Biografie

Marlene Dietrich

Marlene Dietrich

Biografia Angelo azzurro

Marlene Dietrich con il suo fascino e il suo carisma unico ha impersonato per lungo tempo quegli ideali di stile, eleganza e self control così in voga negli anni '30: una perfezione e un fascino assolutamente originali per l'epoca, che si appellavano sia alla sensibilità maschile sia a quella femminile, rivestendo Marlene di una patina androgina che, dopo di lei, sarebbe stata ripresa da numerosi altri artisti.

Nata il 27 dicembre 1901 a Schoeneberg, in Germania, Marie Magdalene Dietrich era figlia di una gioielliera e di un ufficiale di polizia scomparso prematuramente. La madre si risposò, ma il secondo marito cadde sul fronte orientale. Forse è per questo motivo, per una spasmodica ricerca della figura paterna che Marlene consumò molti amori con uomini dalla forte personalità. Nel suo "carniere" si annoverano nomi come Josef von Sternberg, Billy Wilder, Orson Welles, Erich Maria Remarque, Gary Cooper, Jean Gabin e Burt Lancaster.

A partire dagli anni '20 iniziò a studiare recitazione e ad apparire in alcune produzioni cinematografiche; nel 1923 sposò Rudolf Sieber che legalmente sarebbe rimasto il suo unico marito, anche se di fatto si separarono abbastanza presto, rimanendo comunque in ottimi rapporti. L'anno dopo partorì la sua prima e unica figlia, Maria.

Nel 1929 il regista ebreo-austriaco Josef von Sternberg giunge da Hollywood per fare un film basato sulla figura del professor Unrat, un personaggio frutto dell'invenzione letteraria di Heinrich Mann. Marlene Dietrich rapisce subito l'attenzione del regista e dalla collaborazione nasce un capolavoro: "L'angelo azzurro", film in cui Marlene impersona una cantante di nightclub in quello che era uno dei primi film tedeschi sonori.

Con questo esordio che la immortalò immediatamente tra i miti del cinema, ebbe inizio una lunga e gloriosa carriera. Marlene seguì Sternberg a New York e a Hollywood, recitando in altri sei suoi film che contribuirono a rendere l'attrice una leggenda vivente. Tra questi: "Marocco", in cui Marlene appare vestita con un frac nero e un cappello a tuba, "Disonorata", in cui incarna la parte di una spia austriaca durante la prima guerra mondiale.

Si andava consolidando il "personaggio Dietrich", solitaria donna fatale, intelligente e indipendente, con una forte carica sensuale e un'altrettanto forte ambivalenza di genere. "Shangai express", del 1932, la confermò ancora di più in questo ruolo. Seguirono molti altri film, come "Venere bionda", "Canzone di canzoni", "L'imperatrice scarlatta", "Il diavolo è una donna".

Finita la collaborazione con Sternberg l'attrice interpretò anche una parte brillante in una commedia diretta da Frank Borzage, "Desiderio", pellicola del 1936 che la vede nei panni di un'affascinante ladra di gioielli che fa capitolare ai suoi piedi un aitante Gary Cooper. In seguito però tornò anche ad affrontare parti più melanconiche come quella di "Angelo", un film di Ernst Lubitsch in cui interpreta Lady Maria Barker, una donna che scopre di aver tradito il marito con uno dei suoi più vecchi amici. Il film non riscuote un grande consenso e questo autorizza alcuni a parlare di declino.

Eppure Marlene torna presto alla ribalta in un genere nuovo, un western in cui impersona una cantante di saloon ("Partita d'azzardo"). Era il 1939, anno in cui l'ex angelo azzurro diviene cittadina americana. Da sempre ostile al nazismo, Marlene Dietrich decise di impegnarsi attivamente sostenendo le truppe americane in Africa e in Italia, sebbene si sentisse ancora molto legata alla sua patria d'origine. E' il tempo di "Lily Marlene", la canzone che l'avrebbe accompagnata per il resto della sua vita.

Nel dopoguerra lavorò con diversi registi: da George Lacombe in "Martin Roumagnac" a Billy Wilder in "Scandalo internazionale", film in cui Marlene, in un gioco di specchi dal sapore realistico impersona una cantante nazista in una Berlino in rovine; e poi ancora "Paura in palcoscenico" di Alfred Hitchcock e "L'infernale Quinlan" di Orson Welles.

Ma non ci furono solo film per Marlene Dietrich che, da un certo momento, cominciò a esibirsi anche sul palcoscenico dal vivo, per non dire dei concerti, tra i quali memorabile fu quello di Rio del 1959. Malgrado la sua grande mole di lavoro artistico, però, tutti la ricorderanno sempre soprattutto come la Lola de "L'angelo azzurro".

