Biografie

Hans Urs von Balthasar

Hans Urs von Balthasar
Hans Urs von Balthasar nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Hans Urs von Balthasar

Biografia Il principio della bellezza di Dio

Hans Urs von Balthasar nasce il 12 agosto del 1905 a Lucerna, in Svizzera, da una famiglia molto cattolica. Dopo aver compiuto i primi studi dai gesuiti e dai benedettini, a partire dal 1923 Hans studia filosofia e germanistica: dapprima a Zurigo, poi a Berlino e Vienna; nel 1928 si laurea a Zurigo presentando una tesi dedicata alla storia del problema escatologico nell'ambito della letteratura tedesca moderna. Nel frattempo, già nel 1927, durante gli studi, si era ritirato a Basilea per un periodo di ricerca spirituale: periodo che si conclude nel 1929, quando il ventiquattrenne Hans entra - precisamente il 31 ottobre - nella compagnia di Gesù di Feldkirch come novizio.

In seguito al noviziato, si trasferisce a Pullach, per poi studiare teologia, dal 1932 al 1936, a Lione. Sempre nel 1936 a Monaco di Baviera viene ordinato presbitero, mentre nei tre anni successivi è impegnato in qualità di redattore per la rivista pubblicata dall'ordine Stimmen Der Zeit. A partire dal 1940, dopo aver detto no all'Università Gregoriana di Roma, si occupa invece della pastorale accademica e giovanile. Si trova, in questo periodo, a Basilea, dove nel frattempo viene spesso chiamato a fare da conferenziere, e dove intraprende uno stretto rapporto di amicizia con Karl Barth, teologo protestante con cui condivide l'amore per Mozart.

Insieme con Adrienne Von Speyr (di cui è direttore spirituale e confessore) fonda l'8 dicembre del 1944 l'Istituto Secolare della Comunità di Giovanni, mentre più tardi si dedica all'attività di scrittore ed editore, a Basilea e Zurigo, per la casa editrice Johannesverlag Einsiedeln. Iniziano a presentarsi, però, alcuni problemi: mentre il padre muore, la madre si ammala gravemente, e stessa sorte tocca a Erich Przywara, suo mentore. E così, mentre Adrienne mette in pratica una visione teologica non riconosciuta dalla Chiesa di quel periodo, Hans nel 1950 è costretto ad abbandonare l'ordine dei gesuiti, per la paradossale ragione che non gli viene offerta la possibilità di seguire l'attività di quell'istituto che lui stesso ha fondato. Privo di mezzi e di lavoro, non può più insegnare nelle Università e negli Istituti cattolici per espresso divieto della Congregazione per l'Educazione Cattolica, mentre riesce a tirare avanti grazie alle sue conferenze.

Con il passare del tempo, mentre la sua teologia incontra un numero sempre maggiore di adepti, viene riabilitato anche dalla Chiesa ufficiale, che gli tributa addirittura il riconoscimento Paolo VI per la teologia (pur non invitandolo al Concilio Vaticano II). Hans Urs von Balthasar muore il 26 giugno del 1988, esattamente due giorni prima di essere ufficialmente creato cardinale (per volontà di Papa Giovanni Paolo II, che aveva riconosciuto pubblicamente i suoi meriti). Attualmente, è sepolto a Lucerna, nella Hofkirche della città.

Ritenuto uno dei precursori del pensiero del Concilio Vaticano II, von Balthasar ha prodotto una importante ed estesa opera teologica, che nel corso dei decenni, a partire dagli studi di letteratura e germanistica, è arrivata a una sintesi fondamentale nella vita della Chiesa, a dispetto delle polemiche suscitate da alcune ipotesi teologiche specifiche. Non si esagera nel dire che la sua opera teologica può essere ritenuta una delle più influenti dello scorso secolo, avendo trovato in seguito numerosi interpreti anche negli studi teologici di oggi. Influenzato inevitabilmente dal contatto con teologi, filosofi e gesuiti quali Henri de Lubac, Jean Danielou e il già citato Przywara, von Balthasar ha contribuito, grazie alle sue pubblicazioni (tra le altre, si segnalano "Apocalisse dell'anima tedesca", "Il cuore del mondo", "Le centurie gnostiche di Massimo il Confessore", "Il cristiano e l'angoscia" e "Suor Elisabetta della Trinità") e alle sue conferenze a rinnovare l'interesse nei confronti della patristica, rendendola disponibile nuovamente per la fede cristiana e per la teologia.

In "Abbattere i bastioni", il teologo svizzero afferma con risoluzione l'esigenza che la Chiesa si distacchi dal suo arroccamento e elimini le mura che la separano dalla cultura del mondo moderno. Presente, in von Balthasar, è al tempo stesso il pensiero che l'identità cristiana rischi di perdere elementi fondamentali: non è un caso che dopo la svolta conciliare pubblichi numerosi scritti in cui ne attacca i punti cardinali con un certo rigore (dalle aperture ecumeniche al rinnovamento della liturgia, passando per una centralità rinnovata della Bibbia). Questo può essere ritenuto il secondo periodo del suo pensiero, che si contraddistingue anche per la polemica nei confronti delle posizioni antropocentriche di Karl Rahmer. Per lo svizzero, il Crocifisso rappresenta il luogo rivelativo per eccellenza, il segno drammatico che indica al credente la possibilità di martirio, mentre l'unica strada che può essere percorsa in direzione della divinità è quella che inizia da Dio stesso.

