi, mi sarebbe piaciuto poter osservare una immagine della situazione antecedente ai lavori di Nicola Salvi, in quanto particolarmente efficace a far comprendere al grande pubblico lo sforzo di immaginazione necessario a progettare, ovvero a "proiettare" ciò che ancora non c'è ma è solo nella mente dell'architetto.
Rimanendo comunque sul parallelo tra le due fontane citate, sarebbe stato a mio avviso interessante aggiungere al pur ricco commento anche alcune considerazioni più specificamente architettoniche. Come, ad esempio:
- entrambe le due fontane presentano un fronte con una zona centrale aggettante su due ali laterali arretrate: che è un modo per movimentare una scena altrimenti piatta e per mettersi in qualche modo "in mostra", come quando, a dei soldati disposti in linea, si chiedono dei volontari per una rischiosa missione di guerra e i più coraggiosi fanno un passo avanti, catturando la nostra attenzione. E non a caso è anche uno dei principi della composizione architettonica "classica", che caratterizza, ad esempio, la facciata palladiana di Palazzo Chiericati a Vicenza, ma che era già presente sul portico colonnato del lato occidentale della grande palestra di Ercolano, guardando dalla piscina a croce verso la sala absidata in cui probabilmente si premiavano gli atleti vincitori. Ma qui cominciano le differenze.
- Nel caso della Fontana dell'Acqua Paola, infatti, c'era la possibilità di sviluppare in profondità l'edificio di testata, anche se per una sola campata: le tre aperture ad arco del corpo centrale aggettante hanno tutte una discreta profondità; ma, mentre quelle laterali sono "tamponate" da pareti cieche, anche se intonacate e dunque idealmente inconsistenti dal punto di vista statico rispetto alle solide strutture in marmo (e per di più alleggerite da due ampie finestre), quella centrale è "reale" e consente di leggere lo spazio e le quinte costruite al di là di esse. Inoltre tutto il piazzale antistante è praticamente libero e pianeggiante.
- Nel caso della Fontana di Trevi, invece, lo spazio della piazzetta è piuttosto angusto. Non v'era possibilità di sviluppare la struttura in profondità: ecco perché la fontana è letteralmente incollata alla testata del palazzo di cui costituisce il fronte. La regolarità delle finestre aperte sul prospetto è assicurata da una finestra finta, in tutto simile alle altre, dipinta in alto all'estrema destra del secondo ordine: come già aveva fatto Giulio Romano nell'atrio colonnato di Palazzo Te a Mantova, costruito su commissione di Federico II Gonzaga. Tutta la fontana altro non è che un Arco di Trionfo (a metà strada tra quelli di Costantino, di Tito e di Settimio Severo) "schiacciato" contro la facciata di un palazzo retrostante, come nelle riprese con teleobiettivo, che tendono, da lontano, ad appiattire l'immagine, annullando l'effettiva profondità. La volontà di "sfondamento" percettivo sull'asse centrale viene comunque garantita, all'arcone principale, dalla chiusura con abside colonnata e calotta emisferica, chiusura ideale, all'infinito, di ogni corridoio virtuale in fuga prospettica. Ma, questa condizione di forzato "appiattimento" si portava subito dietro una difficoltà ancor maggiore: come girare gli angoli del fabbricato e come interrompere, sull'angolo, il rivestimento marmoreo? Il tema del rivestimento in marmo chiaro di un edificio medievale preesistente in mattoni scuri è, come noto, un tema ricorrente nell'architettura italiana, dal Rinascimento in avanti, dal Tempio Malatestiano di Rimini di Leon Battista Alberti alla stessa Basilica palladiana di Vicenza.
- Come sarebbe sembrato un arco di trionfo in marmo bianco o Travertino chiaro contro una facciata scura in mattoni? Senza dubbio, incongruo e troppo brutalmente accostato: era dunque necessario che anche le ali laterali fossero rivestite. Ma, girato l'angolo, a quale profondità fermarsi? Nel nostro caso, tutto è stato brillantemente risolto con una robusta parasta angolare. Ma la piazza non era in piano: il terreno saliva ripidamente lungo via della Stamperia, fin quasi a raggiungere il livello delle bocche da cui fuoriesce l'acqua in facciata. L'arretramento della grande vasca rispetto alla dimensione della parete retrostante ha intanto consentito di creare un passaggio anulare esterno tutto in quota, mantenendo orizzontale il bordo esterno della fontana stessa. Poi le finte rocce sono state disposte sul muro di contenimento di Via della Stamperia, culminando nel "vaso di coppe", che toglieva la visuale al famoso barbiere, impedendogli di metter naso nel cantiere. Ma che era anche indispensabile per ribadire quella intricata fusione tra architettura e scultura che caratterizza l'intera creazione artistica della monumentale facciata. Il culmine della difficile operazione di adattamento al contesto, si raggiunge proprio alla base dell'angolo tra la fontana e Via della Stamperia: la paraste è come tagliata con il rasoio (di un barbiere, per rimanere in argomento) e le rocce sembrano sgorgare dalla ferita inferta alla struttura architettonica, come lava appena solidificata. Qual era il precedente più famoso di palazzo nato quasi da una scogliera naturale, da un possente basamento a grandi blocchi capace di resistere ai marosi più spaventosi? Il progetto per il Louvre, elaborato proprio dal cavalier Bernini per il Re di Francia, Luigi XIV, nell'ambito di quel processo di "naturalizzazione" dell'architettura che ha caratterizzato tante sue opere. Pare, del resto, che ci fosse il suo zampino anche nella "scogliera" della facciata verso Porta San Pancrazio della villa detta "Il Vascello". Il "lascito" di Gian Lorenzo è dunque idealmente ben più profondo di quanto si possa generalmente immaginare …
Con stima
Saverio Ciarcia
Già Professore Aggregato presso la Facoltà di Architettura di Napoli Federico II
di Progettazione Architettonica e di Allestimento e Museografia
Via --- (AV)
0825/--- - ---
339/--------

