Biografie

Gerald Ford

Gerald Ford
Gerald Ford nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Guidando su sentieri tortuosi

Gerald Rudolph Ford nasce il 14 luglio 1913 con il nome di Leslie Lynch King Jr. a Omaha, cittadina dello Stato americano del Nebraska. I genitori sono Dorothy Ayer Garner e Leslie Lynch King. Presto la madre e il padre divorziano e il piccolo prende il nome del patrigno Gerald Rudolph Ford Sr, poiché la madre si risposa. Gerald vive nello Stato del Michigan e frequenta l'Università del Michigan. In questi anni tra l'altro il giovane gioca nella squadra di football americano dell'Università. E' un buon atleta, ma decide di non avere un futuro sportivo, perché si vuole dedicare agli studi. Nel 1935 ottiene l'incarico di assistente allenatore presso l'Università di Yale. In quell'anno, Gerald prende la decisione di studiare giurisprudenza.

Nel 1938, dopo avere lasciato l'Università del Michigan, inizia i suoi studi presso l'Università di Yale in cui è stato ammesso come studente di giurisprudenza a tempo parziale. Nel 1939 ottiene il consenso dell'Università per poter studiare a tempo pieno. Nel 1941 Ford si laurea. Prima dello scoppio della seconda guerra mondiale, apre uno studio legale insieme al collega universitario Buchen. Dopo solo un anno però lo studio chiude a causa del coinvolgimento degli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale. In occasione del conflitto si arruola nell'esercito americano, assumendo il grado di tenente.

Sul finire del 1945 Ford viene congedato e torna negli Stati Uniti, iniziando a militare in politica. Nel 1947 il padre adottivo eredita il 27% delle quote del gruppo industriale di suo zio Henry Ford, per cui Gerald Rudolph Ford Jr. diventa il nuovo direttore legale di una delle più grandi imprese americane. Il 17 marzo 1948 però uno scandalo colpisce il gruppo e Ford deve lasciare la carica assegnatagli. Il gruppo industriale è accusato di corruzione, per cui finisce in bancarotta.

Nel 1948 si dedica alla sua carriera politica candidandosi alle elezioni primarie del partito repubblicano, che poi però perde. L'8 novembre 1948 viene eletto in seno alla Camera dei Rappresentanti e presto diventa uno dei leader di spicco del partito repubblicano.

Resta alla Camera dei Rappresentanti dal 1949 al 1973. Nel 1949 conosce Richard Nixon all'interno del gruppo Chowder Marching Club. I due si scambiano le loro idee politiche; l'influenza di Nixon su Ford sarà forte, condizionando così la sua carriera politica. Nel 1960 valuta l'idea di sostenere la candidatura di Richard Nixon alle elezioni presidenziali. L'anno seguente il politico repubblicano è designato Presidente della Camera dei Rappresentanti. In quell'anno viene anche nominato Uomo del Congresso dall'American Political Science Association. Nel 1965 Ford viene eletto leader della minoranza repubblicana.

Egli non ha mai sostenuto la campagna militare americana in Vietnam e si è opposto a molte decisioni politiche del Presidente statunitense Lyndon Johnson. Nel 1972 lo scandalo Watergate colpisce il Presidente Richard Nixon, che però riceve il sostegno morale di Ford. In seguito alle dimissioni del vicepresidente Spiro Agnew, Nixon nomina vicepresidente Ford. Dopo lo scandalo, Nixon rassegna le dimissioni e l'8 agosto 1974 Gerald Ford Jr. assume l'incarico di (trentottesimo) Presidente degli Stati Uniti d'America.

Nel corso del suo mandato presidenziale Ford aumenta le tasse, diminuisce la spesa, deregolamenta le industrie e cerca di tenere sotto controllo i prezzi energetici per cercare di far riprendere la produzione, abbattere l'inflazione e stroncare la disoccupazione.

