Biografie

Maurits Escher

Maurits Escher
Maurits Escher nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Il mistero del reale

Il visionario artista olandese è nato il 17 giugno del 1898 a Leeuwarden dall'ingegnere idraulico G.A. Escher e dalla moglie di quest'ultimo, Sarah.

Il suo nome completo, dal suono arcano come certe sue opere, è Maurits Cornelis Escher. Nel 1903 si trasferisce con tutta la famiglia ad Arnheim dove dal 1912 al 1918, frequenta il liceo con esiti disastrosi, tanto che alla prova di maturità viene addirittura respinto. "Contagiato" dalla passione per il disegno, a questo periodo, fra l'altro, si fanno risalire alcune incisioni su linoleum.

Dopo grande fatica, riesce però alla fine a strappare la promozione e a conseguire il diploma. Come ogni buon artista che si rispetti, compie un viaggio in Italia, cosa che gli dà modo di osservare i massimi capolavori del passato e di rimanere profondamente affascinato dall'inestimabile sequenza di capolavori che ha modo di ammirare. Qui ha l'ispirazione per numerosi schizzi paesaggistici. Nello stesso anno, viene pubblicato un libretto di poesie di autori vari dal titolo "Fiori di Pasqua" che reca all'interno sue xilografie. Pochissimo portato per gli studi, come si è visto, è costretto a iscriversi alla facoltà di architettura per compiacere il padre, restio all'idea di non avere un figlio laureato, lui ingegnere affermato.

Maurits si stabilisce quindi ad Harlem per seguire i corsi di architettura dell'università ma ben presto la passione per il disegno prende il sopravvento. Com'era facilmente prevedibile, l'architettura non lo interessa più di tanto. Resiste quindi pochi mesi, poi abbandona e si iscrive ai corsi di disegno di S. Jesserun de Mesquita, il quale ebbe un notevole influsso sul suo futuro sviluppo di artista grafico. Si reca anche in Spagna, rimanendo colpito dall'Alhambra, che trova particolarmente interessante per la sua "ricchezza ornamentale" e per "la prodigiosa complessità, nonché per la concezione matematica", riferendosi in particolare alla decorazione dei mosaici moreschi. In queste affermazioni si avvertono "in nuce", alcune caratteristiche che poi faranno da base e da sfondo teorico a molte sue produzioni, in considerazione anche del fatto che è proprio in Spagna che scopre la tecnica dei "disegni periodici", caratterizzati da una divisione regolare della superficie, una costante di certe sue illustrazioni che lo renderanno celebre ed inconfondibile, nonché simbolo di un'arte contaminata dal pensiero scientifico.

Nel 1923 torna di nuovo in Italia dove incontra la sua futura moglie, la svizzera Jetta Umiker. Evidentemente, l'Italia ha su di lui un effetto calmante e rilassante ma gli porta anche fortuna poiché non solo in questo periodo la sua produzione è ispirata alla natura ma ottiene anche un notevole successo con la sua prima mostra, allestita in una città italiana, Siena. Successivamente, le sue opere vengono conosciute anche all'estero, con mostre via via sempre più numerose (fino a quella organizzata nel suo Pese natale, l'Olanda). Decide quindi di stabilirsi definitivamente in Italia, comprando casa a Roma (e anche qui ha la fortuna di vedere una mostra a lui dedicata e successo di pubblico conseguente).

Comincia ad eseguire le incisioni su pezzi di legno, servendosi di blocchi dalla superficie più dura, che gli permettono di tracciare delle linee sempre più sottili. Negli anni successivi viaggia sempre più frequentemente recandosi, per esempio, in Tunisia o visitando gli Abruzzi a piedi. Nel 1929 esegue la prima litografia "Veduta di Goriano Sicoli, Abruzzi".

Diventa membro dell'associazione di artisti "De Grafische" e, nel 1932, del "Pulchri Studio". Nel 1932 viene pubblicato "XXIV Emblemata dat zijn zinnebeelden" con xilografie di Escher.

