Biografie

Giovanni Maria Vianney

Giovanni Maria Vianney
Giovanni Maria Vianney nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Giovanni Maria Vianney

Biografia

Giovanni Maria Battista Vianney, il cui vero nome è Jean-Marie Baptiste Vianney, nasce l'8 maggio del 1786 a Dardilly, figlio di Maria e di Matteo, quarto di sei figli. Caratterizzato da una personalità gioviale e allegra, ai limiti dell'impetuoso, sin da bambino si dimostra devoto alla Vergine Maria, anche grazie all'educazione impartitagli dalla madre: per questo ha l'abitudine di ritirarsi in preghiera presso una piccola statua in legno della Madonna.

La giovinezza di Giovanni Maria Vianney

Trascorrendo l'infanzia in una condizione di povertà e lavorando per aiutare la famiglia, già a sette anni Giovanni Maria Vianney ha il compito di portare, insieme con la sorella Margherita, il gregge al pascolo. Insieme con gli altri pastorelli suoi coetanei, è solito cimentarsi in canti liturgici e prediche, per altro fuori legge in seguito alla costituzione civile del clero e alla scissione della chiesa francese in clero costituzionale e clero refrattario.

Dopo avere imparato a leggere e a scrivere grazie a Caterina, sua sorella maggiore, a partire dal 1795 frequenta la scuola del "cittadino Dumas"; un paio di anni più tardi riceve da don Groboz la sua prima confessione: lo stesso sacerdote invita i genitori di Jean-Marie a mandarlo dalle Dame Catechiste di Ecully, in modo tale che possa beneficiare dell'istruzione religiosa necessaria.

La vocazione

Così avviene, e nel 1799 Vianney riceve la prima comunione. In seguito, tuttavia, è costretto suo malgrado a trascurare lo studio a scuola, per dedicarsi per esigenze familiari al lavoro nei campi: è proprio in questi anni, comunque, che manifesta una vocazione al sacerdozio, di cui parla ai parenti.

Suo padre, però, non accetta tale vocazione, anche per i pesanti debiti con cui deve fare i conti la famiglia. Gli anni passano: Jean-Marie, ormai ventenne, scopre che il curato di Ecully, don Balley, è disponibile ad accogliere in casa i ragazzi intenzionati a diventare sacerdoti; a quel punto il padre del ragazzo accetta la volontà del figlio.

Gli ostacoli sul cammino

Tuttavia, la strada per il giovane Giovanni Maria Vianney non è priva di ostacoli: molto complicato, in particolare, si dimostra il ritorno sui libri; Jean-Marie fa molta fatica a imparare il latino, che a quel tempo è indispensabile per conoscere le scritture, ma ha difficoltà anche con i manuali teologici e con la liturgia.

Demoralizzato per questi problemi, il giovane si incammina in un pellegrinaggio, pur non avendo soldi in tasca e da solo, fino alla tomba di san Francesco Regis a Lalouvesc. Il viaggio, pur faticoso e impegnativo, rinforza i suoi propositi e consolida il suo spirito, convincendolo ad affrontare lo studio e a tentare di superare ogni difficoltà: con il passare del tempo si cominciano a vedere dei progressi.

Dopo avere ricevuto dal cardinale Joseph Fesch, zio di Napoleone Bonaparte, il sacramento della cresima insieme con la sorella Margherita, il ragazzo sceglie Battista come secondo nome, dimostrando di essere devoto al precursore evangelico. Un paio di anni più tardi, viene chiamato alle armi, a dispetto dei tentativi di don Balley di far registrare il suo nome nell'elenco dei seminaristi, esenti dal servizio militare per legge.

Dall'esperienza militare al sacerdozio

Entrato in una caserma di Lione come recluta, vi rimane comunque per poco tempo, visto che per colpa di una febbre pesantissima viene fatto trasferire dal medico militare in ospedale: dopo essere stato ricoverato a Lione, viene assistito dalle religione agostiniane di Roanne.

Superato il malanno e tornato in seminario, diventa finalmente sacerdote: dopo essere stato ordinato diacono il 23 giugno del 1815 nella primaziale di San Giovanni a Lione, supera l'ultimo esame canonico davanti al vicario Bochard, e il 13 agosto dello stesso anno, all'età di ventinove anni e tre mesi, Giovanni Maria Vianney viene ordinato sacerdote a Grenoble.