Il capolavoro di von Balthasar viene unanimemente riconosciuto in "Gloria", dove egli guarda al principio della bellezza, esponendo in Visione della forma le categorie della sua sintesi teologica rinnovata: secondo lui, è nella bellezza che la Rivelazione divina avviene, nella grandiosità che illumina la fede. La gratuità costituisce il comun denominatore di amore e bellezza, gratuità che rappresenta anche il segno tipico dell'azione divina verso l'uomo. Altrettanto importante è la "Teodrammatica", dove in cinque tomi viene esaltata la drammaticità che emerge dalla rivelazione dell'impegno divino verso il mondo: viene, inoltre, approfondita la relazione tra libertà umana, evidentemente limitata, e libertà divina, infinita. La vicenda storica, per von Balthasar, è contraddistinta dalla morte e dal male, e per questo la venuta di Cristo rappresenta il decisivo spartiacque che fa pensare che si possa superare definitivamente il male nell'amore infinito che lo assume.

Frasi di Hans Urs von Balthasar

3 fotografie

Foto e immagini di Hans Urs von Balthasar

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Hans Urs von Balthasar ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Hans Urs von Balthasar nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Hans Urs von Balthasar

13 biografie

Nati lo stesso giorno di Hans Urs von Balthasar

Giorgio IV del Regno Unito

Giorgio IV del Regno Unito

Monarca inglese
α 12 agosto 1762
ω 26 giugno 1830
Don Milani

Don Milani

Educatore e sacerdote cattolico italiano
α 27 maggio 1923
ω 26 giugno 1967
Ford Madox Ford

Ford Madox Ford

Scrittore inglese
α 17 dicembre 1873
ω 26 giugno 1939
Lalla Romano

Lalla Romano

Scrittrice, poetessa, giornalista e aforista italiana
α 11 novembre 1906
ω 26 giugno 2001
Mario Verdone

Mario Verdone

Critico cinematografico italiano
α 27 luglio 1917
ω 26 giugno 2009
Michel Foucault

Michel Foucault

Filosofo e storico francese
α 15 ottobre 1926
ω 26 giugno 1984
Veronica Guerin

Veronica Guerin

Giornalista irlandese
α 5 luglio 1958
ω 26 giugno 1996
Christian Dior

Christian Dior

Stilista francese
α 21 gennaio 1905
ω 24 ottobre 1957
Elias Canetti

Elias Canetti

Scrittore bulgaro, premio Nobel
α 25 luglio 1905
ω 14 agosto 1994
Ettore Majorana

Ettore Majorana

Fisico italiano
α 5 agosto 1905
ω 27 marzo 1938
Greta Garbo

Greta Garbo

Attrice svedese
α 18 settembre 1905
ω 15 aprile 1990
Howard Hughes

Howard Hughes

Imprenditore, regista, produttore cinematografico e aviatore statunitense
α 24 dicembre 1905
ω 5 aprile 1976
James J. Braddock

James J. Braddock

Atleta statunitense, boxe
α 7 giugno 1905
ω 29 novembre 1974
Jean-Paul Sartre

Jean-Paul Sartre

Scrittore francese
α 21 giugno 1905
ω 15 aprile 1980
Leo Longanesi

Leo Longanesi

Giornalista, editore, disegnatore e umorista italiano
α 30 agosto 1905
ω 27 settembre 1957
Lillian Hellman

Lillian Hellman

Scrittrice e commediografa statunitense
α 20 giugno 1905
ω 30 giugno 1984
Lucia Valerio

Lucia Valerio

Tennista italiana
α 28 febbraio 1905
ω 26 settembre 1996
Myrna Loy

Myrna Loy

Attrice statunitense
α 2 agosto 1905
ω 14 dicembre 1993
Wanda Osiris

Wanda Osiris

Attrice, cantante e soubrette italiana
α 3 giugno 1905
ω 11 novembre 1994
Andrea Pazienza

Andrea Pazienza

Fumettista italiano
α 23 maggio 1956
ω 17 giugno 1988
Chet Baker

Chet Baker

Trombettista jazz statunitense
α 23 dicembre 1929
ω 13 maggio 1988
Clifford D. Simak

Clifford D. Simak

Giornalista e scrittore statunitense
α 3 agosto 1904
ω 25 aprile 1988
Dino Grandi

Dino Grandi

Gerarca fascista e politico italiano
α 4 giugno 1895
ω 21 maggio 1988
Enzo Ferrari

Enzo Ferrari

Imprenditore italiano
α 18 febbraio 1898
ω 14 agosto 1988
Enzo Tortora

Enzo Tortora

Conduttore TV italiano
α 30 novembre 1928
ω 18 maggio 1988
Felix Wankel

Felix Wankel

Inventore tedesco
α 13 agosto 1902
ω 9 ottobre 1988
Giorgio Almirante

Giorgio Almirante

Politico italiano
α 27 giugno 1914
ω 22 maggio 1988
Giuseppe Saragat

Giuseppe Saragat

Quinto Presidente della Repubblica Italiana
α 19 settembre 1898
ω 11 giugno 1988
Jean-Michel Basquiat

Jean-Michel Basquiat

Artista statunitense
α 22 dicembre 1960
ω 12 agosto 1988
John Holmes

John Holmes

Pornodivo statunitense
α 8 agosto 1944
ω 13 marzo 1988
Mauro Rostagno

Mauro Rostagno

Giornalista, sociologo e attivista italiano, vittima di mafia
α 6 marzo 1942
ω 26 settembre 1988
Raymond Carver

Raymond Carver

Scrittore, poeta e saggista statunitense
α 25 maggio 1938
ω 2 agosto 1988
Robert A. Heinlein

Robert A. Heinlein

Scrittore statunitense, fantascienza
α 7 luglio 1907
ω 8 maggio 1988