Nel 1934 tutte le sue opere vennero accolte favorevolmente alla Exhibition of Contemporary Prints, Century of Progress, a Chicago. Intanto, in Italia, si afferma il regime fascista e il paese comincia ad essere percorse da squadracce di picchiatori, camicie nere e affini. A causa dell'irrespirabile clima politico, si trasferisce dunque in Svizzera.

Nel 1938, il 6 marzo, nasce il figlio Jan. Escher si concentra sulle immagini interiori tralasciando la rappresentazione della natura. In seguito, definì questo anno come quello in cui maturò la svolta della sua vita: " In Svizzera e in Belgio ho trovato molto meno interessanti sia i paesaggi che l'architettura rispetto a ciò che avevo visto nel Sud Italia. Mi sono così sentito spinto ad allontanarmi sempre di più dall'illustrazione più o meno diretta e realistica della realtà circostante. Non vi è dubbio che queste particolari circostanze sono state responsabili di aver portato alla luce le mie "visioni interiori".

Le sue opere grafiche sono celebri per l'uso fantasmagorico degli effetti ottici. Il campionario sviluppato da Escher contempla le sorprese più spettacolari che vanno da illusionistici paesaggi, prospettive invertite, costruzioni geometriche minuziosamente disegnate e altro ancora, frutto della sua inesauribile vena fantastica, che incantano e sconcertano.

Nelle opere di Escher, insomma, l'ambiguità visiva diventa ambiguità di significato, con la conseguenza che i concetti di positivo e negativo, corretto e scorretto sono intercambiabili. Traspaiono dall'opera e dalle invenzioni di questo artista i suoi molteplici interessi e le variegate fonti di ispirazione, che vanno dalla psicologia alla matematica, dalla poesia alla fantascienza.

"La metamorfosi", realizzata nel 1940 rappresenta una sorta di riassunto delle sue opere. Due anni dopo venne pubblicato "M.C. Escher en zijn experimenten". Nel 1941 si trasferisce in Olanda, a Baarn.

Dal 1948 Escher inizia invece una serie di conferenze sulla sua opera, solitamente in concomitanza di mostre personali.

Nel 1954 stabilisce un primo contatto con il mondo scientifico grazie alla sua esposizione al Museo Stedelijk di Amsterdam, che coincide con il Congresso internazionale dei matematici.. Nel 1955 il 30 aprile riceve una onorificenza reale.

Dopo tre anni viene pubblicato "Divisione regolare delle superfici",inoltre, sempre nel 1958, realizza la sua prima litografia dedicata alle sue celeberrime costruzioni impossibili : "Belvedere". Dopo una permanenza lunga in ospedale, nel 1964 viaggiò in Canada, dove viene operato di urgenza. L'anno dopo ricevette il premio della Cultura della città di Hilversum. Venne pubblicato "Simmetry of aspects of M.C. Escher's Periodic Drawing " .

Dopo un anno, la città dell'Aia organizza una grande mostra retrospettiva per celebrare il sessantesimo compleanno di Escher.

Nel 1969, in luglio realizza la sua ultima xilografia, "Serpenti".

Nel 1970 subisce un'operazione e viene ricoverato per lungo tempo in ospedale. Dopodiché si trasferisce in una casa di riposo per artisti a Iaren.

Il 27 marzo del 1972 spira nella casa delle diaconesse di Hilversum.