Le prime esperienze sacerdotali

Già il giorno successivo ha l'opportunità di celebrare la sua prima messa; quindi fa ritorno ad Ecully, dove don Balley gli affida il compito di assistere come vicario parrocchiale il padre spirituale. Il 27 agosto battezza un bambino per la prima volta, e nelle settimane successive si dedica non solo alle prediche dal pulpito, ma anche al catechismo dei bambini e alle confessioni, per portare a termine le quali giunge perfino a saltare i pasti.

Pur venendo mantenuto dai suoi parrocchiani, si trova spesso senza un soldo, ma nonostante ciò non si fa problemi nel regalare i propri indumenti ai mendicanti. Nel frattempo continua a dedicarsi allo studio, sui libri di teologia, e si mortifica, mangiando pochissimo e portando il cilicio.

La vita ad Ars

In seguito, Vianney viene ordinato parroco di Ars, un villaggio di 230 abitanti: si incammina verso la sua nuova destinazione il 9 febbraio del 1818. Una delle sue "battaglie" più celebri è quella contro il ballo, che all'epoca non rappresenta un innocente e innocuo divertimento, ma viene considerato una piaga, che non di rado è foriera di disordini.

L'azione pastorale di Vianney, in questo come in molti altri casi, non si limita in prediche dal pulpito, ma in azioni concrete: per esempio, egli paga i suonatori itineranti affinché non suonino più. In linea generale, da parroco Jean-Marie mette in mostra metodi tanto severi quanto forti, che hanno ripercussioni evidenti: non sono rari i casi in cui alcuni parrocchiani lo invitano ad andarsene.

Nonostante questi problemi, egli resta ad Ars per ben quarant'anni, divenendo un confessore stimato e insegnando il catechismo.

Giovanni Maria Vianney muore proprio in quel villaggio il 4 agosto del 1850, quasi in odore di santità, visto che la località per merito suo era ormai da tempo meta di pellegrinaggi.

Santo

Il "Curato d'Ars" è stato beatificato l'8 gennaio 1905 da papa Pio X e canonizzato il 31 maggio 1925 da papa Pio XI. La chiesa cattolica lo celebra con la ricorrenza, nella data della sua morte, ogni 4 agosto. San Giovanni Maria Vianney è considerato patrono di presbiteri e parroci.

Frasi di Giovanni Maria Vianney

3 fotografie

Foto e immagini di Giovanni Maria Vianney

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Giovanni Maria Vianney ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Giovanni Maria Vianney nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Giovanni Maria Vianney

14 biografie

Nati lo stesso giorno di Giovanni Maria Vianney

Anita Garibaldi

Anita Garibaldi

Rivoluzionaria italiana di origini brasiliane
α 30 agosto 1821
ω 4 agosto 1849
Ernst Bloch

Ernst Bloch

Scrittore e filosofo tedesco, teologo dell'ateismo
α 8 luglio 1885
ω 4 agosto 1977
Hans Christian Andersen

Hans Christian Andersen

Scrittore e poeta danese
α 2 aprile 1805
ω 4 agosto 1875
William Burroughs

William Burroughs

Scrittore statunitense
α 5 febbraio 1914
ω 4 agosto 1997
Davy Crockett

Davy Crockett

Militare, cacciatore, avventuriero ed eroe popolare del Far West statunitense
α 17 agosto 1786
ω 6 marzo 1836
Luigi Filippo di Francia

Luigi Filippo di Francia

Monarca francese
α 6 ottobre 1773
ω 26 agosto 1850
Frédéric Bastiat

Frédéric Bastiat

Economista, filosofo liberale francese
α 30 giugno 1801
ω 24 dicembre 1850
Giuseppe Giusti

Giuseppe Giusti

Scrittore e poeta italiano
α 12 maggio 1809
ω 31 marzo 1850
Honoré de Balzac

Honoré de Balzac

Scrittore francese
α 20 maggio 1799
ω 18 agosto 1850
Margaret Fuller

Margaret Fuller

Scrittrice, giornalista e patriota statunitense
α 23 maggio 1810
ω 19 luglio 1850
Marie Tussaud

Marie Tussaud

Scultrice francese, fondatrice del museo delle cere Madame Tussauds
α 1 dicembre 1761
ω 15 aprile 1850
Robert Peel

Robert Peel

Politico inglese
α 5 febbraio 1778
ω 2 luglio 1850
William Wordsworth

William Wordsworth

Poeta inglese
α 7 aprile 1770
ω 23 aprile 1850