Marlene Dietrich, oggi icona assoluta della storia del Novecento, è scomparsa il 6 maggio 1992 all'età di 90 anni.

Aforismi di Marlene Dietrich

3 fotografie

Foto e immagini di Marlene Dietrich

Commenti

Non ci sono commenti per Marlene Dietrich.

Argomenti e biografie correlate

8 biografie

Nati lo stesso giorno di Marlene Dietrich

Giulio Andreotti

Giulio Andreotti

Politico italiano
α 14 gennaio 1919
ω 6 maggio 2013
Henry David Thoreau

Henry David Thoreau

Filosofo e scrittore statunitense
α 12 luglio 1817
ω 6 maggio 1862
Maria Montessori

Maria Montessori

Educatrice italiana
α 31 agosto 1870
ω 6 maggio 1952
Maurice Maeterlinck

Maurice Maeterlinck

Poeta, commediografo e saggista belga, premio Nobel
α 29 agosto 1862
ω 6 maggio 1949
Adriano Olivetti

Adriano Olivetti

Imprenditore italiano
α 11 aprile 1901
ω 27 febbraio 1960
Alberto Giacometti

Alberto Giacometti

Scultore e artista svizzero
α 10 ottobre 1901
ω 11 gennaio 1966
Carl Barks

Carl Barks

Fumettista statunitense, padre di Paperino
α 27 marzo 1901
ω 25 agosto 2000
Clark Gable

Clark Gable

Attore statunitense
α 1 febbraio 1901
ω 16 novembre 1960
Enrico Fermi

Enrico Fermi

Fisico italiano, premio Nobel
α 29 settembre 1901
ω 29 novembre 1954
Gary Cooper

Gary Cooper

Attore statunitense
α 7 maggio 1901
ω 13 maggio 1961
Gino Cervi

Gino Cervi

Attore italiano
α 3 maggio 1901
ω 3 gennaio 1974
Imperatore Hirohito

Imperatore Hirohito

Imperatore del Giappone
α 29 aprile 1901
ω 7 gennaio 1989
Jacques Lacan

Jacques Lacan

Psicanalista francese
α 13 aprile 1901
ω 9 settembre 1981
Louis Armstrong

Louis Armstrong

Musicista jazz statunitense
α 4 agosto 1901
ω 6 luglio 1971
Piero Gobetti

Piero Gobetti

Giornalista e politico antifascista italiano
α 19 giugno 1901
ω 15 febbraio 1926
Salvatore Quasimodo

Salvatore Quasimodo

Poeta italiano, premio Nobel
α 20 agosto 1901
ω 14 giugno 1968
Vittorio De Sica

Vittorio De Sica

Regista italiano
α 7 luglio 1901
ω 13 novembre 1974
Walt Disney

Walt Disney

Disegnatore statunitense
α 5 dicembre 1901
ω 15 dicembre 1966
Werner Karl Heisenberg

Werner Karl Heisenberg

Fisico tedesco, premio Nobel
α 5 dicembre 1901
ω 2 febbraio 1976
Alexander Dubcek

Alexander Dubcek

Politico cecoslovacco
α 27 novembre 1921
ω 7 novembre 1992
Antonio Amurri

Antonio Amurri

Scrittore e paroliere italiano
α 28 giugno 1925
ω 18 dicembre 1992
Astor Piazzolla

Astor Piazzolla

Musicista argentino
α 11 marzo 1921
ω 4 luglio 1992
Augusto Daolio

Augusto Daolio

Cantante italiano e leader storico dei Nomadi
α 18 febbraio 1947
ω 7 ottobre 1992
Benny Hill

Benny Hill

Comico inglese
α 21 gennaio 1924
ω 20 aprile 1992
Eugenio Da Venezia

Eugenio Da Venezia

Pittore italiano
α 9 novembre 1900
ω 8 settembre 1992
Franco Franchi

Franco Franchi

Attore comico
α 18 settembre 1928
ω 9 dicembre 1992
Gianni Brera

Gianni Brera

Giornalista sportivo italiano
α 8 settembre 1919
ω 19 dicembre 1992
Giorgio De Stefani

Giorgio De Stefani

Tennista italiano
α 24 febbraio 1904
ω 22 ottobre 1992
Giovanni Falcone

Giovanni Falcone

Magistrato italiano, vittima di mafia
α 18 maggio 1939
ω 23 maggio 1992
Isaac Asimov

Isaac Asimov

Scrittore e scienziato russo, naturalizzato statunitense
α 2 gennaio 1920
ω 6 aprile 1992
Paolo Borsellino

Paolo Borsellino

Magistrato italiano, vittima di mafia
α 19 gennaio 1940
ω 19 luglio 1992
Rita Atria

Rita Atria

Testimone di giustizia, vittima di mafia
α 4 settembre 1974
ω 26 luglio 1992