P. S. Ho messo da parte 9 immagini che accompagnano e rendono più chiaro il mio discorso, ma non saprei come allegarle al testo...

Domenica 12 gennaio 2020 19:30:09 Per: Mario Giordano

Egregio dr. Giordano
Fatto a dir poco scandaloso. Ma come fa un Ente Pubblico come l'INPS che vanta una struttura megagalattica costituita da :
1 Ufficio di Presidenza - 1 Consiglio di Indirizzo e Vigilanza composta da 22 membri - 1^ Direzione Generale - 1 Collegio dei Sindaci composto da 9 membri - 1 Ufficio del Magistrato della Corte dei Conti delegato all'esercizio del controllo - 19 Comitati Centrali con rispettivi Presidenti - 6 Comitati di Vigilanza con rispettivi Presidenti - 18 Direzioni Centrali - 3 Uffici Centrali - 3 Strutture al Servizio del Territorio - 1 Comitato di Garanzia composto da 29 membri - 4 Coordinamenti Professionali - 512 Dirigenti - 539 Medici - 324 Legali - n° 28. 435 impiegati, PER UN COSTO COMPLESSIVO ANNUO DEL PERSONALE DI € 1. 962. 158. 36 (dati di bilancio 2018), a sbagliare il conteggio del CONGUAGLIO PENSIONE DA RINNOVO (così viene descritta la voce nel cedolino di Gennaio 2020), riducendo di fatto l'importo netto della pensione di un importo che varia dai 40 ai 100 euro per 100 mila pensionati su tutto il territorio italiano?
Le pensioni coinvolte nell'errore sono quelle di importo compreso tra le tre e le sei volte la pensione minima, come quella del sottoscritto che si trovato una riduzione netta di € 63, 05
Sarebbe necessario capire la responsabilità di questo grave errore e procedere al licenziamento dei tanti incompetenti ed incapaci dirigenti responsabili che certamente ledono l'immagine dell ' INPS.
Lavorarci sopra a questi fatti forse aiuterebbe l'opinione pubblica a comprendere dove tagliare il costo della macchina pubblica e indirizzare il risparmio ottenuto su investimenti realmente produttivi. Quando ero dirigente industriale se avessi commesso un errore del genere coinvolgendo, inoltre, la credibilità dell'azienda, mi sarei trovato a fare lo steward la domenica allo stadio (con tutto il rispetto per chi fa quel lavoro). .. e forse, tutto sommato e con un pò di fortuna, avrei avuto anche l'opportunità di presiedere alla Farnesina.
Grazie, buon lavoro e complimenti i per la trasmissione Fuori dal coro.

Domenica 12 gennaio 2020 19:24:48 Per: Paolo Bonolis

Ciao Paolo. ti seguo sempre qualsiasi programma che fai... Come Avanti un altro... spettacolare programma...
Vorrei... così... consigliarti... tra virgolette... perché Non organizzate un programma per chi nella vita era arrivato ad un passo per farcela per diventare famoso chi nel calcio... pugilato atletica... e purtroppo a dovuto rinunciare per svariati motivi... solo tu puoi fare un programma così...
Grazie... umilmente ti saluto Antonino Tocco 338-------
Ex campione italiano di boxe

Domenica 12 gennaio 2020 19:12:45 Per: Lilli Gruber

Le siamo grati per la passione civile spesa per migliorare questo mondo. Fulvio Rossi