Eliška Junková

Eliška Junková

Eliška Junková

Eliška Junková nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia

Eliška Junková fu la prima donna a vincere una gara nella Formula Grand Prix.

Il vero nome di nascita della pilota automobilistica è Alžběta Pospíšilová; è nota anche con il nome di Elisabeth Junek.

Eliška Junková nasce a Olomouc (in Cecoslovacchia - oggi Repubblica ceca) il 16 novembre del 1900.

L'infanzia e il primo lavoro

Fu la sesta di otto figli: il padre era un fabbro. Nacque in Moravia, sotto il dominio dell'impero austro-ungarico. Il suo soprannome in tenera età era smíšek per il suo sorriso sempre presente sul viso.

Dopo la fine della prima guerra mondiale, quando la sua nativa Moravia entrò a far parte della nuova repubblica di Cecoslovacchia.

All'età di sedici anni trovò lavoro nella banca locale (Prague Credit Bank), nella filiale di Olomouc. Tra le sue competenze c'era quella di parlare più lingue, affinata dal suo desiderio di viaggiare il mondo. Qui incontrò il giovane banchiere Vincenc "Čeněk" Junek, di diversi anni più anziano di lei, che divenne il suo compagno.

Il suo lavoro la portò prima a Brno, poi a Praga, poi all'estero in Francia e Gibilterra. La burocrazia le impedì di viaggiare fino al Nord Africa, Londra o Ceylon, come era stata la sua intenzione originale. Tornò poi a Parigi per ricongiungersi al suo compagno: egli a quel tempo era diventato abbastanza ricco da assecondare le sue passioni automobilistiche.

In seguito Eliška disse:

"Se sarà l'amore della mia vita, è meglio che impari ad amare questi dannati motori".

La passione per le auto

Eliška infatti si innamorò presto del fascino delle auto sportive dell'epoca, in particolare le italiane Bugatti.

La coppia tornò a Praga nel 1922, dove la futura pilota prese lezioni di guida clandestina per ottenere la patente.

Nel frattempo, Čeněk aveva iniziato a correre sul serio: vinse la cronoscalata Zbraslav-Jíloviště nel 1922, l'anno in cui finalmente si sposarono.

Dopo il suo matrimonio con Vincenc, cambiò il suo nome di battesimo in Eliška ed il suo cognome in Junková (il femminile di Junek in ceco).

Nell'allora Cecoslovacchia Eliška fu tra le prime donne a ottenere una patente di guida.

Eliška Junková con il marito Vincenc Junek

Eliška Junková con il marito Vincenc Junek

La carriera di pilota

Nello stesso anno in cui si sposarono, il 1922, acquistarono una Mercedes e poi una Bugatti Type 30 che aveva già corso nel Gran Premio di Francia.

Inizialmente Eliška lavorò come meccanico nella scuderia del marito; poi purtroppo un infortunio occorso alla mano durante la guerra, influì sulla sua capacità di cambiare marcia. Ciò diede l'opportunità a Eliška di prendere il volante al posto del suo compagno.

La prima gara professionistica di Eliška Junková risale al 1923, con Čeněk al suo fianco. L'anno successivo corse da sola, vincendo la sua classe all'evento di cronoscalata Lochotín-Třemošná: l'evento la rese una celebrità nazionale.

Eliška Junková

Eliška Junková

Si classificò prima a Zbraslav-Jíloviště nel 1925: per festeggiare comprarono una seconda Bugatti. In questo periodo instaurò inoltre una stretta amicizia con Ettore Bugatti.

L'anno seguente cominciò a competere nelle gare automobilistiche di tutta Europa. La sua fama le fece guadagnare il soprannome di Regina del Volante; la stampa cominciò a chiamarla con il suo nome inglese, Elizabeth.

Eliška Junková

La sua carriera di pilota raggiunse l'apice nel 1928: in questo anno partecipò alla celebre Targa Florio su strada, in Sicilia. All'epoca era considerata la gara più difficile del mondo. Eliška Junková portò al traguardo la sua auto, una Bugatti T35B compiendo una vera impresa, di cui parleremo ancora tra poche righe.

Gli avversari

Durante la sua carriera di pilota corse e batté oltre 20 dei più famosi e forti piloti dell'epoca, inclusi Luigi Fagioli, René Dreyfus, Ernesto Maserati e Tazio Nuvolari.

