Biografie

Linneo

Linneo
Linneo nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia

Carl Nilsson Linnaeus, noto anche come Linneo (da Carolus Linnaeus, forma latinizzata del nome) o Carl von Linné, nasce il 23 maggio 1707 a Rashult, nella provincia di Smaland (contea di Kronoberg, nel sud della Svezia), in una fattoria, figlio di Christina Broderson e di Nils Ingemarson, un contadino.

Alla morte del padre di Christina, pastore protestante, Nils eredita la carica di pastore, diventando la guida religiosa della comunità: Carl ha solo un anno e mezzo. Nils è appassionato di botanica, al punto da scegliere come proprio cognome Linnaeus, la latinizzazione della parola dialettale "lind", che significa "tiglio": il cognome quindi viene ereditato da Carl.

Questi, benché indirizzato dai genitori verso una carriera ecclesiastica, fin da piccolo manifesta un forte interesse nei confronti della botanica, così che Johan Rothman, il suo insegnante di scienza, induce Nils a iscrivere il figlio all'università di Lund. Nel 1727, dunque, Carl entra in ateneo e comincia a studiare medicina, interessato soprattutto a conoscere le sostanze mediche provenienti dai vegetali.

Trasferitosi all'università di Uppsala - ritenuta la migliore di tutto il Paese - nel 1728, ha l'opportunità di seguire le lezioni di Olaus Rudbeck il Giovane. Passando molto tempo a raccogliere diversi tipi di piante e a studiarle, nel 1730 comincia a dare vita al suo metodo di classificazione tassonomica: convinto che le parti del fiore (pistilli, stami e petali) che rappresentano gli organi riproduttivi delle piante possano essere impiegate per la loro classificazione, scrive "Preludia Sponsaliorum Plantarum" ("Nozze delle piante"), un breve trattato che, mentre è ancora uno studente, gli permette di guadagnarsi il ruolo di docente nel giardino botanico.

Tuttavia, Carl Linnaeus viene anche denunciato per immoralità dallo Stato svedese, colpevole di avere fondato la propria classificazione sugli organi riproduttivi e sul sistema sessuale delle piante: la Comunità luterana lo condanna, infatti, per sospetto libertinismo. A dispetto dei successi accademici, peraltro, Linnaeus non vive una situazione economica agiata: nel 1731, per esempio, una sua spedizione in Lapponia deve essere finanziata dall'Accademia delle Scienze di Uppsala. Il resoconto di quella spedizione è riprodotto in "Lachesis lapponica", opera che verrà pubblicata postuma solo nei primi anni dell'Ottocento.

Nel 1734 lo studioso svedese organizza un'altra spedizione, i cui risultati scientifici vengono pubblicati tre anni più tardi in "Flora Lapponica Exhibens Plantas per Lapponiam Crescentes, secundum Systema Sexuale Collectas in Itinere Impensis". Nel frattempo, nel 1735 ha introdotto e definito la nomenclatura binomiale, metodo tassonomico in base al quale ogni organismo viene munito di due nomi di origine latina: il primo relativo al genere di appartenenza (il cosiddetto nomen genericum), e il secondo relativo alla specie propriamente detta.

Trasferitosi in Olanda, dove completa - all'università di Harderwijk - i suoi studi in medicina, Linneo si iscrive in seguito all'università di Leida. Mentre la sua reputazione come botanico cresce e si impone al di fuori dei confini nazionali, nel 1738 torna in Svezia, dove lavora come medico e si dedica soprattutto alla cura della sifilide.

L'anno successivo sposa la figlia di un medico, Sara Morea, ed è tra i fondatori dell'Accademia Reale Svedese delle Scienze. Nel 1741, invece, ottiene una cattedra all'università di Uppsala, presso la facoltà di medicina, che però riesce a scambiare in poco tempo con la cattedra di botanica, dietetica e materia medica, da lui preferita. Mentre contribuisce a restaurare il giardino botanico di Uppsala, disponendo le piante in base all'ordine di classificazione da lui stesso individuato, Linnaeus prosegue nell'organizzazione di spedizioni in ogni parte del globo, intenzionato a classificare non solo le piante, ma tutti gli esseri viventi e addirittura tutti i minerali della Terra.

Nel 1758 lo studioso scandinavo acquista l'azienda di Hammarby: qui dà vita a un museo in cui viene esposta la sua collezione privata. Diventato nobile in virtù del titolo conferitogli nel 1761 dal re Adolfo Federico di Svezia (in conseguenza del quale cambia il proprio nome in Carl von Linné), Linneo negli ultimi anni di vita è tormentato dalla depressione e da un pessimismo sempre crescente. Colpito da alcuni piccoli infarti nel 1774, muore il 10 gennaio 1778 a Uppsala: il suo corpo viene sepolto presso la cattedrale locale.

Frasi di Linneo

4 fotografie

Foto e immagini di Linneo

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Linneo ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Linneo nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

7 biografie

Nati lo stesso giorno di Linneo

Buffalo Bill

Buffalo Bill

Cacciatore statunitense, impresario circense
α 26 febbraio 1846
ω 10 gennaio 1917
Vittorio Emanuele I di Savoia

Vittorio Emanuele I di Savoia

Monarca italiano
α 24 luglio 1759
ω 10 gennaio 1824
Coco Chanel

Coco Chanel

Stilista francese
α 19 agosto 1883
ω 10 gennaio 1971
David Bowie

David Bowie

Cantante inglese
α 8 gennaio 1947
ω 10 gennaio 2016
Francesco Rosi

Francesco Rosi

Regista italiano
α 15 novembre 1922
ω 10 gennaio 2015
Eulero

Eulero

Matematico e fisico svizzero
α 15 aprile 1707
ω 18 settembre 1783
Carlo Goldoni

Carlo Goldoni

Commediografo italiano
α 25 febbraio 1707
ω 6 febbraio 1793
Voltaire

Voltaire

Filosofo e scrittore francese
α 21 novembre 1694
ω 30 maggio 1778
Jean-Jacques Rousseau

Jean-Jacques Rousseau

Filosofo svizzero
α 28 giugno 1712
ω 2 luglio 1778