In politica estera invece il Presidente americano deve affrontare le conseguenze che si ripercuotono nel suo Paese a causa della crisi internazionale che ha comportato l'aumento dei prezzi petroliferi e l'acutizzarsi della crisi mediorientale. Riesce a sopravvivere in occasione di due attentati alla sua vita: nel settembre 1975 un uomo appartenente alla setta di Charles Manson tenta di ucciderlo in California, così come Sara Jane Moor a San Francisco.

Il Presidente perdona Richard Nixon per ciò che ha commesso, perdendo così le elezioni presidenziali del 1976 che decretano la vittoria del candidato repubblicano Jimmy Carter.

Con la fine del suo mandato presidenziale Ford continua a operare per il suo Paese sia nel settore pubblico sia nel settore privato e nel 1979 scrive la sua autobiografia. Il politico repubblicano continua a presentarsi nelle reti televisive americane, partecipando a interviste politiche molto interessanti in cui analizza la geopolitica mondiale.

In occasione della Convenzione repubblicana tenutasi prima delle elezioni in cui si candida per il partito repubblicano Ronald Reagan, vorrebbe proporre la sua candidatura come vicepresidente, ma Reagan sceglie per questa carica George H. W. Bush Sr.

Nel 2000 Ford partecipa alla Convenzione repubblicana. Il 14 gennaio 2006 il vecchio Presidente è ricoverato nell'ospedale Eisenhower Medical Center nel sud della California a causa di una polmonite. Non si riprende fisicamente del tutto e nell'ottobre 2006 viene nuovamente ricoverato.

Rudolph Gerald Ford muore all'età di novantatre anni il 26 dicembre 2006. Il 30 dicembre 2006 viene svolto il suo funerale di Stato. Dopo la sua morte numerosi dei suoi avversari politici lo definiscono come un leader politico che ha fatto tanto per gli Stati Uniti, servendo sempre la patria che ha amministrato politicamente in tempi difficili.

Frasi di Gerald Ford

3 fotografie

Foto e immagini di Gerald Ford

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Gerald Ford ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Gerald Ford nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

8 biografie

Nati lo stesso giorno di Gerald Ford

Dian Fossey

Dian Fossey

Zoologa statunitense
α 16 gennaio 1932
ω 26 dicembre 1986
Harry Truman

Harry Truman

33° Presidente degli Stati Uniti d'America
α 8 maggio 1884
ω 26 dicembre 1972
Heinrich Schliemann

Heinrich Schliemann

Archeologo tedesco
α 6 gennaio 1822
ω 26 dicembre 1890
Aimé Césaire

Aimé Césaire

Poeta, scrittore e politico francese
α 26 giugno 1913
ω 17 aprile 2008
Albert Camus

Albert Camus

Scrittore francese, premio Nobel
α 7 novembre 1913
ω 4 gennaio 1960
Benjamin Britten

Benjamin Britten

Compositore, direttore d'orchestra e pianista inglese
α 22 novembre 1913
ω 4 dicembre 1976
Boris Pahor

Boris Pahor

Scrittore sloveno
α 28 agosto 1913
Burt Lancaster

Burt Lancaster

Attore statunitense
α 2 novembre 1913
ω 20 ottobre 1994
Erich Priebke

Erich Priebke

Ufficiale nazista
α 29 luglio 1913
ω 11 ottobre 2013
Jesse Owens

Jesse Owens

Atleta statunitense
α 12 settembre 1913
ω 31 marzo 1980
Mary Leakey

Mary Leakey

Paleoantropologa e archeologa inglese
α 6 febbraio 1913
ω 9 dicembre 1996
Nicolás Gómez Dávila

Nicolás Gómez Dávila

Scrittore e filosofo colombiano
α 18 maggio 1913
ω 17 maggio 1994
Paul Ricoeur

Paul Ricoeur

Filosofo francese
α 27 febbraio 1913
ω 20 maggio 2005
Piero Chiara

Piero Chiara

Scrittore italiano
α 23 marzo 1913
ω 31 dicembre 1986
Richard Nixon

Richard Nixon

37° Presidente degli Stati Uniti d'America
α 9 gennaio 1913
ω 22 aprile 1994
Robert Capa