Nel suo libro biografico "My Two Lives", René Dreyfus racconta di Eliška Junková e della sua impresa del 1928:

"La sua tenacia e determinazione erano notevoli. Per questo evento si è recata in Sicilia con una governante e un'auto come quella con cui avrebbe gareggiato, un mese intero prima della gara. Ha iniziato lentamente, un giro un giorno, due giri il successivo e così via - deve aver fatto trenta o quaranta giri in quella macchina. Conosceva il percorso meglio di chiunque altro. Ha davvero battuto la sua Bugatti; era un'auto molto usata il giorno della gara, ma naturalmente aveva pensato in anticipo e il team Bugatti arrivò con la nuova macchina che aveva ordinato, una T35B dipinta di nero e giallo e disposta per essere consegnata al campo. Era pronta con il suo piano. Nei primi giri di gara ha iniziato a spaventare gli altri piloti - essere battuti da una donna allora era impensabile - ed è rimasta in testa fino all'ultimo giro. Ciò che non aveva considerato in tutti i suoi accurati calcoli pre-gara e ciò che non poteva prevedere, era che problemi meccanici avrebbero potuto interferire con il suo piano. Quando lo fecero, fu costretta a ritirarsi. Tuttavia, è arrivata quinta - uno spettacolo fantastico. Nessuno dei presenti a quella Targa Florio, ha mai dimenticato quella formidabile Signora."

Lo stesso Vincenzo Florio si congratulò calorosamente con lei all'arrivo e, scusandosi con il vincitore - il francese Albert Divo, la definì la vincitrice morale della giornata.

Eliška Junková

La tragica morte del marito

Due mesi dopo la Targa Florio, tornò al Nürburgring, in Germania, per correre il Gran Premio di Germania: nella gara condivise la guida con il marito.

Al quinto giro cambiò guida e prese il volante Vincenc; egli si affrettò per recuperare il tempo perso in un cambio gomme. Ad una curva l'auto colpì una roccia e si ribaltò. Il marito venne sbalzato fuori dall'auto: morì poco dopo per un grave trauma cranico. Eliška Junková rimase devastata.

Smise di correre e vendette i suoi veicoli, tornando alla sua prima passione: i viaggi. Ettore Bugatti stesso le regalò una nuova auto da turismo per il suo viaggio a Ceylon; contemporaneamente la assunse per cercare nuove opportunità di affari in Asia.

Una nuova vita

Eliška ritrovò l'amore e poco dopo la seconda guerra mondiale sposò lo scrittore ceco Ladislav Khás. Dal 1948 al 1964, le autorità comuniste, disapprovando lo stile di vita alto e borghese che aveva sin lì vissuto, si rifiutarono di permetterle di viaggiare all'estero.

Nel 1969 tornò alla guida di un'auto in una manifestazione internazionale, partecipato al 40 ° anniversario del Bugatti Owners 'Club in Gran Bretagna.

Nel 1973 pubblicò la sua autobiografia Má Vzpomínka je Bugatti ("La mia memoria è Bugatti").

Nel 1989, all'età di 89 anni, partecipò a una riunione Bugatti negli Stati Uniti come ospite d'onore.

Eliška Junková

Eliška Junková morì a Praga il 5 gennaio 1994, all'età di 93 anni.

Nel 2020 Google l'ha celebrata con un doodle speciale.

Eliška Junková doodle

9 fotografie

Foto e immagini di Eliška Junková

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Eliška Junková nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

9 biografie

Nati lo stesso giorno di Eliška Junková

Alfonso La Marmora

Alfonso La Marmora

Generale e politico italiano
α 17 novembre 1804
ω 5 gennaio 1878
Calvin Coolidge

Calvin Coolidge

30° Presidente degli Stati Uniti d'America
α 4 luglio 1872
ω 5 gennaio 1933
Carlo Porta

Carlo Porta

Poeta dialettale milanese
α 15 giugno 1775
ω 5 gennaio 1821
Ernest Henry Shackleton

Ernest Henry Shackleton

Esploratore irlandese
α 15 febbraio 1874
ω 5 gennaio 1922
Josef Radetzky

Josef Radetzky

Militare austriaco
α 2 novembre 1766
ω 5 gennaio 1858
Marina Ripa di Meana

Marina Ripa di Meana

Stilista, scrittrice e personaggio tv italiana
α 21 ottobre 1941
ω 5 gennaio 2018
Max Born

Max Born

Fisico polacco, premio Nobel
α 11 dicembre 1882
ω 5 gennaio 1970
Momofuku Ando

Momofuku Ando

Imprenditore giapponese, inventore dei noodles istantanei
α 5 marzo 1910
ω 5 gennaio 2007
Pippo Fava

Pippo Fava

Giornalista e scrittore italiano
α 15 settembre 1925
ω 5 gennaio 1984
Antoine de Saint-Exupéry

Antoine de Saint-Exupéry

Scrittore e aviatore francese
α 29 giugno 1900
ω 31 luglio 1944
Eduardo De Filippo

Eduardo De Filippo

Commediografo italiano
α 24 maggio 1900
ω 31 ottobre 1984
Erich Fromm

Erich Fromm

Psicoanalista e sociologo tedesco
α 23 marzo 1900
ω 18 marzo 1980
Eugenio Da Venezia

