Edith Stein

Edith Stein

Edith Stein

Biografia

Il 9 agosto si celebra la Festa di Santa Teresa Benedetta della Croce. Il suo nome è Edith Stein. Fu proclamata “Patrona d’Europa” il 1° ottobre 1999 da Papa Giovanni Paolo II. Edith Stein è la prima martire cattolica di origine ebraica canonizzata. La storia di questa donna è molto interessante, e la sua biografia merita di essere raccontata e conosciuta.

La vita di Santa Teresa Benedetta della Croce è dedicata interamente alla ricerca della Verità. Come lei stessa ha affermato:

“Chiunque è alla ricerca della Verità, che lo sappia o no, è alla ricerca di Cristo”.

Di lei Papa Francesco ha detto:

“Edith Stein è donna di coerenza, che ha cercato Dio con amore e donna martire del suo popolo ebraico e cristiano”.

Edith Stein

Edith Stein

Edith Stein: la vita di Santa Teresa Benedetta della Croce

Edith Stein nacque il 12 ottobre 1891 a Braslavia (oggi Wroclaw), in Polonia, undicesima figlia di una numerosa famiglia ebraica ortodossa. Quando il padre morì prematuramente, la mamma Augusta prese in mano le redini della famiglia dimostrando grande coraggio, tenacia e determinazione. Più volte, infatti, Edith ebbe parole di stima e orgoglio per la sua mamma, che aveva preso il posto del papà scomparso trasmettendo ai figli l’importanza dell’abnegazione e del sacrificio. Edith era una bambina dalle spiccate doti intellettuali e dall’animo molto sensibile.

Edith Stein

La dedizione per lo studio e la vocazione per l'aiuto del prossimo

Dopo aver concluso le scuole elementari, si iscrisse al Ginnasio. Da adolescente, verso i quindici anni, decise di trasferirsi ad Amburgo, dove abitava la sorella Elsa. Durante gli anni giovanili, Edith scelse la strada dell’ateismo portandola avanti in maniera convinta.

Edith Stein

Nel 1904 si iscrisse presso l’Università di Braslavia, Gottinga e Friburgo: fu una studentessa modello e approfondì materie come la lingua tedesca, la storia e la psicologia. Quando, a ridosso dello scoppio della prima guerra mondiale, le lezioni accademiche furono sospese, Edith Stein tornò a Breslavia. Decise quindi di partire per il fronte come infermiera ad assistere i soldati in prima linea. Purtroppo, però, dovette rinunciare a causa di una brutta influenza che la tenne in casa per lungo tempo.

Le precarie condizioni di salute, tuttavia, non le impedirono di proseguire gli studi. Sostenne infatti il suo ultimo esame nel gennaio del 1915, quando l’Università riaprì. Si laureò con il massimo dei voti e la lode. Nell’aprile del 1915, però, volle raggiungere la zona dei Carpazi, ancora coinvolta dalla guerra, per assistere da crocerossina i malati di tifo.

Edith Stein

Gli studi accademici e la conversione

Nonostante tutto, non perse mai di vista i suoi studi e gli obiettivi. A Friburgo, infatti, nel 1916, ottenne il Dottorato in Filosofia sotto la guida di Edmund Husserl. A soli venticinque anni Edith Stein divenne assistente del suo professore, importante filosofo e matematico.

Sempre aperta e curiosa verso nuove realtà e letture, Edith Stein si dedicò alla lettura dell’autobiografia di Santa Teresa d’Avila. Fu proprio questo episodio che diede alla giovane l’impulso per conoscere e approfondire la religione cattolica. Di lì a poco, infatti, si convertì.

La vita di Edith proseguiva tra gli studi (mai trascurati) e l’insegnamento. Durante il periodo in cui insegnò presso una scuola domenicana per ragazze a Spira (in Germania) tradusse in lingua tedesca l’opera “De Veritate” di San Tommaso d’Aquino.

Le persecuzioni contro gli ebrei

Erano gli anni in cui cominciavano a diffondersi le persecuzioni nei confronti degli ebrei. Il 12 aprile 1939 Edith scrisse al Papa Pio XI e al suo Segretario di Stato (Pacelli, futuro Pio XII) una lettera in cui li invitava a rompere il silenzio circa le prime persecuzioni che venivano attuate verso gli ebrei, e di cui la Chiesa era a conoscenza.

Hitler intanto si era da poco insediato come Cancelliere.

Teresa Benedetta della Croce

Successivamente Edith Stein entrò nel Convento carmelitano di Colonia, assumendo il nome di Teresa Benedetta della Croce.