Robert Capa

Fotografo ungherese
α 22 ottobre 1913
ω 25 maggio 1954
Vasco Pratolini

Vasco Pratolini

Scrittore italiano
α 19 ottobre 1913
ω 12 gennaio 1991
Vivien Leigh

Vivien Leigh

Attrice inglese
α 5 novembre 1913
ω 7 luglio 1967
Alida Valli

Alida Valli

Attrice italiana
α 31 maggio 1921
ω 22 aprile 2006
Angelo D'Arrigo

Angelo D'Arrigo

Deltaplanista e ricercatore italiano
α 3 aprile 1961
ω 26 marzo 2006
Anna Politkovskaja

Anna Politkovskaja

Giornalista russa
α 30 agosto 1958
ω 7 ottobre 2006
Augusto Pinochet

Augusto Pinochet

Dittatore cileno
α 25 novembre 1915
ω 10 dicembre 2006
Bruno Lauzi

Bruno Lauzi

Cantautore italiano
α 8 agosto 1937
ω 24 ottobre 2006
Clay Regazzoni

Clay Regazzoni

Pilota F1 svizzero
α 5 settembre 1939
ω 15 dicembre 2006
Desmond Doss

Desmond Doss

Militare statunitense, obiettore di coscienza
α 7 febbraio 1919
ω 23 marzo 2006
Elisabeth Schwarzkopf

Elisabeth Schwarzkopf

Soprano tedesco naturalizzata inglese
α 9 dicembre 1915
ω 3 agosto 2006
Giacinto Facchetti

Giacinto Facchetti

Calciatore italiano, dirigente dell'Inter
α 18 luglio 1942
ω 4 settembre 2006
Gillo Pontecorvo

Gillo Pontecorvo

Regista italiano
α 19 novembre 1919
ω 12 ottobre 2006
Irving Layton

Irving Layton

Poeta canadese
α 12 marzo 1912
ω 4 gennaio 2006
James Brown

James Brown

Cantante statunitense
α 3 maggio 1933
ω 25 dicembre 2006
John Kenneth Galbraith

John Kenneth Galbraith

Economista canadese
α 15 ottobre 1908
ω 29 aprile 2006
Joseph Barbera

Joseph Barbera

Fumettista statunitense
α 24 marzo 1911
ω 18 dicembre 2006
Lou Rawls

Lou Rawls

Cantante statunitense
α 1 dicembre 1933
ω 6 gennaio 2006
Luca Coscioni

Luca Coscioni

Politico italiano
α 16 luglio 1967
ω 20 febbraio 2006
Mario Merola

Mario Merola

Cantante italiano
α 6 aprile 1937
ω 12 novembre 2006
Milton Friedman

Milton Friedman

Economista statunitense, premio Nobel
α 31 luglio 1912
ω 16 novembre 2006
Mimmo Rotella

Mimmo Rotella

Artista italiano
α 7 ottobre 1918
ω 9 gennaio 2006
Oriana Fallaci

Oriana Fallaci

Giornalista e scrittrice italiana
α 29 giugno 1929
ω 15 settembre 2006
Richard Kuklinski

Richard Kuklinski

Noto criminale statunitense
α 11 aprile 1935
ω 5 marzo 2006
Robert Altman

Robert Altman

Regista statunitense
α 20 febbraio 1925
ω 20 novembre 2006
Saddam Hussein

Saddam Hussein

Dittatore iracheno
α 28 aprile 1937
ω 30 dicembre 2006
Slobodan Milosevic

Slobodan Milosevic

Politico serbo
α 20 agosto 1941
ω 11 marzo 2006
Stanislaw Lem

Stanislaw Lem

Medico e scrittore di fantascienza polacco
α 12 dicembre 1921
ω 27 marzo 2006
Syd Barrett

Syd Barrett

Musicista inglese, Pink Floyd
α 6 gennaio 1946
ω 11 luglio 2006