Eugenio Da Venezia

Pittore italiano
α 9 novembre 1900
ω 8 settembre 1992
Hans Georg Gadamer

Hans Georg Gadamer

Filosofo tedesco
α 11 febbraio 1900
ω 14 marzo 2002
Heinrich Himmler

Heinrich Himmler

Gerarca nazista
α 7 ottobre 1900
ω 23 maggio 1945
Howard Hathaway Aiken

Howard Hathaway Aiken

Matematico e informatico statunitense
α 9 marzo 1900
ω 14 marzo 1976
Ignazio Silone

Ignazio Silone

Scrittore italiano
α 1 maggio 1900
ω 22 agosto 1978
Jacques Prévert

Jacques Prévert

Poeta e sceneggiatore francese
α 4 febbraio 1900
ω 11 aprile 1977
Lo Zeppelin

Lo Zeppelin

Il primo dirigibile
α 2 luglio 1900
Margaret Mitchell

Margaret Mitchell

Scrittrice statunitense
α 8 novembre 1900
ω 16 agosto 1949
Oskar Fischinger

Oskar Fischinger

Animatore e pittore tedesco, autore di cortometraggi d'animazione astratta
α 22 giugno 1900
ω 31 gennaio 1967
Spencer Tracy

Spencer Tracy

Attore statunitense
α 5 aprile 1900
ω 10 giugno 1967
Andrei Chikatilo

Andrei Chikatilo

Serial killer russo
α 16 ottobre 1936
ω 16 febbraio 1994
Ayrton Senna

Ayrton Senna

Pilota F1 brasiliano
α 21 marzo 1960
ω 1 maggio 1994
Burt Lancaster

Burt Lancaster

Attore statunitense
α 2 novembre 1913
ω 20 ottobre 1994
Charles Bukowski

Charles Bukowski

Poeta e scrittore statunitense
α 16 agosto 1920
ω 9 marzo 1994
Domenico Modugno

Domenico Modugno

Cantante e attore italiano
α 9 gennaio 1928
ω 6 agosto 1994
Elias Canetti

Elias Canetti

Scrittore bulgaro, premio Nobel
α 25 luglio 1905
ω 14 agosto 1994
Eugène Ionesco

Eugène Ionesco

Drammaturgo e saggista francese di origini romene
α 26 novembre 1909
ω 28 marzo 1994
George Peppard

George Peppard

Attore statunitense
α 1 ottobre 1928
ω 8 maggio 1994
Giuseppe Diana

Giuseppe Diana

Prete cattolico, vittima della camorra
α 4 luglio 1958
ω 19 marzo 1994
Gustavo Rol

Gustavo Rol

Sensitivo italiano
α 20 giugno 1903
ω 22 settembre 1994
Guy Debord

Guy Debord

Filosofo francese
α 28 dicembre 1931
ω 30 novembre 1994
Ilaria Alpi

Ilaria Alpi

Giornalista italiana, assassinata in Somalia
α 24 maggio 1961
ω 20 marzo 1994
Jacqueline Kennedy

Jacqueline Kennedy

First Lady statunitense
α 28 luglio 1929
ω 19 maggio 1994
Jeffrey Dahmer

Jeffrey Dahmer

Serial killer statunitense
α 21 maggio 1960
ω 28 novembre 1994
Karl Popper

Karl Popper

Filosofo austriaco
α 28 luglio 1902
ω 17 settembre 1994
Kim Il-sung

Kim Il-sung

Dittatore nordcoreano
α 15 aprile 1912
ω 8 luglio 1994
Kurt Cobain

Kurt Cobain

Cantante e musicista statunitense
α 20 febbraio 1967
ω 5 aprile 1994
Massimo Troisi

Massimo Troisi

Comico italiano
α 19 febbraio 1953
ω 4 giugno 1994
Moana Pozzi

Moana Pozzi

Pornostar italiana
α 27 aprile 1961
ω 15 settembre 1994
Nicolás Gómez Dávila

Nicolás Gómez Dávila

Scrittore e filosofo colombiano
α 18 maggio 1913
ω 17 maggio 1994
Paul K. Feyerabend

Paul K. Feyerabend

Filosofo della scienza austriaco
α 13 gennaio 1924
ω 11 febbraio 1994
Richard Nixon

Richard Nixon

37° Presidente degli Stati Uniti d'America
α 9 gennaio 1913
ω 22 aprile 1994
Robert Doisneau

Robert Doisneau

Fotografo francese
α 14 aprile 1912
ω 1 aprile 1994
Wanda Osiris

Wanda Osiris

Attrice, cantante e soubrette italiana
α 3 giugno 1905
ω 11 novembre 1994