Qui scrisse il libro dal titolo “Essere finito ed infinito”, che rappresenta un punto di incontro tra le filosofie di Husserl e Tommaso d’Aquino - entrambe conosciute, studiate e approfondite dalla Stein.

Edith Stein

Trasferitasi poi in Olanda, presso il Convento carmelitano di Echt, scrisse un altro interessante volume. Purtroppo anche in Olanda arrivò la furia nazista. Il 20 luglio 1942 la Conferenza dei vescovi olandesi fece leggere in ogni Chiesa un proclama contro il razzismo praticato dai Nazisti. Pochi giorni dopo, il 26 luglio, Hitler ordinò che fossero arrestati tutti gli ebrei che si erano convertiti ad altra religione. Tra questi, appunto, c’erano Edith Stein e sua sorella Rose Stein: le donne furono deportate assieme a moltissime altre persone.

Morirono entrambe pochi giorni dopo nelle camere a gas del campo di concentramento di Auschwitz. Era il 9 agosto 1942.

Edith Stein

La figura di Edith Stein

Edith Stein è una figura di spicco del Novecento: è una martire vittima del Nazismo di cui la Chiesa cattolica ha grande considerazione per il modello di vita che ha rappresentato.

La data in cui viene celebrata coincide con il giorno della sua triste morte.

Frasi di Edith Stein

8 fotografie

Foto e immagini di Edith Stein

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

7 biografie

Nati lo stesso giorno di Edith Stein

Franca Valeri

Franca Valeri

Attrice italiana
α 31 luglio 1920
ω 9 agosto 2020
Guido Gozzano

Guido Gozzano

Poeta e scrittore italiano
α 19 dicembre 1883
ω 9 agosto 1916
Hermann Hesse

Hermann Hesse

Scrittore tedesco, premio Nobel
α 2 luglio 1877
ω 9 agosto 1962
Hieronymus Bosch

Hieronymus Bosch

Pittore olandese
α 2 ottobre 1453
ω 9 agosto 1516
Ruggero Leoncavallo

Ruggero Leoncavallo

Compositore italiano
α 23 aprile 1857
ω 9 agosto 1919
Sharon Tate

Sharon Tate

Attrice statunitense
α 24 gennaio 1943
ω 9 agosto 1969
Alberto Savinio

Alberto Savinio

Scrittore, pittore e compositore italiano
α 25 agosto 1891
ω 5 maggio 1952
Antonio Gramsci

Antonio Gramsci

Politico italiano
α 22 gennaio 1891
ω 27 aprile 1937
Antonio Segni

Antonio Segni

Quarto Presidente della Repubblica Italiana
α 2 febbraio 1891
ω 1 dicembre 1972
Erwin Rommel

Erwin Rommel

Comandante militare tedesco
α 15 novembre 1891
ω 14 ottobre 1944
Gio Ponti

Gio Ponti

Architetto e designer italiano
α 18 novembre 1891
ω 16 settembre 1979
Henry Miller

Henry Miller

Scrittore statunitense
α 26 dicembre 1891
ω 7 giugno 1980
Max Ernst

Max Ernst

Pittore tedesco
α 2 aprile 1891
ω 1 aprile 1976
Michail Bulgakov

Michail Bulgakov

Scrittore e drammaturgo russo
α 15 maggio 1891
ω 19 marzo 1940
Ole Kirk Kristiansen

Ole Kirk Kristiansen

Inventore danese dei mattoncini Lego
α 7 aprile 1891
ω 11 marzo 1958
Pietro Nenni

Pietro Nenni

Politico italiano
α 9 febbraio 1891
ω 1 gennaio 1980
Carole Lombard

Carole Lombard

Attrice statunitense
α 6 ottobre 1908
ω 16 gennaio 1942
Cesare Mori

Cesare Mori

Prefetto italiano
α 22 dicembre 1871
ω 5 luglio 1942
Dorando Pietri

Dorando Pietri

Maratoneta italiano
α 16 ottobre 1885
ω 7 febbraio 1942
John Barrymore

John Barrymore

Attore statunitense
α 14 febbraio 1882
ω 29 maggio 1942
Robert Musil

Robert Musil

Scrittore e drammaturgo austriaco
α 6 novembre 1880
ω 15 aprile 1942
Stefan Zweig

Stefan Zweig

Scrittore, drammaturgo, biografo e poeta austriaco
α 28 novembre 1881
ω 23 febbraio 1942
Wilbur Scoville

Wilbur Scoville

Chimico statunitense, inventore della Scala di Scoville
α 22 gennaio 1865
ω 10 marzo 1942