Frasi di Maurits Escher

3 fotografie

Foto e immagini di Maurits Escher

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Maurits Escher ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Maurits Escher nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

6 biografie

Nati lo stesso giorno di Maurits Escher

Billy Wilder

Billy Wilder

Regista austriaco
α 22 giugno 1906
ω 27 marzo 2002
Dudley Moore

Dudley Moore

Attore inglese
α 19 aprile 1935
ω 27 marzo 2002
Ettore Majorana

Ettore Majorana

Fisico italiano
α 5 agosto 1905
ω 27 marzo 1938
Giambattista Tiepolo

Giambattista Tiepolo

Artista veneziano
α 5 marzo 1696
ω 27 marzo 1770
Stanislaw Lem

Stanislaw Lem

Medico e scrittore di fantascienza polacco
α 12 dicembre 1921
ω 27 marzo 2006
Yuri Gagarin

Yuri Gagarin

Astronauta russo
α 9 marzo 1934
ω 27 marzo 1968
Totò

Totò

Comico italiano
α 15 febbraio 1898
ω 15 aprile 1967
Alfred Eisenstaedt

Alfred Eisenstaedt

Fotografo tedesco
α 6 dicembre 1898
ω 24 agosto 1995
Alvar Aalto

Alvar Aalto

Architetto finlandese
α 3 febbraio 1898
ω 11 maggio 1976
Bertolt Brecht

Bertolt Brecht

Drammaturgo tedesco
α 10 febbraio 1898
ω 14 agosto 1956
Clive Staples Lewis

Clive Staples Lewis

Scrittore irlandese
α 29 novembre 1898
ω 22 novembre 1963
Curzio Malaparte

Curzio Malaparte

Scrittore, giornalista, ufficiale, poeta e saggista italiano
α 9 giugno 1898
ω 19 luglio 1957
Enzo Ferrari

Enzo Ferrari

Imprenditore italiano
α 18 febbraio 1898
ω 14 agosto 1988
Erich Maria Remarque

Erich Maria Remarque

Scrittore tedesco
α 22 giugno 1898
ω 25 settembre 1970
Federico Garcia Lorca

Federico Garcia Lorca

Poeta spagnolo
α 5 giugno 1898
ω 19 agosto 1936
George Gershwin

George Gershwin

Compositore statunitense
α 26 settembre 1898
ω 11 luglio 1937
Giuseppe Saragat

Giuseppe Saragat

Quinto Presidente della Repubblica Italiana
α 19 settembre 1898
ω 11 giugno 1988
Julius Evola

Julius Evola

Filosofo, pittore, poeta e scrittore italiano
α 19 maggio 1898
ω 11 giugno 1974
Luigi Amato

Luigi Amato

Pittore italiano
α 1 gennaio 1898
ω 2 novembre 1961
Peggy Guggenheim

Peggy Guggenheim

Collezionista d'arte statunitense
α 26 agosto 1898
ω 23 dicembre 1979
René Magritte

René Magritte

Pittore belga
α 21 novembre 1898
ω 15 agosto 1967
Tamara De Lempicka

Tamara De Lempicka

Pittrice polacca
α 16 maggio 1898
ω 18 marzo 1980
Antonio Segni

Antonio Segni

Quarto Presidente della Repubblica Italiana
α 2 febbraio 1891
ω 1 dicembre 1972
Dino Buzzati

Dino Buzzati

Scrittore italiano
α 16 ottobre 1906
ω 28 gennaio 1972
Ennio Flaiano

Ennio Flaiano

Scrittore, sceneggiatore e giornalista italiano
α 5 marzo 1910
ω 20 novembre 1972
Ezra Pound

Ezra Pound

Poeta statunitense
α 30 ottobre 1885
ω 1 novembre 1972
Giangiacomo Feltrinelli

Giangiacomo Feltrinelli

Editore e attivista italiano
α 19 giugno 1926
ω 14 marzo 1972
Harry Truman

Harry Truman

33° Presidente degli Stati Uniti d'America
α 8 maggio 1884
ω 26 dicembre 1972
Igor Sikorsky

Igor Sikorsky

Ingegnere pioniere dell'aviazione russo, naturalizzato statunitense
α 25 maggio 1889
ω 26 ottobre 1972
John Edgar Hoover

John Edgar Hoover

Funzionario statunitense, storico capo dell'FBI
α 1 gennaio 1895
ω 2 maggio 1972
Luigi Calabresi

Luigi Calabresi

Commissario italiano
α 14 novembre 1937
ω 17 maggio 1972